Skin ADV
Venerdì 16 Novembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    






Fiore

Fiore

by Aldo



15.11.2018 Garda Valtenesi

14.11.2018 Bagolino Treviso Bs Pertica Alta Valsabbia

14.11.2018 Gavardo

14.11.2018 Valsabbia Provincia

15.11.2018 Valsabbia Garda Provincia

14.11.2018 Vobarno Valsabbia

14.11.2018 Bione

15.11.2018 Treviso Bs

14.11.2018 Gavardo Valsabbia Muscoline Valtenesi

14.11.2018 Val del Chiese



30 Gennaio 2018, 08.31
Vobarno Valsabbia
Porta a porta

Primo problema: i lavoratori

di red.
Licenziati da Aprica e riassunti da Sae Valle Sabbia con un contratto a termine. Ad imporlo sarebbe un decreto governativo che però mal si adatta al tipo di servizio. Lo affermano le minoranze a Vobarno, che chiedono al sindaco di farsene carico in sede comunitaria

Il Gruppo consiliare Insieme per Vobarno si è fatto carico dei lavoratori ex-Aprica che si ritrovano con un contratto a termine.
Ecco dunque un "Ordine del giorno sulle condizioni di assunzione dei dipendenti per la gestione dei servizi di igiene urbana, nuovo sistema di raccolta rifiuti, con avvio dal 1 febbraio 2018".

Lo riportiamo nella sua forma integrale:

«Nel documento presentato nel consiglio comunale del 24/10/2016 e con la dichiarazione allegata ai verbali del 30/6/2017, chiedevamo certezze relativamente alla assunzione del personale necessario per avviare il nuovo sistema di raccolta rifiuti porta a porta.
In particolare conferma dell'assunzione a tempo indeterminato per il personale ex-Aprica e limitazione delle forme flessibili per gli ulteriori nuovi assunti, con attenzione alle nuove condizioni di lavoro.

Con sorpresa veniamo a conoscenza che tutto il personale sarà invece assunto a tempo determinato con diverse modalità di durata.
Non ci pare una buona partenza per un rivoluzionamento del sistema che avrà all'inizio una fase di rodaggio, auspicabilmente breve, a cui si aggiunge ora l'incertezza dei lavoratori per il loro futuro.
Non è un approccio stimolante per la buona riuscita del servizio.

Non basta l'affermazione che esiste un decreto ministeriale che impedirebbe la modalità di assunzione a tempo indeterminato.
Un simile problema andava affrontato per tempo e coinvolgendo la Prefettura, organo di rappresentanza del Governo, per segnalare a chi di dovere l'assurdità della norma.
Infarti non si parla di travaso di manodopera da un ente all'altro, bensì di un appalto diverso del servizio di raccolta rifiuti. Q
uesto passaggio da lavoratore assunto a tempo indeterminato a lavoratore precario è inaccettabile. Non si capisce quale sia lo sbocco di questa situazione ammesso che la norma non venga cassata.

Per questa ragione, il gruppo Consiliare Insieme per Vobarno sottopone al consiglio comunale questo ordine del giorno, chiedendo a Sindaco e Giunta di farsi carico presso la Comunità Montana e la Prefettura affinché vengano rimosse le ragioni che impediscono il normale processo di passaggio dei lavoratori con le garanzie finora avute».
 

 

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID74994 - 30/01/2018 09:06:02 (Tc) ...
e anche stavolta operai presi per il cul@...Marchionne docet...


ID74995 - 30/01/2018 09:59:33 (turk182) strano
ma strano che tra i tanti problemi denunciati dal Coordinatore della Vallesabbia di Forza Italia sig. Bussi Liviano non vi sia stato un accenno alla questione dipendenti, si vede che era preoccupato per altro...


ID74997 - 30/01/2018 10:21:44 (Otto)
Il sindacato dov'è??? quando hanno fatto questa norma anzichè pensare solo alle pensioni (capisco visto che ormai il grosso dei tesserati sono pensionati) e jobs act (strumento che ha portato assunzioni), avrebbero dovuto occuparsi anche degli altri lavoratori; invece con grande rammarico posso dire che il sindacato è una semplice succursale dei partiti che al momento del bisogno mobilita numeri di voti!


ID74999 - 30/01/2018 11:16:35 (ulisse46) Giusto
Perche' dovrebbero comprare tutto a scatola chiusa? La nuova azienda ha cosi' la possibilita' di valutare ogni singolo dipendente e lasciare a casa eventuali parassiti e lazzaroni. Hanno fatto bene!


ID75001 - 30/01/2018 12:02:12 (Tc) ...ulisse46
proprio non so se comprano a scatola chiusa...e in caso grazie anche al Renzies,ora un'azienda puo' comunque licenziare anche se assume con contratto a tempo indeterminato,basta che provi con prove certe che tali personaggi siano dei reali lazzaroni o che si inventi qualche balla tipo,calo di lavoro o crisi ecc.ecc. altre famiglie e persone con futuro incerto e sempre sulla graticola,la verita' e' un 'altrta...saranno eliminati quelli con stipendi piu' onerosi e quelli piu' vicino ai 50,che meno,questa e' la verita' attuale in tutti i campi,grazie anche a parte di quella sinistra venduta che poco ricorda il movimento sindacale degli anni '70 dei loro padri,che si batterono oltre che per doveri anche per diritti,che a quanto pare stan facendo in modo di eliminarli del tutto,e ritornare come un tempo...do' pesade endel cul e sito a laora',con paghe de fam...


ID75003 - 30/01/2018 13:38:01 (blurex) W il PaP ?!?
E io che pensavo che in questa immensa porcata ci fosse almeno 1 (uno) lato positivo:i posti di lavoro


ID75008 - 30/01/2018 17:29:26 (bob63)
Vorrei ricordarvi che il cavallo di battaglia della raccolta differenziata, era il risparmio da parte dei Comuni e poi dai privati, bene non e' ancora partito il servizio che gia siete preoccupati che siano sindacalizzati, mi raccomando poche ore, e ben retribuite.


ID75012 - 30/01/2018 17:50:55 (blurex) punti di vista
Se è vero che il cavallo di battaglia della raccolta differenziata, era il risparmio da parte dei Comuni e poi dai privati allora hanno sbagliato tutto perchè tra tutti i sistemi, il PaP è il più costoso e il meno ecologico.Quindi?


ID75013 - 30/01/2018 18:48:02 (And75) Scusi blurex
In base a quali dati afferma che il Porta a Porta sia il più costoso ed il meno ecologico dei sistemi di raccolta?


ID75015 - 30/01/2018 19:30:40 (blurex)
Da dati che conossco per averci lavorato per 5 anni.


ID75016 - 30/01/2018 19:51:05 (blurex)
e comunque basta vedere quante persone in più occorrono e quanti mezzi di trasporto e quanti km in più fanno ogni giorno e quanto consumano e quanto inquinano.


ID75017 - 30/01/2018 20:16:38 (And75)
Ah... non sapevo che lei fosse nel consiglio di amministrazione di aprica...


ID75019 - 30/01/2018 20:56:47 (Claudio Zanoni) Zanoni Claudio
L’intenzione era quella dell’assunzione a tempo indeterminato. Il decreto Madia di fine dicembre ha stravolto la modalità di assunzione. I contratti sono stati presi in considerazione e valutati da tutte le forze sindacali. Si son o pure presi una settimana per una accurata valutazione ma alla fine le assunzioni non potevano essere fatte in modo diverso.Che una ditta specializzata nella raccolta e smaltimento rifiuti sostiene che per lei i costi risultavano più alti con il PaP vuol dire o che o non era attrezzata per farlo, o non ha saputo organizzarlo oppure ha ancora da imparare molto. Ma non credo nè alla informazione e neppure alla cattiva gestione


ID75020 - 30/01/2018 21:14:01 (blurex)
Sig And 75, non sono mai stato in Aprica ma i rifiuti non li trattano solo in aprica.Sig. Zanoni , con Lei ci siamo sufficientemente confrontati un anno fa su queste pagine, non vorrei ricominciare, per il resto ne parliamo tra un anno. Giusto in tempo per le prossime elezioni.


ID75022 - 30/01/2018 23:37:27 (Claudio Zanoni) Zanoni Claudio
È solo una sua piccola mediocre opinione senza alcun fondamento. Il piano industriale nostro dimostra tutto l’oppos. Ci vedremo alle prossime elezioni per brindare alla vittoria di chi se la sarà meritata.


ID75024 - 31/01/2018 09:09:29 (Otto)
Ma se è un esperto perchè non mette nome e cognome cosi può essere contattato per avere consigli, il sig. Zanoni mi sembra disponibile al confronto.


ID75025 - 31/01/2018 09:42:58 (blurex)
Semplicemente perchè non mi và di aiutare chi ha buttato nel cesso 5 anni del mio lavoro.


ID75036 - 01/02/2018 09:37:19 (Otto)
Non sapendo il tuo nome non vado oltre ... ma posso immaginarti un ex amministratore lasciami dire allora che forse è proprio in questi momenti dove serve il confronto.Un confronto onesto e libero voi di Vobarno state attaccando tutti a prescindere pensando che si stia facendo il peggio per cittadini e lavoratori ... interrogatevi ...


ID75055 - 01/02/2018 23:09:01 (blurex)
In effetti ci ho provato a far ragionare qualcuno quando credevo ci fosse ancora tempo per i ragionamenti, ma un anno fa era già troppo tardi, i giochi erano già fatti nell'autunno 2016, figuriamoci adesso. Ci hai azzeccato, sono un ex, non di Vobarno, ma il problema non è di Vobarno, è della Valle e in particolare dei comuni che avevano la Calotta. Io non penso che si stia facendo il peggio per i cittadini, certo il meglio è un'altra cosa, la mia opininioe su questa faccenda per quanto piccola e mediocre l'ho già espressa più in alto.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
02/02/2018 13:23:00
«Porta a porta o Punto di raccolta?» Egregio Direttore, Le scrivo per informare di un disagio nato con la raccolta "porta a porta" nel comune di Gavardo, nella frazione di Sopraponte...

01/02/2018 08:33:00
«A pagare sono i lavoratori» Ormai ci siamo! A giorni parte il nuovo sistema di raccolta dei rifiuti in Valle Sabbia. L'auspicio è che sia un successo e che la collaborazione dei cittadini e dei lavoratori sia costruttiva in questa fase di rodaggio, che mi auguro sia breve. Ma...


19/09/2018 06:09:00
Raccolta porta a porta: i risultati di una buona gestione pubblica I primi dati ufficiali sul servizio di raccolta porta a porta, ai quali la stampa ha dato ampio risalto, mi permettono di condividere con i lettori gavardesi, ma non solo, di Valle Sabbia News, alcune riflessioni personali...

11/03/2016 07:54:00
A proposito di rifiuti Leggo su Valle Sabbia News dello storico risultato ottenuto dalla Comunità Montana di Valle Sabbia che, su mandato dei comuni, ha anticipato di sei mesi (sic!) la scadenza del contratto con Aprica per la gestione del sevizio rifiuti in Valle

09/06/2016 14:29:00
Approfondiamo: raccolta a cassonetto o domiciliare? Tempo di scelte, anche per la decisione degli amministratori valsabbini di chiudere l'attuale contratto con Aprica alla fine del prossimo anno




Altre da Valsabbia
15/11/2018

Al centro il bambino e l'adolescente

Lo scorso 26 ottobre si è svolta a Sabbio Chiese una cena di raccolta fondi organizzata da Cooperativa Sociale Area a sostegno del Centro Diurno Minori “In-chiostro” di Villanuova 

15/11/2018

Acqua pubblica, domenica si va alle urne

Dopo tanti incontri informativi e dibattiti sul tema, per i bresciani è giunto il momento di esprimersi sulla futura gestione – esclusivamente pubblica o con la partecipazione di soggetti privati - del servizio idrico integrato  

15/11/2018

Vetture ibride ed elettriche?

Ellegi Service Srl è sempre in moto per la Formazione! A Roè ecco il corso CEI 11-27: PES PAV PEI per questa nuova sfida che coinvolge gli autotiparatori


14/11/2018

Boschi disastrati, come intervenire?

Se la normale gestione di un bosco è già di per sè complicata, figuriamoci quando centinaia di ettari di territorio sono stati sconquassati come è avvenuto nei giorni scorsi. Come fare? Ce lo dice l'esperto


14/11/2018

Illuminazione da smart city

Anche 22 Comuni della Valle Sabbia fra i beneficiari dello stanziamento di Regione Lombardia del bando Lumen per rinnovare l’illuminazione pubblica (4)

14/11/2018

La vaca grisa e la biblioteca de Boaren

“I dis mia che ‘na vaca l’è grisa se la gh’a mia almeno en pel!”: non si dice che una mucca è grigia se non ha almeno un pelo (grigio). Così recita un vecchio proverbio bresciano... (3)

14/11/2018

Megadepuratore. Ecco cosa ne pensa «Gavardo Rinasce»

Gentile direttore, dopo aver seguito attraverso la stampa la vicenda del collettore del Garda e aver partecipato alla serata informativa del 5 novembre a Muscoline...

13/11/2018

Elettrofisiologia e nuova Tac

Oltre 2 milioni di euro destinati da Regione Lombardia all’Ospedale di Gavardo nel piano di investimenti della sanità lombarda (3)


13/11/2018

Benessere Bimbo

Prende il via questo mercoledì 14 novembre presso le biblioteche un ciclo di incontri organizzati dal Sistema bibliotecario Nord Est bresciano in collaborazione con l'ASST del Garda sul benessere e la salute del bambino

11/11/2018

Memorie della Grande guerra nella Valle del Caffaro

Nei giorni scorsi si è tenuta a Bagolino, la presentazione del libro “Memorie della Grande Guerra nella Valle del Caffaro” di Stefano Molgora, edito dal Comune di Bagolino per la Collana Zangladello



Eventi

<<Novembre 2018>>
LMMGVSD
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia