Skin ADV
Martedì 20 Novembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE




19.11.2018 Vestone Capovalle Valsabbia

20.11.2018 Casto Valsabbia

19.11.2018 Valsabbia Provincia

19.11.2018 Idro

18.11.2018 Salò Valsabbia Garda

18.11.2018 Storo

19.11.2018 Vobarno

19.11.2018 Casto Serle

20.11.2018 Mura Valsabbia

18.11.2018 Vestone Valsabbia



19 Febbraio 2018, 06.35

RAcconti del Lunedì

Mozart fa russare?

di Ezio Gamberini
Possibile che il grande, l’immenso Wolfang Amadeus Mozart, considerato trai i più grandi geni della storia della musica, faccia russare? Lo scopriremo alla fine del racconto…

...racconto che inizia con il ricordo dei primi dischi acquistati con i miei soldi guadagnati nelle stagioni estive, quando ero studente, verso la metà degli anni ’70.

Sembrerà incredibile, ma il primo “ellepi” che acquistai non era dei Pink Floyd, o dei Led Zeppelin, o, per restare in Italia, di Guccini, Battisti o della Premiata Forneria Marconi, che allora andavano per la maggiore, ma si trattava invece di “James Last in Concert”, che conteneva composizioni di musica classica rivisitata dal geniale direttore d’orchestra tedesco, scomparso a ottantasei anni nel 2015.

Mi piacque a tal punto che a breve acquistai anche il secondo volume di “In Concert” e poi “James Last Classics Up To Date 3”; il solo fatto di vedere le copertine mi emoziona come allora, e ho chiesto al direttore si pubblicarle a corredo del racconto, anche se malmesse e sgualcite.

Sul volume secondo c’è la “Toccata e fuga” di Johann Sebastian Bach, il famosissimo pezzo suonato con il solo organo, il cui ascolto mi lasciò folgorato: soprattutto la “fuga”, che inizia con un ritmo sincopato di spazzole che accarezzano il charlestone, (aggiungere le percussioni moderne ai motivi classici è stata un’invenzione azzeccatissima) è di una genialità sconcertante, e quando s’inserisce la sezione dei fiati, conferisce all’esecuzione una godibilità senza pari, con un finale accompagnato dai cori maestoso e sublime.

Se volete andare in estasi, quando avete qualche minuto entrate in Youtube e digitate: “Toccata e fuga James Last”; sei minuti e cinquantadue secondi di assoluto incanto!
Questa esecuzione mi fa tornare alla mente quando, da ragazzo, il parroco mi permetteva di “strimpellare” sul prezioso organo della parrocchiale: era incredibile come il semplice pigiare i tasti e la pedaliera dello splendido strumento, generasse una varietà di possenti o delicate emissioni sonore che si propagavano voluttuosamente dalle canne ai lati dell’altare, con volumi e toni straordinari. Era un’emozione unica!  

Ringrazio il cielo per avermi fatto “ammalare” di calcio, che era la mia prima passione, da bambino sino alla giovinezza, per cui la maggior parte del tempo era riservata alla pratica di questo sport, a tutte le ore del giorno, mentre la notte sognavo rovesciate strepitose che si concludevano con la palla all’incrocio dei pali, gonfiando la rete; e per avermi poi permesso di “assaporare” la musica, in tutti i suoi generi: quando inserivo il jack dell’enorme cuffia nello stereo, mi perdevo nei miei dischi, con il risultato di non pensare ad altro.
Ma ancora oggi, non trascorre giorno senza che io abbia ascoltato un po’ di musica, di qualsiasi genere.

Ma torniamo al primo “In Concert” del musicista tedesco (che oltre agli “In Concert”, pubblicò in diversi anni altri otto album “Classics Up To Date”): Bach, Schubert, Dvoràk, Mendelssohn, ma soprattutto Beethoven e Mozart, eseguiti dall’eccelsa “James Last Orchestra”, fondata nel 1964 e attiva fino agli anni 2000, utilizzando percussioni moderne, chitarre elettriche e tastiere elettroniche, ma rispettosissima delle partiture originali, con una pulizia del suono davvero pregevole, spesso accompagnando le composizioni con cori di vigorosa e incantevole efficacia ed espressività.

Due pezzi, su tutti, erano i miei preferiti di quest’album, anche perché ascoltati centinaia di volte, in quei primi anni ‘70: “Romance”- op.50 - di L. v. Beethoven, colonna sonora nella pubblicità del brandy “Vecchia Romagna”, e “Theme frome ‘Elvira Madigan’” – Concerto n. 21 – di W.A. Mozart, utilizzato dalla Michelin per pubblicizzare lo pneumatico ZX.

Lo ricordate Bibendum, l’Omino della Michelin che indossava il casco mentre fluttuava nello spazio? La musica celestiale che lo accompagnava era proprio quest’ultima, e la versione offerta da James Last, credo di averla gustata migliaia di volte, nel corso della mia vita, sempre più rapito e affascinato a ogni nuova esecuzione.

Ricordo di averla ascoltata una sera, al buio, seduto sul divano, ammaliato dall’atmosfera quasi soprannaturale che procurano quei suoni, e pian piano mi sono sentito “mancare”…

”Ronf”, “ronf”, fino a quando Grazia non mi ha dato uno scossone, e mi sono risvegliato…

A me capita di russare, qualche volta, ma ho amici (tre, in particolare) che russano in un modo tale che voi umani non potete neppure immaginare!

Chi sono? Non svelerò mai i loro nomi, neanche se mi scannassero.
Al massimo, posso rivelare che nessuno dei tre è anoressico.

Così mi è venuta l’idea: è stato un gioco da ragazzi, cane che non sono altro, mettere lo smart phone sotto il naso mentre dormivano, per registrare l’inenarrabile.
E poi è stata sufficiente una giornata al computer di taglia, cuci, incolla, assembla, filtra, seleziona, monta, con l’ausilio di un potente programma di editing musicale, ed è uscito il pezzo che potrete assaporare, se lo gradite.

Mi auguro che W.A. Mozart e James Last possano perdonarmi, perché l’intento era solo quello di divertirsi.
I miei amici invece mi hanno già perdonato, e quando hanno ascoltato la composizione, si dicevano l’un l’altro:

“Quello sei tu!
”, insomma, si riconoscevano in modo inconfondibile.

Ora lascio a voi giudicare…

Buon ascolto!
(tornate ad inizio articolo ed ascoltate il file audio)


MozartRussare.MP3


Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
12/09/2006 00:00:00
da Tula a Gavardo per Mozart In occasione del 250° anniversario della nascita di Wolfgang Amadeus Mozart e del 40° di fondazione del “Coro La Faita” di Gavardo, giovedì 14 settembre alle 20;30 l’Associazione culturale Eureka invita amici ed appassionati...

06/09/2006 00:00:00
concerto a Bagolino E’ Bagolino il luogo prescelto per l’ultimo dei cinque appuntamenti organizzati dalla Comunità Montana di Valle Sabbia per “rivivere” Mozart in occasione del 250° anniversario di nascita dell'artista.

03/10/2007 00:00:00
Trasferta «corale» per La Rocca Trasferta austriaca per il coro La Rocca di Sabbio Chiese, che alla fine di settembre si è esibito a Salisburgo, riconosciuta come “la città della musica” per aver dato i natali a Mozart e Karajan.

30/05/2018 11:10:00
Il genio di Mozart per celebrare la Repubblica Nell’ambito della manifestazione “Suoni e Sapori del Garda” questo sabato, 2 giugno, a Gavardo è in programma un Concerto per la Festa della Repubblica Italiana. Per l’occasione anche una visita guidata 

21/05/2018 10:51:00
Racconto per telepatici Questo è un racconto per telepatici…



Altre da Racconti del Lunedì
05/11/2018

Il mio amico Fabio

“Dai, svelto, dobbiamo fumarle tutte e venti, e abbiamo soltanto mezz’ora!”, dissi al mio amico Fabio, vent’anni in due perfettamente ripartiti, essendo coetanei, mentre c’eravamo nascosti al lavatoio sul fiume, una domenica pomeriggio di quasi mezzo secolo fa…

08/10/2018

La saggezza di Anouk

Anouk è la cagnolina di nostra figlia Anna. La sua razza, Basenji, di origine africana, è nobile e antica: si può notare dal portamento regale, immortalata accanto ai Faraoni. E’ incredibile come ci si possa affezionare a un “affarino” del genere...
(5)

17/09/2018

Le monete d'oro

Alla mitica “pesca” della Madonna della Rocca compro un biglietto, tolgo il minuscolo elastico che lo avvolge e lo apro. Non credo ai miei occhi: “Hai vinto 500.000 euro!”, e la Fabiana me li dà subito: tre sacchi di monete d’oro da cinque o sei chili l’uno!…  (1)

27/08/2018

La moretta fanese

Per festeggiare nel modo più appropriato il duecentesimo “Racconto del Lunedì” pubblicato su Vallesabbianews, voglio narrare delle due settimane trascorse in agosto a Fano, nelle Marche, con Grazia…

23/07/2018

Rape rosse per te

Rape rosse per teeee, ho comprato staseeeraaaa… No, contrordine amici, si trattava di rose!...

02/07/2018

Per un'amica

“Allora, come va?”. “Non male, dai, ma non ci vedo più niente… sono qui con i miei settantotto anni…” e comincia a sospirare. “Eh, furbo, sono alcuni di più!”, replico sostenuto. “Ah, sì, hai ragione, te li ho detti al contrario, sono ottantasette!”… (1)

18/06/2018

La tintoria

La signora Maria considerò come un miracolo, il nuovo colore dei pantaloni di Adelmo, l’amato marito, anche se burbero e scontroso. Osvaldo, il padrone della tintoria, era proprio un mago nella sua arte…

04/06/2018

L'influencer

Io pensavo che l’influencer fosse una brutta malattia, e invece si tratta di una persona in grado di condizionare, influenzare, soprattutto attraverso i social e i media in generale…

21/05/2018

Racconto per telepatici

Questo è un racconto per telepatici… (1)

07/05/2018

Quest'anno niente Nobel

Nooooooo! Per il Maestro John e il sottoscritto nessuna possibilità di vincere il premio Nobel per la Letteratura, quest’anno, infatti, nel 2018 non sarà assegnato!

Eventi

<<Novembre 2018>>
LMMGVSD
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia