Skin ADV
Giovedì 19 Luglio 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE



22 Novembre 2017, 15.30

Blog - Figurine di provincia

Senza categoria

di Luca Rota
Quando le categorie non contano. Potrebbe essere questo lo spot riguardante la “figurina” di questa settimana. Sì, perché fare quello che ha fatto lui, non è roba da tutti, né di bassa categoria. Al massimo di un’altra categoria!

Questa la storia calcistica di Igor Protti, un metro e settanta per sessantacinque chili, ruolo attaccante, segni particolari: grandissimo goleador, a prescindere dalla categoria.

Parte giovanissimo dalla C1 a Rimini, la sua città, ma viene subito adottato dal Livorno (nella stessa categoria), dove resterà per tre stagioni. Lasciati i labronici fa la spola tra Nord (Virescit Bergamo) e Sud (Messina) approdando finalmente in B. Giunge a Bari venticinquenne, ma con quasi già un decennio di carriera tra i professionisti (esordisce a sedici anni), anche se con pochi gol all’attivo. Alla seconda stagione tra le fila dei pugliesi conquista la promozione in A.

Ma il cambio di categoria lo vede far da riserva al “cobra” Tovalieri nella prima stagione nella massima serie. I galletti però mantengono la categoria. Nella seconda un po’ a sorpresa, viene lanciato titolare a fianco del gigante svedese Kenneth Andersson. A fine campionato i pugliesi ritorneranno amaramente in B, ma Protti vincerà la classifica cannonieri ex aequo con Beppe Signori, segnando ben 24 reti! Precedente ancora oggi unico: mai un capocannoniere è appartenuto ad una squadra poi retrocessa.

In estate se lo contendono Inter e Lazio, ma alla fin la spuntano i biancocelesti. Il Bari incassa bene, ma l’idillio tra la punta e i laziali non sembra di quelli fantastici. Così viene girato in prestito al Napoli, dove segna poco, e Bari sembra lontana anni luce. Ritorna alla Lazio in Estate, all’età di 31 anni, ed i capitolini lo “retrocedono” in B alla Reggiana, dove gioca una buona stagione, anche se sempre lontano dai livelli espressi in Puglia.

Ecco però che allo scoccare dei 33 anni, età nella quale di solito i calciatori iniziano a pensare al ritiro (almeno in quegli anni era così), “lo Zar” decide di ritornare dove appena ventenne era avvenuta la sua maturazione calcistica. Così “retrocede” (stavolta da solo) in C1 per scelta, ritornando Livorno, che da sempre gli è rimasta nel cuore.

Con gli amaranto vince per due stagioni consecutive la classifica dei marcatori (20 e 27 gol) riportandoli in B dopo un trentennio. L’anno successivo è principe dei marcatori anche nella serie cadetta (23 gol), stabilendo così un record condiviso col solo Dario Hubner: capocannoniere di tutte e tre le serie professionistiche.

La sua sembra sul serio una seconda giovinezza. Dopo tanta gioventù tra C e B, a 37 anni suonati Protti non pensa minimamente al ritiro, ed anzi, in coppia con Cristiano Lucarelli (anch’esso figlio, ma “legittimo”, della città amaranto), riporta il Livorno in A dopo mezzo secolo abbondante. A fine stagione i suoi gol saranno 24, che sommati ai 29 del compagno di reparto, rappresenteranno uno score impressionante per la categoria e non solo.

Ritorna così in A
“con le sue gambe”, ma soprattutto con i suoi gol, lì dove l’ultima volta aveva giocato sei anni addietro in maglia biancoceleste; e lo fa dopo un lungo peregrinare tra B e C, fatto di tantissimi gol e di emozioni forti (la doppia promozione del suo Livorno resterà storica). Decide che può bastare così, ed a fine stagione dopo sei marcature, città e tifosi gli tributano un glorioso addio, dopo vent’anni di reti gonfiate in tutte le categorie professionistiche. Forse troppa poca A per uno come lui, ma va bene così, perché Protti è uno che non fa drammi. Lui fa gol, qualunque sia la categoria. Lui è oltre, un senza categoria.

Addirittura il Livorno ritira la sua numero 10, ma lo Zar generosamente la consegna a Tavano due stagioni dopo. Ad oggi ha smesso di fare gol per fare il dirigente. Non ci vuole troppa fantasia per immaginare dove, da due stagioni, operi come club manager; a Livorno, in Lega Pro (l’odierna C1), dove una città intera spera che ricompia il miracolo.
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
17/03/2018 08:24:00
Made in Italy C’era una volta, ma nemmeno tanto tempo fa, una squadra orbitante tra la A e la B che vantava una curiosa particolarità, veramente in controtendenza coi dettami del calcio moderno

17/12/2017 16:15:00
Il ritardatario Da piccolo sfogliando l’album delle figurine, arrivato nella sezione dedicata alla Serie B, subito risaltavano ai miei occhi due nomi...

01/04/2018 09:00:00
Vite spericolate Tre uomini e la droga. Le figurine di oggi hanno in comune proprio ciò che li ha rovinati. Tre ruoli diversi, tre ottimi calciatori, tre persone in difficoltà, nonostante le vite apparentemente scevre di problemi, che si pensa possano appartenere a dei calciatori professionisti

03/11/2017 13:37:00
L'uomo della trequarti Anni Novanta, primi anni Novanta. I gloriosi Anni Novanta del calcio italiano...

17/06/2018 06:06:00
Il Catania “argentino” C’è un filo conduttore che lega il Catania alla serie in A, sin dal suo ritorno nel 2006 fino alla retrocessione del 2014




Altre da Blog - Figurine di provincia
17/06/2018

Il Catania "argentino"

C’è un filo conduttore che lega il Catania alla serie in A, sin dal suo ritorno nel 2006 fino alla retrocessione del 2014


04/06/2018

Il dandy

Classe, talento, grinta, dribbling e corsa. Aggiungici la voglia di emergere e una sicurezza nei propri mezzi da fare invidia ai più grandi, ed ecco servito il giusto mix: Gianluigi Lentini 

22/05/2018

Un grande capitano

Breve storia sportiva, quella di una provincia calcistica un tempo gloriosa e vincente, poi d’un tratto sprofondata tra gli abissi 

03/05/2018

Lo specialista

Ogni categoria nasconde delle insidie, e l’attuale Lega Pro, un tempo divisa tra serie C1 e C2, ne nascondeva parecchie. Campi pesanti, gioco duro e marcature asfissianti, dove spesso gente provvista di buona tecnica trovava difficoltà enormi nell’emergere e squadre molto tecniche non andavano oltre gli applausi, con i risultati a premiare altre più fisiche 

19/04/2018

Le petit Zidane

Classe, eleganza, movimenti e giocate da predestinato. Un trequartista. Mourad Meghni la Francia la lascia giovanissimo, direzione Emilia, dove conosce la serie A vestendo il rossoblu bolognese

08/04/2018

Il toro di Sora

Napoli e il sole della stupenda Campania; Afragola per togliersi i denti da latte e “sconfinare”, in quel di Sora. Un amore, un rapporto indissolubile tra una città ed un uomo. Lui è Pasquale Luiso, professione centravanti

01/04/2018

Vite spericolate

Tre uomini e la droga. Le figurine di oggi hanno in comune proprio ciò che li ha rovinati. Tre ruoli diversi, tre ottimi calciatori, tre persone in difficoltà, nonostante le vite apparentemente scevre di problemi, che si pensa possano appartenere a dei calciatori professionisti

17/03/2018

Made in Italy

C’era una volta, ma nemmeno tanto tempo fa, una squadra orbitante tra la A e la B che vantava una curiosa particolarità, veramente in controtendenza coi dettami del calcio moderno

08/03/2018

Mario Frick

Ve lo immaginate Totti che, per continuare a dare una mano alla causa azzurra, decide di arretrare a giocare in difesa? O ve lo immaginate Del Piero che, in un’ipotetica Italia in difficoltà, si posizioni al centro del reparto difensivo per rassicurare le sorti, in quanto uomo più carismatico? 

01/03/2018

Capitano tuttofare

Ogni storia calcistica ha un percorso a sé, e ogni carriera vive i suoi alti e bassi. Quelle di Marco Rossi e del Genoa hanno in comune molte similarità, essendo due storie di risalita, di duttilità… e di corsa

Eventi

<<Luglio 2018>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia