Skin ADV
Giovedì 21 Settembre 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE




19.09.2017 Vobarno

19.09.2017 Gavardo Vallio Terme Villanuova s/C

19.09.2017 Lavenone

20.09.2017 Vestone Barghe Valsabbia

20.09.2017 Valtenesi

19.09.2017 Vobarno

20.09.2017 Prevalle

19.09.2017 Odolo

20.09.2017 Idro

20.09.2017 Mura






27 Ottobre 2011, 07.00

Contratti

Job sharing o lavoro ripartito

di Laura
E' una figura contrattuale prevista dal 1998 grazie ad una circolare del Ministero del lavoro.
Job sharing o lavoro ripartito, è un contratto secondo il quale due persone si suddividono in due fasce lavorative un lavoro a tempo pieno.
Deve essere chiaramente distinto dal contratto di part–time perchè non può dare origine a due rapporti di lavoro distinti.
Con il contratto di lavoro ripartito i due lavoratori si dividono un unico impiego, cioè assumono "in solido", ossia con le stesse responsabilità, l'adempimento di un'unica prestazione lavorativa.
 
E’ una figura contrattuale speciale, istituita fin dal 1998 con la circolare del ministero del Lavoro n. 43 del 1998.
E’ stata però la riforma Biagi a chiarirne la disciplina, limitando tra l’altro la possibilità di gestire il lavoro in solido a soltanto due soggetti.

Il contratto deve essere stipulato in forma scritta e deve contenere tra l'altro la percentuale e la distribuzione temporale del lavoro giornaliero, settimanale, mensile o annuale svolto da ciascuno dei due lavoratori, in base ai loro accordi, ferma restando la possibilità per gli stessi lavoratori di stabilire in qualunque momento la sostituzione tra di loro o una diversa distribuzione dell'orario e il luogo di lavoro e il trattamento economico e normativo spettante a ciascun lavoratore.
 
Il trattamento economico e normativo stabilito nel contratto  deve essere riproporzionato in ragione della prestazione lavorativa effettivamente eseguita, in particolare per quanto riguarda la retribuzione, le ferie, i trattamenti per malattia, infortunio, malattia professionali e congedi.
Il calcolo delle prestazioni e dei contributi per i contitolari di un contratto di job sharing è assimilabile ad un part-time, tuttavia il calcolo è effettuato non preventivamente ma mese per mese, salvo conguaglio a fine anno a seguito dell'effettivo svolgimento della prestazione lavorativa.
 
In caso di malattia o maternità di un componente lavoro ripartito, o comunque in presenza di situazioni oggettive per le quali sia impossibile ottenere la prestazione di uno dei sottoscrittori del contratto, chi sta svolgendo l’attività, salvo diverso accordo con il datore di lavoro che permetta il subentro di un’altra risorsa, dovrà accollarsi per intero l’obbligazione.
Se entrambi i lavoratori risultano impossibilitati, allora il rapporto di lavoro verrà sospeso oppure estinto (secondo l’articolo 1256 del Codice civile).
Il vincolo di solidarietà si applica anche nella fase conclusiva del contratto, quindi il licenziamento o le dimissioni da parte di uno dei lavoratori comportano l’estinzione dell’intero vincolo contrattuale.
 
Ed ecco il Job sharing familiare, soluzione anticrisi
Il rinnovo del contratto collettivo per i dipendenti di Luxottica, firmato a larghissima maggioranza e che verrà applicato in tutti gli stabilimenti dell’azienda, introduce lo job sharing familiare che  consentirà a un lavoratore di condividere il proprio posto di lavoro e quindi anche lo stipendio con un parente stretto.
Questo significa che una moglie o un marito disoccupato o in cassa integrazione potrebbe rientrare nel mondo del lavoro, così come un figlio che sta concludendo la propria formazione.
Così il lavoratore potrà anche essere sostituito in caso di impedimento temporaneo a svolgere le proprie mansioni.
 
E Luxottica potrebbe diventare una soluzione per parecchi mariti lasciati a casa dalla crisi economica, visto che il 65% dei dipendenti è di sesso femminile.
Il contratto, che avrà durata triennale e interessa 8mila lavoratori.
Nel contratto integrativo di Luxottica è anche previsto l’avvio della ‘banca ore’ dedicata a paternità e maternità.
Il principio è semplice: dal momento in cui il lavoratore lo comunica all’azienda avrà tre anni di tempo per accumulare parte degli straordinari e dei giorni di permesso e ferie per usufruirne dopo la nascita del figlio.
Il meccanismo della banca può funzionare anche per chi accumuli ore nella preparazione di esami universitari.
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
02/09/2012 09:00:00
Verifiche periodiche delle attrezzature Il Ministero del Lavoro ha pubblicato la circolare n. 23 del 13 agosto 2012, con i chiarimenti circa le modalità di effettuazione delle verifiche periodiche sulle attrezzature di lavoro.

13/12/2014 13:02:00
L'ultima ricerca di Autoscout24 sul car sharing Il car sharing è una realtà sempre più diffusa nel mondo ma anche e soprattutto in Italia, dove ogni giorno sempre più persone decidono di adottare questo metodo per i loro spostamenti, risparmiando e dando una mano all'ambiente e alla vivibilità delle città in cui vivono

28/12/2011 08:00:00
Contributi a chi assume apprendisti Il ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali con un bando di 78 milioni di euro finanzia l’assunzione di apprendisti attraverso il Programma Amva.

25/08/2015 08:47:00
Lavoro accessorio L'Inps si occupa di questo tema in relazione al Decreto legislativo 15 giugno 2015, n. 81, che ha fornito una disciplina organica dei contratti


14/02/2007 00:00:00
I contratti alla resa dei conti con l’Istat Nel comunicato stampa del primo febbraio 2007 l’Istat fa una veloce, ma precisa, panoramica sulla situazione dei contratti di lavoro, sul loro corso di validità e sul coinvolgimento dei lavoratori in campo nazionale.



Altre da Economia e Lavoro
20/09/2017

Isaf festeggia i primi 40 anni di attività

Questo venerdi 22 settembre l'azienda di storo festeggia il quarantesimo anniversario di fondazione ospitando l’evento "Ocijo Ocjo la sicurezza è di scena…", dedicato alla sicurezza negli ambienti di vita e di lavoro

20/09/2017

L'Alco chiude due poli logistici

Il polo logistico di Prevalle del gruppo L’Alco insieme a quello di Rovato saranno dismessi entro fine anno. Coinvolti 112 lavoratori

19/09/2017

Italiani all'estero

Pubblicata la nuova guida dell’Agenzia delle Entrate dedicata ai lavoratori italiani all'estero. Tutto quello che c'è da sapere per evitare spiacevoli inconvenienti fiscali

19/09/2017

Quando la formazione corre... sul web

Ellegi Service rinnova il suo sito web. On line si trova una vetrina moderna e completa dei servizi proposti dall’Azienda

17/09/2017

70 anni per Ivars

Più di trecento a Gargnà ieri, per festeggiare i 70 anni dell’Ivars, storica azienda valsabbina fondata da Pietro Giulio Ebenestelli nel 1947 (1)

16/09/2017

Ciclo d'incontri sul Welfare aziendale

Prenderanno il via mercoledì prossimo, 20 settembre, presso la sede di Aib a Brescia, tre seminari per gli associati dedicato alle piattaforme informatiche

15/09/2017

Un videoclip coi Cinelli per la differenziata valsabbina

Charlie e Piergiorgio, nei giorni scorsi, hanno girato fra gli abitanti della Valle Sabbia un videoclip sulla raccolta differenziata, una vera rivoluzione che attende tutti a partire dal prossimo gennaio. Con loro la Comunità montana e i cittadini della valle


15/09/2017

Forneria Spagnoli, una storia lunga quasi 70 anni

Si trova a Vallio Terme, in via Roma, ed è uno dei negozi più antichi del paese. Un’attività tramandata in famiglia, con passione e dedizione, per ben tre generazioni

13/09/2017

2018: arrivano le pagelle fiscali

Dal 2018 addio agli odiati studi di settore. Saranno sostituiti da indici sitentici di affidabilità: vediamo cosa sono

11/09/2017

Agricoltura Valsabbina, a Orzinuovi è nuovamente sinonimo di eccellenza

Nell'ambito della sessantanovesima Fiera Agricola Regionale di Orzinuovi alcune aziende agricole valsabbine si sono distinte conquistando nuovi primati

Eventi

<<Settembre 2017>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia