Skin ADV
Venerdì 22 Febbraio 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE




20.02.2019 Vobarno Provaglio VS Barghe

21.02.2019 Serle

21.02.2019 Vestone

20.02.2019 Bagolino

20.02.2019 Serle

21.02.2019 Preseglie

21.02.2019 Gavardo Valsabbia Muscoline Provincia

20.02.2019 Bagolino

20.02.2019 Gavardo Valsabbia

21.02.2019 Storo






05 Marzo 2012, 07.00

I racconti del lunedì

La Gilda

di Ezio Gamberini
Ecco dov’era finita! In fondo al mobiletto, nascosta da un paio di vasi, ritrovo la bottiglia speciale di grappetta sopraffina...
 
E’ stata distillata con l’uva di mio fratello Elio, più vecchio di quattro anni, che vive in Trentino da un quarto di secolo.
Di mestiere fa il contadino e ogni anno produce quattro o cinque ettolitri di vino, alcuni quintali di patate, e poi pere, mele, ciliegie ed ogni altro ben di Dio che nasce dalla terra.
Possiede inoltre due cani, qualche gatto, un coniglio nano che una volta mi ha morso, ed alcune tartarughe.
 
Ha poi un hobby che, come me, lo impegna per circa trecento giorni l’anno: lui passa otto o nove ore al giorno in ospedale indossando un camice, io invece sono appassionato di lavoretti d’ufficio.
Vallo a capire! Questo nettare è ottenuto dal vitigno Marzemino, tipico trentino, e vi è stato immerso dell’anice stellato che qualcuno, da queste parti, continua volgarmente a chiamare “fiori di genziana”.
Sull’etichetta, prodotta artigianalmente al computer, è ritratto il sottoscritto nella sua foto più bella: “Rider in the Smoke Valley”.
Cavalco il mio destriero circondato da una magnifica catena di monti, in riva al fiume, mentre a due passi tra il verde lussureggiante riposa uno splendido esemplare femmina di pastore bergamasco.

Era il ’90, o forse il ’91, e in agosto trascorsi una settimana indimenticabile in Val di Fumo, ai piedi dell’Adamello, dove nasce il fiume Chiese.
La cavalla si chiamava Gilda ed era un’avelignese favolosa, docile e mansueta. Anche i miei figli se la ricordano ancora, la Gilda. 
Sdraiata sull’erba, ritratta sull’etichetta, giace invece Nuvola, moglie di Faro, un pastore bergamasco di un’intelligenza straordinaria.
Quasi quasi, dopo un paio di giorni, a Faro parlavo come a un cristiano. “Vai a riprendere le mucche!”, gli si diceva, e lui partiva come un razzo e le riportava per la mungitura.
 
Per sette giorni feci compagnia agli amici della “Cooperativa ai Rucc e dintorni”, realtà sociale che si occupa del recupero di tossicodipendenti, nata più di vent’anni fa al mio paese, di cui sono socio da sempre e consigliere d’amministrazione da oltre dieci anni, che ogni estate affitta una malga per l’alpeggio.
Per fare colazione mi preparavo una moka da caffè da tre, e la versavo in una tazza piena di panna appena tolta dai recipienti di latte fresco.
Oltre ad Emanuele, responsabile della cooperativa, e due ragazzi, c’era anche Vittorio, un pensionato che si occupava dei formaggi, uguale spiaccicato al nonno di Heidi. Il primo giorno non mi degnò di uno sguardo, poi, dal secondo, iniziò a pronunciare qualche parola, mentre al terzo cominciò anche a divertirsi, perché lo facevo morir dal ridere.
 
Quando lo salutai, dopo la settimana, mi strinse forte la mano ed aveva gli occhi lucidi. Non succedeva dal 1932.
Qualche anno fa, dopo tonnellate di formaggio “supervisionato”, ci ha lasciato, caro Vittorio, in silenzio come sempre.
Ora ci fa compagnia, perché nella sede della cooperativa è stata affissa al muro una sua foto, e ad ogni consiglio possiamo contare sulla sua discreta presenza: ci guarda dall’alto, appoggiato al suo bastone con l’immancabile cappello.

Quanti ragazzi ho visto morire giovani, coi quali durante la loro permanenza in comunità si giocava a pallone, ci si vedeva, si scherzava, si parlava dei progetti futuri una volta che fosse finito il percorso, che dura mediamente quasi due anni.
Ad un certo punto, un po’ per necessità e impegni familiari, e un po’ per scelta, ho allentato questo coinvolgimento, che comunque occupava una sera la settimana; ora l’impegno istituzionale mi richiede una serata al mese.
E’ troppa la sofferenza nel vedere ragazzi che, consci dei loro errori e totalmente recuperati, ricominciano a vivere una vita normale, riprendono il lavoro, addirittura intraprendono nuove attività in proprio, magari con successo; rivivono gli affetti di un tempo, o si costituiscono una famiglia, e poi, all’improvviso, dopo due o tre anni di normalità, crepano di Aids: chi dispiaciuto, accettando il verdetto, chi invece disperato.

Ora ripongo la grappetta al suo posto, nascosta dietro ai vasi, magari per un’altra decina d’anni.
Chissà se allora saremo ancora gli stessi.
Basterà guardare per un istante la Gilda negli occhi, e lo capirò al volo.

Tratto dal volume “Tapascio Bombatus e altre storie” - Ed. Liberedizioni
Il racconto, se non ricordo male, è del 2005.

 
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
27/06/2010 20:46:00
Come aprire una bottiglia di... Stappare un bottiglia è un'operazione delicata, che bisogna saper realizzare al meglio. Ecco dunque alcuni utili consigli.

03/03/2014 06:30:00
La scopa leopardata Gilda era una bidella volenterosa e tenace, infaticabile nel suo lavoro, ma un po’ “strana”, diciamo così...

18/08/2016 08:38:00
Gilda, amica speciale “La presenza di un cane solitamente risveglia l’interesse di chi ne viene a contatto, stimola la motivazione e il contatto corporeo ,catalizza la sua attenzione, incrementa la socializzazione e stimola energie positive” (cit. Ettore Corredo)

08/06/2015 06:46:00
Mai sgurlì ‘na pianta de s’ciafù Un paio di mesi fa abbiamo riesumato le antiche tabelle per iniziare a correre che utilizzai alla fine dello scorso millennio...

05/10/2015 06:09:00
La mia vecchia maestra Indossa un tailleurino verde con il colletto bianco di pizzo lavorato all’uncinetto, scarpe a mezzo tacco, un filo leggerissimo di trucco le abbellisce il viso, già impreziosito da un paio di graziosi orecchini, e con gesto elegante cinge la borsetta al braccio...



Altre da Racconti del Lunedì
11/02/2019

A rider in the Smoke Valley - Un cavaliere in Val di Fumo

Fatto bollire il riso che servirà per il minestrone di stasera, la nostra pausa pranzo volge al termine, quando Grazia sale a cambiarsi per tornare al lavoro...


21/01/2019

Il porziuncolatore

“Ma che belle porzioncine… sembrano delle porziuncole!”, mi dice Grazia alle sette di mattina, guardando nel piatto in cui ho sezionato alla perfezione il mio toast mattutino, come potete vedere qui a lato. Oggi ha proprio voglia di tirarmi in giro, e quando ci si mette, è davvero irresistibile…  (1)

07/01/2019

La scuola materna San Giorgio

“Dai, smettila di fare lo stupidino e fai il bravo!”, mi disse Grazia quando eravamo alla scuola materna San Giorgio, entrambi cinquenni, facendomi vedere come si dovevano incollare i chicchi di riso sul cartoncino… 

17/12/2018

Re Magi 2.0

Roberto Melchiori avrebbe lavorato anche quel Natale. Turno di notte, dalle dieci di sera della vigilia fino alle sei di mattina, all’ospedale Maggiore della grande metropoli, reparto maternità… (1)

03/12/2018

Il pimpinello

Avrei voluto intitolare questo racconto “Il pistolino”, e ora vi spiego il perché, ma il direttore non me l’avrebbe permesso… (2)

05/11/2018

Il mio amico Fabio

“Dai, svelto, dobbiamo fumarle tutte e venti, e abbiamo soltanto mezz’ora!”, dissi al mio amico Fabio, vent’anni in due perfettamente ripartiti, essendo coetanei, mentre c’eravamo nascosti al lavatoio sul fiume, una domenica pomeriggio di quasi mezzo secolo fa…

08/10/2018

La saggezza di Anouk

Anouk è la cagnolina di nostra figlia Anna. La sua razza, Basenji, di origine africana, è nobile e antica: si può notare dal portamento regale, immortalata accanto ai Faraoni. E’ incredibile come ci si possa affezionare a un “affarino” del genere...
(5)

17/09/2018

Le monete d'oro

Alla mitica “pesca” della Madonna della Rocca compro un biglietto, tolgo il minuscolo elastico che lo avvolge e lo apro. Non credo ai miei occhi: “Hai vinto 500.000 euro!”, e la Fabiana me li dà subito: tre sacchi di monete d’oro da cinque o sei chili l’uno!…  (1)

27/08/2018

La moretta fanese

Per festeggiare nel modo più appropriato il duecentesimo “Racconto del Lunedì” pubblicato su Vallesabbianews, voglio narrare delle due settimane trascorse in agosto a Fano, nelle Marche, con Grazia…

23/07/2018

Rape rosse per te

Rape rosse per teeee, ho comprato staseeeraaaa… No, contrordine amici, si trattava di rose!...

Eventi

<<Febbraio 2019>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia