Skin ADV
Giovedì 23 Marzo 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


Sale la nebbia

Sale la nebbia

di Michele Panzera



21.03.2017 Bagolino Valsabbia

22.03.2017 Vestone Valsabbia

22.03.2017 Agnosine

21.03.2017 Bione Agnosine Odolo Preseglie Valsabbia

23.03.2017 Valsabbia

21.03.2017 Bione

21.03.2017 Vobarno

22.03.2017 Valsabbia Provincia

21.03.2017 Casto

23.03.2017 Prevalle Valsabbia




21 Dicembre 2007, 00.00
Vestone
Mostra d'arte

Achille Glisenti, la parola al critico d'arte


La mostra all’Aab di Achille Glisenti (1848-1906), erede di una facoltosa famiglia di industriali valsabbini, è analizzata da Fausto Lorenzi, affermato d'arte.
Il giornale ha già introdotto in queste pagine, alla conferenza stampa di presentazione, la mostra all’Aab di Achille Glisenti (1848-1906), erede di una facoltosa famiglia di industriali valsabbini poi approdati in Valtrompia, che sempre finanziarono l’educazione artistica del figlio (dall’erudizione con Luigi Campini in città ai corsi a Brera e soprattutto a Monaco di Baviera dove frequentò pure il tedesco-italiano Arnold Böcklin, uno dei grandi maestri del decadentismo classicista, all’attività d’antiquario a Firenze a partire dal 1876) e questo ci esime dal ricostruirne la biografia.

Ma Glisenti è uno di quei pittori che ti impongono sempre di interrogarti se sia stato un talento sprecato, anche per certa disinvoltura tra abilità tecnico-mimetica (specie tra maniera cinquecentesca e ritrattistica secentesca, al limite del remake), attenzione presta alle mode e savoir faire sul mercato antiquariale (in quest’ambito, fu partecipe anche della dispersione fuori Brescia di importanti opere storiche), nel gusto tra atelier pretenzioso e Saloni. Fu soprattutto ritrattista della borghesia e dei notabili: grazie a Zanardelli riuscì persino a ritrarre Re Umberto I e la regina Margherita.

La mostra era stata concepita nel centenario della morte, e doveva nascere in collaborazione con Villa Carcina, ma varie incomprensioni non l’hanno permesso. Sia pure con spazi e mezzi limitati, l’Aab ha doverosamente ritenuto di dover comunque portare in porto l’impresa, ed è da sottolineare in particolare la ricostruzione del catalogo delle opere da parte di Francesco De Leonardis e Luigi Capretti, che hanno costruito la mostra con Barbara D’Attoma (ha curato una scelta di disegni custoditi dagli eredi).

È già stato notato dagli studiosi il duplice binario su cui Glisenti si mosse, tra accademia persino leziosa, in scene d’eleganza salottiera (in una sorta di corruzione del vero, quando il verismo si cinge di lustrini, di piacere dannunziano) o persino in scene di genere orientalista, o in ritratti neocinque e neosecenteschi, o viceversa pittura più presta e sincera in ritratti vividi o svelti bozzetti agresti.

Da un lato fu la reviviscenza melodrammatica di temi romantici, sia in scene di genere quotidiano che ancora rimandano in certo limpido bozzettismo rustico alla tradizione degli Induno o dell’Inganni, o altre d’un oriente pittoresco d’evasione, in allure da serraglio, sugli echi del successo internazionale della pittura pompier lanciata dal Salon parigino e dal contemporaneo revival vittoriano, fondendo realismo accademico e aura esotica (alla Gerome, Bouguerau, Laurens, Meissonier, Detaille e compagni). Qui fu meticoloso ma senza vera immaginazione.

Altrettanto non è difficile trovare i riferimenti di certa sua pittura ad effetto, d’intensità luminosa e cromatica, in quel gusto che si diffuse in tutt’Italia e fu interpretato in particolare da artisti come Pagliano, Molmenti o Tallone dopo che si saldarono (nel comune incontro alle mostre della nuova Nazione) esperienze di napoletani (Morelli, Celentano, Altamura, Toma) e di macchiaioli toscani (specie - per Glisenti - Borrani e Cecioni di palmare riferimento per le cucitrici, Lega altrettanto per ritratti di profilo e gruppi domestici).

Nella vita agreste, di contro a certo spirito del verismo dell’epoca, quand’anche Glisenti diventasse più analitico e preciso, non fu mai di lettura antropologica, ma sempre aneddotica, o viceversa di scrittura bozzettistica a vividi contrasti di lume, senza però cercare davvero la vita nel paesaggio o nell’ambiente. Eppure non abbandonò certa tangibile concretezza che discende dal lungo corso del naturalismo lombardo, e vi immise cert’aria respirata nella Toscana macchiaiola, in cui passò dal chiaroscuro all’effetto, cioè ad un’esperienza di una luce reale.

ACHILLE GLISENTI 1848- 1906, Aab, vicolo delle Stelle 4, al 9/1, 15.30-19.30, chiuso lun.

Fausto Lorenzi
da Giornale di Brescia
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG








Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
03/12/2007 00:00:00
L'artista aveva legami profondi con la valle L’associazione artisti bresciani - come anticipato dal vallesabbianews nei giorni scorsi - ha allestito presso la propria sede di Brescia, Vicolo delle stelle 4, una rassegna dedicata ad Achille Glisenti (1848-1906).

01/12/2007 00:00:00
Omaggio all'artista Achille Glisenti Oggi si inaugura una mostra dedicata al percorso artistico di Achille Glisenti, artista dell'800, rappresentante della prestigiosa dinastia valsabbina.

16/01/2015 09:36:00
Spazio d'arte in via Glisenti 43 Un ex negozio di abbigliamento di Vestone viene messo a disposizione degli artisti per mostre d’arte. Sabato la prima mostra “Omaggio alla pittura bresciana del ’900 e contemporanea”

10/07/2015 09:58:00
«Weekend'Arte» Sarà inaugurata questo sabato 11 luglio alle 10 presso la sala "Via Glisenti 43" la prima di una serie di mostre in cui saranno esposte opere di artisti del ’900 e contemporanei

15/12/2015 10:10:00
«Insieme», collettiva d'arte Natale 2015 Prenderà il via questo mercoledì 16 dicembre presso gli spazio della sala espositiva “Via Glisenti 43” a Vestone, una mostra collettiva di artisti valsabbini



Altre da Vestone
22/03/2017

«Per mia fas mangià i gnoc söl cò»

L’espressione valsabbina riportata dal responsabile marketing Simone Niboli, ben si adatta allo spirito ed al processo di innovazione che fa di Valsir un’azienda leader anche nella formazione dei tecnici che si occupano di progettazione edilizia (1)

20/03/2017

Piccoli artisti crescono

Sarà inaugurata questo pomeriggio alle 16.30, presso la sala espositiva dell’associazione vestonese di promozione culturale «Via Glisenti 43», la mostra «Giochiamo con l’arte», coi lavori dei bimbi della Materna

16/03/2017

Stemmi nobili e stemmi borghesi

Il vobarnese Enrico Stefani ci presenta alcune curiosità raccolte nel suo libro “Araldica benacense e valsabbina”
• Video


15/03/2017

Ingegneri cercasi

Con il progetto Incipit de La Cassa Rurale, undici progetti in ambito ingegneristico ed informatico per laureandi e laureati. Adesioni entro il 30 marzo

13/03/2017

Alice e la maggiore età

 Tanti auguri ad Alice Giori, di Vestone, che proprio oggi, lunedì 13 marzo, compie i suoi primi 18 anni

09/03/2017

Araldica Benacense e Valsabbina

Sarà presentato questo venerdì sera nella sala delle assemblee della Comunità montana il volume del vobarnese Enrico Stefani dedicato ai blasoni gardesani e valsabbini

08/03/2017

Soggetto Donna 2017

L'assessorato alla Cultura di Vestone propone una serie di appuntamenti al femminile per marzo, mese della donna

06/03/2017

Il fantasma parcheggiatore

Giorno di mercato a Nozza, difficile trovare parcheggio. Più semplice se la si "pianta" in mezzo alla strada. E' successo con una Panda, anche se non si sa chi sia stato il parcheggiatore 



06/03/2017

Paola Rizzi, vera «rock star» del teatro valsabbino e bresciano

Un’intervista per conoscere l’artista gavardese, dagli esordi esordi al grande successo della Signora Maria con il Teatro Gavardo, che riporterà in scena mercoledì 8 marzo a Vestone

06/03/2017

Racconti di uno scrittore

La serata con Gianluca Morozzi organizzata dalla Biblioteca di Vestone, orfana di Emanuele Filippini a causa di un’indisposizione, ha permesso al pubblico di conoscere sull’evoluzione letteraria dello scrittore bolognese

Eventi

<<Marzo 2017>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia