Skin ADV
Martedì 23 Ottobre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    








Scorcio di Gavardo

Scorcio di Gavardo

di Massimo Schivalocchi



21.10.2018 Gavardo

21.10.2018 Capovalle Roè Volciano Valsabbia

22.10.2018 Roè Volciano

22.10.2018 Gavardo Vallio Terme

21.10.2018 Gavardo

21.10.2018 Vobarno

23.10.2018 Lavenone

22.10.2018 Vestone

23.10.2018 Gavardo

22.10.2018 Valsabbia Roè Volciano



12 Settembre 2018, 10.15
Vestone
Nuvole

Fotografia come terapia

di Redazione
Nell’ambito della rassegna “Nuvole”, sarà inaugurata questo venerdì 14 settembre a Vestone la mostra di fotografie scattate dagli adolescenti del centro diurno “Raggio di Sole – Coop. Fraternità Brescia” nell’ambito del progetto di fototerapia

“Ci sono. Mi vedi?” è la mostra fotografica nata da un progetto di fotografia più ampio realizzato dagli adolescenti del centro diurno “Raggio di Sole – Coop. Fraternità Brescia”  insieme alla volontaria, fotografa professionista, Chiara Cadeddu.

Nell’ambito della rassegna “Nuvole” - Eventi in Valle Sabbia per raccontare la salute mentale – la mostra sarà inaugurata questo venerdì 14 settembre alle 17 negli spazi della Sala Moroni a Vestone, visitabile poi fino al 21 settembre, dal lunedì al venerdì, dalle 15.00 alle 18.00

Traendo spunto dal lavoro dall’artista inglese Laura Williams e dai suoi autoritratti con lo specchio, gli scatti in mostra intendono esprimere un’idea di società che non vede l’adolescente come individuo completo, poiché in fase di transizione verso l’età adulta. L’uso dello specchio diviene così strumento per nascondersi, mimetizzando l’occhio dell’osservatore, ed evidenziare le difficoltà del mondo adulto nel cogliere fino in fondo il confronto con l’adolescenza.

In occasione dell’inaugurazione saranno presenti i pazienti del Centro Diurno Stella del Mattino che racconteranno della loro esperienza.

Il progetto parte dall’idea di utilizzare lo strumento macchina fotografica per raggiungere alcuni obiettivi terapeutici: sviluppare la capacità creativa dei ragazzi e potenziare la capacità di lavorare in gruppo seguendo determinate regole di convivenza sociale, (l’attività è stata vissuta al di fuori del Centro Diurno ,negli ambienti di vita dei ragazzi), di relazione tra i membri del gruppo, rispettando il lavoro e le possibilità di ognuno, ma anche regole tecniche legate all’utilizzo di una macchina fotografica.

Dopo un periodo di lavoro con la macchina fotografica si è pensato di ragionare su un progetto di più ampio respiro utilizzando un altro strumento: lo specchio.

La difficoltà evidente di queste fotografie, sincronizzare l’immagine riflessa nello specchio facendola coincidere con il resto del ambiente fotografato, ha obbligato fotografo/modello a comunicare in modo preciso e funzionale per poter raggiungere il risultato stabilito, fotografo e modello erano due pazienti del Centro Diurno.

Quindi, queste opere, sono in primo luogo, un risultato riabilitativo importante, ma non solo, risultano anche una seria riflessione sull’adolescenza. Le fotografie ritraggono ambienti e luoghi classici della vita non impegnata dei ragazzi e in generale degli adolescenti bresciani; le fotografie, per scelta non sono state scattate nei luoghi “formalizzati”, come scuole, famiglia, oratori.

Sono stati, invece, scelti i luoghi informali della città di Brescia, come i parchi, il centro storico e la periferia. Ambienti scelti da loro e nei quali spesso si identificano. Nelle immagini l’ambiente rimane sullo sfondo e intorno al modello, sembra quasi includerlo, inglobarlo se non addirittura assorbirlo. Il luogo di vita non fa solo da sfondo all’immagine, ma entra anche nello specchio invadendo l’immagine della persona, entrando dentro di essa o coprendo il suo volto.

L’immagine riflessa
si sostituisce al volto del ragazzo, quasi a voler rappresentare, essa stessa, la fisionomia della persona, coincidendo con la realtà dell’ambiente circostante. Confondendo la persona con il luogo.

Le opere parlano di questi ragazzi mimetici
, persone che fuggono una loro personalità immedesimandosi con il luogo o la situazione di vita che hanno scelto, o che qualcuno ha scelto per loro. Adolescenti che hanno tolto le maschere e, che addirittura, scompaiono agli occhi della società, riapparendo a tratti, ma quasi mai nella loro autenticità di sguardi, visi ed espressioni, spesso solo stigmatizzati nei luoghi di adozione.

In molti casi è però
l’adulto stesso che guarda attraverso il volto del ragazzo, trapassandolo con lo sguardo e osservando solo la condizione sociale e il contesto, sicuramente più facile da interpretare e criticare. Nello specchio non si vede mai riflessa nessuna persona, nessuno osserva direttamente questo vuoto, pieno esclusivamente di costruzioni, mattoni, colonne, auto, erba e tanto altro. Riflettersi nel vuoto o nella sofferenza di chi si ha di fronte può essere pericoloso, sicuramente stimolante ma certamente rischioso.

Negli scatti l’adolescente ritratto è solo, non è in gruppo, non è inserito in un insieme di coetanei. La solitudine disegnata in queste foto rappresenta la condizione di alcuni ragazzi, resi soli spesso dalla sofferenza, dalla malattia o dalla disillusione.
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
03/10/2018 09:47:00
«Se salti da una nuvola atterri su una stella» Questo il titolo della mostra fotografica organizzata in occasione dei 10 anni di attività del Centro Diurno “Stella del mattino” di Nozza di Vestone, nell’ambito della rassegna “Nuvole”
•VIDEO


07/06/2018 11:30:00
«Trieste. C'era una volta l'ospedale psichiatrico» Questo sabato, 9 giugno, a Vestone l’inaugurazione della mostra fotografica con gli scatti di Gian Butturini, reporter bresciano di fama internazionale, all’interno della rassegna “Nuvole” sulla salute mentale 

28/06/2018 09:55:00
«Ti racconto di me» Una mostra fotografica che è anche un modo, per molte persone, di dare voce alla propria storia. L’inaugurazione si terrà questo sabato, 30 giugno, a Barghe 

08/10/2018 12:10:00
Un cineforum per raccontare la salute mentale Tre gli appuntamenti in programma nel mese di ottobre all’Auditorium di Vestone, nell’ambito della rassegna “Nuvole”, per fornire spunti di riflessione sul tema e avviare dibattiti e confronti 

17/07/2018 09:05:00
Grande partecipazione alla camminata dedicata alla salute mentale In 150 si sono radunati la scorsa domenica mattina presso il Centro Sportivo di Sabbio Chiese per partecipare all’iniziativa organizzata nell'ambito della rassegna “Nuvole” 



Altre da Vestone
23/10/2018

Il ministro dello Sport Iracheno in visita alla Ivars di Vestone

Venerdì 19 ottobre, una delegazione governativa dell’Iraq, con a capo il nuovo ministro dello Sport, ha visitato gli uffici e le sedi produttive dell'azienda vestonese IVARS

22/10/2018

Albertini due volte campione italiano

È bastato il podio a Stefano Albertini e Danilo Fappani al Rally di Como per aggiudicarsi per il secondo anno consecutivo il titolo nazionale nel campionato Wrc (4)

18/10/2018

A Vestone i creatori di «Ride»

Nel fine settimana Fabio Guaglione e Fabio Resinaro con il regista Jacopo Rondinelli saranno all’Auditorium “Mario Rigoni Stern” per incontrare il pubblico 
•VIDEO


15/10/2018

Una gara per aiutare i bambini diabetici

È quella di Brazilian Jiu Jitsu disputata due settimane fa dagli allievi della scuola Long C’hi. Obiettivo la raccolta fondi da devolvere all’associazione SOStegno 70 

15/10/2018

Ilaria neo architetto

Complimenti a Ilaria Dolcetti, di Vestone, che il 5 ottobre scorso si è laureata al Politecnico di Milano in Architettura con 110 (1)

13/10/2018

È vestonese uno dei re della falesia di Massone

Eric Albertini, senza tanto clamore, è fra i migliori. Sue alcune interessanti e difficilissime “ripetizioni” sulle orme dei giganti dell’arrampicata (4)

11/10/2018

Cinque appuntamenti con «Altri Sguardi»

Da questo venerdì 12 ottobre sono aperte le prevendite per la rassegna teatrale Altri Sguardi, Teatro in Val Sabbia

10/10/2018

Skiroll Nozza-Belbrato, e sono 15

Sabato 13 ottobre l’appuntamento che fa da spartiacque fra l'attività estiva e quella invernale, organizzata quest’anno dai Comuni di Vestone e Pertica Alta con la collaborazione del Cai Sottosezione di Vestone e il patrocinio di tanti amici sponsor


10/10/2018

Armi da guerra, arrestati in due

A finire fra le sbarre per il possesso di un vero e proprio arsenale due cinquantenni camuni, ma la soffiata che ha portato al loro arresto così come l'avvio delle indagini sono valsabbine (7)


09/10/2018

Forestali e territoriali verso l'accorpamento

Tempo di trasferirsi per molti carabinieri forestali, le cui stazioni sono state accorpate a quelle territoriali. Il processo di fusione coinvolge anche alcuni presidi valsabbini  (6)



Eventi

<<Ottobre 2018>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia