Skin ADV
Mercoledì 17 Ottobre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE



08 Marzo 2018, 07.15

Blog - Figurine di provincia

Mario Frick

di Luca Rota
Ve lo immaginate Totti che, per continuare a dare una mano alla causa azzurra, decide di arretrare a giocare in difesa? O ve lo immaginate Del Piero che, in un’ipotetica Italia in difficoltà, si posizioni al centro del reparto difensivo per rassicurare le sorti, in quanto uomo più carismatico? 

Mario Frick questo lo ha fatto. Voi direte, facile farlo per uno che si chiama così. Aspetta, come hai detto che si chiama? Frick, Mario Frick, svizzero naturalizzato liechtensteinese, seconda punta moderna, di quelle che si sacrificano e lasciano segnare i compagni di reparto, ma che all’occorrenza i gol li sanno fare.  
 
Parte dall’amato Balzers, nelle leghe minori svizzere, prima di farsi notare in alto e raggiungere il massimo campionato elvetico. Dopo sei stagioni tra San Gallo, Basilea e Zurigo, nel 2000 lo acquista l’Arezzo, e subito dimostra di avere buona confidenza col gol mettendone a segno ben 17. Ma si tratta di C1 (l’attuale Lega Pro), servirebbe ben altro, direte (sempre) voi. 
 
Così l’anno seguente va al Verona in A, dove si abbassa il suo score realizzativo (conclude l’annata con 7 ottime marcature), ma non la qualità delle sue prestazioni. In tutto ciò è impossibile non parlare della sua nazionale, quel piccolo Liechtenstein ricca patria di banche e grandi capitali, ma minuscola provincia calcistica europea. Di questa compagine Mario è capitano e uomo simbolo, e col passare degli anni ne diventerà top scorer e recordman di presenze.
 
Dopo Verona, quattro bellissime stagioni a Terni in B, dove segna e convince, ma soprattutto dove fa di tutto per restare, perché lì sta bene e non vuole cedere alle lusinghe di altri club. Sarà poi Siena ad accoglierlo a braccia aperte, e per ben tre stagioni ripagherà come sempre la fiducia assegnatagli. 
 
Il ritorno in Svizzera è roba da nostalgici, quando le 35 primavere risuonano imperterrite, ma si sente ancora il bisogno di dire qualcosa. San Gallo, poi Grassophers e infine il ritorno nella sua Blazers, lì dove vent’anni prima (nel 1993) aveva anche esordito in nazionale. Lì dove continua per altre quattro stagioni, prima di dire addio al calcio giocato, a 41 anni suonati, per sedersi in panchina, sulla sua panchina.
Il tutto dopo 125 presenze e 16 reti con la maglia del suo Liechtenstein, dove negli ultimi anni di carriera, non ha esitato ad arretrare in difesa pur di dare una mano ai colori che ha sempre amato ed onorato. 
Ripeto, ce li vedete Totti e Del Piero arretrare a giocare in difesa per dare una mano ai colori azzurri? In Liechtenstein più o meno è avvenuta la stessa cosa. Lì, però, sul serio. 
 
 
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
17/12/2017 16:15:00
Il ritardatario Da piccolo sfogliando l’album delle figurine, arrivato nella sezione dedicata alla Serie B, subito risaltavano ai miei occhi due nomi...

01/04/2018 09:00:00
Vite spericolate Tre uomini e la droga. Le figurine di oggi hanno in comune proprio ciò che li ha rovinati. Tre ruoli diversi, tre ottimi calciatori, tre persone in difficoltà, nonostante le vite apparentemente scevre di problemi, che si pensa possano appartenere a dei calciatori professionisti

17/03/2018 08:24:00
Made in Italy C’era una volta, ma nemmeno tanto tempo fa, una squadra orbitante tra la A e la B che vantava una curiosa particolarità, veramente in controtendenza coi dettami del calcio moderno

31/12/2017 08:00:00
Non un «uno» qualunque Palermo-Milano solo andata. Non è il titolo del celebre film di Claudio Fragrasso, ma la sintesi dell’adolescenza calcistica di Massimo Taibi

05/10/2018 10:02:00
Il pescatore di assist Ighli Vannucchi da Prato ha vent'anni quando la Lucchese gli affida le chiavi del centrocampo. Gioca tra le linee, in quel ruolo che già da un po' si chiama trequartista (o mezzapunta)



Altre da Blog - Figurine di provincia
13/10/2018

Ultime bandiere (pt.1)

Dei record gli interessa poco. Salvare il suo Chievo è sempre stata la sua missione. Come quando non ci riuscì nel 2007, e l'anno seguente lo riportò in A segnando 22 reti (suo record personale). Oppure quando insieme andarono in Europa League, e poi addirittura ai preliminari di Champions!

05/10/2018

Il pescatore di assist

Ighli Vannucchi da Prato ha vent'anni quando la Lucchese gli affida le chiavi del centrocampo. Gioca tra le linee, in quel ruolo che già da un po' si chiama trequartista (o mezzapunta)

25/09/2018

Lamberto Zauli

Immaginate un atleta di quasi un metro e novanta per novanta chili. Immaginatelo mentre si muove in mezzo al campo, tra le linee, con la leggiadria di un mingherlino qualunque, dispensando assist e segnando gol importanti.

12/09/2018

Italiani a Malta

Negli ultimi tempi è diventata famosa per le controversie "portuali" con il nostro Paese, ma Malta e la sua Premier League ospitano da diverse stagioni una nutrita flotta di calciatori italiani

17/08/2018

L'altro Pippo

Negli anni Novanta al solo pronunciar il nome Pippo, tutti pensavano ad Inzaghi. Caspita, chi non avrebbe pensato a Pippo Inzaghi, in arte Super Pippo! Di Pippo però, a differenza della mamma, non ce n'è uno solo...

25/07/2018

Un americano a Padova

Se si parla di "Un americano a Roma", subito ci viene in mente l'Alberto Sordi del celebre film di Steno. Se invece il tipo a stelle e strisce si trova "a Parigi", l'attenzione di colpo cadrà sul musical di Vincent Minnelli. Quando invece si tratta di un americano a Padova… 

17/06/2018

Il Catania "argentino"

C’è un filo conduttore che lega il Catania alla serie in A, sin dal suo ritorno nel 2006 fino alla retrocessione del 2014


04/06/2018

Il dandy

Classe, talento, grinta, dribbling e corsa. Aggiungici la voglia di emergere e una sicurezza nei propri mezzi da fare invidia ai più grandi, ed ecco servito il giusto mix: Gianluigi Lentini 

22/05/2018

Un grande capitano

Breve storia sportiva, quella di una provincia calcistica un tempo gloriosa e vincente, poi d’un tratto sprofondata tra gli abissi 

03/05/2018

Lo specialista

Ogni categoria nasconde delle insidie, e l’attuale Lega Pro, un tempo divisa tra serie C1 e C2, ne nascondeva parecchie. Campi pesanti, gioco duro e marcature asfissianti, dove spesso gente provvista di buona tecnica trovava difficoltà enormi nell’emergere e squadre molto tecniche non andavano oltre gli applausi, con i risultati a premiare altre più fisiche 

Eventi

<<Ottobre 2018>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia