Skin ADV
Lunedì 10 Dicembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    










L'alba a Vestone

L'alba a Vestone

by Miriam



09.12.2018 Paitone

08.12.2018 Prevalle

10.12.2018 Roè Volciano

09.12.2018 Gavardo

08.12.2018 Bione

08.12.2018 Bagolino

09.12.2018 Gavardo

08.12.2018 Sabbio Chiese

08.12.2018 Roè Volciano

09.12.2018 Idro Bagolino Anfo Valsabbia






12 Settembre 2018, 10.15
Vestone
Nuvole

Fotografia come terapia

di Redazione
Nell’ambito della rassegna “Nuvole”, sarà inaugurata questo venerdì 14 settembre a Vestone la mostra di fotografie scattate dagli adolescenti del centro diurno “Raggio di Sole – Coop. Fraternità Brescia” nell’ambito del progetto di fototerapia

“Ci sono. Mi vedi?” è la mostra fotografica nata da un progetto di fotografia più ampio realizzato dagli adolescenti del centro diurno “Raggio di Sole – Coop. Fraternità Brescia”  insieme alla volontaria, fotografa professionista, Chiara Cadeddu.

Nell’ambito della rassegna “Nuvole” - Eventi in Valle Sabbia per raccontare la salute mentale – la mostra sarà inaugurata questo venerdì 14 settembre alle 17 negli spazi della Sala Moroni a Vestone, visitabile poi fino al 21 settembre, dal lunedì al venerdì, dalle 15.00 alle 18.00

Traendo spunto dal lavoro dall’artista inglese Laura Williams e dai suoi autoritratti con lo specchio, gli scatti in mostra intendono esprimere un’idea di società che non vede l’adolescente come individuo completo, poiché in fase di transizione verso l’età adulta. L’uso dello specchio diviene così strumento per nascondersi, mimetizzando l’occhio dell’osservatore, ed evidenziare le difficoltà del mondo adulto nel cogliere fino in fondo il confronto con l’adolescenza.

In occasione dell’inaugurazione saranno presenti i pazienti del Centro Diurno Stella del Mattino che racconteranno della loro esperienza.

Il progetto parte dall’idea di utilizzare lo strumento macchina fotografica per raggiungere alcuni obiettivi terapeutici: sviluppare la capacità creativa dei ragazzi e potenziare la capacità di lavorare in gruppo seguendo determinate regole di convivenza sociale, (l’attività è stata vissuta al di fuori del Centro Diurno ,negli ambienti di vita dei ragazzi), di relazione tra i membri del gruppo, rispettando il lavoro e le possibilità di ognuno, ma anche regole tecniche legate all’utilizzo di una macchina fotografica.

Dopo un periodo di lavoro con la macchina fotografica si è pensato di ragionare su un progetto di più ampio respiro utilizzando un altro strumento: lo specchio.

La difficoltà evidente di queste fotografie, sincronizzare l’immagine riflessa nello specchio facendola coincidere con il resto del ambiente fotografato, ha obbligato fotografo/modello a comunicare in modo preciso e funzionale per poter raggiungere il risultato stabilito, fotografo e modello erano due pazienti del Centro Diurno.

Quindi, queste opere, sono in primo luogo, un risultato riabilitativo importante, ma non solo, risultano anche una seria riflessione sull’adolescenza. Le fotografie ritraggono ambienti e luoghi classici della vita non impegnata dei ragazzi e in generale degli adolescenti bresciani; le fotografie, per scelta non sono state scattate nei luoghi “formalizzati”, come scuole, famiglia, oratori.

Sono stati, invece, scelti i luoghi informali della città di Brescia, come i parchi, il centro storico e la periferia. Ambienti scelti da loro e nei quali spesso si identificano. Nelle immagini l’ambiente rimane sullo sfondo e intorno al modello, sembra quasi includerlo, inglobarlo se non addirittura assorbirlo. Il luogo di vita non fa solo da sfondo all’immagine, ma entra anche nello specchio invadendo l’immagine della persona, entrando dentro di essa o coprendo il suo volto.

L’immagine riflessa
si sostituisce al volto del ragazzo, quasi a voler rappresentare, essa stessa, la fisionomia della persona, coincidendo con la realtà dell’ambiente circostante. Confondendo la persona con il luogo.

Le opere parlano di questi ragazzi mimetici
, persone che fuggono una loro personalità immedesimandosi con il luogo o la situazione di vita che hanno scelto, o che qualcuno ha scelto per loro. Adolescenti che hanno tolto le maschere e, che addirittura, scompaiono agli occhi della società, riapparendo a tratti, ma quasi mai nella loro autenticità di sguardi, visi ed espressioni, spesso solo stigmatizzati nei luoghi di adozione.

In molti casi è però
l’adulto stesso che guarda attraverso il volto del ragazzo, trapassandolo con lo sguardo e osservando solo la condizione sociale e il contesto, sicuramente più facile da interpretare e criticare. Nello specchio non si vede mai riflessa nessuna persona, nessuno osserva direttamente questo vuoto, pieno esclusivamente di costruzioni, mattoni, colonne, auto, erba e tanto altro. Riflettersi nel vuoto o nella sofferenza di chi si ha di fronte può essere pericoloso, sicuramente stimolante ma certamente rischioso.

Negli scatti l’adolescente ritratto è solo, non è in gruppo, non è inserito in un insieme di coetanei. La solitudine disegnata in queste foto rappresenta la condizione di alcuni ragazzi, resi soli spesso dalla sofferenza, dalla malattia o dalla disillusione.
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
03/10/2018 09:47:00
«Se salti da una nuvola atterri su una stella» Questo il titolo della mostra fotografica organizzata in occasione dei 10 anni di attività del Centro Diurno “Stella del mattino” di Nozza di Vestone, nell’ambito della rassegna “Nuvole”
•VIDEO


07/06/2018 11:30:00
«Trieste. C'era una volta l'ospedale psichiatrico» Questo sabato, 9 giugno, a Vestone l’inaugurazione della mostra fotografica con gli scatti di Gian Butturini, reporter bresciano di fama internazionale, all’interno della rassegna “Nuvole” sulla salute mentale 

28/06/2018 09:55:00
«Ti racconto di me» Una mostra fotografica che è anche un modo, per molte persone, di dare voce alla propria storia. L’inaugurazione si terrà questo sabato, 30 giugno, a Barghe 

06/12/2018 13:06:00
Nuvole ha lasciato il segno Si è conclusa il 29 novembre in comunità Montana con un partecipatissimo convegno la rassegna valsabbina dedicata alla salute mentale che ha dato vita all'associazione “Fabbrica di Nuvole”

08/10/2018 12:10:00
Un cineforum per raccontare la salute mentale Tre gli appuntamenti in programma nel mese di ottobre all’Auditorium di Vestone, nell’ambito della rassegna “Nuvole”, per fornire spunti di riflessione sul tema e avviare dibattiti e confronti 



Altre da Vestone
07/12/2018

Insoliti incontri fa tappa a Vestone

Sarà inaugurata questa domenica 9 dicembre presso la biblioteca di Vestone, la terza e ultima tappa della rassegna “Insoliti Incontri”, che vede ospite l’autoritratto di Fausto Pirandello

07/12/2018

Santa Barbara in salsa Valsabbina

Situato in posizione strategica, il distaccamento vestonese dei Vigili del fuoco è una risorsa preziosa per la Valle. Domenica scorsa i festeggiamenti per la Patrona

06/12/2018

Bacchetti, il sentimento della pittura

C’è tempo fino a domenica 9 dicembre per ammirare le opere di Lorenzo Bacchetti nella mostra personale allestita nella Sala Moroni a Vestone

06/12/2018

Nuvole ha lasciato il segno

Si è conclusa il 29 novembre in comunità Montana con un partecipatissimo convegno la rassegna valsabbina dedicata alla salute mentale che ha dato vita all'associazione “Fabbrica di Nuvole”


05/12/2018

Alla scoperta della stampa 3D

Il Fab-lab Valle Sabbia fa tappa venerdì sera a Vestone per presentare le tecnologie della stampa tridimensionale e dell’automazione

04/12/2018

Cercasi amante del verde

La Fondazione A. Passerini di Nozza di Vestone è alla ricerca di un volontario per la cura di piante e fiori (1)

01/12/2018

Maternità? Si grazie

La filiale di Vestone di Eurointerim, questo mercoledì, ha consegnato a una mamma di Mura un assegno/premio come incentivo alla natalità per i dipendenti (1)

30/11/2018

In «quella» notte del tempo

Va di scena questo venerdì sera alle 21 nello spazio di via Glisenti 43 a Vestone, “Il racconto di un romanzo mai nato”. Protagonisti Leonardo Sciascia, Telesio Interandi e la famiglia Paroli (1)

30/11/2018

Arsenale casalingo

Prosegue e allarga i suoi “orizzonti” l’indagine sulla compravendita di armamenti militari avviata dai carabinieri di Vestone. Scattano le manette anche per un 60 enne della Bassa



29/11/2018

Il Gal GardaValsabbia presenta i bandi

Nell’ambito dell’attuazione del Piano di Sviluppo Locale “Azione2020”, saranno organizzati tre incontri informativi sui bandi di prossima pubblicazione. Si comincia lunedì 3 dicembre a Vestone



Eventi

<<Dicembre 2018>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia