Skin ADV
Giovedì 20 Giugno 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE



04 Giugno 2018, 09.25

Blog - Figurine di provincia

Il dandy

di Luca Rota
Classe, talento, grinta, dribbling e corsa. Aggiungici la voglia di emergere e una sicurezza nei propri mezzi da fare invidia ai più grandi, ed ecco servito il giusto mix: Gianluigi Lentini 

Ala destra nata e cresciuta sotto la guida di Mondonico, diventa grande al Torino per poi finire al Milan di Berlusconi, non senza polemiche. 
Quel trasferimento record per i tempi, vide entrare nelle casse granata diciotto miliardi di lire, più altri dieci (come proverà la magistratura) in nero. In aggiunta per lui - amante della bella vita - oltre ad un lauto contratto, una sfavillante Porsche gialla.
 
Il Milan e la Nazionale sono suoi, ed anche il futuro sembra non essere lontano. 
 
Nell’agosto del ’93, però, il destino arriva a fargli visita; Lentini sbanda a 200 km/h in autostrada -  complice un ruotino non proprio adatto alla corsa su strada - restando miracolosamente vivo, ma subendo seri danni che ne comprometteranno stagione e carriera. 
Rientrerà in tempo per il finale di stagione, ma non ritroverà più il suo posto da titolare. Mondonico lo chiama all’Atalanta, dove approda nel ‘96, dando quasi l’impressione di essere ritornato quello di un tempo. Poi il ritorno al Torino, appena risalito dalla B, dove rimane per altre tre stagioni.
Purtroppo per lui non sarà più la stessa cosa. 
 
A trentadue anni decide di accettare l’offerta del Cosenza in B, che nell’entusiasmo più totale lo accoglie consegnandogli la fascia di capitano e il cuore di un’intera città. Nella città bruzia Lentini tornerà ad essere leader, sfiorando prima la promozione in A, e l’anno seguente conquistando la salvezza. Quando i Lupi rossoblu verranno retrocessi d’ufficio in D, li seguirà senza batter ciglio, confermandosi idolo e bandiera di un’intera città.
Terminerà la carriera tra i campionati d’Eccellenza e D, a due passi da casa, chiudendo proprio nella natia Carmagnola a quarantadue anni suonati, con all’attivo 200 presenze in A e 13 in Nazionale.
 
Quella carriera fatta di dribbling e giocate sontuose, nella quale donne, auto e divertimento non hanno di certo giocato un ruolo secondario. Uno dei talenti più forti degli anni Novanta, un leader, un atleta paragonabile per certi versi più a Best che a Bruno Conti. 
 
Un dandy tradito più che dal destino, da quel ruotino e dall’incoscienza dei suoi ventiquattro anni. Comunque un grandissimo. 
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
04/06/2019 15:22:00
Tir Figurine di Provincia continua il suo viaggio nel “Made in Sud”, attraversando la penisola e raccontando storie.

17/12/2017 16:15:00
Il ritardatario Da piccolo sfogliando l’album delle figurine, arrivato nella sezione dedicata alla Serie B, subito risaltavano ai miei occhi due nomi...

22/10/2018 09:07:00
Ultime bandiere (pt.2) Dalla C2 alla A, poi l'Europa League. Sempre di corsa, tra una chiusura e l'altra, una verticalizzazione o un alleggerimento 

01/04/2018 09:00:00
Vite spericolate Tre uomini e la droga. Le figurine di oggi hanno in comune proprio ciò che li ha rovinati. Tre ruoli diversi, tre ottimi calciatori, tre persone in difficoltà, nonostante le vite apparentemente scevre di problemi, che si pensa possano appartenere a dei calciatori professionisti

24/03/2019 08:00:00
Il figlio di papà Nuovo appuntamento con i “figli di...”, nuova figurina, in questo caso però decisamente lontana dagli standard di chi l’ha preceduta.



Altre da Blog - Figurine di provincia
14/06/2019

Il gentleman

Quest’ultima tappa del “Made in Sud” la dedichiamo alle gesta sportive ed extra-sportive di un atleta non proprio ortodosso

04/06/2019

Tir

Figurine di Provincia continua il suo viaggio nel “Made in Sud”, attraversando la penisola e raccontando storie.

26/05/2019

Il cobra

Nei ricordi d’infanzia di ognuno di noi, sono presenti degli eroi (sportivamente parlando) che per quanto “di passaggio”, entrarono nel nostro immaginario per non uscirne più

19/05/2019

Il portiere di Zeman

Figurine di Provincia continua il suo viaggio nel “made in Sud”, ricordando colui che fu uno dei primi ad esprimersi nel ruolo di portiere-libero in A

10/05/2019

'U re

Nuovo appuntamento, nuova figurina, nuova meta-rubrica, dedicata - per la gioia del buon Morosini - al “made in Sud”  (3)

30/04/2019

L'uruguagio salentino

Ernesto Chevanton di professione faceva l’attaccante, e tra i suoi segni particolari spiccavano un elevato senso del gol ed il giallorosso salentino tatuato a fuoco sul cuore

20/04/2019

L'argentino romagnolo

Figurine di Provincia festeggia la sua 50esima uscita e lo fa proseguendo il filone degli “ibridi”, presentando una figurina che ha trascorso molto più tempo nel Belpaese che nella natia Argentina

14/04/2019

Lo straniero

Abbandonati i “figli di…” ci si proietta verso nuovi orizzonti, seguendo un sentiero che ci porta fino ad una nuova sotto categoria, quella degli “ibridi”.

07/04/2019

Il "nipote" di Puskas

Ultimo appuntamento coi “figli di..”, per parlare di una figurina pienamente in attività, che ha vagato in lungo e in largo per la penisola, per poi trovare gloria altrove

31/03/2019

Il «figlio» di Zola

La figurina odierna appartiene anch’essa al filone dei “figli di…”, e si confronta con un’altra più illustre, che potremmo definire major. Ma come si sarà ben capito, qui si preferisce l’underground 

Eventi

<<Giugno 2019>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia