Skin ADV
Martedì 23 Aprile 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE


Riflesso

Riflesso

di Paolo Salvadori



22.04.2019 Bione

22.04.2019 Vestone Sabbio Chiese Odolo

22.04.2019 Garda

21.04.2019 Bagolino

22.04.2019 Villanuova s/C

23.04.2019 Vestone

22.04.2019 Roè Volciano Valsabbia

21.04.2019 Vobarno

21.04.2019

21.04.2019 Villanuova s/C Valsabbia






27 Marzo 2018, 10.31

Tecnologia

Caso Facebook: ma chi ha davvero colpa?

di Roberto Berardi
Autorizzazioni non rispettate, leggerezza degli utenti, pochi controlli: cosa si nasconde veramente dietro lo scandalo più grande dalla nascita dei social network

Il caso Cambridge Analytica è l’ultimo tassello della nostra privacy su Internet.
Nei 50 milioni di utenti che sono stati utilizzati come cavie elettorali tramite la condivisione dei profili Facebook c’è tutta la fragilità di un sistema che ha ormai perso ogni controllo sul destino dei dati sensibili.

Ma la cosa peggiore è che non c’è un vero colpevole. O meglio, un colpevole unico.
Per come stanno le cose, si può dire che un caso come quello appena scoperchiato sia il risultato finale delle azioni di tre attori concorrenti, tutti più o meno responsabili.

Ci sono le mosse azzardate di Cambridge Analytica
, in primis, che ha “preso” i dati degli utenti acquisiti da un'altra società che aveva sviluppato un quiz su Facebook per poi sfruttarli per tutt'altre finalità (la propaganda elettorale di Donald Trump).

C'è poi la responsabilità di Facebook, colpevole non tanto per aver ceduto le informazioni dei suoi iscritti a una società di terze parti - dal momento che aveva ottenuto l’autorizzazione dagli utenti - quanto piuttosto per non aver denunciato il fatto una volta accortasi della violazione operata da Cambridge Analytica.

C'è infine la leggerezza degli utenti, troppo superficiali nel concedere le proprie informazioni personali, il combustibile senza il quale non staremmo qui a parlare di un terremoto di questa portata.

Le responsabilità di Cambridge Analytica sono evidenti: la società britannica ha elaborato un sistema di profilazione psicologica dell’utente basato sulla correlazione tra risposte a un questionario psicologico e i like che lo stesso appone sulle pagine Facebook.
Questa attività, sulla carta legittima (non c’è una legge che impedisce questo tipo di acquisizione dati), è diventata violazione delle condizioni di servizio di Facebook nel momento in cui dati sono stati ceduti a una società con altre finalità.

Le colpe di Facebook sono semmai altre.
Da un lato c’è lo scarso controllo operato sui dati dei suoi utenti; dall’altro l’omertà su quanto accaduto.

Mark Zuckerberg sapeva sin dal 2015 che i dati di 50 milioni di utenti erano passati da uno sviluppatore a una società terza, Cambridge Analytica  e per giunta con finalità completamente differenti da quelle originarie.
Avrebbe dovuto rendere pubblico l’accaduto, per tutelare sia gli utenti che gli azionisti.

Del resto, i 9 miliardi di dollari che la società ha perso in borsa dopo sole 48 ore dallo scoppio dello scandalo sono lì a dimostrare il legame a doppio filo fra la reputazione di un’azienda digitale e la fiducia dei suoi investitori.

In misura minore, anche gli utenti sono corresponsabili di quanto accaduto.
Applicazioni come quelle che hanno permesso a Cambridge Analytica di fare breccia nelle preferenze di milioni di profili non sono una novità per chi bazzica nel mondo social, anzi.

È un dato di fatto: per funzionare, la maggior parte delle app su Facebook richiede autorizzazioni più o meno profonde, delle quali, colpa nostra, nemmeno ci accorgiamo più.

Ci limitiamo a cliccare Accetta in modo compulsivo e ossessivo
. Nella convinzione superficiale, per non dire stupida, che qualsiasi intromissione nella nostra privacy sia comunque meno rilevante dei vari regali che ci piovono addosso dai vari fornitori di contenuti digitali.

Occhi aperti.

Roberto Berardi
B.R. Informatica
www.brinformatica.it
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID75648 - 27/03/2018 22:57:52 (Valsabbino) Ci lamentiamo tanto per la privacy e poi...
Come dice il Sig. Roberto acconsentiamo ad autorizzazioni che nemmeno sappiamo cosa realmente fanno. Perché una app per fare foto dovrebbe avere accesso alla mia rubrica o viceversa??? Perchè uno stupido gioco deve avere mille autorizzazioni ? A volte, pur di giocare, premiamo ACCONSENTI senza sapere che quel futile gioco poi... Ci curiosa nel cellulare o nel PC... ;) Ocio gnari ;)



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
03/05/2010 10:00:00
Social network: attenzione agli effetti collaterali Il Garante per la privacy ha predisposto una guida con dei consigli gli utenti dei social network sulla riservatezza dei dati personali.

05/06/2018 06:50:00
Dati personali e privacy, cosa cambia? Dallo scorso 25 maggio 2018 è applicabile in tutti gli stati membri dell'Unione Europea il nuovo Regolamento UE 679/2016 per il trattamento dei dati personali e della privacy (GDPR). Con Ellegi Service per saperne di più


23/04/2018 06:40:00
Dati personali e privacy, cosa cambia? A partire dal 25 maggio 2018 troverà piena applicazione il Nuovo Regolamento Europeo sulla Privacy: UE 2016/679. Quali sono le principali novità?  Con Ellegi Service un corso per saperne di più

14/04/2018 05:01:00
Dati personali e privacy, cosa cambia? A partire dal 25 maggio 2018 troverà piena applicazione il Nuovo Regolamento Europeo sulla Privacy: UE 2016/679. Quali sono le principali novità?  Con Ellegi Service un corso per saperne di più


18/09/2010 09:01:00
La privacy tra i banchi di scuola La scuola è iniziata da pochi giorni, ma sono già tante le domande che genitori e alunni formulano a insegnanti e dirigenti in merito alle questioni legate alla privacy.



Altre da Scienza e Tecnologia
06/03/2019

Creatività e inventiva con i corsi del FabLab

Il laboratorio di fabbricazione digitale e manuale con sede a Villanuova propone per il mese di marzo alcuni interessanti corsi. Sono aperte le iscrizioni
• VIDEO


15/02/2019

La rivoluzione digitale passa dai Chromebook

L’Istituto comprensivo “G. Bertolotti” di Gavardo è il primo della provincia a puntare tutto sulle nuove tecnologie. Ieri la consegna dei 31 computer portatili di nuova generazione agli studenti 

07/02/2019

Il sistema chirurgico «Da Vinci»

Ultimo prodigio della scienza medica nel settore della chirurgia mini-invasiva, questa macchina permette ai chirurghi di lavorare stando seduti comodi, mentre magari il loro paziente si trova a chilometri di distanza

06/02/2019

Fablab for kids

Il Fablab Valle Sabbia di Villanuova sul Clisi propone per questo sabato 9 febbraio il primo corso creativo rivolto ai bambini
• VIDEO


13/01/2019

Internet tricolore

Le connessioni non decollano: Italia al quartultimo posto in Europa

03/01/2019

Gennaio al FabLab

Il FabLab della Valle Sabbia, con sede a Villanuova sul Clisi, inizia il 2019 proponendo una serie di corsi fra cui uno di Arduino e uno di fotografia


21/12/2018

La notte più lunga

Alle 23.23 di questo venerdì 21 dicembre si avrà il solstizio d’inverno con l’ingresso anche dal punto astronomico nella stagione invernale.

07/12/2018

Corsi per tutti

Al via a partire dalla prossima settimana i corsi del FabLab Valle Sabbia di Villanuova sul Clisi: serigrafia, cucito creativo, Arduino e fotografia digitale

07/12/2018

«Naso elettronico» per controlli alimentari e inquinamento

C’è un’impronta valsabbina nel “naso elettronico” sviluppato dall’Università degli Studi di Brescia che sta attirando l’interesse di grandi aziende (1)

07/12/2018

Banda ultralarga, la Valle Sabbia fa scuola

Ieri in Cattolica a Brescia un convegno per fare il punto sulla diffusione della banda larga nel Bresciano e gli effetti sul tessuto economico e sulla vita quotidiana dei cittadini. L’esempio virtuoso valsabbino (3)

Eventi

<<Aprile 2019>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia