17 Dicembre 2017, 16.15
Blog - Figurine di provincia

Il ritardatario

di Luca Rota

Da piccolo sfogliando l’album delle figurine, arrivato nella sezione dedicata alla Serie B, subito risaltavano ai miei occhi due nomi...


Da piccolo,
sfogliando l’album delle figurine, arrivato nella sezione dedicata alla Serie B, subito risaltavano ai miei occhi due nomi. Il primo era quello di Oliver Bierhoff, punta tedesca dell’Ascoli (poi di Udinese e Milan), divenuto famoso per il golden gol nella finale Europea del ‘96. Il secondo, a mia opinione “straniero”, era Dario Hübner, centravanti del Cesena e goleador onnipresente nella classifica dei cannonieri.

I due nomi risaltavano proprio perché ai tempi, non era possibile per le squadre cadette, acquistare calciatori stranieri. Se la presenza di Bierhoff era dovuta al fatto che in B vi era retrocesso la stagione precedente con i marchigiani, quella di Hübner invece, era dovuta al fatto che italiano lo era al 100%, per la precisione triestino, con trascorsi in C a Fano dove si era persino laureato capocannoniere.

Approda in Romagna già venticinquenne, e vi trascorre un buon quinquennio che lo vede andare sempre in doppia cifra. Nella stagione 95/96 riesce addirittura a bissare quanto già fatto a Fano, laureandosi principe dei marcatori della B con 22 reti. Sembrerebbe si tratti di un buon e prolifico centravanti di categoria, destinato ad una tranquilla pensione tra i cadetti e niente più.

Al termine della stagione successiva però, il Bisonte (soprannome guadagnato proprio ai tempi del Fano) si ritrova ad un bivio, quando il suo Cesena retrocede amaramente in C. O è la svolta della sua carriera, o l’inizio del declino per chi ormai lo identifica solo col bianconero romagnolo.

Succede così che a Settembre, nella prima giornata di A, lo troviamo titolare con la maglia del Brescia a San Siro, contro l’Inter di Ronaldo. Si tratta del suo esordio. Hübner ha trent’anni e va subito in gol (soltanto la spettacolare doppietta di Recoba nei minuti finali gli negherà la gloria). A fine stagione le sue marcature saranno 16, ma le rondinelle ritorneranno in B. Lui però non esiterà a seguirle, riportandole nella massima Serie a suon di gol. Il suo premio, oltre alla promozione, sarà quello di giocare in coppia con Roberto Baggio nella stagione 2000/2001.

Gli anni nel frattempo sono diventati 33, mentre lui sulle spalle porta la numero 29, ed in campo fa a spallate coi marcatori più temuti di A ed Europa, guadagnandosi a pieno merito la loro stima. Due anni più tardi vincerà la classifica dei marcatori (segnando 24 reti) a pari merito con Trezeguet. La differenza tra i due però, la fanno le squadre di appartenenza. Lui segna per il Piacenza (quello tutto italiano), dove si è trasferito dopo la parentesi bresciana, mentre il francese è la punta di diamante della corazzata Juve. Fate un po’ voi.

Diventa così insieme ad Igor Protti, l’unico calciatore ad aver vinto la classifica dei cannonieri di tutte e tre le serie professionistiche italiane. Hübner è un bomber di razza, spietato sottoporta e affidabile nelle situazioni più difficili. Uno al quale nessun allenatore ha mai potuto negare “grappino e sigaretta prima di ogni match” (la confessione è di Andrea Agostinelli che lo ha allenato proprio a Piacenza).

Il Bisonte diventa così dopo Cesena e Brescia, l’idolo della tifoseria piacentina, ed il titolo di re dei cannonieri gli vale il pass per la tournée estiva negli States col Milan di Ancelotti. L’anno successivo ne farà altri 14, ma gli emiliani retrocederanno, nonostante con tale cifra lui diventi il marcatore più prolifico di sempre della loro storia.

Gli ultimi gol
nella massima Serie li segna a Perugia, a trentasette anni, dopo un semestre a secco nell’Ancona. A fine stagione gli umbri retrocederanno, e lui deciderà di tornare alle origini, in C, per riportare nella serie cadetta l’ambizioso Mantova. In seguito continuerà a segnare, anche se nelle serie dilettantistiche, dove a quarantaquattro anni, sempre da buon ritardatario, dirà basta.

Mica poco
per uno che, nonostante gli approdi in ritardo, ha sempre fatto più che bene quello che sapeva fare meglio: i gol. Perché Dario Hübner è stato un attaccante di quelli che vedono la porta come pochi. Un ritardatario certo, ma col vizio del gol.. e del grappino (con annessa sigaretta) pre-partita, che magari non sarà salutare per quel concerne l’attività agonistica, ma se il risultato sono oltre trecento gol nelle serie professionistiche, beh fate un po’ voi.


Aggiungi commento:
Vedi anche
04/06/2019 15:22

Tir Figurine di Provincia continua il suo viaggio nel “Made in Sud”, attraversando la penisola e raccontando storie.

22/10/2018 09:07

Ultime bandiere (pt.2) Dalla C2 alla A, poi l'Europa League. Sempre di corsa, tra una chiusura e l'altra, una verticalizzazione o un alleggerimento 

03/08/2019 07:37

Guerrieri (pt. 4) Il filone dei “guerrieri” prosegue, dedicandosi al ricordo di chi non c’è più, ma ha scritto importanti pagine del calcio di provincia

17/03/2018 08:24

Made in Italy C’era una volta, ma nemmeno tanto tempo fa, una squadra orbitante tra la A e la B che vantava una curiosa particolarità, veramente in controtendenza coi dettami del calcio moderno

01/04/2018 09:00

Vite spericolate Tre uomini e la droga. Le figurine di oggi hanno in comune proprio ciò che li ha rovinati. Tre ruoli diversi, tre ottimi calciatori, tre persone in difficoltà, nonostante le vite apparentemente scevre di problemi, che si pensa possano appartenere a dei calciatori professionisti



Altre da Blog - Figurine di provincia
30/12/2020

Il primo dei numeri uno

Ci si avvia alla conclusione di questo 2020 che definire "particolare" sarebbe riduttivo. Ragion per cui non lo definiremo, limitandoci a continuare il nostro giro per il rettangolo di gioco che da un po’ di tempo ci vede impegnati a difesa dei pali

16/12/2020

Il nonno

Quando si parla di portieri, che si tratti di “numeri uno, dodici o ventidue”, essi hanno in comune quasi sempre lo stesso destino: esordire da numeri uno, proseguire da tali (o finire in panchina) e concludere in età avanzata da dodicesimi o ventiduesimi

29/11/2020

L'eterno difensore

Dalla trequarti alla difesa, ci ritroviamo in mezzo ai pali, nel tempio dei “numeri uno, dodici e ventidue”, gli estremi difensori, ultimi baluardi eretti a difesa del risultato, spesso e volentieri decisivi come i grandi bomber

15/11/2020

La freccia sarda

Con oggi si conclude la nostra esperienza in giro per il rettangolo di gioco, che dopo attacco, trequarti e centrocampo ci ha visto retrocedere in difesa, tra laterali e centrali. Prossima tappa sarà in mezzo ai pali

19/10/2020

Il marcatore

“In principio furono terzini”, questo lo sappiamo già, mentre in seguito si spostarono sulle fasce, lasciando in mezzo stopper e libero

07/10/2020

Il pendolino David

Oggi retrocediamo ulteriormente - non di categoria, s’intende - abbandonando la mediana per addentrarci nel luogo di lotta per eccellenza: la difesa

24/09/2020

Il quasi Real

Ultimo appuntamento con le “storie dalla mediana”, prima di indietreggiare ancora e scandagliare le retrovie, lì da dove oggi parte il gioco, e dove da sempre si lotta, si sgomita e si difende

12/09/2020

L'instancabile

Proseguendo con le “storie dalla mediana”, oggi è la volta di spostarci sull’esterno, ruolo di fatica e di raccordo, spesso punto nevralgico del gioco e teatro di duelli memorabili

27/08/2020

Il Sindaco

Dalla trequarti retrocediamo di qualche metro, tra costruttori e distruttori di gioco, faticatori, incursori, motorini di fascia e metronomi infallibili. Oggi e per i prossimi incontri, parleremo di “storie dalla mediana”

07/08/2020

Ricky

L’ultimo appuntamento con “la fantasia al comando” ci porta in direzione Cremona, dove con la figurina in questione salutiamo il vecchio regista, quello col dieci sulle spalle, per spostarci qualche metro più indietro tra faticatori, incursori, costruttori e distruttori di gioco