Skin ADV
Martedì 24 Aprile 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 

MAGAZINE


LANDSCAPE




22.04.2018 Vestone

22.04.2018 Valsabbia

23.04.2018 Preseglie

22.04.2018 Gavardo

22.04.2018 Storo

23.04.2018 Vobarno Vallio Terme

23.04.2018 Storo

22.04.2018 Prevalle

22.04.2018 Serle

23.04.2018 Roè Volciano Valsabbia Garda Valtenesi






27 Ottobre 2011, 07.00

Contratti

Job sharing o lavoro ripartito

di Laura
E' una figura contrattuale prevista dal 1998 grazie ad una circolare del Ministero del lavoro.
Job sharing o lavoro ripartito, è un contratto secondo il quale due persone si suddividono in due fasce lavorative un lavoro a tempo pieno.
Deve essere chiaramente distinto dal contratto di part–time perchè non può dare origine a due rapporti di lavoro distinti.
Con il contratto di lavoro ripartito i due lavoratori si dividono un unico impiego, cioè assumono "in solido", ossia con le stesse responsabilità, l'adempimento di un'unica prestazione lavorativa.
 
E’ una figura contrattuale speciale, istituita fin dal 1998 con la circolare del ministero del Lavoro n. 43 del 1998.
E’ stata però la riforma Biagi a chiarirne la disciplina, limitando tra l’altro la possibilità di gestire il lavoro in solido a soltanto due soggetti.

Il contratto deve essere stipulato in forma scritta e deve contenere tra l'altro la percentuale e la distribuzione temporale del lavoro giornaliero, settimanale, mensile o annuale svolto da ciascuno dei due lavoratori, in base ai loro accordi, ferma restando la possibilità per gli stessi lavoratori di stabilire in qualunque momento la sostituzione tra di loro o una diversa distribuzione dell'orario e il luogo di lavoro e il trattamento economico e normativo spettante a ciascun lavoratore.
 
Il trattamento economico e normativo stabilito nel contratto  deve essere riproporzionato in ragione della prestazione lavorativa effettivamente eseguita, in particolare per quanto riguarda la retribuzione, le ferie, i trattamenti per malattia, infortunio, malattia professionali e congedi.
Il calcolo delle prestazioni e dei contributi per i contitolari di un contratto di job sharing è assimilabile ad un part-time, tuttavia il calcolo è effettuato non preventivamente ma mese per mese, salvo conguaglio a fine anno a seguito dell'effettivo svolgimento della prestazione lavorativa.
 
In caso di malattia o maternità di un componente lavoro ripartito, o comunque in presenza di situazioni oggettive per le quali sia impossibile ottenere la prestazione di uno dei sottoscrittori del contratto, chi sta svolgendo l’attività, salvo diverso accordo con il datore di lavoro che permetta il subentro di un’altra risorsa, dovrà accollarsi per intero l’obbligazione.
Se entrambi i lavoratori risultano impossibilitati, allora il rapporto di lavoro verrà sospeso oppure estinto (secondo l’articolo 1256 del Codice civile).
Il vincolo di solidarietà si applica anche nella fase conclusiva del contratto, quindi il licenziamento o le dimissioni da parte di uno dei lavoratori comportano l’estinzione dell’intero vincolo contrattuale.
 
Ed ecco il Job sharing familiare, soluzione anticrisi
Il rinnovo del contratto collettivo per i dipendenti di Luxottica, firmato a larghissima maggioranza e che verrà applicato in tutti gli stabilimenti dell’azienda, introduce lo job sharing familiare che  consentirà a un lavoratore di condividere il proprio posto di lavoro e quindi anche lo stipendio con un parente stretto.
Questo significa che una moglie o un marito disoccupato o in cassa integrazione potrebbe rientrare nel mondo del lavoro, così come un figlio che sta concludendo la propria formazione.
Così il lavoratore potrà anche essere sostituito in caso di impedimento temporaneo a svolgere le proprie mansioni.
 
E Luxottica potrebbe diventare una soluzione per parecchi mariti lasciati a casa dalla crisi economica, visto che il 65% dei dipendenti è di sesso femminile.
Il contratto, che avrà durata triennale e interessa 8mila lavoratori.
Nel contratto integrativo di Luxottica è anche previsto l’avvio della ‘banca ore’ dedicata a paternità e maternità.
Il principio è semplice: dal momento in cui il lavoratore lo comunica all’azienda avrà tre anni di tempo per accumulare parte degli straordinari e dei giorni di permesso e ferie per usufruirne dopo la nascita del figlio.
Il meccanismo della banca può funzionare anche per chi accumuli ore nella preparazione di esami universitari.
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
02/09/2012 09:00:00
Verifiche periodiche delle attrezzature Il Ministero del Lavoro ha pubblicato la circolare n. 23 del 13 agosto 2012, con i chiarimenti circa le modalità di effettuazione delle verifiche periodiche sulle attrezzature di lavoro.

13/12/2014 13:02:00
L'ultima ricerca di Autoscout24 sul car sharing Il car sharing è una realtà sempre più diffusa nel mondo ma anche e soprattutto in Italia, dove ogni giorno sempre più persone decidono di adottare questo metodo per i loro spostamenti, risparmiando e dando una mano all'ambiente e alla vivibilità delle città in cui vivono

28/12/2011 08:00:00
Contributi a chi assume apprendisti Il ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali con un bando di 78 milioni di euro finanzia l’assunzione di apprendisti attraverso il Programma Amva.

25/08/2015 08:47:00
Lavoro accessorio L'Inps si occupa di questo tema in relazione al Decreto legislativo 15 giugno 2015, n. 81, che ha fornito una disciplina organica dei contratti


14/02/2007 00:00:00
I contratti alla resa dei conti con l’Istat Nel comunicato stampa del primo febbraio 2007 l’Istat fa una veloce, ma precisa, panoramica sulla situazione dei contratti di lavoro, sul loro corso di validità e sul coinvolgimento dei lavoratori in campo nazionale.



Altre da Economia e Lavoro
23/04/2018

Dati personali e privacy, cosa cambia?

A partire dal 25 maggio 2018 troverà piena applicazione il Nuovo Regolamento Europeo sulla Privacy: UE 2016/679. Quali sono le principali novità?  Con Ellegi Service un corso per saperne di più

18/04/2018

Opportunità di lavoro

Saranno presentati questo venerdì, 20 aprile, alle aziende e lunedì 23 aprile ai giovani vobarnesi i progetti di tirocinio lavorativo che verranno attivati dal Comune di Vobarno

16/04/2018

Valsabbina, bilancio approvato

L'assemblea dei soci di Banca Valsabbina, convocata per sabato 14 aprile, ha approvato il bilancio 2017. In creescita raccolta, impieghi e presenza sul territorio


14/04/2018

Dati personali e privacy, cosa cambia?

A partire dal 25 maggio 2018 troverà piena applicazione il Nuovo Regolamento Europeo sulla Privacy: UE 2016/679. Quali sono le principali novità?  Con Ellegi Service un corso per saperne di più


13/04/2018

Lavoro in primo piano

Questa sera a Vobarno il primo di due incontri sul tema del lavoro organizzati dalla l'Ufficio per l'impegno sociale della Diocesi di Brescia, in vista della festa del Primo maggio, che quest’anno sarà celebrata in Valle Sabbia

13/04/2018

Canali YouTube: la nuova frontiera del marketing digitale

Con l’era digitale non cambia solo il modo di socializzare, ma anche quello di vendere

11/04/2018

Il «Fermi» punta alle competenze internazionali

Il liceo salodiano ha di recente introdotto il “Certilingua”, un attestato di certificazione delle competenze plurilingui e internazionali che va ad affiancare il diploma di maturità

10/04/2018

Scuola aperta per una società aperta

Grande sinergia tra Valsir S.p.A e l’istituto comprensivo di Vestone, unico per regione Lombardia, a far parte di un Progetto di respiro europeo sui temi del recupero delle materie prime

09/04/2018

Gestori delle sale da gioco: aggiornamento in vista

I gestori degli esercizi commerciali dove sono installate apparecchiature per il gioco d'azzardo lecito, sono tenuti a frequentare un corso di aggiornamento ogni 3 anni

06/04/2018

Tirocini lavorativi per i giovani

È la proposta del Comune di Vobarno per i giovani residenti tra i 18 e i 30 anni non impegnati in un’attività lavorativa. In programma due serate informative, una per i giovani e una per le aziende 

Eventi

<<Aprile 2018>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia