Skin ADV
Giovedì 13 Dicembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    










11.12.2018 Agnosine Sabbio Chiese Valsabbia

12.12.2018 Prevalle

11.12.2018 Gavardo

12.12.2018 Provaglio VS

11.12.2018 Bagolino

12.12.2018 Agnosine

12.12.2018 Idro

11.12.2018 Vobarno Gavardo

11.12.2018 Val del Chiese Storo

12.12.2018 Gavardo






30 Settembre 2018, 08.16
Vobarno Valsabbia
Lettere

La manovra di Bengodi

di Ernesto Cadenelli
Ho letto con interesse quanto scritto dal sig. Ferroni e devo dire che mi ritrovo in sintonia con molte delle sue considerazioni. Mi limiterò pertanto ad ampliare alcuni ragionamenti non solo sul reddito di cittadinanza ma sull'insieme della manovra che si preannuncia dopo il DPEF
 
Non toccherò qui le questioni legate ai rapporti con l'Europa, lo spread, i  mercati. Sono materie controverse e opinabili che porterebbero la discussione su un livello teorico spesso incomprensibile all'opinione pubblica normale.
Sono ovviamente importanti e ne valuteremo le ricadute positive o negative tra un po'.

Partirei con un aneddoto che si racconta a Vobarno.
Quando, nei primi anni '70, fu introdotto il pagamento dei salari tramite conto corrente, un lavoratore fu richiamato perché staccava assegni complessivamente di importo superiore al percepito accreditato dall'azienda.
Dopo un predicozzo del direttore che lo invitava a stare attento al saldo del conto, il lavoratore disse tranquillo;”quanto è il rosso?” gli fu risposto “50.000 lire”, e lui “ per còse pòc..... ghe fo subit n'asegn”.
Fu fermato poiché sarebbe stato un assegno a vuoto.

In piccolo è ciò che potrebbe succedere all'Italia e agli italiani  con una manovra finanziata col  deficit anziché con risorse realmente disponibili.

Qualcuno si domanderà: ma dove sono sono le risorse reali?
Risposta: nella enorme evasione fiscale (oltre 100 miliardi l'anno) e in una mancata tassazione patrimoniale sulle grandi ricchezze. Poi certo con la lotta agli sprechi, i tagli agli enti inutili, alle opere inutili ecc.
Se non si recupera rapidamente questo elemento culturale e materiale non se ne esce dal “cul de sac”.

Ponendo per un attimo che dei mercati e spread ce ne freghiamo (sarà tutto da vedere!), vediamo le iniquità o le carenze insite in alcune misure annunciate.

1° Reddito di cittadinanza, misura sacrosanta di aiuto per chi è in difficoltà o perde il lavoro.
Usando le cifre illustrate dal sig.Ferroni, trovo anch'io sbagliato che questo sussidio addirittura possa superare quello che è oggi il salario percepito da un lavoratore normale e precario.
Quanti sono oggi i giovani o le donne che guadagnano  meno dell'ipotetico reddito di cittadinanza pur avendo un orario pieno? Tanti anche dalle nostre parti.
Perchè allora non fissare contemporaneamente per legge il salario minimo garantito che sia almeno due volte il sussidio? Sarebbe più equo certamente.

2° Il problema dei controlli. Non solo verso chi chiede il sussidio, cosa giusta, ma anche verso le imprese che danno il lavoro precario.
Bisogna sapere che gli organici ispettivi dei vari enti: Inps, Ispettorato del Lavoro, Inail, sono da anni sotto-organico e scoordinati per cui il rischio di un'ispezione per le imprese è assai lontano e ciò aiuta i furbetti.
 
Queste strutture di controllo o i centri per l'impiego sono carenti ovunque, ma quasi inesistenti al Sud, dove purtroppo è concentrata la percentuale più alta di disoccupati.

Un esempio.
Nonostante una buona legge contro il caporalato nelle campagne, si finge di non vedere centinaia di nuovi schiavi che raccolgono frutta e verdura. 
Figuriamoci  se si riesce nel breve periodo a controllare le modulistiche e le  condizioni di chi chiede sussidio. Quanti abusi all'orizzonte!
Inoltre per finanziare il reddito di cittadinanza si pesca dalla fiscalità generale o da fondo contributivo Inps? Non è la stessa cosa!

3° La flat-tax (tassa piatta) inizia per un gruppo ristretto di partite Iva. Poi proseguirà con l'eliminazione delle aliquote più alte a vantaggio dei ricchi.
E a noi popolo di lavoratori e di pensionati che hanno regolarmente pagato tutte le decime quando tocca?
Perchè non privilegiare la riduzione delle aliquote Irpef su lavoro e pensioni, misura che darebbe più soldi a una grande fascia di cittadini e che innescherebbe sicuramente il rilancio dell'economia?

No, si preferisce la strada del condono fiscale (mascherato): si dice per chi è onesto ma non può pagare.
Questa favola la si racconti ai bambini. Ci saranno anche questi casi e vanno risolti, ma il grosso della truppa sono evasori. Basta tolleranza verso costoro.

Il rimedio c'è ed è semplice, consentire a tutti di scaricare le fatture di spesa, ad esempio per voci come riparazioni alla casa, automobili, spese sanitarie.

4° Pensioni minime a 780 euro. Giusto, però esiste ancora un rapporto tra le pensioni che hanno alla base 35-40 anni di contributi e le altre?
Occorre sapere che nel bresciano, terra di lavoratori e industrie fin dalle origini dell'industrializzazione, il valore medio delle pensioni supera di poco gli 800 euro. Se si aumentano le minime ovviamente occorre aumentare anche queste.

Per equità. Altrimenti la domanda che il lavoratore si pone è: ma perché devo versare i contributi se il valore delle pensioni è simile a prescindere, anzi col calcolo contributivo potrebbe essere addirittura inferiore? 

5° Legge Fornero.
Senza tante giravolte i problemi si risolvono con 41 anni effettivi di lavoro a prescindere dall'età anagrafica, misure per esodati e lavori usuranti, riconoscimento dei periodi di cura (riguarda sopratutto le donne), garanzie minime per i giovani sopratutto se precari.

6° Investimenti. Ci sono oltre 100 miliardi già stanziati dal precedente governo.
Però se si tagliano i fondi per la riqualificazione delle periferie, non si prevedono interventi sull'edilizia scolastica, non si programmano interventi in sanità (mancano medici) si fermano i cantieri delle grandi infrastrutture, da dove escono i posti di lavoro?
Solo dal pensionamento? Mi han sempre spiegato che il volano di ripresa dell'economia è far ripartire l'edilizia, pubblica e privata che poi altri settori seguono. Penso sia ancora così!

Queste mie considerazioni e proposte non tengono conto dei problemi di bilancio, di risorse, di indebitamento e di chi lo paga.
Del resto se non son preoccupati i vice premier, perché dovrei preoccuparmi io?

Consiglio a tutti: ognuno mediti.

Vobarno30 settembre 2018
Ernesto Cadenelli

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID77671 - 30/09/2018 08:45:55 (bernardofreddi)
La proposta del sign. Cadenelli è semplice e sensata: 41 anni effettivi di lavoro (con i dovuti correttivi per donne, lavori usuranti, precari ecc) e facciamola finita con le quote e tutti gli altri marchingegni. Ma ti pare che le cose semplici e sensate le facciano, in Italia? Siamo un Paese in cui immigrati che vanno a lavorare vengono presi a pallini, e i delinquenti abituali non si riesce ad espellerli.


ID77675 - 30/09/2018 10:28:04 (Ferr) Condivido
Buongiorno Sig. Cadenelli, condivido la sua lettera, in particolare, l' invito rivolto a tutti a meditare, come ben lei ha fatto, su ogni aspetto di questa manovra. Azzeccato in materia di controlli l' esempio del caporalato. Una piaga che parrebbe facile controllare e debellare, ma che rimane invece sempre tragicamente attuale. Cordialità


ID77677 - 30/09/2018 11:28:43 (Beppe60)
Perché poi vincolare un reddito alla cittadinanza? Essere cittadini italiani è automaticamente sinonimo di qualità alle quali va riconosciuto un premio? Quando si prenderanno l'onestà e il rispetto delle regole? Se c'è un popolo tra quelli europei che va controllato siamo proprio noi Italiani, la cui proverbiale creatività molto spesso la si mette a frutto per raggirare le regole. Una cosa che ai più fa sorridere. Invece, dovrebbe solo dare molto fastidio


ID77678 - 30/09/2018 11:30:13 (VENTONORD11) Condivido
Lettera pacata condivisibile , non corretta pero quando dice che parlare di spread debiti regole di bilancio sono difficili e opinabili. E' TUTTO MOLTO SEMPLICE basta dire al popolo che la gestione finanziaria di uno stato cioe' entrate e uscite funziona come in una famiglia o in una azienda. I debiti si possono fare , ma ci sono dei limiti oltre i quali piu' nessuno presta soldi ne alla famiglia ne all'azienda ne allo stato. E l Italia a raggiunto questo limite , sono 2.350 euro di debiti , ogni anno paghiamo 65/70 md di interessi passivi !!! Nessuna famiglia italiana di buon senso si indebiterebbe cosi' perché sanno che prima O poi il debito lo devi pur pagare secondo se non paghi ti pignorano la auto la casa etc. Funziona cosi' anche per gli stati. O riduci i debiti facendo poi enormi sacrifici , vedi la Grecia dove i redditi sono calati del 30% o non paghi e fallisci vedi Argetina ,distrutta da questo. E' FACILISSIMO DA CAPIRE !! BASTA FARE ALTRI DEBITI!! NON SERVE UN


ID77684 - 30/09/2018 12:57:45 (Beppe60)
Hai ragione Ventonord11. Tutti pensiamo male di una famiglia che si indebita troppo e senza ragione. Soprattutto quando ha tutte le carte in regola per produrre la propria ricchezza.


ID77698 - 30/09/2018 21:51:50 (PETER72) Sulla carta quest'ipotesi di manovra economica ...
sembrerebbe solo un valido sostegno a LAZZARONI e FURFANTI: 1) con il reddito di cittadinanza si va a sostenere economicamente chi sulla carta non lavora (e poi magari si scopre che lavora in nero foraggiato dalla non poca evasione fiscale regnante in Italia); 2) con il condono fiscale invece lo Stato aiuta fino a 500mila euro chi se ne è infischiato spudoratamente negli anni scorsi di qualsiasi regola lasciando ai soliti noti l'onere di mantenere questo paese (senza contare inoltre che con questo provvedimento si sembrerebbe anche voler ammettere sostanzialmente di non avere nessuna capacità e voglia di combattere ne di contrastare la notevole evasione fiscale presente in Italia). L'aggravante poi di tutta questa manovra è che si vuole anche aumentare la percentuale di indebitamento, cosa che poi certo non ricadrà su chi evade il fisco ma sempre sui soliti noti che rispettano le regole e pagano fino all'ultimo centesimo le gabelle dovute


ID77700 - 01/10/2018 05:53:02 (doc) Verso l'abisso bis
Confermo di essere molto preoccupato e anche parecchio incazzato. Le scellerate scelte economiche di un governo di incompetenti stanno portando l'Italia verso la bancarotta. La mia preoccupazione è aggravata dal fatto che circa il 70% dei nostri concittadini non se ne rende conto e, anzi, li applaude. Temo che quando apriranno gli occhi e si rederanno conto che il sogno è finito sarà troppo tardi.


ID77702 - 01/10/2018 09:52:47 (ErnestoCadenelli)
mi piace la sua sottolineatura. guardi però che il mio era un modo ironico per evidenziare il chi se ne frega dei nostri ministri. sono anch'io molto preoccupato di quel che può accadere. grazie


ID77704 - 01/10/2018 10:34:18 (VENTONORD11) BASTA DEBITI
HAI RAGIONE dOC ci stiamo avvicinando all'abisso , il guaio e' che molta gente pensa che all' Italia non possa succedere cio' che e' successo in Grecia o Argentina ( impoverimento generale molto pesante, ALTRO CHE IL DISAGIO E LA POVERTA' DI OGGI , MOLTIPLICATELO X 5/10 ).Esiste solo una ricetta attualmente , e non ha colore politico !!!! : BASTA FARE DEBITI A CARICO DELLO STATO !!!! Qualsiasi governo in carica , puo' fare tutte le manovre che vuole , basta che le risorse che spende le trovi tagliando altre spese !!! E NON FACENDO NUOVO DEBITO !!! ANDREBBE INSERITO COME OBBLIGO NELLA COSTITUZIONE. Allora vedremmo si Quali sono i politici bravi a tirarci fuori dalle secche attuali. TUTTI BRAVI A PRENDERE VOTI DISPENSANDO SOLDI FACENDO DEBITO. IDIOZIA PURA , IDIOTI I POLITICI CHE LO FANNO , MA IDIOTI GLI ELETTORI CHE CI CREDONO pensando poi che verranno pagati dagli ALTRI . Quali altri? Magari gli altri paesi europei? la BCE ? Impossibile. Pensarlo e' da grulli.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
13/10/2018 17:10:00
Oro alla Patria e riforme subdole Alcuni giornali, in questi giorni, hanno titolato “ORO ALLA PATRIA”, come ultima (in attesa dell'ultimissima) pensata del duo Di Maio/Salvini per far quadrare i conti di una manovra che sembra un colabrodo dopo i trionfali annunci iniziali...

11/10/2018 05:59:00
A favore dell’idea sul reddito di cittadinanza Gentile direttore, vorrei confutare quanto scritto nella lettera dal sig. Ferroni sul tema del reddito di cittadinanza in quanto ritengo che l’idea di fondo, sulla quale si basa la manovra fiscale del governo, sia la chiave per far ripartire l’economia reale

29/09/2018 06:33:00
«Perchè sono contrario al reddito di cittadinanza» Gentile Direttore, Le scrivo con l’intento di esprimere alcune riflessioni su un tema di attualità: il reddito di cittadinanza...

26/09/2018 10:30:00
Elsa Fornero ospite a Bione Il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali del Governo Monti, autore della riforma sulle pensioni che ha suscitato tante polemiche negli ultimi anni, sarà a Bione per presentare il suo libro “Chi ha paura delle riforme” 

17/07/2011 09:18:00
Manovra, ticket e rincari Dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, entrano in vigore da questo lunedì le prime misure della manovra economica del Governo.



Altre da Valsabbia
12/12/2018

Atlante Lessicale Bresciano

Questo giovedì 13 dicembre verrà presentato in Comunità Montana a Nozza di Vestone il progetto di Fondazione Civiltà Bresciana per promuovere la conoscenza del dialetto bresciano

11/12/2018

Un ringraziamento... per Giacomina

Anche un premio ad una emozionatissima Giacomina Bonomini, ottuagenaria e coltivatore diretto da quando la maggior parte dei suoi colleghi doveva ancora nascere, in occasione della Festa del Ringraziamento che domenica scorsa ha animato la media Valle Sabbia. Photogallery
(2)

09/12/2018

«Lake Idro», non solo Valsabbia

La sinergia fra Valsabbia e Valle del Chiese sul fronte del turismo sta già dando i suoi frutti con numerose iniziative e aumento delle presenze (5)

09/12/2018

Nuova luce in galleria

Dopo una serie di ritardi il 19 dicembre inizieranno i lavori per rifare l’illuminazione dei tunnel del passo del Cavallo fra Valsabbia e Valgobbia

07/12/2018

Corsi per tutti

Al via a partire dalla prossima settimana i corsi del FabLab Valle Sabbia di Villanuova sul Clisi: serigrafia, cucito creativo, Arduino e fotografia digitale

07/12/2018

Banda ultralarga, la Valle Sabbia fa scuola

Ieri in Cattolica a Brescia un convegno per fare il punto sulla diffusione della banda larga nel Bresciano e gli effetti sul tessuto economico e sulla vita quotidiana dei cittadini. L’esempio virtuoso valsabbino (2)

07/12/2018

Santa Barbara in salsa Valsabbina

Situato in posizione strategica, il distaccamento vestonese dei Vigili del fuoco è una risorsa preziosa per la Valle. Domenica scorsa i festeggiamenti per la Patrona

07/12/2018

Provvista di carne per Natale

Tornano per il Natale i «pacchi risparmio famiglia» da 10 e da 20 kg. Una proposta a prezzo calmierato di carne a «Kilometro Zero» dell’Azienda Agricola Vassalini di Preseglie

06/12/2018

Nuvole ha lasciato il segno

Si è conclusa il 29 novembre in comunità Montana con un partecipatissimo convegno la rassegna valsabbina dedicata alla salute mentale che ha dato vita all'associazione “Fabbrica di Nuvole”


06/12/2018

«VisitBrescia» nuovo brand per il turismo a Brescia e provincia

Focus su prodotti tematici come laghi, montagna, outdoor, turismo enogastronomico e culturale e nuove strategie di comunicazione sulla rete per intercettare la domanda di turismo esperienziale nei progetti di Bresciatourism per il prossimo triennio (1)



Eventi

<<Dicembre 2018>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia