22 Gennaio 2021, 16.00
Bagolino
Buonumore

Riparte a Bagolino Radio Canài délä Tópä

di Marisa Viviani

La seconda serie di trasmissioni radiofoniche della stravagante radio in streaming sarà dedicata al carnevale che non ci sarà...


C'è attesa a Bagolino per la seconda serie di trasmissioni radiofoniche della stravagante Radio Canài délä Tópä, tutte incentrate sul carnevale che non ci sarà.

E proprio per questo motivo
, studiate per alleviare lo sconforto dovuto alla privazione delle santissime feste ormai da due anni: un evento difficilmente accettabile da una comunità abituata da sempre a onorare la sua festa popolare più antica e amata con grandissima partecipazione personale e collettiva.

L'acronimo TÓPÄ, vale a dire Trasmissione Occasionale Per Afflitti, era stato inventato infatti a intendere il sollievo destinato a sostenere l'umore depresso della popolazione in isolamento e in astinenza festaiola ormai da tanti mesi.

Il primo ciclo di sei trasmissioni aveva riscosso simpatia e apprezzamento per il carattere bizzarro della sua impostazione, centrata su notizie e rubriche paradossali allo scopo di divertire gli ascoltatori.

La sospensione delle trasmissioni al termine delle festività natalizie era stata accolta così con un certo rincrescimento, attestato da numerosissimi messaggi di ringraziamento agli autori per un'iniziativa studiata a sostegno degli stati d'animo avviliti di larga parte della popolazione.

“ - Portate nelle case una ventata di allegria – Regalate momenti spensierati e gioiosi a tutti – Fate contente le persone che in questo periodo non possono uscire - Fa bene a tutti un po' di allegria –.“ In questo breve campione di favore per la trasmissione, è riassunto il senso ultimo del lavoro, l'appoggio morale e la vicinanza ai propri concittadini.

La buona accoglienza di questa strampalata Radio Canài délä Tópä da parte del pubblico ha così indotto gli autori del Gruppo Salvadàk a proseguire le trasmissioni proprio nel periodo più critico per l'umore dei bagossi, quello del carnevale che non ci sarà per il secondo anno consecutivo, sperando di rendere meno aspro il confinamento in casa e la mancanza dei festeggiamenti.

Questo è il calendario delle trasmissioni: martedì 26 gennaio, martedì 2 febbraio, martedì 9 febbraio e venerdì 12 febbraio, sempre alle ore 19.30 sulla frequenza 99.4 della radio parrocchiale di Bagolino, che ospita la sconclusionata Radio Canài délä Tópä, la radio ché mài lä sé entópä.

Tutti all'ascolto quindi, per sorridere un po', anzi, per ridere alla faccia del virus.

Le varie puntate di Radio Canài délä Tópä saranno su Facebook e Instagram nel sito della Compagnia Teatrale Maläòä.


Nella foto di Valerio Galli: Foto d'epoca a valvole



Vedi anche
09/01/2021 08:00

La risata corre sulle onde medie Si è conclusa giovedì 7 gennaio la prima serie di trasmissioni di Radio Canài délä Tópä, che a Bagolino ha tenuto banco per sei serate con uno stravagante programma curato dal Gruppo Salvadàk per sollevare il morale della popolazione in questa difficile situazione di pandemia.

13/11/2013 08:06

Radio Noi Musica prende vita on-line Ormai entrare in internet come avventurarsi in un fitto bosco, per non parlare delle web radio che crescono come funghi. Ma c' qualcosa che vuole rendere diversa Radio Noi Musica

09/08/2018 11:40

Ascanio Celestini nel weekend di «Festa Radio»

Il primo fine settimana della festa di Radio Onda d’Urto a Brescia vedrà salire sul palco anche Ministri, Ricky Gianco & Gianfranco Manfredi e tanti altri artisti

15/02/2017 11:00

Libere Radio e Tv in Giudicarie, solo ricordi dimenticati? Mario Antolini Muson, scrittore e storico di Tione, ripercorre la stagione delle prime radio e tv locali ora scomparse di cui si sente la mancanza

24/04/2010 14:25

Over Radio apre i battenti! Arriva la nuova web radio in collaborazione con Vallesabbia News e la cooperativa Area.



Altre da Eventi
22/01/2021

I lunedì della salute

Anche Paitone, Prevalle e Serle hanno fornito il patrocinio ad una serie di incontri online dedicati al benessere psicofisico, tenuti da esperti nel campo della salute

22/01/2021

«Cuore di donna, battiti da non tradire»

Quanti di noi sanno che il killer numero uno per le donne non è il cancro al seno o all’utero, ma la cardiopatia ischemica? Per saperne di più Santa Maria Synlab organizza un “tè della salute” digitale

21/01/2021

Carnevale di Bagolino, festa rimandata

A causa dell’emergenza sanitaria in corso i tradizionali festeggiamenti della più importante manifestazione folkloristica valsabbina quest’anno non si potranno tenere

20/01/2021

Sanremo si farà, e (forse) con il pubblico in sala

Dal 2 al 6 marzo le date del Festival della Canzone italiana 2021. L'annuncio della presenza del pubblico – ormai quasi certa - scatena un mare di polemiche sui social e nell'ambiente musicale

19/01/2021

Sant'Antonio ai tempi della pandemia

Lo scorso fine settimana a Borgo Chiese, Pieve di Bono e Valdaone la ricorrenza è stata celebrata con la sola benedizione di stalle e animali

13/01/2021

Al via il corso per nuovi soccorritori

L'Associazione Volontari Ambulanza Valle Sabbia cerca nuovi volontari per il suo organico. Martedì 26 gennaio la presentazione del corso di formazione gratuito

09/01/2021

La risata corre sulle onde medie

Si è conclusa giovedì 7 gennaio la prima serie di trasmissioni di Radio Canài délä Tópä, che a Bagolino ha tenuto banco per sei serate con uno stravagante programma curato dal Gruppo Salvadàk per sollevare il morale della popolazione in questa difficile situazione di pandemia.

08/01/2021

L'albero più bello, ecco i vincitori

Al vincitore fra gli alberi "collettivi" andrà un cesto di prodotti valsabbini offerto dalla ditta Bbuono. Ai primi cinque alberi “di famiglia”, altrettanti abbonamenti Premium di un anno a Vallesabbianews.it

06/01/2021

Ad Agrone i Cantori della Stella

Muniti di mascherina i giovani cantori della frazione di Pieve di Bono sono riusciti a portare avanti la storica tradizione del periodo dell'Epifania

31/12/2020

«Virus vai via, non entrare in casa mia»

Un disegno premiato ad un concorso che ben rappresenta l’«annus horribilis» che ci lasciamo alle spalle e che premia il lavoro portato avanti delle insegnanti della Scuola dell’infanzia statale