Skin ADV
Lunedì 10 Dicembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


L'alba a Vestone

L'alba a Vestone

by Miriam



09.12.2018 Paitone

08.12.2018 Prevalle

10.12.2018 Roè Volciano

09.12.2018 Gavardo

08.12.2018 Bione

08.12.2018 Bagolino

08.12.2018 Sabbio Chiese

09.12.2018 Gavardo

08.12.2018 Roè Volciano

09.12.2018 Idro Bagolino Anfo Valsabbia






03 Luglio 2017, 06.47

Racconti del lunedì

Sono venuto a prenderti

di Ezio Gamberini
Trenta gradi alle dieci di sera, in camera, non li avevo mai percepiti, e l’estate, almeno quella astronomica, è soltanto all’inizio! Prendo il cuscino, scendo in taverna, apro il divano letto e mi stendo, rinfrancato…  

Da due o tre giorni l’afa è insopportabile, in questo giugno bollente con temperature medie superiori di tre o quattro gradi rispetto a quelle dell’anno precedente e con picchi di trentasei-trentasette gradi; fai una doccia, ti asciughi, e immediatamente ricominci a sudare per l’umidità intollerabile, e dopo due minuti in questo stato ti vien da dire: 

“Che voglia di fare una doccia!”.

Per fortuna esiste la taverna, che sin da subito, da quando cioè abitiamo la nostra casa in via don Belli, abbiamo attrezzato con un divano che all’occorrenza si apre e offre un comodo e spazioso letto matrimoniale.

In queste condizioni di caldo insostenibile, che di norma nel nostro paese valsabbino si verificano complessivamente per non più di dieci-quindici giorni ogni estate, è per me quasi una liberazione potermi appropriare di questo ambiente.
Non appena discese le scale, l’afa scompare immediatamente, e la temperatura è gradevolissima, attestandosi invariabilmente sui ventiquattro gradi per quasi tutta l’estate. 

Mi stendo sul letto e, per gustare in modo apprezzabile la freschezza delle lenzuola, assumo la posizione dell’“Uomo Vitruviano”.
Ogni giorno ci capita di osservare quest’opera d’arte: la possiamo ammirare sul dritto delle monete da un euro, riproduzione dell’ingegnoso disegno creato da quell’autentico mostro di creatività che fu Leonardo da Vinci per comprovare la perfezione del corpo umano, raffigurato nelle varie posizioni di braccia e gambe, riprodotto all’interno di un cerchio e di un quadrato, che rappresentano la Terra e l’Universo, perfetta simbiosi tra arte e scienza.

Ma io adesso non penso a tutto ciò; a gambe e braccia larghe mi sto godendo il refrigerio, mentre Grazia, che adora il caldo in ogni caso, resiste in camera, in verità senza far troppa fatica.

Dopo aver letto qualche pagina, m’infilo nelle orecchie le cuffiette dell’i-pod, sul quale ho trasferito i miei programmi radio preferiti, e chiudo gli occhi.
Il sonno, con quel freschetto ristoratore, è davvero invidiabile.

Ai primi bagliori dell’aurora, che si rafforzano con il passare dei minuti, ficco la testa sotto il cuscino, e quando poco dopo la levo, resto abbagliato dall’esplosione di luce che si manifesta accanto al letto, proprio tra le due finestre collegate alle bocche di lupo.
Resto senza fiato, non so spiegarmi di cosa si tratta; sembra un’entità massiccia, alta due metri e larga uno, luminosissima e vibrante, ma allo stesso tempo eterea e indistinta. 

E’ luce, insomma, pura luce!  

E lo stupore si accresce quando da questa “cosa” sento esclamare:
“Sono venuto a prenderti”. 

“Oh, oh, non facciamo scherzi
– rispondo dopo qualche istante di stupore ma per nulla intimorito, forte delle mie ragioni e memore degli accordi stabiliti a suo tempo - qualche anno fa abbiamo stipulato un patto con il tuo ‘Capo’: fino a quando non avrò pagato tutti i miei debiti, non potete venire a prendermi!”. 

“Guarda qua: ecco il documento che attesta la chiusura del mutuo Jeremy
(che bella idea, scomodare Geremia…)”.

Mi ha preso in contropiede, ma ribatto prontamente, determinato:
Ma quella è una sciocchezza, un debito di poco conto, una piccola cosa che serviva alla cooperativa per comprare il terreno su cui è costruita la casa della comunità e l’abbiamo sostenuto in tanti soci, proprio perché, appunto, fosse un peso leggero e sostenibilissimo. D’accordo, quello è terminato, ma io ne ho ancora di mutui, eh”.

“Mhhh, allora ci deve essere qualche errore…”.

“Eh sì, aggiornate i vostri data-base, cari miei. E poi, è questo il modo? Lo sai che fra tre giorni si sposa mio figlio? Ti sembra il caso di venire a prendermi ora?”.

“Ahhhh, tutti uguali, voi… e poi vorrai diventare nonno… e poi questo e poi quello; se dessimo retta a tutti, la terra sarebbe popolata da settantatré miliardi di miliardi di persone. Ma lo sai quante volte siamo già intervenuti in passato, con te?”.

L’affermazione mi lascia sbigottito:
“Che vuoi dire?”.

“Ricordi quando da bambino ti buttavi da altezze stratosferiche, alla Travada, senza neppure vedere in che punto ti saresti immerso nella seriola? Sai quante volte abbiamo dovuto spostare temporaneamente il muretto, senza che nessuno se ne accorgesse, per evitare che ti sfracellassi?”.

“Ah, ecco perché mi riusciva sempre…”
, replico sconcertato.

“… e quella volta in bicicletta, avevi undici anni, in cui alla rotonda tagliasti improvvisamente a sinistra per andare al negozio del Cinto (dove facevi incetta di caramelle e patatine che facevi segnare sul libretto all’insaputa della tua mamma), senza segnalarlo, e la macchina dietro ti travolse, procurandoti miracolosamente soltanto qualche graffio?”

Ero senza parole, ricordavo perfettamente l’accaduto e mi chiedevo come fossi riuscito a non farmi niente, mentre la bicicletta era da buttare.

“… e quando per imboccare la provinciale sei uscito dal Ponte Nuovo, in cui c’era uno stop, senza guardare chi transitava a destra e a sinistra… ah, ah, avevi diciotto anni e la patente nuova di zecca?”
.

Ricordavo, eccome se ricordavo: quando passai, mi accorsi subito, forse ero soprappensiero, di non aver guardato chi arrivava e avevo pensato come mi fosse andata non bene, ma benissimo! In seguito non mi capitò mai più una disattenzione del genere, che avrebbe potuto avere effetti nefasti.

“Non ti successe nulla, certamente, perché all’ultimo secondo ‘obbligammo’ un tizio che stava andando dritto a curvare a destra, altrimenti avrebbe travolto la tua cinquecento; questo signore se lo sta ancora chiedendo adesso, a distanza di quasi quarant’anni, come mai la sua macchina che scendeva dalla valle, senza nessuna intenzione di entrare in paese, improvvisamente e inspiegabilmente all’altezza del ponte sia svoltata a destra…”.

“Eh sì, mi sembrava strano che tutto fosse andato troppo liscio…”, conclusi sommessamente.

Ma la “luce” proseguì:

“E nove anni fa? Il tuo cuore si era già fermato, e sinceramente pensavamo fosse la volta buona, ma non so come e ignoro il perché (devi essere super raccomandato, e io sono convinto che in quell’occasione sia intervenuta Sua Mamma!) all’ultimo istante abbiano deciso di fartelo ripartire… e sei ancora qui, ma adesso…”.

Non lo lasciai proseguire e lo interruppi bruscamente:

“Te lo prometto, la prossima volta non farò eccezioni, ma… i patti sono da rispettare, eh! Di debiti ne ho ancora, perciò…”,

“Filare!”, pensai, ma mi guardai bene dal pronunciarlo.

E poi, col passare dei minuti, dalle bocche di lupo il chiarore mattutino è entrato sempre più vigorosamente e ha preso il sopravvento, fino a far svanire la fantastica essenza luminosa che mi aveva soggiogato fino a quel momento.

Ho deciso, domani andrò in banca e cercherò di stipulare qualche nuovo mutuo, il più lungo possibile. Meglio mettersi al sicuro.
E poi, da questa notte dormirò sempre con gli occhiali da sole, non si sa mai.

Ecco, il resoconto della mia prima nottata trascorsa quest’anno in taverna è finito.

Avrei voluto concludere il racconto con: 
“Zacchete, anche stavolta Ti ho fregato!”, ma ci mancherebbe…

Non lo farò mai.
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
08/12/2014 06:35:00
Mai più il pennello L’avevo giurato: “Mai più il pennello!”, dopo il tour de force di qualche anno fa che mi vide impegnato a dipingere cancelli e ringhiere della nostra abitazione, dalle sei del mattino alle dieci di sera di un sabato estivo...

11/05/2015 07:00:00
Un amico straordinario Dopo aver cenato ci sediamo sul divano, e comincio a parlare. Tu mi ascolti, mi ascolti, senza interrompermi mai. Che rabbia mi fai venire! Sei fin troppo accomodante…

17/09/2018 07:00:00
Le monete d'oro Alla mitica “pesca” della Madonna della Rocca compro un biglietto, tolgo il minuscolo elastico che lo avvolge e lo apro. Non credo ai miei occhi: “Hai vinto 500.000 euro!”, e la Fabiana me li dà subito: tre sacchi di monete d’oro da cinque o sei chili l’uno!… 

12/03/2018 07:00:00
Buone notizie Soltanto da pochi giorni è terminata la “sbornia elettorale”, ma le buone notizie apprese in questa settimana m’invogliano a parlare solo di queste ultime…

09/10/2017 05:39:00
In medio stat virtus E’ quasi mezzanotte, squilla il telefono: “Ciao Rigoberto, sono Giacomino, non hai per caso un’elettrovalvola servoazionata a due vie da prestarmi? …Ah, ce l’hai? Allora passo subito a prenderla? Va bene, grazie, arrivo”…



Altre da Racconti del Lunedì
03/12/2018

Il pimpinello

Avrei voluto intitolare questo racconto “Il pistolino”, e ora vi spiego il perché, ma il direttore non me l’avrebbe permesso… (1)

05/11/2018

Il mio amico Fabio

“Dai, svelto, dobbiamo fumarle tutte e venti, e abbiamo soltanto mezz’ora!”, dissi al mio amico Fabio, vent’anni in due perfettamente ripartiti, essendo coetanei, mentre c’eravamo nascosti al lavatoio sul fiume, una domenica pomeriggio di quasi mezzo secolo fa…

08/10/2018

La saggezza di Anouk

Anouk è la cagnolina di nostra figlia Anna. La sua razza, Basenji, di origine africana, è nobile e antica: si può notare dal portamento regale, immortalata accanto ai Faraoni. E’ incredibile come ci si possa affezionare a un “affarino” del genere...
(5)

17/09/2018

Le monete d'oro

Alla mitica “pesca” della Madonna della Rocca compro un biglietto, tolgo il minuscolo elastico che lo avvolge e lo apro. Non credo ai miei occhi: “Hai vinto 500.000 euro!”, e la Fabiana me li dà subito: tre sacchi di monete d’oro da cinque o sei chili l’uno!…  (1)

27/08/2018

La moretta fanese

Per festeggiare nel modo più appropriato il duecentesimo “Racconto del Lunedì” pubblicato su Vallesabbianews, voglio narrare delle due settimane trascorse in agosto a Fano, nelle Marche, con Grazia…

23/07/2018

Rape rosse per te

Rape rosse per teeee, ho comprato staseeeraaaa… No, contrordine amici, si trattava di rose!...

02/07/2018

Per un'amica

“Allora, come va?”. “Non male, dai, ma non ci vedo più niente… sono qui con i miei settantotto anni…” e comincia a sospirare. “Eh, furbo, sono alcuni di più!”, replico sostenuto. “Ah, sì, hai ragione, te li ho detti al contrario, sono ottantasette!”… (1)

18/06/2018

La tintoria

La signora Maria considerò come un miracolo, il nuovo colore dei pantaloni di Adelmo, l’amato marito, anche se burbero e scontroso. Osvaldo, il padrone della tintoria, era proprio un mago nella sua arte…

04/06/2018

L'influencer

Io pensavo che l’influencer fosse una brutta malattia, e invece si tratta di una persona in grado di condizionare, influenzare, soprattutto attraverso i social e i media in generale…

21/05/2018

Racconto per telepatici

Questo è un racconto per telepatici… (1)

Eventi

<<Dicembre 2018>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia