Skin ADV
Lunedì 22 Aprile 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Giuliana Franchini, psicologa psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene.
Giuseppe Maiolo,  psicoanalista junghiano, scrittore e giornalista, si occupa di formazione dei genitori e di clinica dell’adolescente.
Officina del Benessere, Puegnago tel. 0365 651827


20.04.2019

20.04.2019 Idro Vallio Terme

20.04.2019

21.04.2019 Bagolino

20.04.2019 Garda

20.04.2019 Val del Chiese Storo

20.04.2019 Anfo

21.04.2019

21.04.2019 Villanuova s/C Valsabbia

21.04.2019 Vobarno






26 Marzo 2019, 09.15

Blog - Genitori e figli

Giochi perversi online

di Giuseppe Maiolo
Le prepotenze e le offese sul web aumentano. Aumentano i provocatori e chi si vanta delle proprie azioni perché la rete può ripagare in popolarità con i “like”, che possono anche rendere dal punto di vista economico  

Proliferano i giochi perversi che si “inventano” in Internet e che ruotano attorno al sesso e alle immagini morbose di una sessualità messa in pubblico senza riserbo e autorizzazione. 
 
Il sexting è uno di questi. Un gioco tristemente famoso che i ragazzini, ma anche gli adulti, praticano scambiando materiale multimediale erotico intimo e privato. Un gioco estremamente pericoloso per l’uso che ne può fare chi riceve queste foto o video, dove il divertimento consiste nel vedere le reazioni a questo materiale provocante senza immaginare il danno che può arrecare. Soprattutto se a riceverlo è chi non lo desidera o un minore che non è pronto a vedere scene di sesso hard. 
 
Diffuso tra gli adolescenti, che già a partire dagli 11-12 anni si divertono a farsi selfie in pose intime o nudi per lasciarle poi girare senza preoccupazione, il sexting è pericoloso perché le foto dei minori possono servire ad alimentare il mercato pedopornografico.
 
I teenager non sanno del rischio perché nessuno glielo ha spiegato. Non conoscono il pericolo perché gli adulti tollerano questo gioco dicendo che in fondo è una “ragazzata” e non lo sanzionano né controllano quello che essi postano sui social più in voga, dove è in uso far girare tra gli “amici” materiale intimo e provocatorio, di grande interesse per i nuovi pedofili.
 
Ed è altrettanto perverso il Revenge porn, ovvero la “rivendicazione pornografica”che è azione gravemente offensiva praticata dagli adolescenti e dai giovani adulti quando una relazione tra due partner finisce. È la pratica violenta di uno che consiste nel far girare, per rabbia o vendetta, immagini intime della persona a cui in passato si era legati e di cui ora si vuole distruggere la reputazione.
 
Ed è ingannevole e mostruosamente crudele il Pull a pig game, il gioco dell’imbrogliare il maiale, dove per maiale si intende una ragazza piuttosto in carne e brutta che viene adescata con l’inganno di un corteggiamento falso e persecutorio. 
Uno scherzo di una cattiveria indicibile che umilia e devasta la vittima nel momento in cui questa scopre che il bullo l’ha presa in giro on line facendole credere altro e che, nell’incontro reale,invece tenta anche di esercitarle violenza sessuale.
 
Per proteggerli questi minori che non conoscono i rischi derivanti dall’uso imprudente della tecnologia, è  necessario puntare su legami di fiducia tra adulti e adolescenti, in modo che questi ultimi sappiano chiedere aiuto quando ne hanno bisogno.
 
I bambini poi vanno educati precocemente ad un uso attento degli strumenti e scoraggiati con fermezza nella diffusione di immagini, video e informazioni personali. Poi quello che conta è l’esempio, soprattutto quello di evitare di postare continuamente immagini dei propri figli on line.
 
È necessario educarli alla sessualità fin da piccoli e coniugare questa con l’educazione alle emozioni e ai sentimenti, al rispetto di se stessi e degli altri. Infine, per contenere quel bisogno acuto di visibilità che hanno i teenager soprattutto quando si sentono in balia delle ansie e delle preoccupazioni per la crescita, vanno riconosciuti e pensati. Più non sono presenti nei pensieri degli adulti di riferimento e più si smarriscono.
 
Giuseppe Maiolo
Università di Trento
www.officina-benessere.it 
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
18/11/2018 08:00:00
Madri che uccidono Uccidere i figli e togliersi la vita è un gesto che ti appare mostruoso, inconcepibile, innaturale e contrario all’idea che abbiamo delle madri che i figli li mettono al mondo e li fanno crescere.

07/10/2018 08:00:00
Genitori separati e affido dei figli. Ma quale riforma?
Ci siamo abituati, negli anni scorsi, ai bambini con la valigia sempre pronta, usata non per fare vacanza quanto, piuttosto, per andare da casa della mamma a quella del papà e viceversa


16/04/2018 10:30:00
A quale età il cellulare? La domanda più insistente che oggi si fanno i genitori è relativa all’età in cui è più giusto dare lo smartphone ai figli. Una questione assai dibattuta anche da pediatri e psicologi e non ancora risolta perché non vi sono linee guida precise e definite.

15/07/2018 08:00:00
Mancanza di educazione? Si dice che i bambini e gli adolescenti di oggi usino ormai comunemente un linguaggio da postribolo 

10/03/2019 14:27:00
Il cyberbullismo non è un gioco
Le prepotenze e le aggressioni, le derisioni e le minacce che si sviluppano grazie alle nuove tecnologie di comunicazione sono comportamenti ancora poco conosciuti




Altre da Genitori e Figli
21/04/2019

Identità e tecno-dipendenze nei nuovi adolescenti

Quando parlo con i ragazzi che incontro un po’ ovunque e mentre ascolto per motivi diversi i nuovi adolescenti che adesso chiamiamo “face down generation”, cioè generazione china sullo smartphone, mi capita spesso di chiedermi dove sta di casa la loro identità

15/04/2019

Comunicazione digitale e mondo capovolto

Il grande sviluppo della tecnologia che stiamo vivendo è rivoluzionaria perché ci fa intravvedere sconfinati orizzonti e ci offre una strana sensazione di onnipotenza

08/04/2019

Combattere il revenge porn

Da qualche giorno il revenge porn, la vendetta pornografica, è diventato un reato punibile. La Camera dei deputati, all’unanimità, ha approvato il testo sul Codice rosso e su questa nuova forma di violenza alle donne. Finalmente 

01/04/2019

Intervista ad Alberto Pellai

Alberto Pellai, medico e psicoterapeuta, questo lunedì sera alle ore 20,30 presso la Sala del Consiglio comunale, per il ciclo Genitori in Formazione, affronterà il tema scottante della preadolescenza, epoca complessa e difficile sia per i figli che per i genitori. Gli abbiamo chiesto di anticiparci il suo intervento

31/03/2019

La famiglia adultescente

Al di là delle roboanti attenzioni per la famiglia che animano il dibattito di questi ultimi tempi, la famiglia e le sue funzioni rimangono al centro delle riflessioni da fare, soprattutto per ciò che concerne il progetto educativo e lo sviluppo della società 

17/03/2019

Le emozioni in rete

E’ tempo ormai di domandarsi dove stiano le nostre emozioni quando siamo in rete e come vengono espresse.

10/03/2019

Il cyberbullismo non è un gioco

Le prepotenze e le aggressioni, le derisioni e le minacce che si sviluppano grazie alle nuove tecnologie di comunicazione sono comportamenti ancora poco conosciuti
(1)

04/03/2019

Fare i genitori al tempo dei social

I bambini e gli adolescenti di oggi sono immersi nel mondo tecnologico e vivono come una “doppia vita” che influenza il processo di sviluppo e di individuazione: una reale dove fanno le esperienze comuni e si confrontano con il principio di realtà, e una virtuale che consente altre esperienze e rapporti con se stessi e con gli altri (1)

27/02/2019

Costruire l'umano per combattere il bullismo

Sarebbe bello se le azioni bulle avessero anche una minima motivazione e il bullo o la bulla fossero soggetti riconoscibili a distanza. Dietro molte aggressioni, invece, e dietro la violenza ci sono dinamiche complesse ma spesso prive di una qualche specifica ragione

11/02/2019

Quando il bullismo diventa normale

Ci sono storie che si raccontano e altre, spesso quelle che parlano di prevaricazioni e violenze, che vengono tenute nascoste sotto il velo perverso dell’omertà. VIDEO


Eventi

<<Aprile 2019>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia