Skin ADV
Domenica 24 Giugno 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


Medusa in riva al mare a Jesolo

Medusa in riva al mare a Jesolo

di Claudia Giacomini



23.06.2018 Pertica Bassa

22.06.2018 Bagolino

22.06.2018 Vestone Anfo Lavenone

23.06.2018 Gavardo

22.06.2018 Vestone

23.06.2018 Barghe

22.06.2018 Valsabbia

22.06.2018 Casto

22.06.2018 Gavardo

22.06.2018 Vestone





04 Marzo 2013, 07.13
Vobarno
I racconti del lunedì

Dieci giorni nella terra delle aquile - nove

di Ezio Gamberini
Venerdì 21 agosto - Nel nome di Paolo. Il volo che ci riporterà a Verona parte alla 12 e 50, ma poco dopo le dieci raggiungiamo l'aeroporto. Nona e ultima puntata
 
Con Alberto andiamo a prendere un carrello per trasportare i bagagli e stranamente c’√® un signore che si fa consegnare la moneta e con un curioso movimento la inserisce nell’apposita sede, prima di consegnarcelo. “A che pro?”, mi chiedo.
Che astuto personaggio: quando riportiamo il carrello e ritiriamo la monetina, scopriamo che il nostro spicciolo albanese √® stato sostituito dall’intraprendente “assistente” con una monetina canadese, di uguale peso e diametro, ma dal valore inferiore!

Prima di fare il check-in viene il momento di salutarsi. Non √® come sette anni fa, quando Ezio, Pierenzo ed io, nell’accomiatarci da don Gianfranco che ci aveva accompagnato al porto di Durazzo, dopo che se ne fu andato, non fummo capaci di parlare per dieci minuti a causa del groppo che avevamo in gola.
Ma anche stavolta c’√® un poco di emozione. Don Gianfranco ha una parola per tutti e per ciascuno, ed anche Genti ha gli occhi lucidi. Caro Genti, che ha l’et√† di mio figlio maggiore Paolo, e di Marco, figlio maggiore di Pierenzo; √® un po’ come se fosse il nostro figliolo. Grazie per averci “sopportato” dieci giorni, ascoltando tutti e a tutti dando retta. Anche a te Genti, buona fortuna!

Saliamo a bordo con mezz’ora di ritardo, e dopo un’altra ventina di minuti il comandante annuncia che “Mancano due passeggeri.
Per motivi di sicurezza bisogna sbarcare i due bagagli”. Poco male, li troveranno e li porteranno a terra! Dopo mezz’ora tutto sembra a posto: “I bagagli sono stati ritrovati e sbarcati. Entro dieci minuti partiamo”.
Trascorrono altri venti minuti ed il comandante annuncia che: “Purtroppo abbiamo un problema tecnico, dobbiamo sbarcarvi!”. Scendiamo tra mille imprecazioni. Non c’√® un cane che rivolge alle hostess uno straccio di “buongiorno”, come √® solito fare, quando si scende dall’aereo. Anzi, l’istinto sarebbe quello di insultarle (e che colpa ne hanno, povere ragazze?).

Il prossimo volo √® alle 17, ci dicono, dal gate 4. Vabb√®, aspetteremo, ammazzando il tempo nei pi√Ļ svariati modi (il preferito √® comunque ginnastica alle mandibole). Con notevole anticipo ci presentiamo al gate 4, fino a quando sul display compare: “Ore 18.25 – Alitalia – Milano Malpensa”.
“Oh, e quando torniamo a casa?” cominciamo a preoccuparci. Quasi immediatamente siamo indirizzati al Gate 1. Finalmente il nostro volo! Saliamo sull’aereo, e si tratta di un MD80 della Belle Air, uguale al precedente. Anzi, cos√¨ uguale, che sullo schienale che ho di fronte ritrovo la particolare conformazione del tessuto che avevo notato tre ore prima. E’ lo stesso aereo, che Dio ce la mandi buona. Alle sei partiamo, mi appoggio allo schienale e cerco di rilassarmi.

Rivedo come in un film questi dieci giorni vissuti nella terra delle aquile, i bei momenti, le risate, i volti...
E alcuni pi√Ļ di altri mi restano impressi. Non posso evitare di pensare a quelli che per mantenere dignitosamente la propria famiglia percorrono centinaia di chilometri su strade fangose e piene di buche, trasportando i passeggeri dai villaggi di montagna alla citt√†, o come l’“omino” che ha aperto la chiesa a Stojan: da giovane faceva il fornaio, e con mille sotterfugi riusciva¬† a recarsi davanti al crocifisso per pregare, sfidando il sistema e la dittatura che vietavano con sopraffazioni e violenze qualsiasi tipo di manifestazione religiosa.

Come dimenticare il racconto che fecero nel primo nostro viaggio in Albania le suore di Kruje, ricordandoci che dopo il 1992, quando arrivarono in questo paese, da pi√Ļ di cinquant’anni non c’era libert√† religiosa. Le suore visitarono le famiglie, che sapevano di tradizione cristiana, e quando andarono a trovare un anzianissimo signore, che abitava fuori citt√†, nel momento in cui gli consegnarono un piccolo crocifisso, il vecchietto si mise a piangere ed esclam√≤: “Bentornato Ges√Ļ”. Altro che “omino”, il fornaio di Stojan!
Stiamo parlando di giganti, al cospetto dei quali noi, con grosse autovetture e case bellissime, televisori giganteschi ed impianti stereofonici eccezionali, cucine modernissime ed elettrodomestici avveniristici, dovremmo riflettere un po’. “Signore Ges√Ļ Cristo, abbi piet√† di me”, √® l’unica cosa che¬† mi viene da pensare,¬† come il protagonista dei “Racconti di un pellegrino russo”, che don Gianfranco, invitato a concelebrare le nostre nozze, ci regal√≤ quando Grazia ed io ci sposammo.

Sbarchiamo a Verona prima delle 19 e 30, e dopo il controllo dei documenti carichiamo i bagagli sul pullman della ditta Almici di Vobarno, che ci aspetta all’uscita. Nuovo, bellissimo, con l’aria condizionata che funziona perfettamente, aaahhh...

Sul bus comincia lo show di Paolo (che bambino fantastico, non si √® mai lamentato di nulla, √® stato un compagno di viaggio piacevolissimo!). “Paolo, sai che sei stato bravissimo? Potremmo ospitarti a turno, una settimana per famiglia, saresti un ospite ideale!”. Ah si, ce lo contenderemo.
Ezio gli dice che quando sar√† il suo turno, provveder√† ad acquistare germi di grano, soia, alimenti integrali, prugne, decotti, perch√® bisogna stare un po’ a dieta. “Credo che la tua sar√† la prima famiglia che salter√≤”, lo ammutolisce perentorio Paolo. “Facciamo cos√¨ – prosegue dolcemente Ezio – io da domani telefono tutti i giorni ad Alberto e gli suggerisco gli alimenti dietetici che ti deve procurare per la giornata”. “Penso che staccher√≤ i telefoni!”, gli ribatte inflessibile il piccolo.

“Ezio- mi sussurra a bassa voce all’orecchio, mentre mi sto appisolando – quando arriviamo a casa stasera, perch√® non andiamo subito a casa mia per fare un torneo di biliardino?”.
“Paolo, stasera quando arrivo a casa volo subito a letto!” gli rispondo. Allora si rivolge a tutti e chiede “Chi vuole il calendario 2010 con me e Rataplan?”. Pi√Ļ volte si √® fatto fotografare con il cagnolino di don Marco, gli era proprio simpatico, anche se un pomeriggio verso le quindici, in missione, si era preoccupato che fosse ben sveglio: “Ezio, andiamo a vedere se Rataplan dorme, perch√® poi altrimenti stanotte far√† baccano!”. “Paolo, ti scappa la pip√¨?”, gli chiediamo, quando manca una mezz’oretta per arrivare a casa. “Un po’...”. “Vuoi una bottiglietta vuota di acqua minerale?”. “Noooo!”, risponde stringendosi il viso e volgendo lo sguardo al cielo, ricordando l’exploit sulla barca.

Siamo esausti. Mi giro e vedo Nene che sta abbozzando un sorriso, da solo. “Che hai da ridere?”, gli chiedo. “...mi guardava, col suo bel faccione, mentre era sott’acqua, due begli occhioni sgranati ed imploranti, vestito da cima a fondo, ed indossava pure gli occhiali….”.

Che farei senza questa banda squinternata di amici? Li amo profondamente, contraccambiato a piene mani. Spero, insieme a Grazia, di poter invecchiare in loro compagnia.

Sbuchiamo dalle gallerie e scorgiamo il Santuario della Madonna della Rocca, che dalla sommit√† della collina “veglia” sul paese: siamo finalmente a casa, verso le nove.

Ecco, la storia di sedici amici che hanno trascorso dieci giorni indimenticabili nella terra delle aquile è giunta al termine.   

“Allora Paolo, che differenza hai notato tra Italia e Albania?” Dopo averci pensato un poco, il piccolo esclama: “I pali della luce!”. Un’affermazione che forse, senza bisogno di aggiungere altro, lascia poco spazio all’evidenza, ma illimitato alla speranza.

Ed √® con lo stesso spirito che faccio un augurio ai miei bis-nipoti del futuro: “Fra cento e cento anni, quando le macchine viaggeranno ad un milione di chilometri l’ora e per spostarsi da un continente all’altro basteranno due minuti, che possiate trovare il tempo, una sera ogni tanto, di assaporare un goccio di buon rak√¨, ngadal-ngadal, cio√® piano piano, raccontandovi delle storie attorno ad un tavolo, con i vostri amici del cuore”.


Tratto dal volume “Ai cinquanta ci sono arrivato” – Ed. Liberedizioni
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
14/01/2013 07:00:00
Dieci giorni nella terra delle aquile - due Seconda puntata - Giovedì 13 agosto. Dopo la colazione, e la consueta dose mattutina di partite a pincanello con Paolo, si parte per lo "shopping" alla vicina città di Burrel

21/01/2013 07:00:00
Dieci giorni nella terra delle aquile - tre Terza puntata - venerdì 14 agosto. Questa mattina non possiamo esagerare, abbiamo fretta, così le partite a biliardino con Paolo saranno soltanto quattro o cinque...

04/02/2013 07:00:00
Dieci giorni nella terra delle aquile - cinque Quinta puntata - Domenica 16 agosto. Anche questa notte Rataplan ha abbaiato come un forsennato per ore...

28/01/2013 07:00:00
Dieci giorni nella terra delle aquile - quattro Quarta puntata - sabato 15 agosto. Il matrimonio. Oggi è il grande giorno: alle 16 saranno celebrate le nozze di Alessandro ed Elsa!

07/01/2013 07:00:00
Dieci giorni nella terra delle aquile - uno Prima puntata: mercoled√¨ 12 agosto. Quando sette anni fa, erano i primi giorni di novembre del 2002, con Ezio e Pierenzo accompagnai don Gianfranco in Albania, credevo sinceramente che non vi sarei pi√Ļ ritornato.



Altre da Vobarno
22/06/2018

Al Cristo Pensante da Passo Rolle

Questa la meta della sesta uscita stagionale del Gruppo Escursionisti Polisportiva Vobarno in programma per questa domenica, 24 giugno 

20/06/2018

Valsabbini a ¬ęVesti la Musica 2018¬Ľ

All’evento moda andato in scena sabato a Rivoltella oltre allo speaker murense Michele Ravani, fra i finalisti anche la giovane stilista Alice Pieretti di Vobarno
• Video


19/06/2018

Yoga per tutti

Un modo semplice e piacevole per avvicinarsi alla disciplina e ai suoi benefici quello che propone la Polisportiva vobarnese, gratuitamente, per i prossimi quattro venerdì 

18/06/2018

Pompegnino Vertical Trail √® sempre pi√Ļ internazionale

Alla corsa in montagna di Vobarno vincono Kenya e Ruanda: Kiyaka nella 10km e Simukeka nella 18km per la prima volta

17/06/2018

Commissione ¬ęMontagna¬Ľ

Si interesserà in particolar modo dello sviluppo delle aree montane e pedemontane, con particolare attenzione alla prevenzione delle calamità naturali (2)

16/06/2018

Giorno di festa

La fine del Ramadan a Vobarno, è stata occasione di incontro fra il popolo dei valsabbini musulmani e tutti i vobarnesi (1)

15/06/2018

Domenica la Pompegnino Vertical Trail

Sabato pomeriggio le gare per i bambini e i ragazzi e domenica la gara valida come Campionato regionale e provinciale Master e come terza prova del Grand Prix di corsa in montagna Valle Sabbia

15/06/2018

Estate in biblioteca

Da giugno ad agosto i piccoli lettori potranno partecipare a diversi incontri organizzati appositamente per loro dalla Biblioteca comunale di Vobarno 



14/06/2018

A Vobarno arriva ¬ęFood and Book¬Ľ

Nelle giornate di sabato 16 e domenica 17 giugno, presso la Biblioteca comunale, un incontro con i produttori locali e la festa delle associazioni vobarnesi 

13/06/2018

Emanuela Galvani terza alla Proai-Gölem

L’atleta di Vobarno, portacolori dell’Atletica Gavardo, alla sua prima gara di lunga distanza in ambiente montano sale sul terzo gradino del podio

Eventi

<<Giugno 2018>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Ro√® Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Sal√≤
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia