Skin ADV
Giovedì 20 Giugno 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    






L'Ermitage

L'Ermitage

by Miriam



18.06.2019 Anfo

18.06.2019 Vobarno Valsabbia Provincia

18.06.2019 Garda Valtenesi

19.06.2019 Roè Volciano

18.06.2019 Vestone Casto

18.06.2019 Vobarno Valsabbia Garda Valtenesi

19.06.2019 Villanuova s/C

19.06.2019 Bagolino

19.06.2019 Salò

18.06.2019 Bagolino Valsabbia



03 Aprile 2017, 15.02
Valsabbia Provincia
Lettere

A.T.C. unico e i 3 giorni fissi, si o no?


Voglio scrivere la mia personale opinione in merito alla scelta fatta dall’ATC Unico di Brescia di proporre alla Regione la scelta di consentire la caccia alla stanziale e alla migratoria con l'uso del cane in tre giorni fissi a settimana almeno all’inizio stagione

La motivazione, contenuta nella domanda del quesito che lo stesso ATC ha sottoposto ai suoi tesserati, è la salvaguardia almeno temporanea della selvaggina stanziale dall’eccessiva pressione venatoria dei primi giorni di caccia.
Ritengo questo provvedimento completamente sbagliato per una serie di ragioni, alcune secondo me molto serie.

Primo, credo che a nessuno sfugga che se prima potevo andare a caccia scegliendo tra 5 giorni, ora dovrò per forza andare in uno di quei tre giorni, la pressione venatoria che prima era diluita in 5 giorni ora si concentrerà in quei 3 giorni, il risultato non sarà molto diverso dall’attuale.

Secondo, il sondaggio proposto dall’ATC ha visto esprimersi 3084 associati e i voti favorevoli sono stati 1683 e contrari 1401.
Ho già espresso le mie critiche a questo sondaggio in una lettera all’ATC, sul modo forviante di esprimere i quesiti e sul non aver dato un termine di chiusura del sondaggio quindi non ci ritorno ma, se consideriamo che gli iscritti all’ATC sono oltre 14.000, si vedrà che la percentuale dei votanti è circa del 20% e solo il 12% dei soci ATC è favorevole a questa scelta, direi che non si può giustificare questa scelta come “volontà della base”.

Considerando poi che il divieto riguarderebbe anche la caccia con il cane alla migratoria allora è evidente che si è andati anche oltre il quesito posto agli associati ed è lecito chiedersi se sarebbero ancora quelle le percentuali con il quesito formulato contenendo anche la migratoria.

Terzo, questa decisione è stata presa SENZA avere consultato i delegati (che sono gli ELETTI dei cacciatori) ma solo con il voto in consiglio (dei NOMINATI da associazioni e enti) con solo 14 presenti su 20 e senza per altro avere l’unanimità dei presenti, anzi con voto contrario delle associazioni venatorie di ACL, ANLC e di una parte della stessa FIDC, associazione a cui appartiene il Presidente dell’ATC Oscar Lombardi (praticamente i favorevoli sono stati solo 11 consiglieri su 20) .
Perché non si sono consultati i delegati prima di proporre una limitazione all’esercizio venatorio?

Quarto, sono contrario di principio ad ogni limitazione all’attività venatoria già pesantemente limitata da leggi e leggine, la legge nazionale, la famosa 157 prevede all’art. 18 comma 7:
“La caccia è consentita da un'ora prima del sorgere del sole fino al tramonto. La caccia di selezione agli ungulati è consentita fino ad un'ora dopo il tramonto.“
Ora, io non sono un avvocato ma se la legge dice questo .. e poi, diciamolo chiaramente, quando ci hanno tolto qualcosa in termini di caccia, quando mai poi si è tornati indietro?
Figuriamoci ora che siamo NOI cacciatori a chiedere di toglierci qualcosa!

Quinto, non condivido che l’ATC scarichi la responsabilità della scarsità di selvaggina e la sua scomparsa sui suoi soci, cioè i cacciatori.
Certo, a Brescia c’è una elevata pressione venatoria ma non può essere considerata l’unica motivazione per la scarsità di selvaggina. La gestione del territorio, l’ambiente, i modi e i tempi dell’attività agricola hanno un peso MOLTO più rilevante.

L’ATC preferisce vincere facile e abdicando al suo ruolo di gestione del territorio e di interlocutore con agricoltori e enti preferisce dare la colpa ai suoi “SOCI” e limitarne l’attività, mi sembra una scelta un po’ da harakiri.

Se poi i riproduttori immessi, vedi scandalo lepri, sono come quelle di quest’anno direi che anche l’ATC ha delle belle responsabilità sulla presenza e qualità della selvaggina.

Sesto, questa decisione viene presa il 28 marzo, tre giorni prima della scadenza del pagamento per l’iscrizione all’ATC, visto che praticamente molti hanno già pagato e altri pagheranno senza nemmeno sapere di questa cosa non mi sembra un modo di procedere corretto, io ho già pagato settimana scorsa e avrei voluto saperlo prima per poter decidere.

Settimo, ancora una volta si dividono i cacciatori in recinti sempre più piccoli, adesso viene limitato chi fa la caccia alla stanziale in forma vagante così magari gli altri che fanno un tipo di caccia non protesteranno.. quando poi toccherà anche a loro chi si farà sentire?

Ottavo e ultimo, un motivo di “politica venatoria”.
Questo ATC ha collezionato una serie di scivoloni veramente imbarazzanti, non ultimo quello sulle lepri da cassetta pietose e inadatte a riprodursi ed il “no” della Regione sulla richiesta di diversificazione dei pagamenti per i vari tipi di caccia (scivolone veramente inspiegabile visto che bastava leggere la legge al riguardo per capire che era impraticabile), per citare solo gli ultimi che fanno di questa gestione dell’ambito una delle più discusse nella storia dell’ATC unico di Brescia.

Un ambito con questo palmares e che a GIUGNO decadrà, a che titolo va a proporre una LIMITAZIONE all’attività venatoria che entrerà in vigore nella prossima stagione quando non sarà neppure in carica lo stesso consiglio ATC visto che i componenti passeranno da 20 a 10?
Non sarebbe stato meglio che questa decisione fosse presa, nel caso, dal prossimo ATC che durerà in carica 5 anni?

Si dirà che questa limitazione vale per poco tempo e che serve a colpire i furbetti che eludono le regole andando a caccia tutti i giorni e andando oltre le quote previste per la cattura della selvaggina. 
Io non condivido questo modo di ragionare, ora si comincia con le prime settimane, ma chi vieterà dopo di aggiungerne una e poi una ancora e via dicendo..così "solo" una settimana alla volta arriveremo a fine della stagione venatoria e poi, colpire i cacciatori onesti (che sono la maggioranza) per colpire i pochi disonesti non mi sembra una bella scelta, vuol dire abdicare alla pretesa che le regole devono essere rispettate, per chi non le rispetta ci sono i controlli della Polizia Provinciale e delle G.E.V..
 
Io, cacciatore bresciano (e orgoglioso di esserlo) attendo risposta e confido che la Regione possa bocciare questa proposta.

Ing. Grumi Filippo
 
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID71661 - 06/04/2017 10:51:19 (Fioremma) L'Università della vita
Ho visto molti, troppi studenti vivere la "laurea" di primo o secondo livello, come un punto di arrivo. La quasi totalità di loro non conosce il mondo del lavoro, le capacità relazionali oltre a quelle tecniche che servono per poter mantenere un impiego. Li vedi, con le corone di alloro in testa, felici e al contempo inconsapevoli. L'intelligenza emotiva non ti viene insegnata, l'umiltà di poter imparare e il confronto non ti vengono insegnati. Ne ho visti molti di questi studenti, andare incontro alla vita senza corona d'alloro, confidando troppo nelle gratificazioni dei genitori che spesso vivono la laurea dei figli più come propria rivalsa sociale che come opportunità che possono avere i loro figlioli.Questo è un risultato tutto “italiano”, confido in un mondo universitario più reale, che aiuti a preparare e strutturare meglio il futuro degli studenti.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
02/10/2010 12:00:00
«Basta con le bugie della Lega» È ancora polemica sulla caccia in deroga L'affossamento della caccia in deroga continua ad infiammare gli animi.

26/09/2012 07:53:00
Deroghe impallinate in aula Il Consiglio regionale ha stabilito che in questa stagione non ci sarà la caccia alle specie migratorie protette: nel carniere niente storni, fringuelli, peppole, pispole e frosoni.

11/06/2011 07:21:00
Doppiette in... movimento “Non vogliamo la luna, solo di essere considerati al pari degli altri cacciatori europei”. Una voce forte e chiara, quella del movimento “Civiltà Rurale Caccia e Ambiente”.

21/07/2011 07:39:00
Primo sì per caccia in deroga e richiami vivi La Commissione Agricoltura della Regione Lombardia ha congedato all'unanimità un progetto di Legge per autorizzare la caccia in deroga per la prossima stagione autunnale.

20/04/2015 07:19:00
Caccia in mostra al Forte di Larino Nel fine settimana del 25 aprile, la fortezza ospiterà la "Mostra Trofei di Caccia 2015" e numerose manifestazioni dedicate al mondo venatorio




Altre da Valsabbia
18/06/2019

Cinghiali abbattuti, otto a giudizio

Devono rispondere a vario titolo di inquinamento ambientale, peculato, uccisione ingiustificata di animali e macellazione abusiva. Fra loro anche l’ex presidente della Provincia Mottinelli e l’ex comandante della Provinciale Caromani (4)

18/06/2019

«No food no event!»

In uno slogan ecco la “filosofia” di Ambra Marca, fondatrice di InScena: azienda bresciana dal "dna" valsabbino, specializzata in organizzazione eventi e catering

18/06/2019

A lezione in azienda

Una “full immersion” nella tecnologia applicata ai più alti livelli, quella che, per tre giornate, gli studenti della Facoltà di Ingegneria dell’Università di Brescia, hanno potuto vivere alla Samac di Vobarno

17/06/2019

Caseificio: approvato il bilancio 2018

Nelle scorse settimane, l’Assemblea del Caseificio Sociale Valsabbino di Sabbio Chiese ha approvato l’esercizio 2018. VIDEO


17/06/2019

Intervista al preside

Noi della redazione del Perlasca di Idro, visto che quest’anno scolastico è per il professor Antonio Butturini l’ultimo e che fra pochi mesi potrà godersi la meritata pensione, l'abbiamo intervistato


17/06/2019

La condropatia rotulea

La condropatia rotulea è una condizione patologica che interessa l'articolazione del ginocchio ed indica una sofferenza del tessuto cartilagineo attorno all'osso

16/06/2019

Meno male che un prete c'è!

Grande festa oggi a Gavardo. Il novello sacerdote don Luca Pernici celebrerà la sua prima Messa nel paese dove si è fatto apprezzare come diacono. Seguiranno pranzo all’oratorio, incontro conviviale e Vespri (2)

15/06/2019

Due nuovi capisquadra

Il distaccamento dei Vigili del fuoco di Vestone da qualche giorno è forte di due capisquadra in più, che andranno a dare manforte a quelli già presenti (1)

14/06/2019

Lo Spaccadischi... sotto l'ombrellone

Ecco una selezione degli appuntamenti in programma per il fine settimana in Valle Sabbia, sul Garda e in provincia a cura del nostro Spaccadischi in versione estiva

14/06/2019

E la Regione?

«Chi ha rappresentato Regione Lombardia in occasione del vertice romano sulla depurazione del Garda?». Se lo chiede il Consigliere Gianantonio Girelli, che nel merito ha presentato un'interrogazione


Eventi

<<Giugno 2019>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia