Skin ADV
Giovedì 24 Maggio 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


Narcisi

Narcisi

by Claudio



23.05.2018 Vestone Lavenone

22.05.2018

24.05.2018 Vestone Valsabbia

23.05.2018 Odolo Valsabbia

22.05.2018 Idro Vobarno Valsabbia

22.05.2018 Bagolino

23.05.2018 Idro

23.05.2018 Vobarno

24.05.2018 Casto Valsabbia

22.05.2018 Casto






28 Novembre 2015, 14.30
Valsabbia Provincia
Compleanni

I 90 anni di Aldo Giacomini

di Redazione
Sarà festeggiato questa domenica, con l’inaugurazione di un nuovo cartello del sentiero intitolato alla Brigata delle Fiamme Verdi "X Giornate", il compleanno del partigiano che ha ideato e realizzato i sentieri della Resistenza bresciana


Per festeggiare il compleanno di Aldo Giacomini, questa domenica 29 novembre alle ore 11, il partigiano i suoi familiari e gli amici si ritroveranno vicino al ristorante Grillo in Maddalena, per inaugurare il nuovo cartello del sentiero della Resistenza bresciana 14, intitolato alla Brigata delle Fiamme Verdi "X Giornate".
 
Lunedì 30 dalle 18, all’interno della trasmissione “Teletutto Racconta”, saranno fatti gli auguri ad Aldo Giacomini e messo in onda il video in cui parla dei sentieri della Resistenza e della guida Sui monti ventosi.

Riportiamo un ritratto di Aldo Giacomini tracciato da Pier Luigi Fanetti

Conosco il novantenne “rebélo” da quando, con Carlo Branchi ed altri sonicesi, si progettò il sentiero in Val Malga, intitolato al partigiano  Francesco Troletti,  che è il penultimo degli itinerari escursionistici della Resistenza bresciana realizzati dal gruppo coordinato per ventidue anni da Aldo Giacomini ed illustrati nell’edizione 2004 della guida “Sui monti ventosi”.
Nato il 29 novembre 1925 a Campione del Garda, dove il padre socialista si era trasferito da Belprato con la famiglia per mettersi al riparo dalle ritorsioni dei fascisti sabbini, il diciottenne Aldo si ribellò ai nazifascisti disertando e, spinto da un giovanile desiderio di libertà, si nascose con due amici sui monti di Provaglio Valsabbia per tirar sassi e qualche fucilata, patendo fame e freddo, durante l’inverno del 1943.
Ricevuto il consiglio di allontanarsi dalla zona dove si era fatto troppo notare, nella primavera del 1944 scese nelle vicinanze della città e, con  falsi documenti di lavoratore dell’organizzazione tedesca Todt, entrò a far parte del Gruppo mobile della Brigata Fiamme Verdi “X Giornate” la cui attività consisteva principalmente in attentati, sabotaggi e quelle che lui chiama beffe ai nemici: recuperi di armi e munizioni, mezzi di trasporto, vestiario e viveri; una sorta di guerriglia che aveva lo scopo di sfiancare con azioni di disturbo i nazifascisti. Dopo la liberazione della città, il 9 maggio 1945 consegnò le armi. A distanza di due anni e mezzo giunse il riconoscimento della qualifica di partigiano combattente relativamente al periodo 1 marzo 1944 – 25 aprile 1945.
Di spirito arguto e vivace gli è rimasto ancora lo sguardo ironico di un tempo, sa guardare con disincantata lucidità al mondo di oggi e ama ancora raccontare con memoria precisa fatti ed episodi della sua esperienza partigiana in occasione di incontri con studenti e di commemorazioni.
Aveva ereditato dal padre alpino – sciatore, combattente della grande guerra prima e poi comandante partigiano, la passione per la montagna e lo sci che trasmise ai giovani curando negli anni ’60 e ’70 la loro formazione sportiva.
Negli anni 70, vedendo sui monti cippi e croci di partigiani caduti, gli venne l’idea di realizzare itinerari dove avevano operato le brigate partigiane al fine di trasmettere i valori di chi «fece il monello in un gioco di morte per un ghiribizzo di libertà» come scrisse Emilio Arduino nel 1946 in “Brigata Perlasca”.
Con amici del Cai e di altri gruppi escursionistici ha costituito il Gruppo operativo volontario dei sentieri della Resistenza bresciana che, dal 1982 al 2004, ha tracciato circa 500 chilometri di percorsi fra montagne e pianura; si trattava del progetto di un Museo nazionale storico all'aperto che fu presentato al presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi nel dicembre 2004 e al Consiglio d'Europa nel giugno 2005.
L’idea di far incontrare memoria storica, osservazioni naturalistiche e geologiche, tradizioni locali, passione per l’escursionismo risultava innovativa e tale da poter costituire anche un  apporto economico per paesi di montagna interessati.
Sciolto il gruppo, dal 2006 la manutenzione dei sentieri della Resistenza è diventata più problematica e difficoltosa, fatta parzialmente grazie alla buona volontà di singoli, gruppi e, talvolta, di amministrazioni pubbliche; ciò sconforta il partigiano che ancora il 25 aprile scorso è tornato in Maddalena, sul sentiero intitolato alla sua brigata, per ricordare, a vecchi e giovani, che «la libertà è costata cara molto, tenetela da conto».
Buon compleanno, resistente Aldo!

(pubblicato in Graffiti, novembre 2015)
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID62827 - 28/11/2015 22:52:39 (Iva) complimenti e auguri
Forza Aldo avanti cosi' vorrei dire per sempre,porta avanti le tue idee sempre anche per quelli che non ci sono piu'.Augurissimi per il tuo compleanno ed ancora cento di questi anni Iva Benetelli



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
15/09/2016 17:54:00
Fra il Tovere e la Corna di Savallo Prosegue il lavoro dei volontari sui sentieri della Resistenza, qualli descritti sul volume "Sui monti ventosi" curato da Aldo Giacomini. Questa volta è toccata al numero 5 "Caduti per la libertà di Mura, Nasego, Stecle di Noffo"

30/06/2016 07:00:00
Tornano i segni sul sentiero di Emi e Fabio Volontari al lavoro sui sentieri della Resistenza, quelli raccolti nel volume “Sui monti ventosi” curato da Aldo Giacomini. Questa volta a Pertica Alta


01/01/2018 06:27:00
Aldo Giacomini, oltre i monti ventosi I funerali del partigiano valsabbino saranno celebrati a Brescia nella Chiesa Parrocchiale di S. Barnaba questo mercoledì 3 gennaio alle ore 13.45. La salma riposa all'obitorio del Civile di Brescia


12/09/2017 16:24:00
I sentieri della Resistenza Questa domenica a Forno d’Ono un interessante incontro sui sentieri della Resistenza in Valle Sabbia, la presentazione dei lavori di riqualificazione, con la partecipazione del partigiano Aldo Giacomini

12/05/2016 06:27:00
Ecco il numero 10, attorno a Treviso Bresciano Si chiama "Sentiero della Libertà e dei Caduti trevigiani", è lungo 36 chilometri e per percorrerlo tutto ci vogliono 12 ore




Altre da Valsabbia
24/05/2018

«La casa nella testa»

Si terrà questo sabato, 26 maggio, a Odolo la quarta serata della rassegna “Nuvole”, il progetto che la Comunità Montana, i Comuni e le associazioni del territorio dedicano al delicato tema della salute mentale 

24/05/2018

A Casto per il «cobra» Sonny

I tifosi del campione del Savallese, in questi giorni impegnato in altura in preparazione del Tour, hanno atteso il Giro a Casto
(1)

24/05/2018

Una grande festa dello sport

A Vestone il passaggio del Giro ha coinvolto tanti appassionati, l'impresa e i bimbi delle scuole
(3)


23/05/2018

A Odolo un «sintetico» targato Raffmetal

Raffmetal ha annunciato un accordo con l'Ac Odolo che quest'estate porterà alla posa di un tappeto sintentico sull'unico campo "a undici" della Conca d'Oro
(1)

23/05/2018

Prevenire è meglio che curare

Il detto salutista ben si adatta anche ai comportamenti da tenere per strada. Cinquecento fra bimbi e ragazzini, sono stati coinvolti in “lezioni di vita” dagli agenti della Locale

22/05/2018

Finalisti nazionali

Greta Don, Denise Freddi e Andrea Alberti della V^ Amministrazione Finanza e Marketing del PERLASCA di Idro- Vobarno si sono classificati, con la loro impresa simulata "BURNAVOIDERS", fra le 15 migliori aziende d’Italia nel progetto "Young Business Talents"



18/05/2018

Funziona, grazie alla solidarietà di molti

A soli quattro giorni dall'inizio, grande successo per la raccolta di fondi a favore della ricostruzione della Casa delle Streghe di Casto
(3)

18/05/2018

Sorpresa: la Valle Sabbia non c'è più

Se questo è il risultato del nuovo corso lombardo, che ha affidato la promozione territoriale ad una “società istituzionale” c’è da spaventarsi (16)

18/05/2018

Alla scoperta dei sapori di Valle Trompia e Valle Sabbia

Un ricettario ricco di spunti tradizionali e rielaborazioni moderne proposte dallo chef Roberto Abbadati, dallo storico Marino Marini e dai ristoratori valligiani, frutto della prima edizione del laboratorio gastronomico delle Valli Resilienti (1)

16/05/2018

«Il passato è una terra straniera»

Il cineforum di sensibilizzazione contro il gioco d’azzardo promosso dalla Comunità montana di Valle Sabbia prosegue domani, giovedì 17 maggio, a Villanuova con una proiezione gratuita

Eventi

<<Maggio 2018>>
LMMGVSD
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia