19 Giugno 2012, 08.22
Vobarno
Anziani

Il raddoppio della Rsa

di Cesare Fumana

Sabato pomeriggio, alla presenza di numerose autorit, stata inaugurata la nuova struttura della Rsa "Irene Rubini Falck" di Vobarno.

 
Con l’aggiunta della nuova ala, la casa di riposo ha raddoppiato i posti letto a disposizione, da 40 a 80.
Una struttura all’avanguardia di quattro piani, collegata al preesistente fabbricato: al piano interrato i depositi e i locali di servizio, al piano terra le stanze comuni, e gli altri due con 10 nuove stanze con due letti ciascuna, per un totale di 40 nuovi posti letto.
Il piano terra ospita la sala da pranzo, una sala riunioni, due ambulatori medici, una sala per le occupazioni diurne, una piccola palestra, più un ampio soggiorno diurno. Nell’ala più esterna è stato ricollocato il centro diurno anziani e la sala per la fisioterapia anche per pazienti esterni. Gli altri due piani sono simili, con le dieci stanze da letto con i loro servizi, più un bagno assistito e dei salottini e zone soggiorno, adatte anche per la visita dei parenti.

«I nuovi posti sono accreditati dalla Regione, ma non sono a contratto – precisa Corinna Pavoni, direttore della Rsa –. Per questo avranno una retta differenziata rispetto agli altri, di 60 euro al giorno invece di 40/42 euro».
La metà saranno a disposizione di anziani con problemi di demenza o Alzheimer.
 
La cerimonia di inaugurazione è iniziata con la messa celebrata dal parroco don Giuseppe Savio nel parco ombreggiato della casa di riposo, alla presenza degli anziani ospiti e dei loro familiari.
A seguire il saluto del presidente della Fondazione Pierenzo Faberi e gli interventi delle numerose autorità invitate, fra cui il vescovo di Brescia, mons. Luciano Monari.
 
«L’ampliamento della casa di riposo risponde alle esigenze di tante famiglie e di tanti anziani che hanno bisogno di assistenza – ha esordito Faberi –. Già nel 2000, dopo un primo ampliamento, ci si era resi conto che i posti letto erano insufficienti, così i vari consigli di amministrazione che si sono succeduti hanno cominciato ad accantonare dei fondi e poi a progettare la nuova struttura».
 
Il presidente ha voluto ringraziare tutti coloro che hanno lavorato per l’ampliamento, dai progettisti di Euro Project di Bagnolo Mella, all’impresa Campana che ha realizzato l’opera, senza dimenticare le istituzioni che hanno accompagnato l’intero iter, il personale della Rsa, i volontari e gli anziani ospiti che hanno dovuto sopportare un po’ di disagi durante i lavori.
 
Per la sua realizzazione era prevista una spesa di 4 milioni e 765 mila euro, scesi poi a 3 milioni e 860 mila dopo la gara d’appalto.
Il piano finanziario prevede l’utilizzo di fondi propri della Rsa per due miliardi e 400 mila euro, l’accensione di un mutuo ventennale per un milione e 300 mila, 100 mila euro di contributo da parte della Fondazione della Comunità Bresciana e 500 mila grazie ad un contributo europeo.
 
«L’inaugurazione costituisce un traguardo raggiunto – si è complimentato il sindaco Carlo Panzera –. L’attenzione agli anziani è il frutto della cultura laica e cattolica della nostra comunità».
«Ho apprezzato l’impegno, la capacità e anche la caparbietà degli amministratori della fondazione nel raggiungere questo obiettivo – ha rimarcato il consigliere regionale Vanni Ligasacchi –. Ora la casa di riposo si presenta con strutture e servizi sempre più all’avanguardia».
 
«Il nostro territorio si arricchisce di una nuova struttura e di nuovi servizi – ha ribadito il presidente della Comunità montana Ermano Pasini – segno dell’attenzione delle nostre istituzioni nei confronti degli anziani».
«Dobbiamo pensare a questo investimento non come una spesa, ma come l’attenzione nei confronti di persone fragili – è stato il pensiero del consigliere regionale Gian Antonio Girelli –. Con il loro ricordare, che vuol dire rimettere nel cuore, i nostri anziani rappresentano una ricchezza delle nostre comunità».
 
Nel suo intervento prima della benedizione e del taglio del nastro, il vescovo Monari ha voluto sottolianeare come la solidarietà faccia parte della struttura dell’uomo: nei primi anni di vita come negli ultimi l’uomo ha bisogno dell’assistenza degli altri. «Vobarno può ben dirsi fiera di questa struttura perché ha un sentimento umano».
 
Alla cerimonia ha preso parte anche il Corpo Bandistico Sociale di Vobarno che nell’occasione ha inaugurato il nuovo labaro.
 


Commenti:
ID21174 - 19/06/2012 16:18:49 - (giovane) - non tutto oro quello che luccica...

Ampliamento indispensabile ma non sufficiente per la domanda . Risulta gi troppo piccola come struttura per ospitare tutti gli anziani.INoltre non si tenuto conto della cucina e della sala pranzo troppo piccola per poter garantire un servizio scorrevole e pratico per chi ci lavora.Preciso inoltre che per una mal organizzazione interna si sono creati non pochi problemi tra coloro che operano con servizio di volontariato all'interno della RSA...Giusto parlare di un nuovo servizio offerto alla comunit ma anche doveroso precisare che ci sono dei problemi da risolvere per una migliore gestione interna

Aggiungi commento:

Vedi anche
22/10/2017 08:40

Irene Rubini Falck, Salvadori si dimette Un po' a sorpresa le dimissioni del presidente della struttura vobarnese per anziani. Una decisione forse figlia delle polemiche alimentate in queste ultime settimane. Tempo 20 giorni e potrebbe già essercene un altro.

12/08/2014 07:21

Rubini Falck: nuovo Cda con polemica Accuse di incompetenza, di mancato rispetto delle regole democratiche e di inaffidabilità. Il rinnovo del Cda della Fondazione Irene Rubini Falck di Vobarno, voluto dalla nuova amministrazione comunale, sta creando non pochi malumori

20/04/2021 15:53

Irene è arrivata ai Cento Tanti auguri a Irene Domenicetti, ospite della Fondazione Irene Rubini Falck di Vobarno, che proprio oggi fa un compleanno che più "tondo" non si può

15/07/2015 08:12

Porte aperte alla casa di riposo Di fronte all´imminente ritorno del caldo africano, la casa di riposo Irene Rubini Falck di Vobarno tende la mano agli anziani e a chi soffre l´afa

30/07/2017 08:54

«Presidente e vice sono incompatibili» Il gruppo di minoranza in Consigliuo comunale a Vobarno contesta l'assegnazione della massime cariche in seno alla Fondazione Irene Rubini Falck




Altre da Vobarno
11/06/2021

Frontale in galleria

Invade l’opposta corsia di marcia e si schianta frontalmente. In due all’ospedale, strada chiusa per ore fra le uscite in tangenziale di Vobarno e Carpeneda

02/06/2021

Un gazebo nel Parco della Salute

Ancora una volta un aiuto dagli Alpini Vobarnesi per la Fondazione I.R. Falck per consentire le visite dei parenti per gli ospiti della Casa di riposo

27/05/2021

Ora anche il sabato

Obiettivo: rendere un servizio ancora più completo alla popolazione. E il Punto Prelievi della Fondazione Irene Rubini Falck apre anche il sabato. Dal 5 giugno

26/05/2021

Ligasacchi vice di Nazione Futura Brescia

L’esponente politico vobarnese di Fratelli d’Italia sarà il vice responsabile del circolo culturale legato al partito di Giorgia Meloni

25/05/2021

Nando Vezzola ci ha lasciato

Per 26 anni è stato presidente dell'Anpi di Vobarno, portando la testimonianza dei partigiani nelle scuole

25/05/2021

Droga, un arresto e due denunce

Sono quelli messi a segno dai Carabinieri della stazione di Nuvolento che hanno intercettato un’attività di spaccio fra la media e la bassa Valle Sabbia

24/05/2021

Fondi per le riserve naturali

Anche quelle valsabbine beneficeranno dei contributi regionali per interventi di riqualificazione, conservazione e manutenzione di questo patrimonio ambientale

24/05/2021

Michele Bertoletti conquista l'Elba a tappe

Un grande risultato per forte atleta di Vobarno, portacolori della Libertas Vallesabbia, la prima per un atleta lombardo nella corsa a tappe sull'isola toscana. Orgoglio bresciano e valsabbino

20/05/2021

Tampona poi finisce nella seriola

Grave con l’eliambulanza al Civile un motociclista 27enne, dopo che è stato ripescato dai Vigili del fuoco dalle gelide acque del Chiese, a Vobarno

20/05/2021

Street Art a Vobarno con «Ericailcane»

Le pareti del Campo sportivo si trasformano in un'opera d'arte che parla di ambiente grazie al noto street artist