01 Marzo 2024, 08.00
Provincia
Confindustria Brescia

Completato il quadro normativo per le Cer

di Redazione

Confindustria Brescia: "Positiva la pubblicazione del decreto attuativo sulle Comunità Energetiche Rinnovabili e delle regole operative Mase-GSE. Attendiamo per l'8 aprile l'operatività delle piattaforme per incentivi e contributi"


Il 23 gennaio scorso, il Ministero dell'Ambiente e della Sicurezza Energetica ha pubblicato il decreto attuativo sulle Configurazioni di Autoconsumo per la Condivisione dell'Energia Rinnovabile (CACER), all'interno delle quali rientrano anche le CER, Comunità Energetiche Rinnovabili. Il provvedimento (D.M. 07/12/2023 n. 414) stabilisce le modalità di incentivazione dell'energia elettrica prodotta da impianti a fonti rinnovabili inseriti in CACER, nonché i criteri e le modalità per la concessione dei relativi contributi previsti dal PNRR. Il quadro regolatorio è stato poi completato venerdì 23 febbraio con la pubblicazione del decreto che approva le Regole Operative per l'accesso ai benefici. Per il prossimo 8 aprile il GSE renderà infine disponibile le piattaforme per la presentazione delle domande di ammissione agli incentivi e ai contributi in conto capitale previsti dal PNRR. Riportiamo, a seguito, della notizia, il commento di Confindustria Brescia.

"Era una misura che stavamo aspettando da diverso tempo, in quanto può rappresentare un importante strumento di stimolo per lo sviluppo delle fonti rinnovabili sul territorio, garantendo allo stesso tempo una interessante simbiosi con le amministrazioni pubbliche locali e i cittadini, in una logica "win-win" – spiega Fabio Astori, vice presidente di Confindustria Brescia con delega a Transizione Ecologica e Sicurezza –. Vi sono moltissimi edifici pubblici che, pur contraddistinti da consumi non troppo elevati, hanno a disposizione ampi spazi per l'installazione di impianti fotovoltaici sui tetti: penso a scuole, palestre comunali, impianti sportivi, municipi. Al contrario molte imprese, industriali ma anche artigianali, e cittadini non dispongono di superfici sufficienti a soddisfare il proprio fabbisogno con l'autoproduzione. La CER risponde proprio a questa esigenza, in quanto permette di far incontrare domanda e offerta su scala locale, generando al contempo benefici per i membri della comunità e per la collettività. Non a caso il decreto fissa anche dei valori soglia di energia condivisa, oltre i quali l'eventuale importo della tariffa premio eccedentario deve essere destinato ai soli consumatori diversi dalle imprese, e\o utilizzato per finalità sociali aventi ricadute sui territori ove sono ubicati gli impianti per la condivisione."

Per Confindustria Brescia, l'argomento delle CER è da tempo oggetto di interesse, tanto da essere stato protagonista di un tavolo tematico già nel corso dell'Assemblea Generale della Piccola Industria dello scorso luglio.

"Non ci siamo fermati qui – aggiunge Marco Capitanio, presidente della Piccola Industria di Confindustria Brescia –: in questi mesi, in attesa della pubblicazione dei vari decreti attuativi, abbiamo voluto testare sul campo cosa significhi progettare e implementare una CER, dando vita a due sperimentazioni: una nel comune di Gavardo e l'altra a Torbole Casaglia. Si è iniziato con la sensibilizzazione sul tema e l'avvio di contatti con imprese e amministrazioni comunali dei due comuni. L'esito di questa fase preliminare si è poi concretizzato attraverso la partecipazione al bando di Regione Lombardia per la raccolta di proposte di costituzione di CER da parte dei soggetti pubblici e del relativo dossier di candidatura. Al bando farà poi seguito un secondo step, che prevede l'accompagnamento e il supporto alle amministrazioni per la realizzazione delle CER anche attraverso l'attivazione di specifiche misure di supporto finanziario. I risultati e le evidenze di questa esperienza pilota, condotta con il supporto di Fedabo Spa SB, sono serviti a comprendere appieno il meccanismo delle CER, mettendone in evidenza i punti di forza e le criticità, e provando a individuare eventuali soluzioni e metodologie operative da condividere poi con tutte le imprese associate, nel corso di un seminario che Confindustria Brescia organizzerà il 14 marzo presso la propria sede".

Cos'è una CER?

CER è l'acronimo di Comunità Energetiche Rinnovabili. Si tratta di una forma di aggregazione volontaria che consente di condividere energia elettrica generata da impianti a fonte rinnovabile e non autoconsumata direttamente nel punto di produzione, con altri consumatori partecipanti alla CER e sottesi alla medesima cabina primaria (l'area sottesa a una cabina primaria è variabile da caso a caso. Indicativamente può arrivare a coprire anche l'intero territorio di uno o più comuni).

La CER promuove produzione e contestuale consumo di energia elettrica rinnovabile su scala locale (autoconsumo diffuso) sfruttando la rete di distribuzione già esistente ed è un'entità giuridica a tutti gli effetti, con un proprio statuto e regolamento che devono essere sottoscritti da tutti i partecipanti alla comunità. Nella CER non possono partecipare le grandi imprese. Oltre alle CER il decreto incentiva anche i cosiddetti sistemi di autoconsumo individuale, che prevedono l'autoconsumo a distanza di energia elettrica rinnovabile da parte di un singolo cliente finale, sempre con l'utilizzo della rete di distribuzione esistente sottesa alla stessa cabina primaria per collegare i siti di produzione e i siti di consumo. Questa opzione può essere molto interessante per i clienti industriali con più di un sito.

A livello di sistema, la CER non comporta la costruzione di nuove linee elettriche, favorisce lo sviluppo di nuova potenza rinnovabile ed evita che l'energia venga trasportata su distanze più lunghe, con conseguenti benefici in termini di riduzione delle perdite di rete. Da un punto di vista economico il beneficio più evidente per la CER è l'incentivo che questa riceve per la quota parte di energia che viene condivisa all'interno della Comunità stessa (con il vincolo di destinare tali proventi, qualora eccedano determinate soglie, ai soli consumatori diversi dalle imprese e\o utilizzato per finalità sociali aventi ricadute sui territori ove sono ubicati gli impianti per la condivisione). L'incentivo si applica alla sola quota di energia condivisa nell'ambito delle CACER ed è concesso per 20 anni. Consiste in una tariffa premio diversificata sulla base della potenza dell'impianto (crescente al diminuire della taglia dell'impianto), regolata in funzione del prezzo zonale orario dell'energia elettrica e nel rispetto di un valore massimo (cap price). Considerando tutti questi fattori l'incentivo è comunque compreso tra i 60 €/MWh e i 120 €/MWh e viene poi corretto in base alla localizzazione geografica (gli impianti nelle regioni del Centro e del Nord godono di una maggiorazione della tariffa rispettivamente di 4 e 10 €/MWh per tenere conto del minore livello di insolazione). Il decreto prevede un contingente di potenza incentivato tramite CACER di circa 5 GW complessivi. È previsto, inoltre, lo stanziamento di 2,2 miliardi di euro di risorse dal PNRR come contributo in conto capitale per le CER e i sistemi di autoconsumo collettivo da fonti rinnovabili ubicati in Comuni con popolazione inferiore a 5.000 abitanti.



Aggiungi commento:

Vedi anche
13/04/2023 08:00

Il ruolo delle rinnovabili nella transizione ecologica Mercoledì 19 aprile a Palazzo Martinengo, in città, una conferenza sul tema aperta a tutti, promossa da AmbienteParco con il patrocinio di Confindustria Brescia

04/02/2021 09:58

Energie rinnovabili al servizio delle imprese manifatturiere Questo il tema del primo webinar organizzato dal Settore Metallurgia, Siderurgia e Mineraria di Confindustria Brescia per il quadriennio 2020-2024

18/06/2021 10:00

Cresce la richiesta di lavoratori in somministrazione A Brescia, nel primo trimestre del 2021, la variazione è tornata positiva dopo quasi tre anni. Zini: “Da parte delle imprese forte volontà di assumere”

25/07/2023 08:23

Un webinar sugli incentivi per l'internazionalizzazione delle imprese Si terrà questo mercoledì, 26 luglio, e prevede anche una parte finale dedicata a domande e risposte. Il giorno successivo aprirà il portale per fare domanda

04/06/2022 06:36

«Si può fare» 765 gli studenti che hanno partecipato alla quinta edizione dell’iniziativa promossa da Confindustria Brescia e da “Aghi Magnetici”. A vincere con "Butterfly" la seconda D delle medie di Castelmella




Altre da Confindustria Brescia
23/02/2024

Terziario, risale la fiducia delle imprese bresciane nel 4° trimestre

Tra ottobre e dicembre, si assiste ad un significativo incremento rispetto al trimestre precedente (121 contro 106): un livello che ritorna ad essere quello sperimentato nella seconda metà del 2022. Pesano però le incognite globali

13/02/2024

Nel 2023 il valore aggiunto della provincia si attesta a 45,5 miliardi di euro

La dinamica è stagnante rispetto al 2022 (+0,1%). Il valore aggiunto generato dal sistema economico locale si è attestato, nel suo insieme, su livelli ampiamenti superiori alla situazione pre-Covid (+2,1%).

05/02/2024

Produzione industriale in leggera flessione nel 2023

Un calo del -0,2% rispetto al 2022; più marcata la flessione del 4° trimestre 2023 rispetto all'analogo periodo dell'anno precedente (-2,3%)

02/01/2024

ISM - Indice Sintetico Manifatturiero

Il Made in Brescia supera lo “stress test” dell’ultimo quadriennio; aziende più solide e redditizie del pre-pandemia

27/12/2023

Lavoro somministrato: a Brescia brusca flessione tra luglio e settembre

Le flessioni più intense hanno riguardato gli operai specializzati (-44%), gli addetti al commercio (-35%) e i tecnici (-31%), mentre discese relativamente più modeste hanno riguardato i conduttori d’impianti (-25%), il personale non qualificato (-21%) e gli impiegati esecutivi (-17%)

22/12/2023

SICS: Sviluppo Industriale, Circolarità e Sostenibilità

Sono stati presentati i risultati del progetto è stato promosso dai Giovani Imprenditori di Confindustria Brescia, con il sostegno di Intesa Sanpaolo e 1000 Miglia srl, e realizzato dall'Università degli Studi di Brescia

21/12/2023

«La fabbrica intelligente»: online gli scatti della masterclass fotografica

Sarà accessibile un archivio fotografico della cultura del lavoro contemporaneo, nell'anno di Brescia Bergamo Capitale della Cultura 2023

19/12/2023

Metalmeccanica: la bolletta 2023 si attesterà a 867milioni di euro

Quanto pagato delle imprese metalmeccaniche bresciane risulta in forte crescita rispetto al 2019, quando la bolletta era pari a 351 milioni

13/12/2023

Nel 3° trimestre vendite all'estero in calo del 9,3%

Nei primi nove dell'anno, si attesta a 15.694 milioni e registra una flessione del 6,6% sul 2022

07/12/2023

Brescia, Confindustria in dialogo con il territorio

L'evento ieri pomeriggio a Borgo Glazel di Piamborno. Al centro dei lavori un confronto tra imprese e istituzioni sul territorio camuno, sulle sue problematiche e sulle sinergie in essere

In evidenza

PFS Pasini, cinquant'anni di maniglie

14/04/2020

L'accordo fra l'azienda di Prevalle e la tedesca Progroup ha portato alla realizzazione, a Drizzona, di un modernissimo impianto per la produzioone del cartone ondulato. E la competitività balza alle stelle

14/04/2020

Fondata nel 1967 fra gli altri da Angiolino Lancellotti, presente anche ieri a Drizzona, la Imbal Carton srl che produce imballaggi in cartone ondulato ha dunque superato i cinquant’anni di attività, festeggiati a settembre dello scorso anno a Prevalle con mezzo migliaio di invitati

14/04/2020

Fa tappa a Roè Volciano il viaggio di Vallesabbianews e AIB fra le aziende di Valle Sabbia, Garda e Valtenesi. Abbiamo intervistato Dario Bosetti, titolare della Bosetti Srl, da poco associata ad AIB

14/04/2020

Da oltre quarantacinque anni METAL-STAMPI Srl realizza stampi di alta precisione per lo stampaggio delle materie plastiche e per la pressofusione. I perché dell’iscrizione ad AIB

14/04/2020

Ha alle spalle 50 anni di storia, fa parte di un gruppo che conta più di 120 dipendenti, ma è industria da poco e da pochissimo associata ad Aib. E’ la Dall’Era Valerio di Sabbio Chiese (2)

14/04/2020

Tra le aziende che si sono associate ad AIB nel 2017 c’è anche il Poliambulatorio Santa Maria di Vobarno, un’istituzione importante per la sanità privata locale

14/04/2020

Fra le new-entry nell’Associazione Industriale Bresciana c’è anche l’azienda di servizi SeIL, acronimo che sta per Sicurezza e Igiene del Lavoro (1)

14/04/2020

Bertoli Costruzioni spa, sede a Sabbio Chiese, si occupa di edilizia industriale e nel settore civile. Alle sue spalle ci sono più di 70 anni di esperienza 

14/04/2020

Inizia con Sabbio Chiese il viaggio di Vallesabbianews e AIB fra le realtà produttive di Valle Sabbia, Garda e Valtenesi