Skin ADV
Domenica 24 Febbraio 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    



22.02.2019 Sabbio Chiese

23.02.2019 Casto

22.02.2019 Bione

22.02.2019 Sabbio Chiese

23.02.2019 Villanuova s/C Roè Volciano

22.02.2019 Prevalle

23.02.2019 Valtenesi

23.02.2019 Bione

22.02.2019 Gavardo Prevalle Muscoline

23.02.2019 Treviso Bs






30 Maggio 2014, 09.47

40° Piazza Loggia

Vangelo e Costituzione

di Marisa Viviani
Anche don Luigi Ciotti, fondatore di Libera, in prima linea nella lotta alla mafia, è intervenuto alla commemorazione dei 40 anni della strage di Piazza della Loggia a Brescia


«Ho due grandi riferimenti nella mia vita, il Vangelo e la Costituzione». Sono le parole che don Luigi Ciotti ha pronunciato il 28 maggio scorso davanti alla folla che lo ascoltava, e alla viva presenza degli otto caduti di Piazza Loggia, ancora senza giustizia dopo 40 anni dalla bomba che li uccise.

 «Alberto, Bartolomeo, Clementina, Euplo, Giulietta, Livia, Luigi, Vittorio – ha infatti detto don Ciotti citando i nomi delle otto vittime della strage – sono qui con noi, e ci hanno lasciato un'eredità importante: la responsabilità». E' intorno a questa parola, responsabilità, che si è sviluppato così il suo discorso. Un discorso intenso e appassionato.

«Ci stanno rubando le parole. Tutti parlano di giustizia, di libertà, ma le parole sono svuotate».
I riferimenti alla realtà sociale e politica italiana non impongono qui esemplificazioni, tante ne abbiamo già ad invadere la nostra vita quotidiana con la loro distruttiva negatività per non esserne consapevoli; don Ciotti di esempi invece ne ha fatti, lui che vive sotto minaccia costante a causa del suo impegno contro l'illegalità, la corruzione, la mafia. Ed è lì, sullo scenario devastato dell'etica pubblica, e privata, che parole come giustizia e libertà, si svuotano di valore e significato in assenza di reale uguaglianza, equità, rispetto, dignità.

«Il 75% dei famigliari delle vittime di mafia non conosce ancora i colpevoli. I nostri morti ci chiedono di restituire senso alle parole. La verità percorre le vie di Brescia, così come in altre città offese; le ferite ancora aperte dei famigliari ricercano la verità e impegnano le coscienze. In questa piazza è stata ferita la Costituzione, dove la parola verità è implicita e lega tutte le altre parole che vi compaiono. Dobbiamo ribellarci all'illegalità, noi siamo qui per loro, i nostri morti, per non delegare lavandoci le mani, indifferenti, ma per assumerci la responsabilità. E' un grido affinché si affermi la giustizia nel nostro Paese, affinché la Costituzione sia concretizzata nei fatti; non si può essere cittadini a intermittenza, non basta commuoversi di fronte alle tragedie, bisogna muoversi. Dobbiamo riconoscere la nostra responsabilità, che non è fatta di silenzi, di omissioni, di reticenze, ma di impegno al servizio degli altri; i nostri morti ci chiedono fatti non parole vuote.
Il cambiamento ha bisogno di ciascuno di noi, non bisogna arrendersi alla fatalità, al cinismo; dobbiamo stimolare chi governa perché abbia più coraggio, il potere deve essere democratico, trasparente, condiviso, troppo a lungo è stato accumulato, usato per interesse personale. La democrazia in questa piazza è stata ferita, ha bisogno della nostra responsabilità. Perciò siate eretici! In greco antico eresia significa scelta; siate coloro che scelgono, che scelgono la responsabilità, la ricerca della verità, la democrazia nell'impegno, l'etica; siate coloro che mettono al centro il noi, troppi io hanno sacrificato il noi, l'etica non è opera di navigatori solitari. Siate eretici, chi è eretico si mette al servizio degli altri. I nostri morti ci chiedono responsabilità: facciamoli vivere».

Ha molto colpito in questo discorso di don Ciotti (qui purtroppo riassunto per sommi capi) la determinazione delle idee, la volontà, l'applicazione dei principi e dei valori tradotta in fatti concreti importanti, non nelle vuote parole di “quelli che si autoassolvono con una partecipazione formale e non fattiva”. Aver fondato l'associazione Libera, in prima linea nella lotta alla mafia, ha scatenato contro don Ciotti la furibonda reazione della criminalità organizzata, ed impressiona vedere un uomo di chiesa scortato da guardie del corpo che lo proteggono da minacce di morte a causa della sua testimonianza del Vangelo espressa come sacerdote e della sua fedeltà alla Costituzione Italiana espressa come cittadino. Ma don Ciotti tira dritto e cita un confratello di fede e di testimonianza evangelica, don Tonino Bello, vescovo, direttore di Pax Christi, che fu attento alle povertà e al disagio sociale: “Non fidatevi dei cristiani che non si sporcano le mani”. Un messaggio che laicamente tradotto per tutti i cittadini significa scegliere la responsabilità.

Nelle foto di Luciano Saia: Il discorso di don Luigi Ciotti  il 28 maggio in Piazza Loggia per il 40° anniversario della strage.

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID45015 - 30/05/2014 18:22:57 (sonia.c) verità è chiamare con il loro nome gli atti di violenza..
quali che siano le forme che assumono. bisogna chiamare l'omicidio con il suo nome;l'omicidio è un omicidio, e le motivazioni politiche o ideologiche,lungi dal cambiarne la natura,vi perdono,piuttosto,esse stesse la loro dignità..Giovanni Paolo ||



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
09/04/2014 08:59:00
Piazza della Loggia quarant'anni dopo Debutta questa sera a Villanuova il nuovo spettacolo del Teatro Gavardo dedicato al 40° anniversario della strage di piazza della Loggia

07/11/2018 10:24:00
«Un lampo di verità» su piazza Loggia Verrà presentato questo venerdì sera – 9 novembre – il volume dedicato alla sentenza sulla strage di piazza della Loggia, emessa più di quarant’anni dopo la tragedia 

26/05/2010 09:00:00
Ricordando Piazza Loggia Nel 36° anniversari della strage di Piazza della Loggia a Brescia, la biblioteca e l’assessorato alla Cultura di Vallio Terme propongono una serata per ricordare con le parole le vittime della bomba.

22/04/2014 12:11:00
Le cartoline della memoria Anche presso la biblioteca comunale di Vallio Terme è possibile aderire all’iniziativa del Percorso della memoria, che intende ricordare tutte le vittime del terrorismo in Italia


21/06/2010 08:49:00
Quella bomba, il 21 giugno Trentasei anno dopo la strage di Piazza Loggia manca ancora la verità. In riva al Benaco si ricorda la vittima salodiana Vittorio Zambarda.



Altre da Cronache
23/02/2019

Sigilli al campeggio

Abusi edilizi, mancanza di permessi e manchevolezza nella tutela del paesaggio. In azione a San Felice i carabinieri forestali di Salò


23/02/2019

Ribaltato nel parco

Ha perso aderenza sul ghiaccio ed è finito di sotto, con l’autista che all’ultimo momento è riuscito a scendere al volo e non si è fatto nulla. Complesse le operazioni di recupero (2)

23/02/2019

Senza patente

Due adulti, stranieri, sono stati sorpresi nel giro di pochi giorni dagli agenti della Locale a guidare senza patente sulle strade della Valle Sabbia (3)

23/02/2019

Bione: chiusa la Provinciale 31

La frazione della Pieve è raggiungibile salendo da San Faustino. Ancora non si sa quanto tempo ci vorrà per il ripristino

22/02/2019

Scivolamento a valle

Sta provocando apprensione la frana che nelle ultime due settimane interessa la Provinciale numero 31 fra Agnosine e Bione

21/02/2019

Bocciata più nel metodo che nel merito

L’assemblea che ha avuto luogo ieri nel Teatro Oratorio di Serle ha confermato posizioni molto distanti in merito all’opportunità di “tabellare” la rete ciclopedonale a Cariadeghe (24)

20/02/2019

Malore in montagna

Una passeggiata con le ciaspole è risultata fatale ad un uomo di 59 anni residente a Collio Valtrompia, morto d’infarto sul Dasdana, nel comprensorio sciistico del Maniva

20/02/2019

In cielo c'è un angelo in più

Il dramma ha abitato a Barghe nella notte fra lunedì e martedì scorsi, dove un bimbo di un anno e mezzo è morto fra le braccia dei genitori e dei soccorritori giunti sul posto anche con l'elicottero
(1)

19/02/2019

Camion si ribalta alla «Busela»

Un “bilico” carico di pietre si è sdraiato sul fianco mentre scendeva da Soprazocco in direzione di Gavardo lungo la “strada dei cavatori” (6)

19/02/2019

Sara Scalvini «Ambasciatrice della cucina Lombarda»

Un premio da Regione Lombardia per la giovane chef di Bagolino che ha vinto la trasmissione Tv “Cuochi d’Italia”

Eventi

<<Febbraio 2019>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia