30 Maggio 2017, 10.25
Finestra sull'azzardo

Gioco legale e gioco d'azzardo

di Eldea Ronchi

Pubblichiamo volentieri un contributo di Eldea Ronchi sul tema del gioco d'azzardo con un raffronto con quello legale


Potrebbe essere interessante provare a mettere in luce qualche differenza tra gioco legale e gioco d'azzardo.

Il gioco d'azzardo è illegale cioè è un comportamento vietato dall'ordinamento e penalmente perseguibile. Quindi è circoscritto nell'ambito della criminalità organizzata, bische clandestine, scommesse clandestine e altro.

Il gioco legale comprende tutti quei giochi che sono visibili alla luce del sole o meglio nel chiaroscuro delle tabaccherie, bar, bingo, sale gioco, computer privati e sono per esempio tutti i giochi del lotto, gratta e vinci, slot, sale poker pubbliche o con accesso da pc. Il gioco legale è sottoposto al controllo del Monopolio di Stato.

A questo punto la domanda sembra inevitabile. Ma allora se la gente gioca con giochi legali dove sarebbe l'azzardo?
Chi continua a sottolineare la pericolosità del gioco si riferisce al gioco “legale” e cerca di spiegare come l'eccesso crei dipendenza e assuefazione, allora credo che l'azzardo a cui tutti i giocatori non occasionali vanno incontro sia proprio questo, assuefazione e dipendenza.

“Il gioco può creare dipendenza, gioca con moderazione”.
Questo tipo di esortazione si legge nei cartelli esposti nei luoghi in cui si gioca e questo fatto mi suggerisce una piccola riflessione.

L'industria del gioco “legale” come ogni altra attività economica ha interessi di profitto e se pubblicamente suggerisce la moderazione è difficile credere che non metta in atto sistemi e stimoli per trasformare un giocatore occasionale in abituale. Il processo con un briciolo di ironia si chiama “fidelizzazione della clientela”. Ironia amara perché in questo caso fidelizzare significa imprigionare.

Ora mi permetto un'altra riflessione. Noi siamo donne e uomini liberi! Lo so, è un'affermazione impegnativa perciò ogni volta che la penso mi fermo un momento prima di ripeterla a voce alta. Per essere libera devo cercare di conoscere e capire gli aspetti della realtà che mi circonda e influenza il mio vivere. È confortante sapere che in questa ricerca non si è soli ma si possono ascoltare diverse voci, confrontandole e scegliendo il meglio per il nostro futuro.


Commenti:
ID72171 - 30/05/2017 18:45:02 - (troppinik) - Informiamoci meglio

Il gioco d'azzardo (il termine azzardo deriva dall'arabo az-zahr, che significa dado: infatti i più antichi giochi d'azzardo si facevano utilizzando dadi, scommettendo sul numero che sarebbe uscito), consiste nello scommettere beni, per esempio denaro, sull'esito di un evento futuro: per tradizione le quote si pagano in contanti. Giocatore d'azzardo può essere chiunque.Per gioco d'azzardo quindi si intende tutti quei giochi in cui l'obiettivo è raggiungere una vincita in denaro, questo a prescindere che il gestore del gioco sia lo Stato ad esempio con i vari Lotto, Grattaevinci, Superenalotto ecc. ecc. oppure la criminalita organizzata con le bische e le scommesse clandestine.La lotteria Italia ad esempio è un classico caso di gioco d'azzardo, legalizzato, ma sempre d'azzardo si tratta!!!

ID72172 - 30/05/2017 19:14:24 - (ubaldo) - Informiamoci ancora di più

Tecnicamente ha ragione troppinik: è d'azzardo ogni puntata in su un un gioco che preveda un risultato che non dipende dalla volontà di chi scommette. Il problema però non è tanto il gioco in sé, quando la dipendenza che alcuni giochi sono in grado di provocare più di altri, portando il giocatore ad adottare un comportamento compulsivo e di conseguenza a portare alla rovina se stesso e anche la famiglia.

ID72174 - 30/05/2017 20:22:11 - (troppinik) - Grazie Ubaldo

La mia precisazione serviva pero' come risposta ad un testo imperfetto e che fuorviava il termine "azzardo", fino a far sembrare che se il medesimo è gestito legalmente dallo Stato allora sia "buono", quindi non più d'azzardo. Tutto qui.

ID72177 - 31/05/2017 00:50:47 - (Tc) - ...

Qualsiasi gioco se si perde la testa diventa pericoloso,ai gratta e vinci non 'azzarderai' a puntare,ma se ti parte la merd@ in capa,ti vendi la casa prima di vincere l'agognata cifra...idem il Lotto...son tutte fregature,come dire...'legalizzate'!

Aggiungi commento:

Vedi anche
30/04/2018 09:47

Tignale smette di giocare Gli operatori commerciali del Comune gardesano hanno optato per una scelta di responsabilità e assennatezza, volta a contrastare sul nascere la ludopatia e la diffusione del gioco d’azzardo 

05/05/2015 07:03

C'è tempo fino al 14 «I Comuni lombardi hanno ancora un po' di tempo per partecipare al bando con cui mettiamo a disposizione tre milioni di euro per i progetti di prevenzione e contrasto al gioco d’azzardo patologico»

24/05/2013 09:00

La Regione Lombardia lavora per una legge 'No slot' La IV Commissione sulle Attivit produttive sta lavorando per presentare entro tre mesi una proposta di legge regionale che prevenga i rischi di ludopatia e per una legge nazionale che riduca sensibilmente il fenomeno del gioco d'azzardo

08/12/2018 11:11

Sospesa l'ordinanza che limita le slot Il Tar di Brescia ha accolto il ricorso del gestore di una sala giochi e ha sospeso l’ordinanza del sindaco di Roè Volciano che limitava gli orari di funzionamento degli apparecchi per il gioco d’azzardo

17/04/2014 07:00

Novantatremila firme contro il gioco d’azzardo Il sindaco di Villanuova è stato incaricato di consegnare alla presidente della Camera le firme raccolte per la legge di iniziativa popolare contro il gioco d’azzardo e ha l’ha omaggiata col suo libro “Slots”




Altre da Lettere
02/08/2021

«Non abbandonate la strada tracciata»

Da parte dei Comitati piena soddisfazione per l’approvazione della Mozione Almici in Consiglio provinciale, con un po’ di rammarico per il venir meno di alcuni voti

28/07/2021

«Se'l Cés el cambiarà nom...»

Una poesia “sfogo” quella che ci manda Fabrizio Landi sulla nefasta questione del depuratore delle fogne dei comuni gardesani

27/07/2021

«Sono nata a Idro, nel 1925...»

Una nota autobiografica affidata alla nipote, la vita della maestra Lina, che questo martedì pomeriggio molti a Idro accompagneranno per il suo ultimo viaggio

26/07/2021

Arrivederci mitica Maestra Lina!

Gli ex alunni rivolgono un affettuoso saluto alla loro insegnante delle elementari i cui funerali saranno celebrati questo martedì a Idro

24/07/2021

Depuratore del Garda, è questa la Transizione Ecologica?

L'Era della Transizione Ecologica nasce in perfetto stile Made in Italy, sotto forma di due grandiosi depuratori delle fognature del Garda, contrariamente al volere dei territori destinati

22/07/2021

Sensibilità ed efficienza inaspettate

In un tempo tanto complicato, caratterizzato da ostilità e critiche negative, in cui lamentele e aspettative disattese sono sempre più frequenti, vorrei condividere invece con voi qualcosa di assolutamente positivo che ho sperimentato solo pochi giorni fa e che potrebbe tornare utile a molti

17/07/2021

«Modificatelo così»

Alla luce delle intenzioni dell'attuale Cda della Fondazione Irene Rubini Falck di modificare prossimamente lo Statuto, Giovanni Scalora ci scrive ed elenca quelli che secondo lui potrebbero essere gli aggiustamenti

14/07/2021

Gallerie buie da Idro a Vesta

“È una questione vecchia” dicono dal Comune, ma per questo, a maggior ragione, secondo una nostra lettrice, va risolta al più presto

13/07/2021

Giovani e speranza nel futuro

Una coppa vinta, delle urla, pianti di gioia. Ma perché tutti questi applausi? Questa la riflessione di due nostri lettori dopo la vittoria dell'Italia agli Europei di calcio

(5)
11/07/2021

«Democrazia e depuratore»

Credo che mai, in questi 14 anni di attesa per sapere come si sarebbe conclusa la telenovela sul collettore del Garda, si potesse arrivare a pensare che una questione così terra terra - anzi, sotto terra, dato che si parla di fogne - arrivasse a mettere sul piatto anche la “tenuta democratica delle istituzioni territoriali”