01 Aprile 2021, 06.16
Vobarno
Lettere

Ammalati... di tecnologia

di Arianna Mari

Sono mamma di tre ragazzi di cui due frequentanti la scuola secondaria di primo grado a Vobarno...


... Come migliaia di famiglie nel mondo siamo stremati dalla situazione impostaci dalla pandemia e non sopportiamo più di vedere i nostri figli, isolati dalla società dalla scuola e dai loro amici, spegnersi giorno dopo giorno.

Un anno di Didattica a Distanza non ha abbassato i contagi ma ha innalzato i livelli di disagio giovanile e i tentativi di suicidio tra gli adolescenti e, aimè, i preadolescenti.
La DAD può funzionare come strategia di emergenza, ma non può assolutamente protrarsi per mesi e anni, come ormai sta accadendo, per comodità della politica e di risparmio economico statale.

Per questo a pochi giorni dal parto del mio quarto figlio, mi sento chiamata a scendere in piazza per chiedere, all’unisono con migliaia di genitori sparsi in tutta Italia e capitanati da Priorità alla Scuola, che tutti gli studenti possano subito tornare in presenza, sopratutto quelli di seconda e terza media, che in modo ingiustificato sono discriminati ed esclusi dal rientro previsto per infanzia, elementari e prima media a partire dal 7 aprile pv.

Questi alunni frequentano gli stessi plessi di quelli di prima media dove è stato previsto da inizio anno il distanziamento richiesto dalla normativa vigente, indossano le mascherine, disinfettano frequentemente le mani e rispettano diligentemente le regole loro date.
È dimostrato, infatti, che il tasso di positività a scuola è inferiore all’1% , e tracciamenti e quarantene sono efficacemente rispettati.

Non esistono più scuse per impedire una degna istruzione al nostro futuro, ed un ritorno, seppur graduale, ad una vita sociale.

Pochi giorni fa mia figlia ha scritto su un cartello “ci avete detto che troppa tecnologia fa male ed ora ci obbligate ad una scuola virtuale”.

Non esistono più scuse per continuare a soffocare il loro grido dietro ad uno schermo.

Arianna Mari



Commenti:
ID82534 - 01/04/2021 09:41:12 - (Prof.Chris.Leong) - La preoccupazione è anche di noi docenti.

Come docente concordo in toto con le sue parole..

ID82535 - 01/04/2021 13:01:40 - (Rinji) - Rinji

La Francia che ha tenuto le scuole aperte, CHIUDE tutto per un mese, non ci libereremo in tempi brevi del covid, bisogna avere il coraggio di dire le cose come effettivamente stanno.....é peggio di una guerra, purtroppo anche i nostri ragazzi pagano e pagheranno le conseguenze. Buona Pasqua

ID82536 - 01/04/2021 16:19:35 - (sara64) - Giusto

L'istruzione è alla base di ogni paese civile. Occorre imparare a convivere con questo virus mantendo saldi i principi della costituzione: lavoro e istruzione.BISOGNA riaprire in sicurezza le attività commerciali e le scuole!Ovvio che un margine di rischio c'è, ma la vita è rischio. Se stiamo a guardare tutto quello che ci può succedere, non usciamo più di casa!

Aggiungi commento:

Vedi anche
26/06/2020 09:30

Scuola dell'infanzia San Giorgio di Vobarno: «per una pedagogia della vicinanza» Anche la scuola materna vobarnese nel periodo di emergenza sanitaria ha adottato la didattica a distanza, cercando di creare una rete con i bambini e le loro famiglie

29/11/2020 10:33

Vobarno rimane in «zona rossa» Questo almeno riguardo alle scuole, che nei prossimi giorni dovranno continuare ad operare per Seconde e Terze con la didattica a distanza

07/08/2020 10:42

Alle superiori lezioni in aula a rotazione Due settimane in classe e due a casa, con l'ormai consolidata didattica a distanza. È l'ipotesi su cui si lavora per la riapertura delle scuole a settembre, unitamente ad ingressi scaglionati e aumento delle corse dei mezzi pubblici

10/03/2020 09:52

Didattica a distanza #Scuolainfanziasoprazoccononsiferma. Giorni difficili per le scuole di ogni ordine e grado. Anche la Scuola dell’Infanzia di Soprazocco si rivolge alla didattica a distanza

18/11/2020 09:23

La DAD? Ecco cosa ne penso Pubblichiamo volentieri una lettera inviataci da Giuseppe Biati, già dirigente scolastico, uomo di scuola a tutto campo. Oggi le sue parole sono riferite alla didattica a distanza (dad), che sta interessando centinaia di studenti, e i loro insegnanti, anche in Valle Sabbia




Altre da Vobarno
31/03/2021

Luca arriva a 29

Tanti auguri a Luca Piccinelli, di Vobarno, che proprio oggi, ultimo giorno di marzo, compie i suoi primi 29 anni

18/03/2021

«Risparmiare è possibile»

Buongiorno direttore, condivido tutto quello scritto sotto il titolo “Più attenzione alla raccolta differenziata“ scritto dalla signorina Federica Ciampone; tranne la frequenza per lo svuotamento dei cestini stradali ogni 15 giorni

16/03/2021

Il bilancio c'è ma...

Giovanni Scalora torna a scriverci in merito alle questioni che riguardano la Fondazione Irene Rubini Falck di Vobarno

16/03/2021

Tiziano Pavoni al vertice di Ance Lombardia

L'imprenditore vobarnese, già presidente di Ance Brescia, è stato eletto all'unanimità presidente dell'Associazione dei costruttori edili lombardi

12/03/2021

«Rinascerò, Rinascerai» con la banda e i cori

Il Corpo Bandistico Sociale di Vobarno ha lanciato il progetto di eseguire dalla banda, dai cori e dalle realtà sociali vobarnesi il brano composto da Roby Facchinetti e Stefano D’Orazio dei Pooh, in ricordo delle vittime del Covid

11/03/2021

«Cuore di donna», indagare il rischio cardiovascolare femminile

Synlab Santa Maria propone un percorso di approfondimento dedicato a tutte le donne riguardo ad un tema spesso sottovalutato

08/03/2021

Sarà la festa della donna quando...

Alcune vobarnesi hanno deposto delle mimose e delle scarpe rosse alla panchina rossa di Piazza Corradini, con un messaggio.
VIDEO

08/03/2021

«In piedi, signori, davanti ad una donna»

In occasione della festa della donna, l'amministrazione comunale di Vobarno ha pubblicato un video con una poesia con un messaggio sulla violenza contro le donne
• VIDEO

01/03/2021

«Più attenzione alla raccolta differenziata»

E’ l’invito che l’assessore all’Ambiente rivolge alla popolazione, anche a fronte del restyling degli ultimi mesi, per un paese più pulito e meno sprechi di risorse

24/02/2021

I servizi sociali al tempo del Covid

Un settore più che mai essenziale, nei Comuni, per aiutare le famiglie ad affrontare l'emergenza sanitaria e quella economica che ne è derivata. La situazione a Vobarno