Skin ADV
Martedì 23 Aprile 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    






Riflesso

Riflesso

di Paolo Salvadori



22.04.2019 Bione

22.04.2019 Vestone Sabbio Chiese Odolo

22.04.2019 Garda

21.04.2019 Bagolino

22.04.2019 Villanuova s/C

23.04.2019 Vestone

22.04.2019 Roè Volciano Valsabbia

21.04.2019 Vobarno

21.04.2019

21.04.2019 Villanuova s/C Valsabbia






10 Febbraio 2019, 09.45
Gavardo
Blog - Maestro John

La bottega del formaggio

di John Comini
Adesso che ho avuto la certezza (sigh!) che il Mercato Coperto è chiuso, vorrei dedicare un piccolo ricordo a quella splendida bottega…

Quand’ero bambino, mia mamma mi mandava al Mercato Coperto e dicevo sempre: “Una crescenza Galbani intera, paga la mia mamma!”. Adesso che ho avuto la certezza (sigh!) che il Mercato Coperto è chiuso, vorrei dedicare un piccolo ricordo a quella splendida bottega…

C’era una volta un paese sulla collina. In mezzo vi scorreva un bellissimo fiume, le cui acque facevano girare le pale di un mulino. In quel paese c’erano molte botteghe di panettieri, falegnami, macellai, orologiai, barbieri, fioristi, articoli per la casa e persino fotografi.

C’era addirittura una via, dedicata all’ingegner Giovanni Quarena (parlamentare nato proprio in quel paese nel 1852), che era un vero susseguirsi di botteghe e botteghine.

Tra la vendita del latte e l’idraulico, tra la stanza dei telefoni ed i fruttivendoli, tra il sellaio e la forneria, tra il tabaccaio e l’albergo dove si ballava, ad elencarle tutte si perderebbe il conto. In quel paese, all’inizio della via Molino, vicina alla trattoria “Corona” ed alla bottega “Al mare, frutta e verdura”, proprio accanto alla cassetta rossa delle lettere, c’era la bottega del formaggio.

In apparenza sembrava minuscola, sopra l’ingresso c’era una scritta piuttosto sbiadita. Vi si entrava attraverso una porticina e subito dopo si scendevano due gradini. Ma appena entrati, come Ulisse nella caverna di Ciclope, si illuminavano gli occhi dinanzi allo splendore delle cose buone che v’erano in mostra. Formaggi di ogni tipo, dal Bagòss al Tombea, dal cremoso gorgonzola al grana delle vacche rosse…

E poi gustosissimi salumi, marmellate che erano una goduria, vasetti di funghi che promettevano gioie inenarrabili. Insomma, c’era ogni ben di dio, era una continua tentazione per il palato, una specie di canto delle Sirene di Ulisse che ti ammaliavano e ti prendevano per la gola: “Assaggiami, se mi gusterai proverai il paradiso!”

I nonni del paese si ricordavano il signor Pietro dietro il bancone, con il suo bel faccione rubicondo ed il suo carattere gioviale. Sembrava davvero l’effigie del buonumore e della buona tavola. E poi era giunta la figlia Giuseppina (ma tutti la chiamavano Giusy), che conosceva il nome di ogni cliente e gli faceva assaggiare i vari formaggi decantandone pregi e virtù.

Accanto a lei, il saggio e baffuto Enrico, che conosceva ogni prodotto e –inforcati gli occhiali- ne spiegava la provenienza, come consumarlo e con quale vino abbinarlo. E poi c’era la zia, sempre attenta alla cassa sul lato del bancone, che aveva la visione degli acquisti e seguiva il via vai della bottega con occhio vigile e discreto. Perché di clienti ce n’erano sempre molti, la fama della bottega si era propagata per tutto il territorio e anche oltre i confini.

I turisti tedeschi e inglesi che villeggiavano sul lago, avevano inserito nel loro tour anche la bottega del formaggio. E allora via con gli acquisti per pranzi raffinati o pantagruelici, per cene romantiche a lume di candela o per banchetti da Trimalcione.

E anche eccellenti ristoratori della zona si fornivano presso la bottega, e di tutto questo c’era un perché. Giusy ed Enrico non si accontentavano mai, cercavano sempre il meglio del meglio. La loro era davvero una passione che trascendeva il lavoro.

Da veri amanti della buona tavola e del buon gusto, il tempo libero lo dedicavano a ricercare fuori paese formaggi sconosciuti, a conoscere contadini e pastori che tenevano in serbo per loro preziosi prodotti e nuove scoperte.

Grandi appassionati di tradizioni gastronomiche della nostra bella nazione, non disdegnavano qualche vicino paese d’oltralpe. Perché prima di mille programmi televisivi, libri e siti internet dedicati al cibo, loro avevano già fatto della ricerca il loro indiscusso marchio di fabbrica.

C’era una parola per descrivere tutto questo: passione. Passione per il proprio lavoro, passione per il gusto, passione d’altri tempi per le cose buone e belle.

C’era una volta una bottega. Ma il tempo passa. E come tutte le storie, anche quella della bottega finisce. Adesso nel paese ci sono centri commerciali e grandi supermercati, pieni di luce e di mirabolanti offerte.

Rimane una piccola speranza, un barlume che illumina la cella ancora colma di delizie... Che con un ultimo colpo di coda di quei due bravi maestri, si possa ancora tramandare a qualche nuova leva quella scintilla di passione per le cose buone.

Ci sentiamo la settimana prossima, a Dio piacendo

maestro John






 

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID79574 - 10/02/2019 14:11:01 (giobia) giobia
un vero peccato un grande negozio con tanta gentilezza di chi ti serviva e prodotti a dir poco eccellenti una grande perdita.


ID79575 - 10/02/2019 14:53:48 (PETER72) Chissà...
quando magari un domani rimpiangeremo anche la chiusura degli ipermercati... "Non si può patteggiare con loro, non si può ragionare con loro. Non sentono né pietà, né rimorso, né paura. Niente li fermerà prima di avere eliminato tutte le piccole botteghe... per ricostruire il futuro bisognerebbe cambiare il presente"; pensieri espressi parafrasando frasi del film "Terminator"


ID79577 - 10/02/2019 19:07:32 (Venturellimario)
Chi continua a criticare i supermercati, qui abbiamo la chiara dimostrazione che quando una serie di cose (prodotti gentilezza conoscenza e chi più ne ha ne metta) battono alla grande i supermercati, ad Enrico e Giusy non mancava certo il lavoro, anzi..Ma se ci si vuole improvvisare negoziante senza nemmeno sapere cosa vendi, senza sorriso prodotti, non vi lamentate se non avete successo


ID79580 - 11/02/2019 08:41:23 (Tuco) peccato...
Grazie Giusy Grazie Enrico per tutti questi anni di Passione......e grazie maestro John per le belle parole



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
08/02/2019 08:00:00
Il «mercato coperto» abbassa la saracinesca Il negozio di formaggi di via Molino, punto di riferimento per residenti e turisti in cerca di prodotti caseari di primissima qualità, ha chiuso i battenti. Era stato aperto il 1° gennaio del 1951 

14/12/2016 09:40:00
«Il formaggio? Lo cuciamo addosso ai clienti come un vestito» A Gavardo, in via Molino, Giusy Orioli porta avanti il suo “Mercato coperto del formaggio” insieme a Enrico. 65 anni di ricerca della qualità, in equilibrio tra tradizione e innovazione

08/04/2018 10:50:00
Le tasche piene di sassi Accadeva spesso. A ricreazione, in cortile. Un bambino correva verso di me esclamando “maestro John, guarda che bello!” E mi mostrava un sasso. Io esprimevo stupore. Ma non fingevo. Era stupore per la poesia che i bambini hanno nell’animo

31/03/2019 10:05:00
L'ora in più Un altro compleanno: 67! Ammazza! Ma da domani dirò 68, così mi abituo al tempo che passa e vola via 

28/10/2018 12:17:00
Passerotto non andare via Sabato pomeriggio. Piove a dirotto. I telegiornali parlano di alluvioni, di disastri, di Roma allagata. Ma era da un pezzo che non pioveva e di acqua ce n’era bisogno… 



Altre da Gavardo
22/04/2019

Futuri medici in tirocinio all'Asst del Garda

Anche l’ospedale di Gavardo, con quelli di Desenzano e Manerbio, sarà sede di tirocinio ospedaliero per alcuni aspiranti medici di famiglia, con la speranza che poi prendano servizio sul territorio  (1)

17/04/2019

Dottoressa Camilla

Congratulazioni a Camilla Soncina di Gavardo, che il 15 aprile si è laureata in Scienze dell'Educazione e Formazione all'Università Cattolica di Brescia

16/04/2019

Giovanissimi in campo per il torneo «Città di Gavardo»

Da venerdì a domenica, il Centro Sportivo “Karol Wojtyla” di Gavardo ospiterà il 21° torneo internazionale del Garda e Valle Sabbia per la categoria Giovanissimi sperimentali organizzato dall’A.C. Gavardo. Contestualmente a Vallio Terme il torneo per i Pulcini organizzato da Fallo col Cuore



 

16/04/2019

Cardiologia aperta per la salute della donna

Questo mercoledì, 17 aprile, presso il reparto di Cardiologia dell’Ospedale di Gavardo tutte le donne potranno usufruire della misurazione gratuita di alcuni parametri

15/04/2019

Ciao, Tullio!

Il corpo bandistico “Nestore Baronchelli” di Sopraponte ricorda Tullio Savoldi, scomparso sabato all’età di 90 anni, che per 60 anni ha suonato nella banda

14/04/2019

Novanta e non sentirli

Tantissimi auguri ad Antonio Abastanotti di Gavardo che proprio oggi, domenica 14 aprile, compie i suoi primi 90 anni 

13/04/2019

Gavardo: il Centrodestra coalizzato con Molinari

Sarà Marco Molinari, avvocato di 56 anni, a guidare il Centrodestra nella sfida per le Comunali gavardesi. Candidato nuovo con una nuova squadra, per dare un taglio al passato

13/04/2019

Open Week salute della donna

La prossima settimana, anche i presidi dell’Asst del Garda aderiscono all’iniziativa dedicata alla prevenzione cardiovascolare

10/04/2019

«Rambo» primo sul Tesio alla Grimpeur Race

La corsa in montagna organizzata dall’associazione Tempoperso e dall’US Serle ha visto il campione valsabbino tagliare per primo il traguardo sul monte Tesio
• VIDEO


10/04/2019

Discorsi diretti, tristezza e gioia

Questa sera al teatro Pio XI di Gavardo il terzo incontro della rassegna dedicata a genitori e figli  sul tema delle emozioni

Eventi

<<Aprile 2019>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia