26 Aprile 2014, 07.20
Vestone
Ricorrenze

«I tentacoli dell'indifferenza e della passività»

di val.

Diciotto Comuni valsabbini su 25, quelli rappresentati venerdì a Vestone per la commemorazione del 25 aprile. Peccato che fossero assai di meno gli amministratori presenti solo "idealmente"
• Photogallery


Il raduno al monumento all'Aviazione, la messa, poi i discorsi davanti al monumento che ricorda i Caduti della Prima Guerra Mondiale.
A poca distanza riposavano i nomi dei Caduti della seconda. L'immancabile Rosa Gennari al seguito della "sua" banda e a fare gli onori di casa.

Prima ha parlato il sindaco di Vestone e il suo discorso è riportato integralmente qui sotto.

Poi il presidente della Comunità montana e sindaco di Pertica Alta, Gianmaria Flocchini, che invece ha parlato a braccio, ricordando il 25 Aprile come la fine di una guerra e soprattutto di un periodo doloroso per tutti: «Tristi momenti durante i quali si svilupparono gli ideali di libertà, uguagliana e di fratellanza fra i popoli, che ancora oggi vanno difesi con impegno e costanza - ha detto -. Non solo con belle parole, ma concretizzandoli nei fatti».
Rivolto ai ragazzi, presente una delegazione del Perlasca di Idro, ha chiesto loro di fare come fecero i giovani di allora: coltivare i loro sogni.

Ed eccoli i ragazzi del Perlasca, con Alberto, 5° Liceo Scientifico, che si è fatto avanti per dire la sua:

«Questo è un anniversario ritenuto da molti obsoleto e fuori dal tempo. Per noi non è così - ha cominciato -. I giovani che fecero la Resistenza si trovarono davanti a un bivio. C'era da scegliere se adeguarsi al regime o libellarsi. E fecero la loro scelta.
I Ribelli per amore non si tirarono indietro, non si lasciarono sopraffare dall'indifferenza e dal parassitismo, che hanno avuto invece conseguenze atroci. Compirono il loro dovere».

«Io mi sento piccolo di fronte a loro, ma consapevole che la libertà nella quale ho sempre vissuto è preziosa e che è da difendere sempre - ha aggiunto -. Non posso quindi ritenere questo un rituale stanco e ripetitivo, piuttosto un monito a mantenere alte l'attezione e la partecipazione, perchè i tentacoli dell'indifferenza e della passività che sempre ci avvolgono non abbiano mai ad avere il sopravvento».

Dopo Alberto è toccato a Francesca (3° Liceo) ricordare le donne della Resistenza con una poesia.


------------------------------------
Questo il discorso del sindaco:

Autorità civili, militari e religiose, rappresentanti delle istituzioni scolastiche, delle Associazioni combattentistiche e d'Arma, al corpo musicale di Vestone a nome dei comuni Valsabbini e dell'amministrazione comunale di Vestone, cittadini tutti , porgo un cordiale saluto e rivolgo un particolare ringraziamento per la possibilità di celebrare questo evento così importante del 69° anniversario del xxv aprile.

Ricordiamo oggi questa data fondamentale per il nostro vivere civile e che fa di noi un popolo libero e sovrano.
La lotta di liberazione condotta nelle nostre valli, è bene ricordarlo, già al suo sorgere conobbe profonde differenze politiche e sociali; si trovarono insieme a combattere nelle file delle Fiamme Verdi giovani di formazione prevalentemente cattolica ma anche di fede marxista e liberali; questo senza mai scadere nella mancanza di rispetto reciproco.

Allora eravamo in montagna. Ci sentivamo liberi e generosi: generosi perché ci eravamo votati a un'idea, liberi perché avevamo rotto i ponti con quanto ci teneva legati a un servaggio morale e politico.
Guardando il sole o fissando le stelle, eravamo spesso contenti anche con lo stomaco vuoto, i piedi gonfi, te scarpe rotte, i vestiti laceri.
Stanchi e affamati, con l'aspetto poco umano, spesso sfiduciati, comprendevamo tuttavia che forse non saremmo piĂą stati veramente uomini come allora.

Ci conoscevamo solo per nome ma ci sentivamo tutti fratelli uniti da un principio: quello della ribellione all'ingiustizia, all'illegalitĂ , alla vigliaccheria della gente.
Oggi non è più tempo di guerra e fascismo ma resistono ancora ingiustizie, illegalità corruzione e vigliaccheria. Sono sottili e a volte impalpabili e per questo pericolose.

Il messaggio per cui uno è bravo e per questo può essere anche "furbo" non deve passare. I valori della Resistenza sono ancora attuali: è vero che oggi il fascismo non "ha dignità di parola" ma è anche vero che le vera liberazione oggi è quella dal pregiudizio, dall'indifferenza, dal resistere alla mediocrità ed alla tentazione diffusa dell'arroganza del potere. E ancora resistere al qualunquismo dilagante, all'intolleranza, al disprezzo delle persone in quanto tali.

E' importante, poi, per chi amministra la cosa pubblica, resistere alle tentazioni, purtroppo diffuse, della corruzione e della mancata trasparenza.
Gli insegnamenti ed i principi dei ns. partigiani sono piĂą che mai attuali.
Portiamoli nel ns. cuore.

WW LA LIBERTA'
Grazie
Giovanni Zambelli

 


Aggiungi commento:
Vedi anche
21/04/2015 11:57:00

A Forno d'Ono la Liberazione per mezza Valsabbia I Comuni della media ed alta Valle Sabbia, quest'anno, per ricordare la lotta partigiana e la Liberazione, si sono dati appuntamento a Forno d'Ono di Pertica Bassa

23/04/2020 07:25:00

Primi decessi ad Anfo e Provaglio, erano in Rsa Ovunque diminuiscono i numeri del contagio e anche la triste conta giornaliera dei morti. Così anche in Valle Sabbia, con Ats che ieri ha inserito due decessi: uno ad Anfo e uno a Provaglio Valsabbia

27/03/2019 18:40:00

Sempre più efficienti Sono i vigili del fuoco volontari del distaccamento di Vestone, che grazie alla partecipazione a bandi e all’impegno di molti hanno ottenuto dotazioni tecniche di rilievo

22/04/2020 07:03:00

Bottega a domicilio tramite smartphone Il momento è di quelli tragici e difficili da affrontare, la risposta non può che essere innovativa. Così in Valle Sabbia, a cura di Secoval che è il braccio operativo della Comunità montana per i sevizi innovativi da dare ai Comuni, è nata “La bottega a domicilio”

02/05/2016 08:25:00

Anche Villanuova c'è C'è anche Villanuova sul Clisi nell'aggregazione di polizia locale della Valle Sabbia. Sempre pochi gli agenti in organico in rapporto alla popolazione e al territorio, ma sempre più efficienti



Altre da Vestone
07/07/2020

Un poco di luce rischiara la montagna

Due escursioni per i ragazzi del Cai di Vestone: il Cai Giovanile sul monte Stino e quelli dell’Alpinismo giovanile sul Manos

30/06/2020

Valsabbina, utile in crescita, Barbieri confermato presidente

L’assemblea dei soci svoltasi attraverso il Rappresentante Designato ha approvato il bilancio 2019: in crescita utile (20,3 milioni, +33,7%), raccolta (+17,61) e territori presidiati. Confermati anche i consiglieri in scadenza Gnutti e Pelizzari

27/06/2020

Freno rotto, sbatte contro il muro

La disavventura è capitata ad un ragazzino sedicenne, è andato a sbattere con la sua bici uscendo dal cancello di casa

25/06/2020

Fondi per il Terzo settore

Anche numerose realtà socio-sanitarie ed educative valsabbine beneficeranno dei contributi del bando di Fondazione della Comunità Bresciana nell’ambito di AiutiAMObrescia

22/06/2020

A Vestone al via l'estate dei ragazzi

Dopo l'emergenza coronavirus il Comune di Vestone, in collaborazione con associazioni e cooperative, riparte con alcune attivitĂ  estive per garantire a bambini e ragazzi un'estate di divertimento in sicurezza

16/06/2020

Anche la Banda di Vestone per la solidarietĂ 

Tra i gruppi musicali che hanno contribuito con generosità alla raccolta fondi per l’emergenza coronavirus anche la Banda valsabbina, che non smette di suonare, anche se per ora solo da remoto

13/06/2020

Tutto da solo

Stava pedalando da Lavenone in direzione di Vestone quando, forse a causa di una buca, è volato gambe all’aria

12/06/2020

Messa d'argento per don Bernardo

Gli auguri delle comunità di Vestone, Nozza e Lavenone per il loro parroco, don Bernardo Chiodaroli, che quest’anno festeggia il venticinquesimo di ordinazione sacerdotale

10/06/2020

LAFRE, vent'anni a lavorar lamiere

Un traguardo, quello della famiglia Freddi, da festeggiare progettando il raddoppio del capannone, quello che apre su via Penella a Vobarno


10/06/2020

Le 80 primavere di nonna Luisa

Tanti auguri a nonna Luisa, di Vestone, che oggi, 10 giugno, raggiunge le 80 primavere