Skin ADV
Martedì 18 Settembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


L'abbazia di Mariengen

L'abbazia di Mariengen

di Pier Angiola Belli

[Arte]


16.09.2018 Sabbio Chiese Villanuova s/C

16.09.2018 Agnosine Odolo

17.09.2018 Sabbio Chiese Villanuova s/C

17.09.2018 Serle

18.09.2018 Vobarno Valsabbia

16.09.2018 Valsabbia Garda

17.09.2018 Vobarno Garda

17.09.2018 Idro Vobarno Valsabbia

17.09.2018

18.09.2018 Villanuova s/C



10 Settembre 2017, 08.00
Gavardo
Maestro John

Ricominciamo

di John Comini
Martedì ricomincia un anno di scuola, con tutte le sue ansie, i suoi problemi (non solo matematici), le sue piccole grandi cose. Io dal 1° settembre sono in pensione e non sarò lì con i miei meravigliosi (e rompi…eh eh eh) bambini...

Avevo anche chiesto se avessi potuto rimanere ancora per un anno (saròi un po’ matt?!), ma non era possibile perché ho raggiunto il massimo degli anni di servizio (quasi 44…come i gatti…). Ma penso sempre ai “miei” ragazzi e, se la salute mi soccorre, sarò presente per lo spettacolo o per altre iniziative (gita, uscite didattiche, ricorrenze varie).

Ringrazio il caro direttore Ubaldo Vallini (persona davvero speciale) che mi offre la possibilità di riprendere a scrivere settimanalmente su Vallesabbianews. Se avrete tempo e voglia di leggermi sarà un modo per rimanere anche vicino ai miei ragazzi, alle loro famiglie ed alle splendide mamme rappresentanti. Sono certo che la maestra che mi sostituirà sarà un’ottima insegnante e che i bambini impareranno meglio che con un vecchio maestro come me. Ora mia moglie deve sopportarmi anche al mattino… Del resto, la ghà fatt de töt per spusam… Ghét vulìt la bicicleta, adess pedala! Mal che se völ, nol döl!

Nell’ultimo Collegio Docenti di giugno avevo letto queste parole… 
C’è una canzone di Nino Buonocore che dice: “Scrivimi...
tu non ti dimenticare mai di me…
e se non sai come dire, se non trovi le parole
non ti devi preoccupare io saprò capire
a me basta di sapere che mi pensi anche un minuto
perché io so accontentarmi anche di un semplice saluto
ci vuole poco per sentirsi più vicini… Tu scrivimi…”

E allora scrivo queste poche parole. Sono parole povere e semplici, ma credetemi vengono dal profondo del mio cuore. Tante persone mi chiedono come vivo questi giorni che mi avvicinano alla pensione. Impossibile descrivere le sensazioni e le emozioni che si accavallano nel mio animo. Mi giungono da lontano i ricordi di quando da bambino avevo il maestro unico con la bacchetta… E poi quando sono andato all’Istituto Magistrale, io che mai e poi mai avrei immaginato di diventare maestro. E poi il concorso, e quel tema che chissà perché era piaciuto così tanto, e poi l’esame in cui avevo portato i libri dei miei autori preferiti, don Milani e Mario Lodi. E le mie prime esperienze di insegnante, nelle quali mi sentivo smarrito, fuori posto.

Venditti canta “La matematica non sarà mai il mio mestiere”: ed io manco a dirlo ho insegnato matematica. Ironia della vita! Ma per fortuna ci sono stati i bambini che mi hanno aiutato ad essere maestro, questi bambini meravigliosi di cui magari non ricordo tutti i nomi ma che certamente hanno un posto nel mio cuore.

Se guardo indietro, vedo gli errori fatti… certamente non sono stato un bravo maestro, ho fatto quello che ho potuto, certamente avrei potuto fare molto di più, ma è impossibile tornare indietro. E allora vado avanti con i miei libri, le mie musiche, i miei spettacoli, le mie malinconie e la speranza di un mondo migliore.

Qualcuno ha scritto che la vita è l’arte dell’incontro, ed io ho avuto la fortuna di incontrare persone meravigliose, insegnanti, collaboratori scolastici, personale di segreteria e Dirigenti, con i quali ho condiviso questo strano cammino che è la vita.

Ho conosciuto insegnanti che credono nel proprio lavoro, che cercano di trasmettere le radici della conoscenza attraverso i valori della condivisione, del rispetto di sé e degli altri, del rispetto dell’ambiente. È sempre più difficile educare perché il nostro impegno di formare il cittadino che collabora, che antepone il bene comune a quello egoista, che rispetta e aiuta gli altri, è quotidianamente vanificato dai modelli proposti da chi possiede i mezzi per illudere che la felicità è nel denaro, nel potere, nell’emergere con tutti i mezzi, anche con la sopraffazione.

Come scrisse Gianni Rodari:  “Dobbiamo imparare a fare le cose difficili, parlare al sordo, mostrare la rosa al cieco, liberare gli schiavi che si credono liberi.” E allora questi insegnanti che ho avuto il privilegio di conoscere hanno cercato di capire i propri alunni, si sono buttati ogni giorno nel meraviglioso mondo delle parole, dei numeri, nella bellezza, nell’amicizia, nell’ascolto, nel sorriso. E spesso si sono demoralizzati quando hanno visto i bambini che non riuscivano a capire, o le famiglie con cui non riuscivano a dialogare, e spesso si sono sentiti fragili, o arrabbiati, o disillusi. Ma pian piano questi insegnanti come sempre hanno iniziato ad accettare le proprie sconfitte a testa alta e con gli occhi  aperti.
Come sempre hanno cercato di comprendere i propri alunni, anche quelli che sembravano lontani o impossibili da capire. E come sempre si sono rialzati, perché ci sono attimi della vita della scuola in cui è racchiuso l’infinito della vita. E come sempre hanno cercato di credere nei sogni, perché ogni bambino è unico, straordinario, irripetibile, ogni bambino è un dono meraviglioso, che sia figlio di povero o di re. E questi insegnanti hanno combattuto perché a tutti vengano date le stesse opportunità. E come sempre questi insegnanti hanno dato e daranno fiducia all’amore, e cercheranno di insegnare la magia della vita. A queste splendide, indimenticabili persone ho solo una parola da dire: GRAZIE!

Buon anno di scuola e di vita a tutti i bambini del mondo, ai loro genitori (anche a quelli separati), ai loro nonni e nonne, alle simpatiche bidelle (possono essere anche maschi…), alle gentili segretarie ed ai Dirigenti (che possono anche essere femmine…). Buon anno di scuola e di vita ai miei ragazzi. Loro sanno benissimo che avranno un posto nel mio cuore, per sempre. Perché il cuore, come ha scritto qualcuno, non è solo un muscolo, è un pianeta immenso.

Ci sentiamo la settimana prossima, a Dio piacendo

il vecchio (ma ancora in gamba) maestro John Comini

Nella foto: bambini della classe 1933 di Gavardo all'asilo (mio cognato Giovanni è il 3° da sinistra nella seconda fila, quello con il ciuffo)







 

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID73601 - 22/09/2017 12:39:20 (UN SORRISO) Grazie di cuore
Grazie di cuore per le tue perle di saggezza che ci doni e grazie di cuore perch mi hai fatto emozionare.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
26/02/2017 10:00:00
Ridi pagliaccio Tempo di carnevale. In un mondo pieno di notizie tristi o angoscianti, il carnevale dei bambini è un momento di gioia

21/01/2018 08:43:00
Che anno è, che giorno è? Ogni inizio d’anno prendo il calendario nuovo e scrivo. Scrivo le date dei compleanni e gli onomastici delle persone care, segno l’anniversario di matrimonio (o di martirio), gli spettacoli, le scadenze per assicurazioni, cambi gomme, eccetera.

11/02/2018 09:52:00
A carnevale ogni «squola» vale È carnevale. E allora voglio ricordare con il sorriso le mie colleghe (e colleghi) della mitica scuola di Prevalle, citando uno scritto che avevo letto in pizzeria, tempo fa, mescolandolo con il saluto che avevamo fatto al Dirigente ora in pensione. Non metto i nomi, ma chi c’era si riconoscerà. Allegria!

12/11/2017 09:32:00
Lasciatemi cantare Abbiamo sempre cantato. Quelli della mia generazione, intendo. In chiesa, all’oratorio, a scuola, in colonia, in campeggio, al mare o in montagna, in pullman o camminando. Sarà stato che la guerra era finita da poco, sarà stato che la gente ricominciava a credere nel futuro, che c’era in giro un’aria di speranza.

07/05/2017 10:43:00
Scriverò il tuo nome Guardo la calligrafia di mio papà. Scriveva in modo meravigliosamente ordinato, sembra stampato. Sì perché nella scuola di un tempo c’erano gli esercizi di bella scrittura



Altre da Gavardo
18/09/2018

Don Fabrizio Gobbi nuovo parroco di Prevalle

Sarà l'attuale accurato di Gavardo, Soprazocco e Vallio Terme a guidare le parrocchie di San Zenone vescovo e di San Michele Arcangelo in Prevalle

18/09/2018

Alzheimer, l'approccio Montessori applicato alle demenze

Sarà l’argomento della serata organizzata questo venerdì, 21 settembre, dalla Fondazione La Memoria in collaborazione con la Cooperativa Esedra, in occasione della XXV Giornata Mondiale dell’Alzheimer  (2)

18/09/2018

Censimento permanente della popolazione

Quest’anno, a partire dal mese di ottobre, i comuni di Gavardo, Odolo, Treviso Bresciano, Vestone e Vobarno saranno coinvolti nella rilevazione Istat della popolazione e delle abitazioni


17/09/2018

Ginnastica artistica con Dafne

A Sabbio Chiese, Puegnago del Garda, Salò e Gavardo, sono già attivi i corsi organizzati dall'A.S.D. Artistica Dafne, che offrono la possibilità di trovare la dimensione per la propria crescita tecnica, emotiva e consapevole. Ecco come partecipare

14/09/2018

«Oppure portarlo più avanti»

Il comandante della Locale gavardese, Luca Quinzani, ci spiega che non è stata una scelta suggerita dal suo Comando quella di istituire il senso unico a Sopraponte (9)

14/09/2018

«Basterebbe spostare indietro il semaforo»

Commercianti e cittadini di Sopraponte sul piede di guerra contro il Comune di Gavardo con l’avvio di una raccolta firme per ripristinare il senso unico alternato regolato dal semaforo della strettoia di via Vrenda. C'è anche un suggerimento alternativo


12/09/2018

Avviso pubblico dal Comune di Gavardo

Pubblichiamo a norma di legge un avviso pubblico del Comune di Gavardo relativo ad una Variante al Piano dei Servizi e al Piano di Governo del Territorio

11/09/2018

Famiglie in udienza dal Papa

Anche il gruppo A.Ge di Gavardo si è recato a Roma, venerdì scorso, per l’udienza da Papa Francesco in occasione del 50° anniversario dell’Associazione Italiana Genitori


10/09/2018

«Rime e ricordi»

Domani - martedì 11 settembre - a Gavardo la presentazione della raccolta delle poesie dialettali che hanno partecipato al concorso indetto dall’Associazione “Borgo del Quadrel”. A seguire la proclamazione dei vincitori 

08/09/2018

Si ricomincia da Ono Degno

Alla Madonna del Pianto la prima delle tre occasioni culturali frutto di una sinergia fra il Sistema museale e la Collezione Paolo VI di Arte contemporanea. Con un fiorire attorno di interessanti eventi culturali




Eventi

<<Settembre 2018>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia