Skin ADV
Mercoledì 20 Settembre 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE


Giuliana Franchini, psicologa psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene.
Giuseppe Maiolo,  psicoanalista junghiano, scrittore e giornalista, si occupa di formazione dei genitori e di clinica dell’adolescente.
Officina del Benessere, Puegnago tel. 0365 651827
L'alba sul mar...

L'alba sul mar...

di Antonella Di Simine



18.09.2017 Anfo

19.09.2017 Vobarno

19.09.2017 Gavardo Vallio Terme Villanuova s/C

18.09.2017 Casto Mura

18.09.2017 Salò Valtenesi

19.09.2017 Lavenone

19.09.2017 Vobarno

20.09.2017 Vestone Barghe Valsabbia

18.09.2017 Gavardo

18.09.2017 Preseglie






25 Luglio 2017, 13.49

Genitori & Figli

Bulli e bulle per me pari sono

di Giuseppe Maiolo
Ci sono tempi come i nostri che vedono comportamenti e modi di agire che si vanno trasformando radicalmente
 
Tra i comportamenti e modi di agire che si vanno trasformando radicalmente ce n’è uno che sta prendendo sempre più spazio e che esordisce precocemente: si chiama bullismo ed è caratterizzato da azioni di prevaricazione e offese di notevole gravità.
Perché si tratta di un vero e proprio comportamento violento, non di semplici azioni di divertimento o di casuali bravate di ragazzi e ragazze.

È azione di sopraffazione fisica o psicologica, verbale e non verbale, diretta o indiretta che un bambino o un adolescente esercita intenzionalmente e in modo ripetuto nei confronti di un pari.
In più oggi interessa in misura quasi uguale sia i maschi che le femmine.
 
Fino a qualche anno fa pensavamo che il fenomeno fosse appannaggio dei ragazzini e che le femmine appartenessero quasi esclusivamente al gruppo delle vittime.
Invece ora sappiamo che vi è un consistente bullismo femminile subdolo e pericoloso, fatto non tanto e non solo di azioni di prevaricazione fisica, quanto piuttosto di soprusi di natura psicologica, di offese che mirano a ferire profondamente la dignità individuale e che, prendendo di mira l’aspetto estetico, puntano all’emarginazione e all’esclusione della vittima designata.
 
La modalità di azione, tuttavia, anche tra le femmine è la solita: ti provoco, ti offendo, ti umilio per il piacere di farlo, per farti vedere che sono più forte, ma anche per mostrare agli altri quanto so fare e come so cavarmela.
Il tutto condito da una certa dose di divertimento che altera la percezione della sofferenza della vittima.

Questo appartiene a una diffusa cultura della violenza che valuta più bravo chi “sa cavarsela”, chi “si arrangia” da solo e si fa valere.
Alcune ricerche come quella del Censis del 2016, indicano che il bullismo al femminile è in crescita ed è frutto di un’educazione sbilanciata più a favore della competizione che alla promozione di cooperazione, più propensa a valorizzare chi ha grinta e forza aggressiva. 
 
Sappiamo con certezza, ormai, che il bullismo si sviluppa all’interno di zone di conflitto relazionale e dove mancano gli adulti con funzioni normative.
Nasce dove le relazioni sono realmente povere e l’aria che si respira è avvelenata da continui comportamenti di prevaricazione e di abuso, espressi apertamente o anche in forma latente.

Bullo e bulla allora non hanno altro modello che questo da utilizzare.

Duplicano la violenza e mettono in scena le doti di abusanti appena possono e con forte determinazione.
Vittime pure loro di un contesto familiare disturbato e malsano, anche le bulle finiscono per trasferire su altri una rabbia antica e rimossa, trasformandosi da maltrattate in maltrattanti.
 
Se è vero che un po’ tutti ci stiamo abituando a vedere distrattamente e senza alcun intervento piccoli bulli crescere e terrorizzare interi gruppi di pari a scuola o nei luoghi di aggregazione, capita ancora di più di non saper cogliere la violenza del bullismo femminile.
Forse perché le azioni di sopruso e di prevaricazione per lo più non sono fisiche, né rudi e rozze ma sono offese sono sottili, più simili alle sevizie psicologiche, affilate e taglienti, capaci di ferire in profondità, minare l’autostima, l’immagine di sé, l’equilibrio interno.  
 
La bulla che emerge ha un femminile determinato e spietato, assomiglia a un’aguzzina crudele, corazzata ma priva di empatia.
Per contro si sceglie una vittima fragile, debole, sottile e precaria, sulla quale può esercitare senza difficoltà la sua forza negativa e sovrastante.

Spesso si tratta di una vera e propria azione di rivalsa, in quanto le bulle di solito provengono da un contesto familiare del tutto “normale”, dove magari è stata sperimentata solo la prepotenza di un fratello o di una sorella alla quale nessuno degli adulti di riferimento ha saputo dare contenimento.
Allora quel bullismo femminile ancora una volta sembra essere collegato all’ambito familiare  e alla scarsa o mancante autorevolezza delle figure genitoriali che non esercitano i necessari compiti educativi di controllo e di sostegno.                                                                                                                                    
Giuseppe Maiolo
psicoanalista 
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
19/09/2017 08:21:00
Bulli non si nasce e cyberbulli si diventa Nessuno nasce violento ma tutti possono diventare bulli. E oggi con le nuove tecnologie della comunicazione digitale è ancora più facile far emergere aggressività e violenza come gioco e divertimento, senza una chiara consapevolezza della gravità dei propri comportamenti

21/04/2015 14:27:00
Abusata dal nonno Un valsabbino sessantenne è stato accusato di violenza sessuale nei confronti della nipotina di sette anni. A denunciarlo i genitori della piccola

29/03/2010 11:52:00
Arrestati due ragazzi delle medie per stupro di gruppo La presunta violenza durante l’orario di lezione: coinvolti altri studenti minori di 14 anni e quindi non imputabili.

09/10/2012 07:00:00
«Dissociale» comunitario Tempi duri per il Servizio sociale di Valle. A causa dei minori trasferimenti da Stato e Regione, ma anche per il metodo di gestione. Questa almeno la lamentela di alcune ammnistrazioni comunali

09/05/2017 07:02:00
PFS Pasini, cinquant’anni di maniglie Inizia con Sabbio Chiese il viaggio di Vallesabbianews e AIB fra le realtà produttive di Valle Sabbia, Garda e Valtenesi 



Altre da Genitori e Figli
19/09/2017

Bulli non si nasce e cyberbulli si diventa

Nessuno nasce violento ma tutti possono diventare bulli. E oggi con le nuove tecnologie della comunicazione digitale è ancora più facile far emergere aggressività e violenza come gioco e divertimento, senza una chiara consapevolezza della gravità dei propri comportamenti

16/09/2017

Costruire l'umano nella scuola che cambia

La novità della scuola di quest’anno che interessa studenti, docenti, e famiglie, è il progetto del liceo quadriennale

04/09/2017

Meno stress per il rientro dalle vacanze!

Settembre è per tutti il mese della ripresa. Ognuno riprende la vita di prima dopo le vacanze estive, il tempo lungo del giorno, l’ozio e la distensione. C’è chi ritorna al lavoro e che inizia la scuola

03/08/2017

Piromania, che piacere!

Il rischio è il mio mestiere. Si potrebbe dire parafrasando un’espressione cara a Fleming e al suo storico personaggio 007 che aveva licenza di fare qualsiasi cosa

08/06/2017

A proposito di Balena blu

L’allarme è virale, come si dice ora nel tempo digitale. E’ bastato un servizio decisamente inquietante per mettere in angoscia genitori e educatori, infuocare gli animi di preoccupazione e far gridare all’emergenza

03/05/2017

Prevenire il Cyberbullismo

Sul cyberbullismo è noto l’impegno del Parlamento italiano che, almeno al Senato, ha approvato un disegno di legge per la tutela dei minori vittime di aggressioni e offese sul web. Tuttavia...

24/04/2017

Ragazzi che si fanno male

Il cosiddetto “male di vivere” sembra essere in aumento tra i giovani. Secondo l’Osservatorio Nazionale dell’Adolescenza c’è un 20% dei teenager che si fa intenzionalmente del male.

10/04/2017

Il coraggio di educare

Li incontro quasi ogni giorno ormai, andando nelle scuole e parlando con loro di Internet, dei social, delle attività che si fanno e dei rischi che si possono correre in rete...

02/04/2017

Nessuno educa nessuno

ntinuano ad accadere fatti gravi come quelli di Genova dove nei giorni scorsi  è stata scoperta una vera e propria catena di attività che i minori fanno on line come quella di inviare foto e video hard ad amici e conoscenti tra cui anche adulti

20/03/2017

I ritirati

Li riconosci perché non li vedi. O meglio, sono quei ragazzi che si isolano per paura del mondo che in alcuni casi diventa vero proprio panico

Eventi

<<Settembre 2017>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia