Skin ADV
Martedì 18 Dicembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    








E' passato un fulmine

E' passato un fulmine

di Gianfranco Fenoli





16 Maggio 2018, 09.20
Prevalle
Iniziative

Camminata nei segreti di Baderniga

di Paolo Catterina
Una nuova iniziativa… un breve percorso tra le viuzze di una contrada, raccontando ad ogni angolo vicende antiche e reconditi segreti che le pietre, le case… e le famiglie del paese ancora custodiscono

L’originale serie di iniziative avviate dall’Associazione Culturale “I Giorni” per animare la memoria collettiva della comunità e disvelare il passato curioso e intrigante delle contrade del paese sarà riproposta questo venerdì, 18 maggio. Questa volta i luoghi e le persone ruotano intorno alla contrada di Baderniga, con il suo antico nome e le mille storie raccontate nel buio della serata primaverile.
 
Siamo ormai alla quarta “camminata” tra le vie del paese scandita dai racconti intriganti, frutto di storia o di tradizione gelosamente tramandata, tutte onorate di una partecipazione straordinaria che ha quasi sempre oltrepassato la centuria di persone attente ascoltatrici degli ammalianti racconti.
 
L’iniziativa di quest’anno si concentra sulla contrada di Baderniga ed è stata preceduta da un lavoro di raccolta di interviste di anziani abitanti del luogo, sapientemente raccolte in un libriccino che sarà distribuito ai partecipanti. Negozi ormai scomparsi, personaggi che hanno reso viva la contrada per decenni, vicende ordinarie e straordinarie.
 
Dall’antichissimo nome della contrada si passerà alla storia curiosa di un grandissimo erudito del Settecento, don Gianmaria Biemmi, storico di altissimo livello, plagiato ma vendicatosi con l’ambiente culturale producendo un falso storico che ingannerà persino Alessandro Manzoni. Biemmi era originario di Baderniga, la piccola contrada con una piazza che era poco meno di uno slargo, ma che in epoca fascista ottenne una roboante intitolazione ad un martire politico. Intitolazione prontamente annullata con la caduta del regime. E poi ancora vicende che in una contrada assurgono a storia… ma ve n’è una in particolare che ha tutti i toni di uno scoop.
 
In questa edizione della camminata la vicenda clou, infatti… non l’unica, ma certamente quella più attraente, è costituita da un episodio già narrato in una precedente iniziativa. Si tratta di un fatto di cronaca inedito ma dai contorni che fanno invidia alla realtà di oggi e che si arricchisce di particolari di recente acquisizione.
 
La vicenda oscura e poco conosciuta si sussurrava un tempo nelle case della contrada, ma ebbe ad esplodere nel 1907, quando un gravissimo episodio sacrilego scosse il paese. Una domenica mattina di luglio, tra la Messa Prima e quella Cantata, tre energumeni armati di scala e un secchio riempito con escrementi “pennellarono” tre grandi croci sulla facciata della Chiesa Parrocchiale di San Michele. Un gesto oltraggioso e blasfemo che colpì al cuore il paese intero. 
 
Fino a pochi decenni fa i segni di queste croci erano ancora visibili sulla facciata. Una vecchia cartolina ne è testimone.
 
Il parroco, don Antonio Ducci, già chiacchierato e con molti detrattori che gli lavoravano alle spalle, non attese che la messa solenne per tuonare dal pulpito additando i presunti mandanti inondandoli di ogni maledizione. Ne nacque anche una vicenda penale, poiché il parroco fu denunciato per calunnia e  diffamazione. Si trattava di potenti personaggi del paese, alcuni di loro erano amministratori comunali, alcuni si dimisero… Fatto sta che il parroco fu trovato morto in circostanze misteriose e sospette, non sapendo mai se si fosse trattato di un incidente o di omicidio.
 
Don Antonio fu ritrovato una fredda mattina di novembre nella roggia delle Fucine, il calesse con il cavallo a breve distanza. La vicenda fu chiusa come un fatto accidentale, ma il paese fu scosso dalla certezza che il fatto fosse stato doloso. Nessuno sapeva, poi, che il parroco aveva già sottoscritto la rinuncia alla Parrocchia per il peso della situazione che si era creata.
 
I tre energumeni che materialmente eseguirono il gesto sacrilego finirono delle sorti drammatiche che molti in paese indicarono come inequivocabile segno del castigo divino.
 
Già, ma cosa c’entra Baderniga in questa storia?
 
I motivi per i quali il parroco era inviso al paese erano per alcuni aspetti legati a questione di interessi confliggenti tra il Beneficio Parrocchiale che lui gestiva (terreni, proprietà e liti legate ad affitti ed altri affari economici) ma soprattutto perché il parroco frequentava assiduamente una donna di Baderniga.
 
Niente di impuro o peccaminoso, pare, piuttosto una sorta di sudditanza che il sacerdote subiva da una donna che aveva un carisma mistico assai potente, sì da “guidare” il parroco nelle sue scelte e in molte decisioni. Questa continua frequentazione del parroco presso la casa della donna di Baderniga dava adito, poi a pettegolezzi e “scomarate” di ogni genere… ma tutto finì… nel peggiore dei modi.
 
Senza volere svelare in anticipo la storia possiamo anticipare che grazie a Rosa Tonni, abitante originaria della contrada, il nome della donna in questione è stato ritrovato, ma i particolari che la circondano sono ancora, se possibile, più avvincenti.
 
Si tratterebbe della bisnonna di Rosa, morta suicida proprio nello stesso anno 1907 dopo essersi gettata da un ponte del paese. La figlia, all’epoca novizia in convento, venne allontanata a causa di questo evento ma a rendere più penosa la storia che sfocerà nel gesto sacrilego e con la morte anche del parroco vi è la storia del figlio, scriteriato e malvagio… fino ad aggredire il padre per derubarlo.
Insomma… una serata che si annuncia interessante e che ammalierà i partecipanti.
 
Il ritrovo è alle ore 19.45 in Viale Rimembranze n.1; la partenza per la passeggiata alle ore 20.15. In caso di eccessiva pioggia l’iniziativa sarà rimandata.
 
Al termine una piccola festa di contrada che tornerà ad essere animata di voci, volti e personaggi strappati all’oblio. 
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
27/03/2017 09:49:00
Tra i segreti delle contrade Giovedì sera a Prevalle, per iniziativa dell’associazione culturale “I Giorni”, sarà riproposta la “Camminata del Mistero” lungo un percorso che attraverserà l’antica contrada di Masserina, sfiorando Borgolungo e Baderniga

30/03/2016 16:00:00
Passi nel buio… camminata del mistero Sarà riproposta questo giovedì 31 marzo l’iniziativa dell’Associazione Culturale “I Giorni” di Prevalle: come fare Cultura raccontando le storie misteriose e strane tra le vie del paese

08/03/2010 08:42:00
Insieme a Prevalle Grande partecipazione alla camminata «Donne insieme» proposta a Prevalle dalle associazioni culturali «I Giorni» e «Alba».

27/12/2017 11:00:00
«Budellone by night» Il gruppo sportivo e culturale “Il ritmo dei passi” organizza per questo sabato, 30 dicembre, la terza edizione della camminata notturna sul monte Budellone

06/03/2010 08:38:00
A Prevalle l'integrazione è femmina Torna a Prevalle una Festa della donna assai speciale, organizzata dalle associazione culturali «I giorni» e «Alba» formate da cittadini extracomunitari



Altre da Prevalle
12/12/2018

Aspettando Santa Lucia

La Santa più amata dai bambini farà tappa, nella giornata di oggi – 12 dicembre – in diversi paesi valsabbini. Non mancheranno, come da tradizione, tè, vin brulè, cioccolata calda e piccoli doni  

12/12/2018

Pedone investito

In gravi condizioni l'anziano che è stato falciato da un'auto questa mattina mentre camminava lungo via XI Febbraio a Prevalle


08/12/2018

Scontro violento all'incrocio

Una delle due auto schizza di lato e sfonda il muro di cinta di un’azienda. E’ andata bene: un ferito nemmeno tanto grave

30/11/2018

Ciao, Andrea Prezioso!

Ieri sera, tornando a casa, ho letto una di quelle mail che non vorresti mai leggere... (5)

29/11/2018

Aspettando il Natale

Questa domenica, 2 dicembre, Palazzo Morani si animerà di “Luci, parole, suoni e colori” con la manifestazione patrocinata da Ecomuseo del Botticino che inaugurerà le iniziative natalizie prevallesi 

26/11/2018

Schianto fra Prevalle e Nuvolera

Ancora un grave incidente, ancora lungo la 45Bis all’altezza del “curvone” fra le uscite di Prevalle e Nuvolento. A farne le spese un’intera famiglia: grave una mamma

21/11/2018

Siamo unici

Siamo tutti diversi. Nessuno è perfetto (anche se qualcuno pensa di esserlo). Se ci impegnassimo tutti, fin da bambini, a rispettare le differenze di ciascuno, vivremmo in un mondo migliore

13/11/2018

«La biblioteca a scuola»

Un progetto che permetterà ai genitori di trascorrere qualche ora con i propri figli in compagnia di un buon libro. L’inaugurazione questo mercoledì, 14 novembre, alla Scuola dell’Infanzia San Zenone di Prevalle 

07/11/2018

Acqua pubblica, se ne parla a Prevalle

Questa sera – 7 novembre – sarà don Gabriele Scalmana a chiudere la rassegna “Le ragioni del sì” organizzata dal Comitato Referendario Acqua Pubblica Valle Sabbia. Si vota il 18 novembre 

29/10/2018

Benvenuto Don Fabrizio

Una bella domenica di festa ieri a Prevalle, ove le comunità di San Zenone e San Michele hanno accolto il nuovo parroco con due celebrazioni eucaristiche (1)



Eventi

<<Dicembre 2018>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia