Skin ADV
Domenica 18 Novembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE


Vicini a Venezia

Vicini a Venezia

by Vanna



17.11.2018 Barghe Valsabbia

18.11.2018 Salò Valsabbia Garda

18.11.2018 Storo

16.11.2018 Valsabbia Provincia

16.11.2018 Agnosine

16.11.2018 Storo

16.11.2018 Anfo Valsabbia

16.11.2018 Villanuova s/C Garda

18.11.2018 Vestone Valsabbia

16.11.2018 Val del Chiese Storo



13 Ottobre 2018, 17.10

L'opinione

Oro alla Patria e riforme subdole

di Ernesto Cadenelli
Alcuni giornali, in questi giorni, hanno titolato “ORO ALLA PATRIA”, come ultima (in attesa dell'ultimissima) pensata del duo Di Maio/Salvini per far quadrare i conti di una manovra che sembra un colabrodo dopo i trionfali annunci iniziali...

Mi son tornate alla memoria i racconti di mia madre che, a 16 anni, in quel lontano 1935, ha dovuto consegnare i suoi primi orecchini d'oro alla Patria.
E mio padre che l'hanno successivo partiva per la leva militare e sarebbe tornato dopo quasi 10 anni evaso da un campo di lavoro (sic! Prigionia) in Germania.
Anni di patimenti cui ci aveva portato il sovranismo e l'autarchia mussoliniana.

A furia di scivolare all'indietro con il rispolverare slogan strafottenti (i me ne frego!) contro tutti coloro che esternano delle critiche, quello scenario potrebbe ripetersi.
Ovviamente auspico che non accada e che il “popolo” cominci ad aprire gli occhi.

Vorrei dare un piccolo contributo alla chiarezza analizzando alcuni capitoli della manovra che è stata annunciata.
Ho già ricordato altre volte che le misure, pur sacrosante, devono trovare le coperture finanziarie e che queste passano da una lotta serrata alla EVASIONE FISCALE e non dalla politica dei condoni variamente mascherati.

Non mi intenerisce la scenetta che viene evocata di partite Iva che sarebbero in difficoltà a pagare le tasse.
NO! in quel segmento di attività si annida grossa parte dell'evasione fiscale e contributiva.
A me lavoratore dipendente prima e  pensionato oggi, non mi ha mai sfiorato l'idea di non pagare le tasse. E non per volontà particolare, bensì perché soggetto alle trattenute alla fonte.
I casi di incapienza si possono affrontare senza ricorrere al condono generale.

Detto questo alcuni rilievi di merito alle proposte messe in campo dal Governo.

Sul reddito di cittadinanza o meglio chiamiamolo col suo nome, AMMORTIZZATORE SOCIALE, c'è una piccola contraddizione che va affrontata perché in molti casi, sopratutto per i milioni di giovani e donne che svolgono un lavoro precario oppure a part-time.
La cifra promessa di 780 euro mensili è superiore a quei salari o stipendi. Questo non mi pare giusto e soprattutto rischia di alimentare una assuefazione all'assistenzialismo.

Si aggiunga che
il Governo vorrebbe portare  le pensioni minime allo stesso importo di 780 euro mensile. 
Misura che le equiparerebbe e, in qualche caso sarebbero addirittura più vantaggiose, alle pensioni in essere che hanno una carriera contributiva piena.

Ricordo che la media delle pensione nel bresciano (realtà a forte propensione industriale) è circa di 1000 euro/mese e che molte non arrivano a 800 euro.
Basterebbe chiedere alle donne che hanno lavorato nel settore tessile o delle pulizie o del commercio a orario ridotto. Queste misure introducono un tarlo pericoloso che è bene valutare per tempo onde evitare che il sistema previdenziale vada in TILT.

Se pagare o non pagare i contributi previdenziali è indifferente, quale convenienza avrebbero le future generazione a versarli?
E se si interrompe il circuito di solidarietà intergenerazionale su cui si basa la previdenza, non c'è il rischio che a un certo punto non sia più possibile pagare le pensioni in essere?
Con buona pace di Salvini e Di Maio che hanno risolto il loro problema economico con lauti trattamenti?
Capite bene che ciò potrà riguardare tutti gli elettori pensionati che si trovano in questa condizione. Sarebbe una catastrofe sociale trasversale.

Altra questione la cosidetta quota 100
. Detta così è una soluzione allettante. Ma ci sono dei ma...
Cosa compone questa quota, solo 62 anni di età e 38 di contribuzione? No!

Elenco: i contributi figurativi quali maternità, periodi di disoccupazione, periodi di cura (sopratutto per le donne), le agevolazioni in uscita per gli addetti ai lavori usuranti, l'ape sociale che consente il pensionamento anticipato, continueranno a essere considerati o verranno assorbiti dalla nuova norma?

Nella seconda ipotesi, cioè che queste norme spariscano, per molti lavoratori la quota 100 non garantisce l'andata in pensione.
Inoltre se resta fisso nella quota 100 il numero 38 (gli anni di contribuzione effettiva), la quota cento diventerà 101, 102, 103, 104 e avanti così.
Preferibile sarebbe lo stabilire un numero di anni di contribuzione es. 41/42, raggiunti i quali un lavoratore può andare in pensione a prescindere dall'età anagrafica.

Con una attenzione a due questioni: i lavori pesanti e usuranti che devono essere riconosciuti con un periodo più basso di contributi e le donne che difficilmente hanno carriere regolari e continuative, dovendosi sobbarcare anche altri lavori di cura  e familiari.

Occorre poi vagliare bene quale sistema di calcolo verrà proposto, se tutto contributivo sarà una bella sforbiciata agli importi, e clausole di salvaguardia per le pensioni delle future generazioni che diversamente avranno assegni da fame.
Quindi può andar bene migliorare le pensioni minime, senza però dimenticare chi ha pagato i contributi e che vede ogni anno ridursi il suo potere di acquisto.
La rivalutazione è importante tutela del reddito.

Ho voluto cimentarmi con queste osservazioni perché sento troppo spesso discutere con una semplificazione disarmante (anche di chi governa), su una questione che invece è complessa e vitale per milioni di cittadini.

Ernesto Cadenelli

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID77915 - 14/10/2018 06:25:08 (Ferr) Continui così
Grazie Sig. Cadenelli, i suoi chiarimenti sono utili strumenti di riflessione.


ID77925 - 14/10/2018 09:35:07 (VENTONORD11) Buon senso
Commento estremamente chiaro e corretto Lei dice delle cose , che ogni buon padre di famiglia applicherebbe , e se i nostri politici cosi' si comportassero l'Italia andrebbe molto meglio. Il problema e' che invece anche i novelli politici Salvini e Di Maio sono dei populisti nel senso dispregiativo del termine , cioe' promettono la luna al popolo , il fine e' chiaro ESSERE ELETTI. La grossa lacuna risulta essere nel popolo , che per ignoranza , menefreghismo , ignavia , crede che davvero questi possano , magari con un colpo di bacchetta magica , risolvere tutti i problemi italiani. In realta' anche loro stanno cercando di dare la mancetta ai loro elettori ( reddito di fannullanza etc etc ) FACENDO DEBITI. ASSURDO. E non basta dire ABBIAMO ABILITO LA POVERTA' PER DECRETO ed il gioco e' fatto. Io saro' probabilmente troppo severe e negativo col popolo italiano , ma finche' vedo che questi votano ancora partiti/persone su false promesse , dico loro informatevi bene prima di votare !!!


ID77926 - 14/10/2018 09:48:13 (VENTONORD11) Domanda
Ora io vorei porre una domanda, ma noi ci meritianmo la democrazia intesa come voto al popolo ? Ho qualche dubbio. 1) La storia dice che Hitler e Mussolini , sono stati eletti dal popolo , In Libia Iraq e' stata importata la democrazia , stanno meglio ora o alcuni hanni fa' ? La democrazia e' uno strumento delicato, se il popolo ha scarso senso civico , e' egoista menefreghista ladro etc la democrazia non puo' funzionare . E purtroppo oggi l'Italia e' in queste condizioni. Per esempio , perché in Campania non c'e' un inceneritore ? Perche' nessun campano se fanno un referendum direbbe facciamolo in Campania , lo vogliono ma in altre regioni. Capito ? Il popolo vota solo per convenienza , non con buon senso!!! Ecco perché la democrazia non funziona piu'. Le tasse chi le deve pagare : gli altri ed il debito gli altri io cittadino normale ho solo diritti MA NESSUN DOVERE. ECCO L'ITALIANO MEDIO. La meritiamo la democrazia con questo popolo diventato cosi' scarso ?


ID77930 - 14/10/2018 12:34:31 (VENTONORD11) Domanda sulla poverta'
Salvini Di Maio dicono che ci sono 6 ml di italiani poveri. Come e' spiegabile che nel 2018 gli italiani spendano nei giochi di azzardo ( slot lotto sisal grati l etc ) 120 md ?? Sono ca e 2.000 a persona !! Sapete che ci sono regioni al Sud dove il 11% del reddito va a finire nei giochi ? ( In Trentino siamo al 5% ) Sapete che ci sono 6 ml di italiani che giocano e ca 3ml sono ormai a rischio dipendenza ? Il calcolo e' presto fatto il 10% egli italiani si spende quasi tutto il reddito nei giochi ! Brava gente ? Imbecilli ? ignoranti ? stupidi ? Fate voi. Ma allora forse molta gente oggi POVERA è cosi' perché sperpera ? Nel 2000 in Italia si spendevano 20 md oggi 6 volte di piu'!!! Non pensaTE CHE MOLTI POVERI ATTUALI che godranno del reddito di fannullanza siano anche giocatori incalliti ? Come e'possibile che ci siano molti poveri ma aumentano ogni anno i soldi buttati nei giochi? O giocano solo i ricchi ? Povera italia ? NO POVERI ITALIANI POPOLO DI


ID77931 - 14/10/2018 15:28:14 (PETER72) Orietta Berti docet
Il grillo disse un giorno alla formica: il pane per l'inverno tu ce l'hai, perché protesti sempre per il vino aspetta la vendemmia e ce l'avrai. Mi sembra di sentire mio fratello che aveva un grattacielo nel Perù, voleva arrivare fino in cielo e il grattacielo adesso non l'ha più. Fin che la barca va, lasciala andare, fin che la barca va, tu non remare... Così la politica da orgoglio nazionale diventa vergogna internazionale


ID77935 - 14/10/2018 17:53:56 (bernardofreddi)
Abbiamo al governo Di Maio "reddito ai falsi disoccupati e pensione a tutti quelli che hanno lavorato in nero" e Salvini "se pagate le tasse siete minchioni"; l'alternativa sarebbero Berlusconi "morte alla magistratura che si permette di inquisire i potenti", Renzi "faccio quello che vuole Berlusconi ma senza darlo troppo a vedere", la bionda "Mussolini sì ch'era un grande" e la pseudo sinistra "avanti c'è posto per tutti, fregatevene pure della legge". Alle prossime elezioni che facciamo? Votiamo la SVP (se si presenta)?


ID77936 - 14/10/2018 18:02:04 (Jongrapewine)
Ora prendete le medicine e tornate in camera che passa il dottore


ID77939 - 14/10/2018 19:07:38 (PETER72) bernardofreddi
Centrato in pieno il bersaglio... Al malgoverno attuale l'alternativa passata presente futura degli altri sembrebbe essere solo il peggio


ID77940 - 14/10/2018 19:56:25 (VENTONORD11) RICHIEDIAMO POLITICI ESTERI
Ci sarebbe l'alternativa chiedere a prestito ad esempio politici della Germania . La Cancelliera Merkel e' quasi alla fine della sua carriera politica , si e' dimostrata nettamente migliore di tutti i nostri politici , bianchi , rossi gialli verdi e neri. Bene , chiediamo aiuto perche' ci governi con i suoi ministri. Democratica e' democratica. Sarebbe il vero smacco per tutti i nostri politici e politicanti , TUTTI RIFIUTATI dagli italiani. Non farebbe promesse elettorali e non sarebbe legata a nessuna pastoia italiana. D'altronde e' come nelle grandi aziende , la Fiat nel mettere come Amministratore Delegato una persona esterna alla famiglia Agnelli , ha salvato l'azienda e migliaia di posti di lavoro. Ecco quello che ci vorrebbe . Invece siamo obbligati a scegliere votando turandoci il naso o votando il meno peggio. ASSURDO . Tutti a esultare per il voto al popolo ma se poi la classe politica nostra e' cosi desolante , non capisco cosa ci sia di cosi' positivo nel voto.


ID77941 - 14/10/2018 20:10:50 (VENTONORD11) ORO ALLA PATRIA
Non sottoscrivero' un euro nei nuovi titoli che forse verranno proposti i CIR BIR . Nemmeno se il tasso fosse il 5% netto , anche perché significherebbe che sono con l'acqua alla gola. E non sottoscrivo piu' nemmeno Titoli di stato italiani , ne direttamente , ne tramite i Fondi Comuni. Se vogliono un po' dei miei risparmi devono fare LA PATRIMONIALE . Nel frattempo Via da tempo da tutti gli investimenti in Italia sia azioni di aziende italiane sia obbligazioni. Solo titoli di stato o obbligazioni USA ed azioni USA , tra l'altro denominate in dollari. Pochissima liquidita' sul c/c per eventuale patrimoniale , piuttosto contanti in cassetta sicurezza. E come faccio io ormai lo stanno facendo da tempo in tanti , e moltigestori di fondi e banche. Pensare di fuggire dopo sara' sempre tardi , Quando scoppia la crisi in 1 giorno si formano le file al bancomat ma la liquidita' e' ormai esaurita vedi In Grecia o Cipro. ALTRO CHE FIDUCIA NEL NUOVO ESECUTIVO.


ID77942 - 14/10/2018 20:19:00 (genpep)
commento supersensato di Bernardofreddi. siamo arrivati al punto che se qualcuno presenta candidato il suo cavallo questi viene eletto e con un sacco di voti!



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
30/09/2018 08:16:00
La manovra di Bengodi Ho letto con interesse quanto scritto dal sig. Ferroni e devo dire che mi ritrovo in sintonia con molte delle sue considerazioni. Mi limiterò pertanto ad ampliare alcuni ragionamenti non solo sul reddito di cittadinanza ma sull'insieme della manovra che si preannuncia dopo il DPEF

11/10/2018 05:59:00
A favore dell’idea sul reddito di cittadinanza Gentile direttore, vorrei confutare quanto scritto nella lettera dal sig. Ferroni sul tema del reddito di cittadinanza in quanto ritengo che l’idea di fondo, sulla quale si basa la manovra fiscale del governo, sia la chiave per far ripartire l’economia reale

29/09/2018 06:33:00
«Perchè sono contrario al reddito di cittadinanza» Gentile Direttore, Le scrivo con l’intento di esprimere alcune riflessioni su un tema di attualità: il reddito di cittadinanza...

17/07/2011 09:18:00
Manovra, ticket e rincari Dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, entrano in vigore da questo lunedì le prime misure della manovra economica del Governo.

04/10/2018 05:55:00
Il grande inganno sullo SPRED Il termometro misura una febbre alta tra Governo Italiano e Commissione Europea...



Altre da Politica e Territorio
18/11/2018

Nuovo circolo per Fratelli d'Italia

Alla presenza del senatore Gianpietro Maffoni è stato inaugurato ieri a Vestone il circolo “Valle Sabbia” di Fratelli d’Italia, che sarà coordinato da Edoardo Teotti (3)

18/11/2018

Risorse per l'Antincendio boschivo

85 mila euro per le squadre Aib bresciane della Protezione civile e 40 mila euro in più all’Alto Garda per incendio di Tremosine

17/11/2018

Di contraddizione in contraddizione

Quando scrivo: “il rosso non rosso” cosa appare? Appare la contraddizione. Se dicessi che non appare nulla, negherei che “il rosso non rosso” sia stato scritto. Eppure, è lì da vedere, l’ho appunto scritto. Così anche in politica...
(47)

17/11/2018

Alunni con disabilità, nuovi approcci di assistenza e inclusione

La Scuola dell’Infanzia “Quarena” di Gavardo apripista di una sperimentazione su disabilità e inclusione scolastica

17/11/2018

Sportelli Suap e Sue, Valsabbia in rete

La nuova convenzione siglata dalla Camera di commercio e dalla Comunità montana semplificherà la gestione degli sportelli unici dedicati alle attività produttive e all'edilizia

16/11/2018

Domenica l'election day del Pd

Questa domenica 18 novembre gli iscritti del Partito Democratico sono chiamati a rinnovare i circoli, la segreteria provinciale e quella regionale. Per il Pd bresciano in campo il sindaco di Villanuova Michele Zanardi e quello di Padenghe Patrizia Avanzini

16/11/2018

Un Sì per l'acqua pubblica

Gentile direttore, approfitto di questa rubrica per parlare di acqua pubblica dato che questa domenica tutti noi saremo chiamati alle urne...
(8)

16/11/2018

Record di presenze in Rocca d'Anfo

Primi dati: sempre più "internazionale" la Valle Sabbia: con la Rocca d'Anfo a fare da traino, in aumento e diversificata la presenza di turisti sia stranieri sia italiani
(1)

15/11/2018

Migranti di oggi e di ieri (2)

Emigrare non è una pacchia. Se proprio non ce la facciamo a immedesimarci in quegli uomini, donne e bambini... (7)

15/11/2018

Acqua pubblica, domenica si va alle urne

Dopo tanti incontri informativi e dibattiti sul tema, per i bresciani è giunto il momento di esprimersi sulla futura gestione – esclusivamente pubblica o con la partecipazione di soggetti privati - del servizio idrico integrato  

Eventi

<<Novembre 2018>>
LMMGVSD
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia