Skin ADV
Mercoledì 16 Agosto 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


[Casto]





13 Marzo 2016, 10.08
Vestone Valsabbia
Pagine di storia

Il Maggiore Giuseppe Moneta di Vestone

di Guido Assoni
Fu comandante del 1° battaglione del 77° Reggimento di fanteria della Divisione “Lupi di Toscana” sul fronte greco-albanese

Con assoluta indifferenza ai sentimenti ed alla morale comune e con l’illusione che la guerra sarebbe stata breve e con esito ormai deciso stante gli iniziali successi nazisti nei mesi di aprile e maggio del 1940, i vertici del fascismo non esitarono ad aprire il fronte occidentale attaccando la Francia.

Siamo al 10 giugno 1940.
“Mi serve  un pugno di morti per sedermi al tavolo delle trattative”, così tuonava Mussolini.
Dunque, non per vere e proprie necessità belliche ma “per  fare pesare sul tavolo della pace alcune migliaia di morti” ebbe inizio per l’Italia un immane conflitto caratterizzato dall’impreparazione delle forze armate e da una pessima pianificazione politica e militare.

Il 28 ottobre 1940, nel 18° anniversario della marcia su Roma, venne dichiarata guerra alla Grecia quale alleata della Gran Bretagna.
Si aprì così il fronte greco-albanese con quattro Divisioni ritenute più che sufficienti per la conquista del territorio ellenico.
Da una parte l’esercito greco, bene armato ed equipaggiato, animato da nobile spirito patriottico esaltato dalla necessità di difendere la propria terra e con perfetta cognizione del teatro delle operazioni.
Dall’altra parte l’improvvisazione con mancanza di preparazione specifica, truppe inquadrate ed addestrate affrettatamente, errati calcoli dei movimenti e delle controffensive dell’esercito nemico.

E’ stata un’infinita odissea del corpo di spedizione italiano obbligato ad una penosa ritirata in situazioni indicibili per l’ostilità dell’ambiente naturale, con pessime condizioni delle strade e l’asprezza delle condizioni meteorologiche.
Ingenti le perdite soprattutto nella Divisione Alpina Julia che si era spinta in profondità nell’avanzata iniziale.

Lo Stato Maggiore Italiano, resosi conto dell’arduo compito, cercava di rimediare inviando in Albania altre Divisioni tra cui la “Lupi di Toscana”.
Nel 77° Reggimento di fanteria faceva parte, quale tenente medico di completamento, il Dott. Silvano Anselmi, richiamato alle armi dopo aver prestato servizio presso gli Spedali Civili di Brescia nel reparto di prima chirurgia.

E’ molto importante la figura di questo ufficiale medico in quanto ha lasciato una testimonianza scritta dal pregevole valore storico.
Un libro dal titolo emblematico: “Dalla sala operatoria al greto della Vojussa” con dedica “ai morti e ai vivi della divisione Lupi di Toscana  in cui vengono minuziosamente narrate le vicende dei reparti della Divisione composti prevalentemente da elementi bresciani e bergamaschi.
Poveri soldati mandati allo sbaraglio su posizioni avanzate attaccate da ingenti forze nemiche, privi dell’appoggio delle artiglierie e mancanti spesso di rifornimenti, di collegamenti e di ordini.

Una pagina drammatica e sconvolgente,
con il cosciente sacrificio di una generazione che nulla chiese e tutto offrì disinteressatamente.
Basti pensare che alla fine dei combattimenti sul Malj-Tabajani (gennaio 1941) dei due reggimenti di fanteria che contavano seimila effettivi, non sopravvissero che circa quattrocento soldati e qualche decina di ufficiali.

Ai primi di marzo del 1941 venne ricostituita la Divisione, quadri e truppe al completo, armamento efficiente, artiglieria al seguito, buon addestramento per una controffensiva che si rivelerà efficace soprattutto grazie all’intervento tedesco sui Balcani.
In questi frangenti emerse la figura del Maggiore Giuseppe Moneta, ufficiale di completamento, chiamato a comandare il 1° battaglione del ricostituito 77° Reggimento di fanteria della Divisione “Lupi di Toscana”.
Figlio di Santo, possidente e di Orandi Evelina, nacque a Vestone il 04/08/1893 in via Carceri, in fondo al paese ove c’era il fotografo e tutt’ora un Istituto bancario.
Avvocato, senza avere esercitato la professione, era direttore amministrativo degli Spedali civili di Brescia quando venne richiamato alle armi.

Assunse il comando del battaglione presentandosi ai soldati con estrema cordialità e chiedendo a ciascuno di loro soprattutto amicizia prima ancora di una piena dedizione.
Espresse viva considerazione e ammirazione per i reduci di Malj Tabajani e un sincero rincrescimento di non essere stato presente alle operazioni.

E’ l’uomo più gentile, più buono, più altruista che io abbia mai conosciuto”, così si esprime il dott. Anselmi nel suo libro, rievocando anche l’attività in comune nel vecchio nosocomio cittadino e ai molteplici ricordi e reciproche amicizie.
Intanto l’armistizio tra la Grecia e la Germania nazista e di conseguenza anche con l’Italia fascista, pose fine alla drammatica campagna greco-albanese.

Dopo il rientro in Patria, l’avvocato Moneta seguì sempre le sorti della Divisione fino all’08 settembre 1943 quando, dopo l’armistizio, il reparto si disciolse e ognuno dei suoi componenti prese una decisione di scelta personale.
Iscrittosi alla Repubblica Sociale Italiana, appartenne alla Guardia Nazionale Repubblicana – 16° Comando militare provinciale con il grado di colonnello.

L’avvocato Giuseppe Moneta da Vestone purtroppo non potè riprendere il suo posto di direttore amministrativo dell’ospedale civile di Brescia.
Il 02 settembre 1944, verso le 20,30, mentre da Brescia rientrava in bicicletta a Collebeato dove era sfollato, venne aggredito da quattro garibaldini e fatto segno ad un colpo di pistola in pieno volto.

Soccorso dal sottotenente Garrone della Polizia postelegrafonica, cessò di vivere pochi minuti dopo all’età di 51 anni.
Ancora agonizzante a terra gli autori dell’aggressione si peritarono di sottrargli l’orologio da polso.
Di questa nobile figura non resta altro che il ricordo sui libri che rievocano l’epopea greco-albanese e una nuda croce di cemento in località “alla Pendolina” (via Roma, 53 di Collebeato) ove si verificò il tragico agguato

Guido Assoni

Testi consultati:
Silvano Anselmi – “Dalla sala operatoria al greto della Vojussa”.
Lodovico Galli – “Pagine di Verità”.
Lodovico Galli – “Documentazione della Questura bresciana della R.S.I. – 1943 – 1945”


Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
04/10/2015 08:00:00
Il gettone come moneta Chi si ricorda il gettone telefonico non può mentire sulla propria età anagrafica. Simbolo che ha acompagnato il progresso italiano, rimasto in vita fino all'arrivo dell'euro


10/08/2012 08:00:00
Quella moneta nascosta (e ritrovata) sotto il Blumone A metà luglio il 23enne saretino Mattia Zanagnolo era in cammino lungo il n.1 dell'Adamello con alcuni amici, quando dentro una trincea sotto il Blumone ha ritrovato le 500 lire incastrate nel 1998 dallo zio Flavio Antonini

13/03/2017 08:04:00
Alice e la maggiore età  Tanti auguri ad Alice Giori, di Vestone, che proprio oggi, lunedì 13 marzo, compie i suoi primi 18 anni

01/01/2007 00:00:00
L’euro compie cinque anni ma pochi festeggiano A cinque anni esatti dal 1° gennaio 2002, data di introduzione dell’euro, raccontiamo la storia della nostra cara lira, moneta che oggi molti italiani rimpiangono a causa dei rincari verificatesi dopo l’avvento della divisa europea.

12/05/2009 00:00:00
I centosei dell'Italia Si festeggiano i primi 106 anni, ma ne ha ben più. Si parla del piroscafo Italia, festeggiato domenica a Desenzano.
Una carriera, fra i laghi Maggiore e Garda, che prosegue tutt'ora.



Altre da Valsabbia
14/08/2017

Occhio alle revisioni e alle scadenze dell'assicurazione

Raffica di controlli sulle auto in transito lungo la 237 del Caffaro, nel fine settimana appena trascorso: decine gli automobilisti multati. Due le auto condotte in parco chiuso
(1)

12/08/2017

Visite pediatriche per i bambini Saharawi

L’Asst del Garda ha aderito al progetto di accoglienza dell’Associazione Rio De Oro Gavardo offrendo controlli medici ed esami diagnostici

11/08/2017

Ferragosto in campagna con... menu fantasia

L’agriturismo BioBio’ a Vobarno propone per il ferragosto un menu fantasia, dove troverete DI TUTTO UN PO’:  un buffet fresco, ma gustoso con prodotti tipici e biologici; verdure, salumi, carni, formaggi e tanto altro

11/08/2017

Appuntamenti del weekend

Il fine settimana che precede Ferragosto regala numerosi eventi e manifestazioni. Eccone una selezione di quelli che si terrenno fra la Vallesabbia, il Garda e la città


08/08/2017

Operazione «All Black»

La Guardia di Finanza di Brescia rende noto di aver sottoposto a sequestro 21 siti internet che diffondevano dati sensibili per truffare i navigatori


08/08/2017

Giovani e religiosità: il monoteismo del sé

Qual è il rapporto tra giovani e tradizione religiosa? Perché si allontanano o avvicinano ai riti comunitari? Una ricerca sui giovani gardesani ha fornito alcune risposte

08/08/2017

Vigili con lo scarico... alcolico

Episodio piuttosto curioso quello in cui sono incappati gli agenti della Locale della Valle Sabbia, impegnati in un surplus di controlli estivi

07/08/2017

Posto ergo sum

Il nostro Luca Rota pone alcune interessanti domande. C'è qualcuno che vuol rispondere? (2)

07/08/2017

Ricerca sulla salute delle donne

Un questionario online rivolto alle donne residenti in Valle Sabbia sull’accesso ai servizi sociosanitari per la tesi di laurea di una studentessa valsabbina

06/08/2017

Italia campione del Mondo

Francesco Puppi, Alessandro Rambaldini, Luca Cagnati e Gil Pintarelli hanno riportato la squadra italiana al primo posto nel Campionato del Mondo di lunghe distanze (3)

Eventi

<<Agosto 2017>>
LMMGVSD
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia