01 Settembre 2020, 14.02
Vobarno
Lettere

Buone nuove dalla Irene Rubini Falck

di red.

Dall'equipe sanitaria: «Tutto ciò che sta avvenendo non sta assolutamente avendo ripercussione alcuna sul fine ultimo del nostro operato, ovvero il benessere dei nostri nonni»


In considerazione degli ultimi fatti avvenuti in Fondazione Falck, è arrivata l’ora che anche la parte sanitaria esprima un’opinione in merito a quanto sta succedendo in struttura soprattutto in un momento delicato come questo che, a causa dell’emergenza Covid, non permette ai parenti di entrare in struttura e di vedere con i loro occhi che la situazione sanitaria è completamente INVARIATA.

Quello che ci preme sottolineare infatti è che tutto ciò che sta avvenendo non sta assolutamente avendo ripercussione alcuna sul fine ultimo del nostro operato, ovvero il benessere dei nostri nonni.
Questi ultimi episodi correlati a commenti e pensieri poco positivi sono lontani da quanto noi facciamo quotidianamente ossia lavorare, curare e assistere i nostri ospiti.

Abbiamo vissuto una fase, come tutte le altre strutture, molto difficile e problematica non solo per i nostri ospiti ma anche per noi stessi.
L’emergenza Covid ha messo a dura prova la nostra organizzazione, il nostro personale ed il nostro aspetto umano.

Combattere il virus era davvero “come combattere contro i mulini a vento”, ci sentivamo impotenti di fronte ad un’infezione che stava facendo soffrire i nostri nonni e ce li stava portando via.
Motivo per il quale abbiamo preso la decisione di creare una zona rossa con del personale addestrato e formato che vivesse in Fondazione giorno e notte per una decina di giorni.

È stato un momento duro ma l’appoggio del CDA ha permesso che non mancassero i Dispositivi di Protezione Individuale e che potessimo fronteggiare al meglio questa situazione emergenziale, anche con un premio economico a chi si è sacrificato rimanendo all’interno della Fondazione.
Alcuni di noi (fortunatamente pochi) si sono ammalati ma con forza e determinazione, prova dell’amore per il nostro lavoro, hanno affrontato cure e isolamento rientrando al lavoro con la stessa positività e coraggio con le quali è stata affrontata l’emergenza iniziale.

La nostra unione, professionalità, il continuo confronto fra figure della nostra équipe, il nostro essere gruppo e la nostra continua dedizione sono stati i punti di forza per uscire dal periodo Covid con conseguenze fortunatamente non disastrose e fallimentari.
I nostri pochi ospiti deceduti durante il periodo Covid rimarranno nel cuore delle famiglie ma, credeteci, anche impressi nei nostri cuori.

L’emozione provata e l’amore che diamo ai nostri nonni è un amore e affetto familiare perché comprendiamo che l’assenza dei parenti purtroppo sia una problematica pesante per loro e per le famiglie; motivo per il quale abbiamo tenuto sempre attivo il servizio di videochiamate e ora anche gli incontri con i parenti, rispettando meticolosamente le regole imposte giustamente dalle delibere regionali.

Continuiamo a svolgere il nostro lavoro con professionalità e dedizione, con momenti di confronto che a volte possono essere problematici ma questo come in tutte le realtà.
Il nostro personale del servizio dei Minialloggi punta a creare un ambiente familiare e scherzoso ove gli ospiti, pur mantenendo il distanziamento sociale, possano conversare, raccontarsi e convivere fra di loro; il personale di RSA punta ad una qualità assistenziale e di cura dell’ospite creando un ambiente sereno e tranquillo ed il personale delle Cure Intermedie mira ad intervenire sull’ospite dimesso dall’ospedale che necessita di recupero funzionale e di stabilizzazione clinico-assistenziale.

Medici, infermieri, fisioterapisti, animatori, ASA
e tutto il personale che opera in Fondazione lavora per gli ospiti ed i fatti avvenuti ultimamente non hanno alcuna conseguenza su di loro.
Ci rammarica sapere che anche i volontari sono preoccupati per la qualità del servizio poiché c’è sempre stata piena collaborazione, stima e fiducia anche se purtroppo, causa emergenza Covid, non possono accedere in struttura da marzo.

Chiediamo anche di non dare adito a voci inutili che non aiutano la vera mission della Falck; attualmente nessuno si è licenziato volontariamente, l’équipe infermieristica è invariata (tranne un’infermiera storica che ha vinto un concorso pubblico e con la quale i rapporti sono ottimi e due operatrici assenti per maternità) ed i licenziamenti fatti da parte del CDA riguardano situazioni delicate nelle quali non entriamo in merito.

I rapporti con il CDA sono ad oggi sereni, le richieste fatte hanno sempre avuto un riscontro positivo e costruttivo e nel momento emergenziale Covid abbiamo sempre avuto un supporto reale sia economico che psicologico.

Con la speranza di aver descritto al meglio la vera realtà in Fondazione, ovvero quella che riguarda il benessere e la salute dei nostri ospiti, ci auguriamo che per tutto il resto si possa trovare una via per un clima di fiducia ed equilibrio preziosi per il buon lavoro di tutti.

L’équipe sanitaria della Fondazione Falck di Vobarno




Vedi anche
02/07/2019 07:33

Catia Turrini, il grazie dell'Equipe «Trascorso il periodo elettorale intendiamo ringraziare Catia Turrini per il ruolo assunto con competenza in seno alla Fondazione Irene Rubini Falck»

23/12/2012 07:54

La Falck apre ai post acuti Venti posti letto per chi ha concluso le cure ospedaliere, ma non pu fare rientro a casa. Da luned scorso sono a disposizione alla Fondazione Irene Rubini Falck di Vobarno.

02/07/2014 06:58

Irene Rubini Falck Onlus, un plauso agli amministratori Caro Direttore, qualche giorno fa la Fondazione I.R.Falck- Rsa di Vobarno ha inaugurato il nuovo centro prelievi che subentra migliorandone la qualità e l'ambiente al vecchio centro comunale...

12/08/2014 07:21

Rubini Falck: nuovo Cda con polemica Accuse di incompetenza, di mancato rispetto delle regole democratiche e di inaffidabilità. Il rinnovo del Cda della Fondazione Irene Rubini Falck di Vobarno, voluto dalla nuova amministrazione comunale, sta creando non pochi malumori

21/05/2007 00:00

Le aree dimesse della Falck rilanciano Vobarno Era uno degli insediamenti industriali dismessi pi grandi del Bresciano. E oggi, nella ex Falck di Vobarno l’operazione di riconversione si pu dire conclusa con ottimi risultati.



Altre da Non solo nonni
29/08/2020

«Che succede alla Casa di Riposo di Vobarno?»

E’ la domanda che ormai corre sulla bocca di molti cittadini vobarnesi...

02/06/2020

...Finalmente è bello vederci!

«L’emergenza Covid-19, è senza ombra di dubbio un’esperienza drammatica che ha messo in ginocchio la nostra regione e della quale si parlerà negli anni a venire...». Così dalla Irene Rubini Falck di Vobarno, che sta uscendo dall'isolamento

11/05/2020

Sanificata anche la Fondazione Falck di Vobarno

Un gran lavoro, l'operazione condotta dai militari del 7° Reggimento Nbcr dell'Esercito Italiano con il supporto logistico degli Alpini

20/04/2020

«Ce ne ricorderemo anche dopo»

«È facile definire angeli o eroi tutti gli operatori sanitari che in questo periodo operano con dedizione e impegno immane. A tutti vanno giornalmente tantissimi ringraziamenti...»

18/04/2020

Un grazie dalla Francia

«Buongiorno a tutti, sono un valsabbino residente in Francia ed in questi giorni ho perso mio padre, originario di Livemmo di Pertica Alta...»

03/04/2020

Operatori nella Rsa per 10 giorni

L'iniziativa della Fondazione Falck di Vobarno per rispondere all'emergenza in corso e per tutelare gli ospiti e il personale, come spiega il presidente Andrea Magri

30/03/2020

Gli angeli delle Rsa

Una lettera di ringraziamento a chi ogni giorno si dà da fare fra le stanze e le corsie delle residenze per anziali. In particolare la Passerini di Nozza. Pubblichiamo volentieri

30/03/2020

Radio portatili per gli anziani

Non mancano gesti di attenzione per gli anziani ospiti delle case di riposo come quello realizzato con generosità dai Carabinieri di Vestone

17/03/2020

Videomessaggi per gli ospiti della Casa di Riposo

La RSA di Roè Volciano invita i cittadini, nel difficile momento che stiamo attraversando, ad inviare brevi videomessaggi dall’esterno per aiutare i “nonni” a non sentirsi soli

12/03/2020

Videochiamate per i nonni

L’iniziativa è praticata bella Fondazione Irene Rubini Falck di Vobarno e si stanno attrezzando anche le altre case di riposo della valle