04 Febbraio 2023, 09.00
Provincia
Confindustria Brescia

Il 2022 si chiude con una significativa crescita

di Redazione

La crescita media annua è molto positiva (+5,4%), per buona parte frutto di quanto ereditato dal 2021 (+3,2%). Il presidente Gussalli Beretta: «Per il 2023 rimangono prospettive incerte, in particolare per il rallentamento tedesco e il rialzo dei tassi»


Nel 2022, la produzione manifatturiera bresciana chiude con una significativa crescita rispetto all’anno precedente: l’aumento medio annuo rilevato è pari al +5,4%, in buona parte frutto dell’andamento positivo dal 2021 (+3,2%).

A evidenziarlo è l’indagine congiunturale del Centro Studi di Confindustria Brescia sui dati relativi al periodo ottobre-dicembre 2022.

Con riferimento al solo 4° trimestre del 2022, l’attività produttiva nel settore manifatturiero della provincia mostra una crescita, segnando una variazione rispetto al trimestre precedente pari a +3,7% (congiunturale); la dinamica nei confronti dello stesso periodo del 2021 (tendenziale) mostra ancora un segno positivo (+2,7%), con un’intensificazione tuttavia del rallentamento già rilevato nelle analisi più recenti.

Nel dettaglio, l’evoluzione del 2022, che segue quella record rilevata nell’anno precedente (+14,8%), è la sintesi di dinamiche particolarmente positive nella prima metà dell’anno, a cui è seguito un secondo semestre meno entusiasmante. La variazione trasmessa al 2023 è di poco positiva (+0,5%), a seguito della frenata dell’industria locale rilevata nella seconda parte del 2022: ciò sta a indicare che la crescita nell’anno in corso troverà limitato beneficio, dal punto di vista algebrico, dalla positiva performance nel 2022.

“Il 2022 si chiude con una crescita significativa, soprattutto se letta alla luce delle inedite tensioni di questi mesi, come il conflitto tra Russia e Ucraina, l’emergenza energetica e i persistenti rincari dei prezzi delle materie prime industriali – commenta Franco Gussalli Beretta, Presidente di Confindustria Brescia –. Il dato è certamente positivo, e testimonia la buona reazione da parte delle imprese e degli imprenditori di fronte ai già citati fattori esogeni, a cui si aggiungono l’aumento dei costi delle materie prime e l’inflazione. Per il 2023 rimangono alcune incertezze, alla luce di un contesto che rimane particolarmente complesso, considerati gli ancora elevati prezzi delle materie prime, il rallentamento della Germania e il rialzo dei tassi di interesse innescato dalla BCE, che si affianca alle deboli prospettive macro economiche per l’anno appena iniziato. Aspetti che, nel medio-lungo periodo esporranno i mercati, e quindi le imprese, a continue fibrillazioni.”

Nel periodo considerato il 42% degli operatori intervistati ha dichiarato una crescita dell’attività rispetto al trimestre precedente, a fronte del 33% che si è espresso per il mantenimento dei volumi prodotti e del 25% che invece ha segnalato una flessione degli stessi.

§  La disaggregazione della variazione della produzione per classi dimensionali appare eterogenea: -1,3% per le imprese micro, +4,8% per le piccole, +4,9% per le medie e +6,2% per le grandi.

§  Con riferimento alla dinamica congiunturale per settore, l’attività produttiva ha evidenziato generalizzati rialzi. Consuntivi particolarmente positivi provengono dalle realtà della metallurgia (+8,5%), mentre dinamiche in crescita relativamente meno pronunciate si rilevano per il chimico, gomma e plastica (+4,1%) e per la meccanica (+3,9%). I comparti legno e minerali non metalliferi (+1,2%) e sistema moda (+1,0%) si caratterizzano per una crescita contenuta. Per contro, il comparto alimentare ha registrato una contrazione (-0,8%).

§  Il tasso di utilizzo della capacità produttiva si è attestato al 79%, in aumento di un punto percentuale rispetto alla rilevazione precedente (78%) e risulta di poco più basso di quello misurato nel quarto trimestre del 2021 (81%).

§  Le vendite sul mercato italiano sono aumentate per il 40% delle imprese, rimaste invariate per il 37% e diminuite per il 23%. Le vendite verso i Paesi comunitari sono cresciute per il 24% degli operatori, calate per il 23% e rimaste stabili per il 53%; quelle verso i Paesi extra UE sono aumentate per il 27%, diminuite per il 48% e rimaste invariate per il 25% del campione.

§  I costi di acquisto delle materie prime sono cresciuti per il 50% delle imprese, con un incremento medio del 5,1%. Nello stesso periodo i prezzi di vendita dei prodotti finiti sono stati rivisti al rialzo dal 43% degli operatori, per una variazione media pari a +4,1%. Persisterebbe quindi il relativo allentamento delle tensioni rilevate negli ultimi due anni; tuttavia, va rilevato che ancora non si assiste a una reale inversione di tendenza e che la perdita di marginalità cumulata a partire dal terzo trimestre 2020 è senza precedenti: +38% i prezzi di vendita, contro +129% dei costi di acquisto.

§  Con riferimento ai fattori che limitano la produzione, il 40% delle aziende non segnala alcun problema in particolare. Le rimanenti risposte si concentrano sulla domanda insufficiente (22%, una quota in flessione, ma comunque elevata rispetto a quanto riscontrato nelle rilevazioni nell’ultimo biennio), sulla scarsità di materie prime e macchinari (17%, il valore più basso dalla fine del 2020) e sulla scarsità di manodopera (16%, la quota più elevata da quando è disponibile la serie storica). In tale contesto, il “caro energia”, che aveva colpito importanti segmenti produttivi nei mesi scorsi, di fatto non è indicato dalle realtà intervistate.

§  Le prospettive per i prossimi mesi sono orientate a un cauto ottimismo. Nel dettaglio, l’attività è prevista in aumento da 37 imprese su 100 e in calo dal 10%, a fronte della maggioranza assoluta degli operatori (53%) che propenderebbe per il mantenimento degli attuali livelli produttivi. I settori con le prospettive più positive sarebbero chimico, gomma e plastica e sistema moda.

§  Gli ordini provenienti dal mercato domestico sono in crescita per il 35% delle aziende, stabili dal 55% e in calo dal 10%. Quelli da parte degli operatori comunitari, sono in aumento dal 23% delle imprese, invariati per il 59% e in flessione per il 18%. Quelli in arrivo dai mercati extra UE sono in crescita per il 25%, stabili per il 54% e in contrazione per il 21%.

§  I giorni di produzione assicurata si attestano a 81, con una forte variabilità a livello settoriale. Il dato rilevato nell’ultimo trimestre dell’anno è in crescita rispetto alla rilevazione precedente (76), grazie all’andamento nel complesso positivo degli ordini, e sostanzialmente in linea con quanto riscontrato nel medesimo periodo del 2021 (83).




Vedi anche
28/07/2022 10:02

Nel 2° trimestre rallenta il ritmo di crescita dell'industria Il presidente Gussalli Beretta: "L'industria bresciana mostra segnali di tenuta, anche se il contesto rimane decisamente complicato, anche a causa della difficile situazione politica italiana, per cui le prospettive appaiono comunque incerte, a prescindere dal voto di settembre."

08/02/2022 09:55

Nel 2021 recuperati i volumi persi con la pandemia Lo scorso anno si è chiuso con un record nella produzione industriale: la crescita media annua è stata pari al 14,8% rispetto al 2020.

01/06/2021 15:35

Franco Gussalli Beretta eletto presidente L'assemblea dei soci ha eletto l'imprenditore valtrumplino alla guida di Confindustria Brescia per il quadriennio 2021-2025. Eletta anche la squadra di presidenza
•VIDEO

09/04/2021 09:44

Franco Gussalli Beretta designato presidente La designazione per il quadriennio 2021-2025 è avvenuta ieri nel Consiglio Generale di Confindustria Brescia; l’elezione in Assemblea Generale a maggio

18/06/2021 10:00

Cresce la richiesta di lavoratori in somministrazione A Brescia, nel primo trimestre del 2021, la variazione è tornata positiva dopo quasi tre anni. Zini: “Da parte delle imprese forte volontà di assumere”




Altre da Confindustria Brescia
27/01/2023

Rinascita manageriale, 4 milioni a chi assume manager inoccupati

A Brescia il numero dei dirigenti è cresciuto dell’1,1% nell’ultimo triennio. In Lombardia quasi un imprenditore su due dichiara però difficoltà di reperimento delle figure dirigenziali

26/01/2023

Workplace Health Promotion, 96 le aziende aderenti nel 2022

Il programma, coordinato da ATS Brescia in collaborazione con Confindustria Brescia, promuove la salute nei luoghi di lavoro attraverso azioni mirate, tra cui la redazione di un Manuale delle procedure per l'attivazione delle buone prassi

25/01/2023

Nasce la nuova rete d'impresa M-APPERÒ

Tra gli obiettivi spicca in particolare la commercializzazione dell'omonimo progetto digitale M-APPERÒ, sistema di monitoraggio e manutenzione predittiva della rete viaria

18/01/2023

Al via l'ottava edizione del Master Isup

L’iniziativa dei Giovani Imprenditori di Confindustria Brescia è progettata e realizzata in collaborazione con ISFOR – Fondazione AIB e SMAE – School of Management and Advanced Education dell’Università degli Studi di Brescia, con il sostegno di Intesa Sanpaolo

10/01/2023

L'Associazione parteciperà alla Brescia Art Marathon

La realtà di via Cefalonia inviterà dipendenti e imprenditori delle aziende associate a partecipare alla manifestazione, in programma il prossimo 12 marzo, con obiettivi di aggregazione, promozione della salute, ma anche sociali, con il sostegno alle associazioni bresciane ASD MOV e Ri.Pre.Sa. APS.

06/01/2023

Cresce il numero dei rapporti di lavoro

Tra gennaio e giugno 2022, il numero dei rapporti di lavoro in essere è cresciuto di 21.196 unità, dinamica non dissimile da quanto riscontrato nello stesso periodo del 2021 (+22.747) e sostanzialmente in linea con i ritmi pre-Covid

29/12/2022

Record storico per i prestiti alle imprese industriali: vicini ai 13 miliardi

A evidenziarlo è la quindicesima edizione del Booklet Economia a cura del Centro Studi di Confindustria Brescia, che contiene una specifica sezione sugli aggregati creditizi nel territorio bresciano

26/12/2022

In corso il restyling della sede

In considerazione della lunghezza prevista dei lavori – almeno sino all’estate 2023 – l’Associazione ha deciso di offrire alla città l’opera d’arte “Folder”, del giovane artista lombardo Andrea Bocca, che abbraccerà il palazzo durante la ristrutturazione

24/12/2022

Il Made in Brescia è più forte rispetto al pre-pandemia

A evidenziarlo è un aggiornamento dei dati di ISM – Indice Sintetico Manifatturiero, nato dalla collaborazione tra il Centro Studi di Confindustria Brescia e OpTer dell'Università Cattolica del Sacro Cuore: restituisce in un unico valore lo stato di salute delle società di capitali attive nell'industria.

22/12/2022

Se l'impresa va a Bruxelles

L'intervento di Benedetta Bergomi, vice presidente Piccola Industria Confindustria Brescia, in merito a un viaggio della delegagazione di Confindustria presso le istituzioni europee e del rapporto delle PMI con l'Europa

In evidenza

PFS Pasini, cinquant'anni di maniglie

14/04/2020

L'accordo fra l'azienda di Prevalle e la tedesca Progroup ha portato alla realizzazione, a Drizzona, di un modernissimo impianto per la produzioone del cartone ondulato. E la competitività balza alle stelle

14/04/2020

Fondata nel 1967 fra gli altri da Angiolino Lancellotti, presente anche ieri a Drizzona, la Imbal Carton srl che produce imballaggi in cartone ondulato ha dunque superato i cinquant’anni di attività, festeggiati a settembre dello scorso anno a Prevalle con mezzo migliaio di invitati

14/04/2020

Fa tappa a Roè Volciano il viaggio di Vallesabbianews e AIB fra le aziende di Valle Sabbia, Garda e Valtenesi. Abbiamo intervistato Dario Bosetti, titolare della Bosetti Srl, da poco associata ad AIB

14/04/2020

Da oltre quarantacinque anni METAL-STAMPI Srl realizza stampi di alta precisione per lo stampaggio delle materie plastiche e per la pressofusione. I perché dell’iscrizione ad AIB

14/04/2020

Ha alle spalle 50 anni di storia, fa parte di un gruppo che conta più di 120 dipendenti, ma è industria da poco e da pochissimo associata ad Aib. E’ la Dall’Era Valerio di Sabbio Chiese (2)

14/04/2020

Tra le aziende che si sono associate ad AIB nel 2017 c’è anche il Poliambulatorio Santa Maria di Vobarno, un’istituzione importante per la sanità privata locale

14/04/2020

Fra le new-entry nell’Associazione Industriale Bresciana c’è anche l’azienda di servizi SeIL, acronimo che sta per Sicurezza e Igiene del Lavoro (1)

14/04/2020

Bertoli Costruzioni spa, sede a Sabbio Chiese, si occupa di edilizia industriale e nel settore civile. Alle sue spalle ci sono più di 70 anni di esperienza 

14/04/2020

Inizia con Sabbio Chiese il viaggio di Vallesabbianews e AIB fra le realtà produttive di Valle Sabbia, Garda e Valtenesi