16 Dicembre 2020, 15.39
Blog - Figurine di Provincia

Il nonno

di Luca Rota

Quando si parla di portieri, che si tratti di “numeri uno, dodici o ventidue”, essi hanno in comune quasi sempre lo stesso destino: esordire da numeri uno, proseguire da tali (o finire in panchina) e concludere in età avanzata da dodicesimi o ventiduesimi


Alberto “Jimmy” Fontana e la sua carriera ventennale, hanno attraversato ben due decadi di calcio italiano, svariando dalla provincia alle Coppe europee, passando dagli esordi di fine anni Ottanta fino al ritiro alle soglie del primo decennio dei Duemila.

Tra Cesena, Bari e Bergamo trascorre i suoi anni Novanta, facendo la spola tra la A e la cadetteria restando negli annali delle tre società, per poi ad inizio Duemila vestire il nerazzurro dell’Inter, per fare da secondo a Toldo. Qui esordisce in Champions e gioca qualche match importante quando chiamato in causa.

Lasciata Milano si rimetterà in gioco, ritornando ad indossare la numero uno a difesa dei pali del Chievo, anche se per una sola stagione. Coi clivensi raggiungerà un importante piazzamento, qualificandosi per l’Europa League, ma quando il rinnovo non avrà luogo, tutti pensano a quella che sembrerebbe un’onesta e conquistata pensione.

Succede però che un ambizioso Palermo, in cerca di un dodicesimo di sicuro affidamento, lo porti in Sicilia, e complici le indecisioni del giovane titolare, gli concederà due favolose stagioni da protagonista in mezzo ai pali, sia in campionato che in Europa, mettendosi ancora una volta in evidenza come uno dei migliori portieri in circolazione.
La carta d’identità nel frattempo, dice quaranta alla voce “anni”.

Così nonostante “Jimmy” - chiamato così per l’omonimia col cantante Jimmy Fontana - non sia il più anziano ad aver giocato in A, finisce col guadagnarsi il soprannome di “Nonno”, aprendo la strada a quella che diventerà una nuova consuetudine delle squadre di A: affidarsi a portieri esperti senza ritenerli bolliti, spesso a scapito di profili più giovani.

Lascerà Palermo ed il calcio giocato, quando le sue primavere (quarantadue) supereranno di gran lunga le sue motivazioni, lasciando però un ricordo indelebile in chi l’ha visto volare tra i pali, sempre e da sempre con l’agilità di un ragazzino e la fermezza di un veterano.


Aggiungi commento:
Vedi anche
01/04/2018 09:00

Vite spericolate Tre uomini e la droga. Le figurine di oggi hanno in comune proprio ciò che li ha rovinati. Tre ruoli diversi, tre ottimi calciatori, tre persone in difficoltà, nonostante le vite apparentemente scevre di problemi, che si pensa possano appartenere a dei calciatori professionisti

30/01/2019 08:00

El goleador Marcelo Alejandro Otero arriva a Vicenza nell'estate del 1995. In patria nel Penarol ha fatto bene, ma si sa che l'Italia e la serie A sono tutt'altra cosa

31/12/2017 08:00

Non un «uno» qualunque Palermo-Milano solo andata. Non è il titolo del celebre film di Claudio Fragrasso, ma la sintesi dell’adolescenza calcistica di Massimo Taibi

27/06/2019 08:47

Guerrieri (pt. 1) Ci sono storie sportive che narrano gesta favolose e ci ricordano a volte, che questo sport non è fatto solo di soldi. Questa nuova meta-rubrica ci parla di “guerrieri” e delle loro parabole, purtroppo non sempre a lieto fine

04/06/2019 15:22

Tir Figurine di Provincia continua il suo viaggio nel “Made in Sud”, attraversando la penisola e raccontando storie.



Altre da Blog - Figurine di provincia
30/12/2020

Il primo dei numeri uno

Ci si avvia alla conclusione di questo 2020 che definire "particolare" sarebbe riduttivo. Ragion per cui non lo definiremo, limitandoci a continuare il nostro giro per il rettangolo di gioco che da un po’ di tempo ci vede impegnati a difesa dei pali

29/11/2020

L'eterno difensore

Dalla trequarti alla difesa, ci ritroviamo in mezzo ai pali, nel tempio dei “numeri uno, dodici e ventidue”, gli estremi difensori, ultimi baluardi eretti a difesa del risultato, spesso e volentieri decisivi come i grandi bomber

15/11/2020

La freccia sarda

Con oggi si conclude la nostra esperienza in giro per il rettangolo di gioco, che dopo attacco, trequarti e centrocampo ci ha visto retrocedere in difesa, tra laterali e centrali. Prossima tappa sarà in mezzo ai pali

19/10/2020

Il marcatore

“In principio furono terzini”, questo lo sappiamo già, mentre in seguito si spostarono sulle fasce, lasciando in mezzo stopper e libero

07/10/2020

Il pendolino David

Oggi retrocediamo ulteriormente - non di categoria, s’intende - abbandonando la mediana per addentrarci nel luogo di lotta per eccellenza: la difesa

24/09/2020

Il quasi Real

Ultimo appuntamento con le “storie dalla mediana”, prima di indietreggiare ancora e scandagliare le retrovie, lì da dove oggi parte il gioco, e dove da sempre si lotta, si sgomita e si difende

12/09/2020

L'instancabile

Proseguendo con le “storie dalla mediana”, oggi è la volta di spostarci sull’esterno, ruolo di fatica e di raccordo, spesso punto nevralgico del gioco e teatro di duelli memorabili

27/08/2020

Il Sindaco

Dalla trequarti retrocediamo di qualche metro, tra costruttori e distruttori di gioco, faticatori, incursori, motorini di fascia e metronomi infallibili. Oggi e per i prossimi incontri, parleremo di “storie dalla mediana”

07/08/2020

Ricky

L’ultimo appuntamento con “la fantasia al comando” ci porta in direzione Cremona, dove con la figurina in questione salutiamo il vecchio regista, quello col dieci sulle spalle, per spostarci qualche metro più indietro tra faticatori, incursori, costruttori e distruttori di gioco

17/07/2020

Il suo piede sinistro

C’è un bellissimo film di Jim Sheridan, “Il mio piede sinistro”, incentrato sulla vita del pittore Christy Brown, che col solo ausilio del piede sinistro dipinse opere sublimi