27 Ottobre 2007, 00.00
O
Riflessione

Lettera aperta di Rigoni Stern sulla montagna

Caro direttore, ti scrivo per difendere la mia povera montagna, i pochi luoghi dove ancora si vive. Pochi gli alpeggi per le vacche, pochi i pascoli per ovini; pochi i boschi curati.

Caro direttore, ti scrivo per difendere la mia povera montagna, i pochi luoghi dove ancora si vive. Pochi gli alpeggi per le vacche, pochi i pascoli per ovini; pochi i boschi curati; pochi i luoghi «di cura e soggiorno» come si diceva un tempo, dove esiste una villeggiatura che possa dar vita e possibilità di sviluppo.

La gente va via dalle montagne e da dove va difficilmente ritorna. E’ amara la montagna, più di sempre. Silenziosa e triste. Contrade senza bambini, vecchie case vuote e villini chiusi; prati inselvatichiti che non vengono più falciati. Come nella canzone di Bepi De Marzi, La contrà dell’acqua ciara: un rivolo che esce e che nessuno più raccoglie. Contrade silenziose, vuote, ortiche. Sono passati anche i ricercatori di cose vecchie per venderle agli antiquari di città. Oggetti strani di cui si è perso non solo l’uso e il nome, ma che fanno dire: «A che cosa servivano questi cosi?».

Non si sente più cantare per le strade del paese. Non vi è nemmeno il solito ubriaco del sabato che canta stonato La montanara, come lo sentì commosso l’autore una mezzanotte di trent’anni fa. E’ triste la montagna silenziosa e dove alla sera si vede ancora una luce è quella fredda e mutevole della televisione che solamente fa vedere stupidaggini a chi ha necessità di un po’ di compagnia. La montagna non è più di moda? Eppure in certi luoghi dove questa persiste quante seconde case vuote, a parte la settimana di Capodanno e, forse, quindici giorni d’estate.

E quanto sono costate, e che lusso. Hanno portato via prati e orti, e hanno costruito. Hanno chiuso finestre sul paesaggio ma hanno costruito. I soldi comperano tutto, anche la pace, anche il filetto di cerva giovane, anche i petti di pernice. Hanno nella rimessa fuoristrada e motoslitte; a Natale un grande abete illuminato; d’estate una piscina sul prato, d’inverno il gioco delle bocce nel seminterrato.

E i montanari? Cosa sono le montagne senza i montanari? Anche le vacanze invernali, in questi ultimi anni, sono in crisi. Sono in diminuzione gli appassionati degli sport della neve; forse equipaggiamento e impianti di risalita sono troppo costosi e per la gente che li frequenta. Gli escursionisti nell’estate, poi, si azzardano da soli per vie ferrate o alpinistiche rischiose salvo poi chiamare con i telefonini il Soccorso alpino che deve correre a salvarli.

Per porre l’attenzione ai problemi dei montanari saranno a Roma per manifestare le guide alpine, i portatori, i maestri di sci che sono, con gli allevatori e i boscaioli, i montanari veri che fanno vivere le nostre montagne.

La montagna regola la pianura, dice un vecchio proverbio, ma se viene abbandonata a soffrirne saranno tutti.

Mario Rigoni Stern
Da Repubblica


Aggiungi commento:

Vedi anche
27/01/2012 08:24

La va a pochi Fra pochi giorni scade il termine previso dalla Regione Lombardia per finanziare nei paesi del lago le cosiddette "opere di compensazione".

03/10/2008 00:00

Ancora pochi giorni per visitare la rassegna Ancora pochi giorni per visitare la mostra dedicata all’arte di Edoardo Togni presso le sale espositive della Scuola primaria “Collodi” di Vestone fino al 5 ottobre.

27/06/2011 07:21

Una storiella e mezzo La guerra era finita da pochi mesi e finalmente si ricominciava a vivere. Due giovani, poco prima di Natale, realizzarono il loro sogno festeggiando il matrimonio al cospetto dei due testimoni e pochi parenti...

23/01/2009 00:00

Il cinghiale della solidarietà Un cinghiale ciascuno non fa male a nessuno. Il detto non proprio quello, ma si sa: chi vive e in modo gagliardo la montagna non ci va tanto per il sottile. Per capace come pochi di slanci di solidariet.

18/06/2009 17:55

Referendum, la va a pochi. Quello che c'è da sapere A pochi giorni dal voto, la cortina di silenzio sui referendum sempre fitta. Cos regna la confusione sulle conseguenze che potrebbero produrre. Facciamo un po' di chiarezza.




Altre da O
26/10/2010

La zucca

Utilizzata non solo in cucina, ma anche in cosmesi e in medicina, la zucca viene persino usata come contenitore e come utensile.

18/10/2010

Cucina regionale della Basilicata

La Basilicata (chiamata anche Lucania) ha il notevole pregio di conservare intatto buona parte del proprio patrimonio ambientale e boschivo.

18/10/2010

Attese

Tornando indietro con la moviola dei ricordi mi trovo sovente ingarbugliata dentro quel filo sottile e resistente che tiene insieme l’ansia per raggiungere nuovi traguardi di crescita.

(4)
14/10/2010

«Indian takeway»

Per ogni figlio di immigrati c’ sempre un momento di consapevolezza che mette a disagio.

13/10/2010

Cucina regionale dell'Umbria

L’Umbria una regione dove tradizione e semplicit dominano la gastronomia.

11/10/2010

L’omaggio degli alpini alla Madonna del Don

Ieri a Mestre il dono degli alpini bresciani dell’olio per la lampada votiva per l’icona della Vergine portata dal fronte russo da un cappellano militare, per ricordare i caduti della campagna di Russia.

11/10/2010

Bando per progetti sperimentali

Tempo fino al 18 ottobre per presentare domanda. Sono a disposizione 2 milioni e 300 mila euro.

11/10/2010

Piccoli uomini crescono

ALBUM: Piccoli uomini crescono.
ARTISTA: Jet Set Roger.
SITO UFFICIALE: www.jetsetroger.it

11/10/2010

Il mito si trasforma: arriva la Mini SUV

Rivoluzione in casa Mini: arriva infatti la Countryman, la prima Mini a trazione integrale e 5 porte.

07/10/2010

Colori e ritmi della creatività

La vera molla che fa scattare la vita sicuramente la creativit.