Skin ADV
Giovedì 27 Giugno 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Giuliana Franchini, psicologa psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene.
Giuseppe Maiolo,  psicoanalista junghiano, scrittore e giornalista, si occupa di formazione dei genitori e di clinica dell’adolescente.
Officina del Benessere, Puegnago tel. 0365 651827
Longavina verso sera

Longavina verso sera

di Gianfranco Fenoli



26.06.2019 Gavardo

26.06.2019 Gavardo Valsabbia

25.06.2019 Pertica Bassa Bione Bagolino Pertica Alta

25.06.2019 Salò Garda

25.06.2019 Gavardo

26.06.2019 Valsabbia

25.06.2019 Valsabbia Valtrompia Provincia

26.06.2019 Agnosine

26.06.2019 Val del Chiese Storo

25.06.2019 Valsabbia Garda






26 Marzo 2019, 09.15

Blog - Genitori e figli

Giochi perversi online

di Giuseppe Maiolo
Le prepotenze e le offese sul web aumentano. Aumentano i provocatori e chi si vanta delle proprie azioni perché la rete può ripagare in popolarità con i “like”, che possono anche rendere dal punto di vista economico  

Proliferano i giochi perversi che si “inventano” in Internet e che ruotano attorno al sesso e alle immagini morbose di una sessualità messa in pubblico senza riserbo e autorizzazione. 
 
Il sexting è uno di questi. Un gioco tristemente famoso che i ragazzini, ma anche gli adulti, praticano scambiando materiale multimediale erotico intimo e privato. Un gioco estremamente pericoloso per l’uso che ne può fare chi riceve queste foto o video, dove il divertimento consiste nel vedere le reazioni a questo materiale provocante senza immaginare il danno che può arrecare. Soprattutto se a riceverlo è chi non lo desidera o un minore che non è pronto a vedere scene di sesso hard. 
 
Diffuso tra gli adolescenti, che già a partire dagli 11-12 anni si divertono a farsi selfie in pose intime o nudi per lasciarle poi girare senza preoccupazione, il sexting è pericoloso perché le foto dei minori possono servire ad alimentare il mercato pedopornografico.
 
I teenager non sanno del rischio perché nessuno glielo ha spiegato. Non conoscono il pericolo perché gli adulti tollerano questo gioco dicendo che in fondo è una “ragazzata” e non lo sanzionano né controllano quello che essi postano sui social più in voga, dove è in uso far girare tra gli “amici” materiale intimo e provocatorio, di grande interesse per i nuovi pedofili.
 
Ed è altrettanto perverso il Revenge porn, ovvero la “rivendicazione pornografica”che è azione gravemente offensiva praticata dagli adolescenti e dai giovani adulti quando una relazione tra due partner finisce. È la pratica violenta di uno che consiste nel far girare, per rabbia o vendetta, immagini intime della persona a cui in passato si era legati e di cui ora si vuole distruggere la reputazione.
 
Ed è ingannevole e mostruosamente crudele il Pull a pig game, il gioco dell’imbrogliare il maiale, dove per maiale si intende una ragazza piuttosto in carne e brutta che viene adescata con l’inganno di un corteggiamento falso e persecutorio. 
Uno scherzo di una cattiveria indicibile che umilia e devasta la vittima nel momento in cui questa scopre che il bullo l’ha presa in giro on line facendole credere altro e che, nell’incontro reale,invece tenta anche di esercitarle violenza sessuale.
 
Per proteggerli questi minori che non conoscono i rischi derivanti dall’uso imprudente della tecnologia, è  necessario puntare su legami di fiducia tra adulti e adolescenti, in modo che questi ultimi sappiano chiedere aiuto quando ne hanno bisogno.
 
I bambini poi vanno educati precocemente ad un uso attento degli strumenti e scoraggiati con fermezza nella diffusione di immagini, video e informazioni personali. Poi quello che conta è l’esempio, soprattutto quello di evitare di postare continuamente immagini dei propri figli on line.
 
È necessario educarli alla sessualità fin da piccoli e coniugare questa con l’educazione alle emozioni e ai sentimenti, al rispetto di se stessi e degli altri. Infine, per contenere quel bisogno acuto di visibilità che hanno i teenager soprattutto quando si sentono in balia delle ansie e delle preoccupazioni per la crescita, vanno riconosciuti e pensati. Più non sono presenti nei pensieri degli adulti di riferimento e più si smarriscono.
 
Giuseppe Maiolo
Università di Trento
www.officina-benessere.it 
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
18/11/2018 08:00:00
Madri che uccidono Uccidere i figli e togliersi la vita è un gesto che ti appare mostruoso, inconcepibile, innaturale e contrario all’idea che abbiamo delle madri che i figli li mettono al mondo e li fanno crescere.

07/10/2018 08:00:00
Genitori separati e affido dei figli. Ma quale riforma?
Ci siamo abituati, negli anni scorsi, ai bambini con la valigia sempre pronta, usata non per fare vacanza quanto, piuttosto, per andare da casa della mamma a quella del papà e viceversa


16/04/2018 10:30:00
A quale età il cellulare? La domanda più insistente che oggi si fanno i genitori è relativa all’età in cui è più giusto dare lo smartphone ai figli. Una questione assai dibattuta anche da pediatri e psicologi e non ancora risolta perché non vi sono linee guida precise e definite.

15/07/2018 08:00:00
Mancanza di educazione? Si dice che i bambini e gli adolescenti di oggi usino ormai comunemente un linguaggio da postribolo 

10/03/2019 14:27:00
Il cyberbullismo non è un gioco
Le prepotenze e le aggressioni, le derisioni e le minacce che si sviluppano grazie alle nuove tecnologie di comunicazione sono comportamenti ancora poco conosciuti




Altre da Genitori e Figli
24/06/2019

WhatsApp, adescamento e pedopornografia

Stiamo perdendo la percezione del rischio. I bambini e gli adolescenti ne hanno poca o niente, ma questo è fisiologico. Gli adulti, invece, se poco competenti sulle nuove tecnologie digitali, sembrano sottovalutare i pericoli provenienti anche dall’utilizzo di un sistema di messaggistica come quello di WhatsApp, considerato sicuro

16/06/2019

Educare al fallimento

Tempo di bilanci per la scuola. Ma anche tempo di sofferenze per chi si aspettava risultati diversi, per chi ha debiti formativi da recuperare o addirittura viene bocciato.

10/06/2019

La disperazione infinita di Noa

Il gesto di Noa turba e sconvolge la coscienza collettiva. Genera sempre un’angoscia infinita la morte precoce di un adolescente, soprattutto quando si tratta di suicidio e nasce dalla caparbia determinazione di una ragazzina di 17 anni che ha rincorso da tempo il suo progetto

03/06/2019

Nuovi adolescenti, la comunicazione del dolore

“La nostra gioventù ama il lusso, è maleducata, se ne infischia dell’autorità e non ha rispetto per gli anziani”. Sembra uno di quei giudizi che pronunciamo un po’ tutti ogni qualvolta incontriamo adolescenti maleducati e offensivi. Invece questa frase la scriveva Socrate nel 470 a. C.

27/05/2019

Che bello lo sballo!

Se c’è una paura che hanno oggi i ragazzi è quella di essere vulnerabili. Non fragili, perché si sentono supereroi, ma deboli e incapaci di farcela, ad esempio nei confronti di un dolore

20/05/2019

Challenge. Le nuove sfide degli adolescenti

Le sfide fanno parte del nostro tempo. E non sono una novità, anzi. Ma adesso stanno diventando una moda che coinvolge un po’ tutti, grandi e piccini, e in particolare gli adolescenti.

07/05/2019

Manduria, adolescenti feroci e cultura della violenza

Un fatto incredibile, che sembra puntare i riflettori sull’adolescenza di oggi priva di senso morale, la quale per noia o divertimento esercita violenza sui più deboli e sugli indifesi

29/04/2019

OMS, linee guida per l'infanzia

Non è una novità dire che la tecnologia avanzata di questo nuovo millennio sta condizionando il benessere psicofisico soprattutto dei bambini. A rimarcare questi aspetti, per certi versi preoccupanti, sono uscite da qualche giorno le linee guida dell’Organizzazione mondiale della Sanità dedicate all’infanzia tra 0 e 5 anni.

21/04/2019

Identità e tecno-dipendenze nei nuovi adolescenti

Quando parlo con i ragazzi che incontro un po’ ovunque e mentre ascolto per motivi diversi i nuovi adolescenti che adesso chiamiamo “face down generation”, cioè generazione china sullo smartphone, mi capita spesso di chiedermi dove sta di casa la loro identità

15/04/2019

Comunicazione digitale e mondo capovolto

Il grande sviluppo della tecnologia che stiamo vivendo è rivoluzionaria perché ci fa intravvedere sconfinati orizzonti e ci offre una strana sensazione di onnipotenza

Eventi

<<Giugno 2019>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia