15 Maggio 2021, 07.05
Eco del Perlasca

Un gioco, una vita

di Davide Lancellotti

Alcuni attimi segnano la nostra vita per sempre, ma ci sono alcuni giochi la cui trama resterà per sempre dentro di noi. E proprio oggi, 15 maggio, un gioco ritorna nell’Olimpo


Sin da piccolo sono sempre stato un grande appassionato di videogiochi, e ancora oggi tendo a passarci molto tempo – a volte, anche troppo – mentre mi immergo nella profonda trama di qualche piccolo capolavoro, oppure un po’ di normale sfogo su capitoli più vecchiotti ma comunque eterni (e parlo dei primi due Call of Duty Black Ops, ancora oggi nel mio cuore e sul mio desktop).
Ma ci sono alcuni giochi, a volte spesso delle cose di nicchia oppure a volte saghe molto più conosciute, come ad esempio Assassin’s Creed il quale da ormai 10 ininterrotti anni mi regala sempre emozioni.

Oggi però vorrei parlarvi di un gioco relativamente famoso ai suoi tempi, perso un poco nell’ultimo suo capitolo per il repentino cambio di trama e modalità di gioco.
Oggi è il giorno buono per farvi conoscere quel capolavoro di Mass Effect, trilogia originale (sembra quasi di parlare di Star Wars e sinceramente neanche si dista troppo).

Impersonando il comandante Shepard della Normandy,
una avanzatissima nave spaziale, ci troviamo immersi in questo universo videoludico dove la tua missione è semplice: devi solo salvare l’universo intero da una razza antica e potente.

Compito che sembra impossibile, e vi dico che lo è, dopo decine (e forse centinaia) di ore passate a gustarmi le piccole interazioni, con l’equipaggio, le grandi missioni in antiche rovine di razze così remote che il loro apice venne ben prima della nascita della razza umana, i pittoreschi paesaggi dei pianeti e della Cittadella ancora oggi scopro nuove cose.

Uscito per la prima volta nel 2007
, l’originale Mass Effect fu un vero e proprio successo e, per quanto non esente da glitch e bug, già allora era considerato quasi come un capolavoro.
La BioWare riuscì a estrarre il canonico coniglio dal cappello creando un universo che sarebbe durato per quasi 15 anni.
Dopo appena 3 anni uscì il suo diretto seguito, Mass Effect 2.
Ci ritroviamo ancora una volta nei panni del famoso Capitano, forse questa volta un poco più distrutto (citazione che solo chi ha giocato capirà) ma comunque sempre con il grande obiettivo di salvare la Galassia dai Razziatori.
Poi nel 2012 uscì il terzo e ultimo capitolo, quello che chiuse la vera e propria trilogia canon di questo capolavoro.
Non voglio farvi spoiler, ma forse il nostro Capitano riuscì a salvare la galassia (così come magari ha deciso di fregarsene degli altri, ma chissà)

Ebbene, oggi il 15 maggio,
data che venne segnata sul calendario il momento dell’annuncio, esce la Legendary Edition di questo capolavoro. Cosa contiene?
Beh…tutto. Abbiamo i primi tre giochi, finalmente con un vero e proprio cross save (ovvero, se un personaggio muore nel primo capitolo resterà morto per sempre) e gli eterni ascensori ormai sistemati. Ma quello che questa edizione porta, oltre a contenere anche tutti i contenuti scaricabili aggiuntivi (quasi 40 DLC), contiene anche tutte le texture e i modelli rifatti, spinti dal motore grafico aggiornato, ed è in 4K!
Ok, ora mi sembra di essere un fanboy del motore grafico, e diciamo che va bene: lo sono. Ma dopo oggi credo che ritornerò a passarci di nuovo quelle 100/200 ore per completare di nuovo tutta questa saga.

Mass Effect è un gioco che da 10 anni mi regala emozioni
, non è una cosa che effettivamente si può spiegare, ma credo che qualche lettore potrà capirmi.
E ora ho la netta impressione che non sarò molto disponibile per le prossime settimane (o mesi probabilmente).
Spero che questa mia piccola avventura nei ricordi e nei sentimenti vi sia piaciuta.
E spero anche che qualcuno si sentirà motivato a comprare questo capolavoro.

Davide Lancellotti





Vedi anche
24/07/2013 10:00

La tappa bresciana di Radiobici Venerd 26 luglio alle 18 il ritrovo in piazza Tebaldo Brusato per il team di Radiobici con i triumplini Maurizio Guagnetti e Bruno Salvinelli, quindi la pedalata verso il Castello con la comunit bresciana di "Critical Mass" e l'evento a cura della Fondazione Sipec

11/11/2016 06:16

In strada con le coperte Singolare manifestazione quella degli studenti del Perlasca di Vobarno, alle prese con noie tecniche all’impianto di riscaldamento

13/02/2018 11:00

In battaglia per la Vita La nostra esistenza a volte ci riserva degli eventi inaspettati, sta a noi decidere come reagire, se lasciarci abbattere o affrontarli con tutta la forza che abbiamo a disposizione

17/02/2021 07:53

«Non è vietato: giocare a palla, sporcarsi, giocare con l'acqua» È questo il titolo di un interessante Progetto realizzato dagli studenti del triennio Servizi Socio-Assistenziali del Perlasca di Idro

24/12/2017 19:16

Tanti auguri dal Perlasca La redazione dell'Eco del Perlasca, con alcuni dei componenti in posa sotto l'albero di Natale realizzato dalla 3^ AB Sala dell'Alberghiero, augura a tutti i lettori Buone Feste




Altre da Eco del Perlasca
13/05/2021

«Orizzonti di giustizia»

Al Perlasca di Idro si è tornati agli incontri in presenza, con “Orizzonti di Giustizia”. Protagonista dell’evento Fiammetta, la terzogenita del giudice Borsellino, ucciso da un agguato mafioso il 19 luglio del 1992

11/05/2021

La sbornia di Rio

Vi siete mai chiesti gli effetti che potrebbe avere l’alcol sul vostro animale domestico?

07/05/2021

Piccole donne in quarantena

Un modo abbastanza originale, sia di affrontare i grandi classici sia di trascorrere il "lockdown"

04/05/2021

Tiger Experience: una passeggiata tra i felini

Un luogo magico che ti avvicina al mondo dei grandi felini

22/04/2021

Twitch, il possibile futuro televisivo

“Un posto dove si può fare ciò che più amiamo”. Sembra poco, eppure è la formula vincente per una piattaforma riscoperta, che probabilmente ha ben più potenziale della classica antenna via cavo

21/04/2021

Las calles de las mujeres (Le vie delle donne): ovvero dis-uguaglianza di genere

Il progetto di cartografia "open", nato a Sao Paulo, in Brasile, durante un incontro tra utenti di Open Street Map, approda all’Istituto Perlasca

20/04/2021

La mafia secondo don Aniello

Com'è convivere con la mafia? Si può davvero fare qualcosa per contrastarla? Sì, si può e don Aniello Manganiello ce l’ha fatta

15/04/2021

Eccoci qua, un anno dopo

Un anno fa stavamo vivendo il primo lockdown nazionale e iniziavamo a confrontarci con una pandemia che non è ancora passata e che condiziona in modo pesante la vita quotidiana di tutti noi

14/04/2021

Ciao Nonno, dove sei ora?

Guardo il cielo e immagino che tu sia la stella più grande… Questa è la storia di mio nonno, un uomo che, come tanti altri, ha perso la vita a causa del Covid-19

13/04/2021

Principe Filippo, duca di Edimburgo

9 aprile 2021, una data che non si dimenticherà così facilmente