Skin ADV
Mercoledì 15 Agosto 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Giuliana Franchini, psicologa psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene.
Giuseppe Maiolo,  psicoanalista junghiano, scrittore e giornalista, si occupa di formazione dei genitori e di clinica dell’adolescente.
Officina del Benessere, Puegnago tel. 0365 651827


13.08.2018 Villanuova s/C

13.08.2018 Vestone Treviso Bs

13.08.2018 Agnosine Vobarno Casto Mura Prevalle Roè Volciano

13.08.2018 Idro Bagolino

14.08.2018 Serle

13.08.2018 Anfo

14.08.2018 Preseglie

13.08.2018 Salò

14.08.2018 Vobarno

13.08.2018 Garda



25 Luglio 2017, 13.49

Genitori & Figli

Bulli e bulle per me pari sono

di Giuseppe Maiolo
Ci sono tempi come i nostri che vedono comportamenti e modi di agire che si vanno trasformando radicalmente
 
Tra i comportamenti e modi di agire che si vanno trasformando radicalmente ce n’è uno che sta prendendo sempre più spazio e che esordisce precocemente: si chiama bullismo ed è caratterizzato da azioni di prevaricazione e offese di notevole gravità.
Perché si tratta di un vero e proprio comportamento violento, non di semplici azioni di divertimento o di casuali bravate di ragazzi e ragazze.

È azione di sopraffazione fisica o psicologica, verbale e non verbale, diretta o indiretta che un bambino o un adolescente esercita intenzionalmente e in modo ripetuto nei confronti di un pari.
In più oggi interessa in misura quasi uguale sia i maschi che le femmine.
 
Fino a qualche anno fa pensavamo che il fenomeno fosse appannaggio dei ragazzini e che le femmine appartenessero quasi esclusivamente al gruppo delle vittime.
Invece ora sappiamo che vi è un consistente bullismo femminile subdolo e pericoloso, fatto non tanto e non solo di azioni di prevaricazione fisica, quanto piuttosto di soprusi di natura psicologica, di offese che mirano a ferire profondamente la dignità individuale e che, prendendo di mira l’aspetto estetico, puntano all’emarginazione e all’esclusione della vittima designata.
 
La modalità di azione, tuttavia, anche tra le femmine è la solita: ti provoco, ti offendo, ti umilio per il piacere di farlo, per farti vedere che sono più forte, ma anche per mostrare agli altri quanto so fare e come so cavarmela.
Il tutto condito da una certa dose di divertimento che altera la percezione della sofferenza della vittima.

Questo appartiene a una diffusa cultura della violenza che valuta più bravo chi “sa cavarsela”, chi “si arrangia” da solo e si fa valere.
Alcune ricerche come quella del Censis del 2016, indicano che il bullismo al femminile è in crescita ed è frutto di un’educazione sbilanciata più a favore della competizione che alla promozione di cooperazione, più propensa a valorizzare chi ha grinta e forza aggressiva. 
 
Sappiamo con certezza, ormai, che il bullismo si sviluppa all’interno di zone di conflitto relazionale e dove mancano gli adulti con funzioni normative.
Nasce dove le relazioni sono realmente povere e l’aria che si respira è avvelenata da continui comportamenti di prevaricazione e di abuso, espressi apertamente o anche in forma latente.

Bullo e bulla allora non hanno altro modello che questo da utilizzare.

Duplicano la violenza e mettono in scena le doti di abusanti appena possono e con forte determinazione.
Vittime pure loro di un contesto familiare disturbato e malsano, anche le bulle finiscono per trasferire su altri una rabbia antica e rimossa, trasformandosi da maltrattate in maltrattanti.
 
Se è vero che un po’ tutti ci stiamo abituando a vedere distrattamente e senza alcun intervento piccoli bulli crescere e terrorizzare interi gruppi di pari a scuola o nei luoghi di aggregazione, capita ancora di più di non saper cogliere la violenza del bullismo femminile.
Forse perché le azioni di sopruso e di prevaricazione per lo più non sono fisiche, né rudi e rozze ma sono offese sono sottili, più simili alle sevizie psicologiche, affilate e taglienti, capaci di ferire in profondità, minare l’autostima, l’immagine di sé, l’equilibrio interno.  
 
La bulla che emerge ha un femminile determinato e spietato, assomiglia a un’aguzzina crudele, corazzata ma priva di empatia.
Per contro si sceglie una vittima fragile, debole, sottile e precaria, sulla quale può esercitare senza difficoltà la sua forza negativa e sovrastante.

Spesso si tratta di una vera e propria azione di rivalsa, in quanto le bulle di solito provengono da un contesto familiare del tutto “normale”, dove magari è stata sperimentata solo la prepotenza di un fratello o di una sorella alla quale nessuno degli adulti di riferimento ha saputo dare contenimento.
Allora quel bullismo femminile ancora una volta sembra essere collegato all’ambito familiare  e alla scarsa o mancante autorevolezza delle figure genitoriali che non esercitano i necessari compiti educativi di controllo e di sostegno.                                                                                                                                    
Giuseppe Maiolo
psicoanalista 
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
03/04/2018 08:10:00
La violenza «assistita» Oggi parliamo della violenza di chi vive violenza. E del disagio di una generazione di bambini che crescono lasciati a loro stessi


19/09/2017 08:21:00
Bulli non si nasce e cyberbulli si diventa Nessuno nasce violento ma tutti possono diventare bulli. E oggi con le nuove tecnologie della comunicazione digitale è ancora più facile far emergere aggressività e violenza come gioco e divertimento, senza una chiara consapevolezza della gravità dei propri comportamenti

21/04/2015 14:27:00
Abusata dal nonno Un valsabbino sessantenne è stato accusato di violenza sessuale nei confronti della nipotina di sette anni. A denunciarlo i genitori della piccola

29/03/2010 11:52:00
Arrestati due ragazzi delle medie per stupro di gruppo La presunta violenza durante l’orario di lezione: coinvolti altri studenti minori di 14 anni e quindi non imputabili.

09/10/2012 07:00:00
«Dissociale» comunitario Tempi duri per il Servizio sociale di Valle. A causa dei minori trasferimenti da Stato e Regione, ma anche per il metodo di gestione. Questa almeno la lamentela di alcune ammnistrazioni comunali



Altre da Genitori e Figli
12/08/2018

I giovani e l'incertezza

Nel libro “La società dell’incertezza” Zigmunt Bauman sosteneva che la società contemporanea, conquistata la liberta individuale, ora è destinata all’incertezza...

05/08/2018

Costruire empatia

L’empatia sembra oggi una parola di moda visto l’uso frequente che se ne fa. Ma, a mio parere, è piuttosto una necessità a cui dovremmo dedicare particolare attenzione e risorse 

29/07/2018

Adolescenti e social

I social sono buoni o cattivi? Servono agli adolescenti o sono dannosi?  Domande insistenti che oggi riecheggiano ovunque e che, soprattutto i genitori, si pongono preoccupati dei pericoli che i figli possano correre frequentandoli assiduamente

22/07/2018

Sempre connessi ma fuggiaschi

Li puoi chiamare fuggiaschi ma sono teenager isolati dal mondo che non vedi perché si nascondono, si ritirano in casa e rifiutano i contatti reali

15/07/2018

Mancanza di educazione?

Si dice che i bambini e gli adolescenti di oggi usino ormai comunemente un linguaggio da postribolo  (1)

09/07/2018

Ludopatia

Il termine ludopatia è ormai diventato familiare. Se ne parla sempre di più e si insiste, meno male, sugli aspetti gravi, anzi gravissimi. La parola indica gioco che produce patologia!

01/07/2018

Il bullismo a scuola

La scuola è finita anche quest’anno ma a bilancio c’è sempre l’inquietante incremento del bullismo (1)

23/06/2018

Prevenire le molestie e l'abuso

Non è per nulla facile scovare gli “orchi” che molestano i minori. Non lo è mai stato.  È storia consueta che la violenza sessuale e psicologica rimanga nascosta per un certo tempo 

17/06/2018

Esami in vista, ansia in arrivo!

È ormai tempo di esami. Ma anche di ansia e stress. Perché si sa, le prove scolastiche ma in particolare quelle della maturità, in fondo rappresentano la “verifica” di un percorso e insieme l’autorizzazione della società ad andare oltre l’adolescenza.

11/06/2018

Il piacere di una magrezza estrema

Tutto, ormai, comincia dalla rete. Anche quella voglia matta delle adolescenti, soprattutto ragazze, di essere in forma, ora che l’estate è in arrivo. Spesso però è solo un pretesto, perché il problema vero è il rapporto negativo con il proprio corpo 

Eventi

<<Agosto 2018>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia