07 Dicembre 2022, 10.27
Provincia
Lettere

Sul trasporto pubblico locale,

di Redazione

Un confronto fra i comitati Vado a scuola sicuro di Brescia e Bergamo per fare il punto su una situazione sempre critica


Il 5 dicembre si sono incontrati il comitato Vado a scuola sicuro Bg e Bs e il CoorCoGe (Coordinamento Comitati e Associazioni Scuole Superiori Provincia di Bergamo) per uno scambio informativo sulla situazione del Trasporto Pubblico Locale nei rispettivi territori. Desolatamente abbiamo condiviso l’elenco dei disagi e delle criticità che si abbattono ormai da troppo tempo sugli utenti, in particolare sugli studenti che quotidianamente utilizzano il mezzo pubblico per andare a scuola e tornare a casa.

Riscontriamo traffico privato sempre più intenso, numero di autobus e corse fortemente insufficiente nelle ore di punta, risorse inadeguate ai bisogni ed alle richieste, costi aumentati, inflazione galoppante e nessuna novità economica all’orizzonte su questo capitolo con una prospettiva per il 2023 che parla di nuovi tagli possibili. Sulla carta ci sono solo intenzioni e promesse ad organizzare un Tavolo Regionale per il trasporto o a regolare in modo continuativo e per un tempo certo le risorse destinate al trasporto pubblico, magari quelle necessarie. Dai bilanci di previsione per il prossimo anno stilati dalle Agenzie già ora risultano mancare milioni di euro per mantenere l’attuale servizio.

Le città capoluogo, anche in previsione di Bergamo e Brescia Città della Cultura 2023, stanno muovendosi con l’Azienda Urbana di riferimento per accogliere i turisti, ma il trasporto pubblico risulta fortemente sbilanciato sul fronte del trasporto extraurbano, vera e propria cenerentola della situazione. Già ora arrivare e uscire da Bergamo e da Brescia richiede tempi lunghi, mezzi privati, code e traffico crescente, mentre nelle ore serali gli autobus circolanti sono una rarità. Difficile ipotizzare, senza interventi, che questo cambi. Non è cattiva volontà organizzativa, è la sola copertura possibile spendendo oculatamente le risorse pubbliche erogate alle Agenzie.

Tutto questo, anziché farci dire che abbiamo trovato nella politica un costante monitoraggio, un continuo dialogo, una presa in carico delle segnalazioni che puntualmente il territorio ha inviato, una ricerca di soluzioni ed un intervento anche per step a migliorare la situazione, ci ha sconsolatamente riportato una costante e condivisa percezione di distrazione, disinteresse, rimpallo di responsabilità, assenza di comunicazione.

PNRR, mobilità sostenibile, sicurezza e qualità degli spostamenti, diminuzione del traffico privato e conseguentemente dell’inquinamento rimangono largamente parole vuote. Siamo alle porte di un’importante elezione, che affiderà il governo della Lombardia per i prossimi 5 anni.

Ci chiediamo se il tema trasporti su ferro e su gomma (non per spezzatini, ma per sistemi integrati!) abbia spazio nelle riflessioni sul futuro, nei programmi dei partiti e delle coalizioni, con quale profondità di pensiero, di studio, di visione e di azione.

Mancano milioni, perché purtroppo il trasporto pubblico non porta soldi, come la scuola del resto. Non è quindi mai una priorità.

Finora abbiamo raccolto lamentele e reclami, l’Agenzia ha aggiustato progressivamente corse e percorsi per adattarli meglio possibile ai bisogni senza riuscire ad essere efficace fino in fondo, ma quando la coperta è corta o cortissima l’utenza, i cittadini, sono costretti ad arrangiarsi e a subire.

Quali potrebbero essere secondo noi delle iniziative da prendere in considerazione nel breve termine; un dialogo e coordinamento tra ufficio scolastico regionale e regione per riflettere sulle connessioni faticose tra sistema scolastico e sistema dei trasporti; ripristinare il tavolo prefettizio per coordinare potenzialità e orari organizzativi coerenti; chiedere al Ministero dell’Istruzione e del Merito una apertura all’utilizzo della didattica digitale integrata da parte delle scuole già pronte ad attuarla tra presenza e distanza; istituire un Fondo per la sicurezza sui mezzi e alle fermate e, ovviamente, immaginare dove prendere le risorse per km e mezzi aggiuntivi che in periodo Covid avevano consentito una maggiore e visibile qualità di viaggio.

Grati per l’attenzione, in attesa di nuovi incontri e input positivi, porgiamo cordiali saluti

Paola Pollini (referente Comitato Vado a Scuola Sicuro Brescia)
Luciano Corlazzoli (Presidente Comitato Vado a Scuola Sicuro Bergamo e Brescia)
Monica Ravasio (Presidente CoorCoGe – Coordinamento Comitati e Associazioni Genitori provincia di Bergamo)




Aggiungi commento:

Vedi anche
18/06/2022 07:14

Aumenti nel trasporto pubblico? No grazie La presa di posizione è del comitato “Vado a scuola sicuro”, che ritengono fuori tempo e fuori logica i paventati aumenti delle tariffe dei trasporti

08/06/2021 08:00

Trasporti e sicurezza, il caso di Roè Volciano Anche il “nodo” dei Tormini, punto di interscambio tra le valli, il Garda e Brescia, necessita di un intervento di riqualificazione. La lettera del comitato “Vado a scuola sicuro”

07/09/2021 15:30

Comaglio nel Cda dell’Agenzia del Tpl Il sindaco di Gavardo è stato nominato in rappresentanza della Provincia nell’Agenzia del Trasporto pubblico locale di Brescia

16/03/2022 11:22

«Quell'autobus era troppo pieno» Dal Comitato "Vado a scuola sicuro" l'indignazione per quanto è successo la settimana scorsa a Idro ad una 18enne che stava andando a scuola. "Una disavventura che poteva e doveva essere evitata"




Altre da Provincia
06/12/2022

Lavoro in somministrazione, nuova crescita nel 3° trimestre

L’aumento rilevato tra luglio e settembre 2022 interessa la maggior parte delle categorie professionali qui analizzate, ed è trainato, in particolare, dagli impiegati esecutivi (+51%); variazioni positive rilevanti riguardano anche gli addetti al commercio (+26%) e gli operai specializzati (+13%)

02/12/2022

Fondo nuove competenze

Sottoscritto l'accordo territoriale tra Confindustria Brescia e sindacati provinciali (Cgil, Cisl, Uil): l'intesa consente, di accompagnare le imprese nel processo di adeguamento ai nuovi modelli organizzativi e produttivi in risposta alle transizioni ecologiche e digitali

30/11/2022

Un «progetto di vita individuale» per l'autonomia di tutte le persone con disabilità

Il Consiglio regionale lombardo ha approvato all'unanimità una legge che promuove il riconoscimento del diritto alla vita indipendente e all'inclusione sociale di tutte le persone con disabilità.

27/11/2022

Consumi, dal Bagoss al salame di Montisola

Sono 43 i tesori agroalimentari tradizionali censiti in provincia di Brescia che sono oggi minacciati dall'esplosione dei costi di produzione legata alla crisi energetica per la guerra in Ucraina

26/11/2022

Vaccinazione antinfluenzale gratis per tutti

Fino ad ora la gratuità era concessa solamente alle categorie "target": bambini o over 60 o a rischio per patologia

25/11/2022

Pierino e il lupo di S. Prokofiev

Un concerto dedicato al 40° Anniversario dell’Anffas di Desenzano

25/11/2022

A Lumezzane lo spettacolo «Officina teatro»

Cosa spinge cinque persone a tornare di nuovo sul palco? Apriamo il sipario per capirlo

25/11/2022

La compagnia dei libri, un caffè con... Alda Merini

Allo storico caffè del centro la «Compagnia dei libri» incontra Alda Merini

25/11/2022

A Lonato arrivano gli Arcade Games

Dal 24 al 27 novembre per le famiglie sul territorio arrivano al Leone shopping centre gli Arcade Games

25/11/2022

Pmi Day 2022: un successo all'insegna della bellezza e del saper fare

Oltre 30 imprese da ogni angolo della provincia hanno aperto le loro porte, nei giorni scorsi, a 1.500 studenti bresciani delle scuole secondarie di primo grado, per visite mirate e tour aziendali