Skin ADV
Sabato 24 Febbraio 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE


Primavera invernale sul Tesio

Primavera invernale sul Tesio

di Cristina Pellizzoni



22.02.2018 Vallio Terme Val del Chiese

22.02.2018 Valsabbia Muscoline

23.02.2018 Vallio Terme Garda

23.02.2018 Idro Bagolino Anfo Lavenone Valsabbia

22.02.2018 Gavardo

22.02.2018 Vestone

23.02.2018 Val del Chiese Storo

24.02.2018 Prevalle

22.02.2018 Anfo Valsabbia

24.02.2018 Valsabbia






21 Ottobre 2014, 14.37

Motori

Auto e moto d'epoca? Servono 30 anni

di Redazione
Con la nuova Legge di stabilità il Governo Renzi ha previsto di cancellare il bollo ridotto alle auto e alle moto fino ai 30 anni da quando sono state costruite.La risposta di ASI

La nuova Legge di Stabilità interviene anche sul sistema che regolamenta i veicoli di interesse storico, eliminando la possibilità di ottenere il bollo ridotto per i veicolo di età compresa tra i 20 e i 30 anni.
Una “mazzata” che scontenta numerosi proprietari che dovranno fare a meno del bollo ridotto e, visto he i mezzi non sono più considerati d'epoca, con tutta probabilità anche alle tariffe assicurative vantaggiose (ma questa valutazione dipenderà dalle decisioni delle compagnie).

La “stangata” però non toccherà solo i proprietari, ma anche FMI e ASI che gestiscono i registro storico.
L'ASI, l'Automotoclub Storico Italiano ha deciso di rispondere al Governo con una nota pubblica che critica pesantemente le decisioni prese dalla squadra di Matteo Renzi, puntando il dito soprattutto sul fatto che per risparmiare pochi milioni di euro si rischia di rinunciare a un indotto molto più cospicuo.

Ecco la nota integrale.

«Il provvedimento legislativo contenuto nella Legge di stabilità 2015, all’art. 44 comma 28, con cui si abrogano i commi 2 e 3 dell’art. 63 Legge 342/2000 determina le seguenti considerazioni:

1. Il parco veicolare rappresentato dai veicoli di particolare interesse storico esentato dal pagamento della tassa di proprietà o obbligato al pagamento ridotto, nei 13 anni dall’entrata in vigore del provvedimento di esonero è costituito, al 31 dicembre 2013, da 501.000 veicoli e non già da altre entità.

2. Di questi veicoli di cui al punto 1, un 15% è stato demolito poiché non meritevole di conservazione ed un altro 10% esentato poiché nel frattempo ha raggiunto i 30 anni e come tale meritevole del beneficio anche se non storico.

3. Ne consegue che i veicoli esentati, in seguito a provvedimento Asi,  al 31 dicembre 2013 risultano essere circa 375.000 (501.000 -25% = 375.000).

4. L’importo corrispondente alle tasse non percepite dall’erario, per tale esenzione o riduzione, è pari a circa € 56.250.000 (375.000 x 150,00). Il tributo medio non percepito è stato ritenuto equo calcolarlo in € 150,00 annui poiché la potenza media dei veicoli esentati non supera i 60 CV.

Ma se tale provvedimento abrogativo dovesse divenire definitivo, l’erario non percepirebbe tale somma, poiché pochi dei 375.000 veicoli beneficianti di tale esenzione-riduzione, resterebbe in vita  o in circolazione in Italia, con conseguente forte riduzione del gettito fiscale previsto.

Possiamo, con serenità, sostenere che neanche 50.000 veicoli veicoli di interesse storico collezionistico pagherebbero le tasse ordinarie cui sarebbero tenuti per il provvedimento abrogativo.
E ciò determinerebbe un’entrata presumibile per lo Stato di circa € 7.500.000.

A questo punto verrebbe da dire: “Tanto rumore per nulla”.
Senonchè bisogna prendere ora in considerazione i risvolti che tale provvedimento determinerebbe sul piano economico generale per il settore legato ai veicoli storici. E cioè:

1A. In particolare, la perdita di circa 300/325.000 veicoli d’interesse storico-collezionistico significherebbe un mancato esborso per le spese di manutenzione di detti veicoli, che, applicando i coefficienti utilizzati dallo Stato in materia fiscale, darebbe un risultato di € 4.875.000.000 (325.000 veicoli per un costo annuale di manutenzione medio unitario di € 15.000 come previsto dallo Stato). Se invece vogliamo essere più realisti, valutiamo il costo di manutenzione annuale medio in € 2.000, arrivando così ad un importo complessivo da mancata attività economica pari a € 650.000.000.
Tale perdita colpirebbe piccoli riparatori, carrozzieri, distributori di benzina, ricambisti, settori già particolarmente colpiti per la diminuzione di lavoro.

2A. A questa perdita si aggiungerebbe quella turistica pari a circa € 12.500.000 annui che nasce da una media di 2.500 raduni per un costo unitario medio di € 5.000.

3A. Ed è chiaro che a queste perdite si aggiungono quelle della perdita di posti di lavoro nella Segreteria Asi e nei Club federati che sono 270.

4A. Nel settore dei veicoli storici sono applicate tariffe assicurative agevolate, stante al kilometraggio ridotto e il poco rilevante rischio, legato all’uso attento del veicolo. L’applicazione delle tariffe piene ai veicoli ultraventennali, determinerebbe l’antieconomicità di tali contratti e pertanto anche la demolizione dei veicoli stessi oppure l’incremento del numero dei veicoli non assicurati.

5A. In molti altri casi il nostro Governo ha assunto decisioni populistiche contro auto sportive, di lusso, di grande cilindrata o altri beni, quali barche o aeromobili, con il solo risultato di ridurre l’attività economica del privato, senza incrementare le entrate per l’erario.
Sembra ancora una volta che gli errori del passato, in Italia, non insegnino nulla per il presente o per il futuro.

Mai come oggi, ogni giorno sentiamo parlare di calo dell’economia
, dell’occupazione e della necessità di introdurre provvedimenti per ovviare a tali negatività, in concreto poi i provvedimenti adottati vanno contro corrente e determinano ulteriori danni.

Non si può poi dimenticare che il veicolo storico è stato beneficiato dal legislatore perché il pregio culturale superava la perdita per l’erario e tale particolare, giusta considerazione, ha favorito la sua crescita numerica e la sua crescita patrimoniale che ora di punto in bianco viene annullata  senza contropartita.

Con un’ulteriore perdita non facilmente valutabile, ma certo non lontana da oltre 1,5 miliardi di Euro.

Avevamo una Federazione apprezzata nel mondo e all’improvviso, sostanzialmente viene azzerata per pochi ipotetici milioni di Euro, contro una perdita miliardaria».

.Fonte: In Sella.it



Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID51088 - 21/10/2014 20:39:47 (Giacomino) Non mi
stupisce che sia successo.


ID51094 - 21/10/2014 22:00:56 (PETER72)
Piu' che giusto che chi possiede una Ferrari Daytona degli anni 70 del valore di centinaia di migliaia di euro sia esentato dal pagare il bollo e lo debba fare invece chi possiede una vecchia Fiat 126 con 29 anni di eta'. Con questa equita' fiscale non potremmo che essere in Itaglia...


ID51132 - 22/10/2014 11:36:30 (Ernesto)
qui la cosa e^ da vagliare bene,,,,,,quello col ferrari di sicuro porta un indotto maggiore che non quello col 126!!vedi tagliandi speciali vedi raduni con megacene iscrizioni a gruppi o fererazioni,,,fan girar l'euro,,,,


ID51133 - 22/10/2014 11:36:54 (Ernesto) nes
qui la cosa e^ da vagliare bene,,,,,,quello col ferrari di sicuro porta un indotto maggiore che non quello col 126!!vedi tagliandi speciali vedi raduni con megacene iscrizioni a gruppi o fererazioni,,,fan girar l'euro,,,,


ID51141 - 22/10/2014 13:24:08 (DODECA)
stupidaggini.... l'indotto portata da qualsiasi auto d'epoca sarà sempre maggiore del bollo. anche perchè dopo i 30 anni si è comunque esentati e la 126 continuerà ad essere manutenuta, cambi gomme, benzina, carrozziere e raduni vari. così facendo invece si rischia che la 126 venga rottamata e si perde sia bollo che indotto. e poi scusate ma... meritano di sopravvivere solo le ferrari??? comunque la mia 112 ha appena fatto i 30 quindi....


ID51166 - 22/10/2014 17:30:32 (Ernesto)
dodeca,,hai ragione lo so perch anche io ho un clio Williams iscritto ad un gruppo,,,,pero cerco di limitare al massimo le spese,,sia per i raduni sia per la manutenzione(tanto fai da te)ma converrai con me che quello col ferrari quando si muove fa lo sborroneee!!!e spende di sicuro pi di me,,,,,haaaaa bello il 112,,,io da ragazzo avevo l'elegant verde,,,,,



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
24/03/2017 09:35:00
Bollo auto-moto: come e quando si paga Come e dove si può pagare il bollo auto? Cosa fare in caso di bollo scaduto?

22/06/2015 07:32:00
Da bollo a tagliandi Ecco app per gestire scadenze dell'auto. Si chiama Veicoli ed è nata al Politecnico di Torino

22/06/2016 11:13:00
Bollo Auto: riparte la regolarizzazione agevolata Riaperti i termini per il pagamento del bollo senza costi aggiuntivi. Il termine ultimo per la regolarizzazione agevolata slitta al 31 ottobre 2016. Lo prevede la "Legge di semplificazione 2916"

 

31/07/2014 17:41:00
Donne e motori sabato al Galello Accanto al concorso di Miss Garda, evento che fa parte del circuito “Grandi Eventi Italiani”, la Polisportiva di Preseglie ha organizzato anche un raduno di auto storiche

03/06/2015 09:40:00
Odolo capitale di «Acciaio & Motori» Due prove speciali, la “Vallio Terme - Colle Sant’Eusebio” e la “Odolo - Colle Sant’Eusebio” fanno da prologo al circuito cittadino dell’evento dedicato alle auto storiche in programma venerdì e sabato nel centro della Conca d’Oro



Altre da Motori
21/01/2018

Dakar, Metelli ce l'ha fatta

Concentratissimo fino agli ultimi metri di speciale, Livio Metelli, al suo arrivo a Cordoba, ha poi tirato fuori il suo miglior sorriso. VIDEO
Dossier

(1)

20/01/2018

Dakar: Metelli al via per l'ultima tappa

Con qualche peripezia, il portacolori bresciano alla Dakar è riuscito a portare a termine anche la penultima tappa di questa faticosissima e massacrante Dakar. VIDEO
Dossier

20/01/2018

Classe e spazio con la nuova station

Mercedes continua l'ampliamento gamma della Nuova Classe E. Dopo la berlina ecco ora arrivare sul mercato la versione Station Wagon, disponibile con diversi motori e allestimenti

19/01/2018

Dakar: ok Metelli alla fine della Marathon

Solo un lungo trasferimento per le moto, nella seconda frazione della Marathon che ha portato la carovana della Dakar fino a San Juan. VIDEO
Dossier

18/01/2018

Dakar. Solo Metelli resta in gara

Buona prestazione di Livio Metelli per la prima frazione di una tappa marathon che ha portato la carovana fino a Fiambalà. Con Botturi anche Bertoldi lascia. VIDEO
Dossier


18/01/2018

Valsir con Ducati in MotoGP e Superbike

Valsir sponsor ufficiale del Ducati Team: rafforzata la partnership per la stagione motociclistica 2018 (1)

17/01/2018

Dakar: Botturi si ritira

Vittima di una rovinosa caduta a 18 chilometri dalla fine, il “Bottu” si rompe una costola e distrugge la moto. Finita per lui anche questa settima Dakar. E in classifica manca anche Bertoldi, anche se è regolarmente inserito al via dell'11 tappa


16/01/2018

Dakar: salta la tappa di Salta

Troppo facile il gioco di parole. A causa del maltempo viene annullata la prima tappa in Argentina. Una giornata di riposo inaspettata, prima di un altro tappone marathon. Finalmente torna in video Alberto Bertoldi. VIDEO
Dossier
(1)

15/01/2018

Dakar 8ª tappa

Conclusa la frazione "marathon", cioè senza assistenza ai mezzi meccanici, i "nostri" sono ancora tutti in gara. Salta la tappa di oggi, per avverse condizioni meteo. VIDEO.
Dossier


14/01/2018

Dakar 7ª tappa

Frazione massacrante quella di questo venerdì. Dopo un giorno di pausa, con il fisico e le moto in sofferenza. Tutti al traguardo i bresciani del Garda Bikers Team

Eventi

<<Febbraio 2018>>
LMMGVSD
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia