15 Settembre 2021, 08.52
Valsabbia
Lettere

«Non demonizziamo chi sceglie di non vaccinarsi»

di Luca Pelizzari

Buongiorno direttore, sono un insegnante di una scuola della Valle Sabbia...


... e vorrei esprimere la mia opinione riguardo alla sospensione dal lavoro, cui potrà fare seguito l’eventuale licenziamento, di alcuni colleghi che hanno rifiutato il vaccino nella nostra provincia e nel mio stesso istituto.

Premetto che sono un sostenitore convinto del vaccino utilizzato come terapia per limitare i danni del COVID; ho fatto le due dosi, ho il certificato verde e se sarà necessario farò anche la terza, la quarta, la quinta e la decima dose.
Non condivido minimamente le tesi sostenute da coloro che rifiutano il vaccino e ritengo degli imbecilli quanti ricorrono all’insulto ed alla violenza.
Detto questo vorrei spiegare perché giudico profondamente sbagliato l’atteggiamento del Governo di ricorrere a soluzioni estreme come il licenziamento nei confronti di costoro.

Un governo autorevole quale l’attuale, sostenuto dalla quasi totalità dei partiti, non deve demonizzare chi la pensa in modo diverso e tanto meno deve ricorrere ad azioni discriminatorie e lesive della dignità dei lavoratori come il licenziamento.

Lo Stato Italiano, nato dalla sconfitta di una dittatura, ha sempre garantito ai propri cittadini, e non solo a costoro, una grande libertà di azione e di pensiero pur che siano esercitati entro i limiti della legge.
A chi giova allora mostrarsi aguzzino nei confronti di chi ha un  pensiero diverso, seppure su questioni che mettono in ballo la nostra salute?
Non c’erano provvedimenti meno discriminatori da imporre a costoro?
In fin dei conti si tratta di una effimera minoranza: non si potevano imporre loro le stesse misure di sicurezza adottate da tutti noi prima dell’utilizzo dei vaccini.

E poi che rischio di contagio c’è se la grande maggioranza dei cittadini è vaccinata?
Ho l’impressione che sui vaccini ci sia stata una forzatura eccessiva, condita da tante, troppe contraddizioni che sono sotto gli occhi di tutti ( e lo testimonia uno che ha subìto questa estate di follia sul Garda).

Mi sarei aspettato anche un atteggiamento diverso dei sindacati e degli stessi dirigenti scolastici; invece i primi non hanno proferito parola, sebbene in passato si siano spesi per difendere esigue e non sempre giustificate minoranze.
I secondi si sono comportati, come spesso accade, da grigi esecutori delle direttive ministeriali lasciando a casa, senza tanti ripensamenti, validi insegnanti sprovvisti di certificato verde.

Da parte mia, pur non condividendo il pensiero di questi colleghi, auspico che essi possano sostenerlo senza discriminazioni, come è legittimo in una democrazia.

Come lavoratore esprimo tutta la mia solidarietà  nei confronti di altri lavoratori che rischiano di essere licenziati.

Luca Pelizzari



Commenti:
ID82685 - 16/09/2021 09:12:30 - (Achille) - Ottima riflessione

da chi ha deciso di vaccinarsi. Questa lettera apre a mille scambi di opinioni che potrebbero essere costruttive per entrambe le parti, ma ormai è diventata più una lotta tra due tifoserie, quindi sarebbe inutile.

Aggiungi commento:

Vedi anche
01/11/2020 17:55

«Non dimentichiamo le fragilità» Buongiorno, sono Bonelli Natascia e sono referente area disabilità di una scuola bresciana e chiedo di porre attenzione alle conseguenze di un lockdown "scolastico" per le famiglie e i ragazzini con disabilità...

20/11/2017 09:03

«E la forza pubblica dove è?» Buongiorno direttore. Qualche tempo fa Le scrissi in merito al degrado del centro storico di Gavardo. Pensavo che non si potesse raccontare ancora altro .... ma mi sbagliavo. Aggiornamento martedì 21 h13:30

13/05/2015 08:18

Accumulo di cariche al Gal Buongiorno Direttore, occupandomi per passione di ambienti rurali anche fra il Garda e la Valle Sabbia, sono sempre attento a quello che succede al Grupo di Azione Locale che si occupa di quelle zone...

12/03/2016 12:55

Unioni civili, a scuola da... Lancini Buongiorno signor direttore, oggi vorrei riportarle un fatto, a mio avviso sconcertante, successo durante l'assemblea dell'Istituto Battisti...

31/07/2017 08:12

Il degrado del centro storico di Gavardo Buongiorno direttore Le scrivo per condividere con Lei e con i lettori di ValleSabbia News il degrado del centro storico di Gavardo...




Altre da Lettere
04/09/2021

Quando sei in ospedale da solo

Cara redazione, vi scrivo e chiedo il vostro aiuto per segnalare una situazione poco tenuta in considerazione. Forse vale la pena di rifletterci un momento

(1)
01/09/2021

I due depuratori sul Chiese: cui prodest?

Fabrizio Landi, autore delle poesie di denuncia contro il famigerato progetto dei depuratori per i reflui dei comuni gardesani sul fiume Chiese, torna sul tema con alcune riflessioni

(4)
31/08/2021

«Grazie di cuore»

I ringraziamenti vanno ai fratelli Roberto e Louis Manni, del rifugio Graffer, sulle Dolomiti di Brenta, che hanno deciso di ospitare gratuitamente la "carovana" del Cai di Gavardo impegnata in un'escursione con due "joelette"

31/08/2021

Fra lungimiranza e cosmesi

Riceviamo e pubblichiamo volentieri questa lettera di Giuseppe Ferliga, che ci aiuta a riflettere su ciò che sta accadendo in merito alla questione della depurazione dei reflui gardesani. E non solo quelli

02/08/2021

«Non abbandonate la strada tracciata»

Da parte dei Comitati piena soddisfazione per l’approvazione della Mozione Almici in Consiglio provinciale, con un po’ di rammarico per il venir meno di alcuni voti

28/07/2021

«Se'l Cés el cambiarà nom...»

Una poesia “sfogo” quella che ci manda Fabrizio Landi sulla nefasta questione del depuratore delle fogne dei comuni gardesani

27/07/2021

«Sono nata a Idro, nel 1925...»

Una nota autobiografica affidata alla nipote, la vita della maestra Lina, che questo martedì pomeriggio molti a Idro accompagneranno per il suo ultimo viaggio

26/07/2021

Arrivederci mitica Maestra Lina!

Gli ex alunni rivolgono un affettuoso saluto alla loro insegnante delle elementari i cui funerali saranno celebrati questo martedì a Idro

24/07/2021

Depuratore del Garda, è questa la Transizione Ecologica?

L'Era della Transizione Ecologica nasce in perfetto stile Made in Italy, sotto forma di due grandiosi depuratori delle fognature del Garda, contrariamente al volere dei territori destinati

22/07/2021

Sensibilità ed efficienza inaspettate

In un tempo tanto complicato, caratterizzato da ostilità e critiche negative, in cui lamentele e aspettative disattese sono sempre più frequenti, vorrei condividere invece con voi qualcosa di assolutamente positivo che ho sperimentato solo pochi giorni fa e che potrebbe tornare utile a molti