30 Ottobre 2020, 11.29
Vobarno
La nostra storia

La finestra della speranza

di Mario Pavoni

I nomi sono inventati, ma il racconto è vero. Ce lo manda Mario Pavoni


La Domenica è contenta quando riesce a preparare qualcosa di buono per tutta la famiglia con i pochi prodotti del suo orto..
Il marito Pietro, che tutti chiamano Pierì, è un lavoratore instancabile: alle quattro del mattino si alza per rigovernare le tre mucche e poi mungerle e ritrovarsi in cucina alle otto per la colazione.
La loro casa è alla periferia del paese e quando arriva il postino, con la sua bicicletta cigolante, quasi sempre porta brutte notizie.

Un giorno consegna una busta di un colore particolare: la Minghi chiama subito il marito e la aprono: è l’avviso che il loro unico figlio maschio è chiamato alla guerra.
Piangono senza parlare. Dopo una settimana Luigi parte per Brescia.

Passati circa tre mesi finalmente arriva una cartolina postale nella quale c'è scritto che Luigi è stato mandato in Russia.
L’unica cosa che sanno della Russia è che lì fa molto freddo, allora la mamma è soddisfatta perché prima che Luigi partisse aveva lavorato giorno e notte con i ferri da calza per confezionargli due maglie usando la lana della Oliva e della Bianchina, le sue due pecore.

Dopo qualche anno finalmente la guerra è finita. Da quel giorno mamma Minghi prepara i pasti al marito e ai figli che si siedono a tavola insieme, mentre lei sta su una sedia alta vicino alla finestra che le consente di vedere la strada dove spera una buona volta di intravedere il suo Luigi tornare.

Passano gli anni e una mattina di primavera inoltrata intravede nella strada il postino e con animo speranzoso gli corre incontro.
Riceve una lettera col timbro dello Stato e corre a mostrarla al suo Pierì.

La aprono: il Ministero della guerra comunica che Luigi è dichiarato disperso.
Per lei disperso significa avere ancora una speranza, ma nell’animo del marito la speranza non c’è.

La loro vita continua ancora per decenni, ma la Minghi i pasti li consuma sempre sulla sedia vicino alla finestra sicura che un giorno o l’altro il suo Luigi tornerà.
Ormai i novant’anni sono passati, un brutto giorno non si sente più di sedersi su quella sedia e saluta per l’ultima volta il suo Pieri.
Lo sguardo si spegne fissando la finestra della speranza.

Cordialmente Mario Pavoni.



Vedi anche
07/09/2018 09:16

Vita d'alpeggio

Una suggestiva “finestra” sul mondo contadino degli anni '50 in Valle del Chiese e in Valle Sabbia quella che ci fornisce questo articolo storico a firma di Gianpaolo Capelli e Angelo Cimarolli

25/12/2018 07:00

La Grande Guerra della Nonna Angelina… e della zia Lisa È dedicato a ricordare l’anniversario della Grande Guerra, con una piccola storia familiare assai particolare ma del tutto autentica, il racconto di Natale che ci offre quest’anno Paolo Catterina

20/10/2013 10:58

Dalla finestra Sapere quali sono le mie parti animali mi rassicura: posso allora guardare le cose della vita come alla finestra me e il gatto del giardino

14/04/2020 11:13

Un pianeta non ancora affranto Sono giorni tremendi quelli che stiamo vivendo, senza tregua e senza respiro. L'intelligenza ci indica le precauzioni necessarie, che sono le armi migliori per la nostra difesa, mentre gli scienziati si adoperano per trovare un farmaco che sconfigga il coronavirus

12/09/2018 09:45

Il duro mestiere dei carbonai Un lavoro estremamente faticoso, svolto dalla maggior parte della popolazione di Bondone fino agli anni Settanta. A cura di Gianpaolo Capelli, un excursus storico sulla vita dei "carboner"



Altre da Vobarno
30/10/2020

Stop alla caccia nelle aree protette Natura 2000

Il Tar regionale ha accolto il ricorso presentato dalla Lac e ha disposto il divieto di caccia nelle aree protette delle Province di Brescia, Cremona e Lecco. Tre i siti anche in Valsabbia, tra cui l'altopiano di Cariadeghe

27/10/2020

Alla Maser l'appalto per l'Istituto Comprensivo

Il Consiglio di Stato ha ribaltato la sentenza di primo grado, che aveva assegnato ad un'altra azienda il bando per i lavori di adeguamento degli edifici scolastici indetto dalla Comunità Montana di Valle Sabbia per conto del Comune

18/10/2020

Ustionato nel garage

Eliambulanza in azione per soccorrere un 34enne che stava armeggiando con la sua vecchia moto quando gli si è incendiata sotto le mani

14/10/2020

Rispetto per le cose altrui

«Egregio Signor Direttore, con la presente desidero esternare un fastidio che da un pò di tempo mi rode dentro...». Pubblichiamo volentieri

09/10/2020

In ricordo di Ezio Paris

Un pensiero affettuoso da parte degli amici sportivi per l’uomo di sport vobarnese che ha segnato la storia del tennis e dello sci in Valle Sabbia

07/10/2020

Piccola ricettività diffusa, finanziati 9 progetti

Reso noto l’esito del bando per lo sviluppo di infrastrutture e di servizi turistici locali del Gal GardaValsabbia. Quattro su nove i progetti valsabbini

06/10/2020

«Tangenziale assassina»

Ero un ragazzino quando una domenica mattina a Vobarno venne un’esponente di rilievo del PC, l’onorevole Nicoletto, che tenne una conferenza al Cinema Giardino...

05/10/2020

Grande successo per la gara di canoa slalom

Il Canoa Club Brescia è riuscito anche quest'anno, nonostante la necessità di applicare tutte le prescrizioni anti-covid, ad organizzare con successo a Vobarno la consueta gara nazionale

27/09/2020

«Spazzamento... che dolore»

Assessore Zanoni la mia mamma mi diceva “non c’è peggior cieco di chi non vuol vedere”...
(in risposta a questa lettera)

26/09/2020

Gara nazionale del Canoa Club Brescia

La competizione è in programma per domani – domenica 27 settembre – e si disputerà nelle acque del fiume Chiese al Campo Slalom di Vobarno