Skin ADV
Giovedì 13 Dicembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    










11.12.2018 Agnosine Sabbio Chiese Valsabbia

12.12.2018 Prevalle

11.12.2018 Gavardo

12.12.2018 Provaglio VS

11.12.2018 Bagolino

12.12.2018 Agnosine

12.12.2018 Idro

11.12.2018 Vobarno Gavardo

11.12.2018 Val del Chiese Storo

12.12.2018 Gavardo






08 Gennaio 2011, 12.00
Bagolino Anfo

Il colera a Bagolino e Ponte Caffaro

di Giancarlo Marchesi
Fra il 1836 e il 1837 il colera causò numerosissime vittime. In un libro di Alberto Vaglia le vicissitudini, tenute finora in ombra, di quel che accadde a Bagolino

 
Il colera, una delle più tenute malattie pandemiche, in questi ultimi mesi sta piegando Haiti e continua a essere un morbo largamente diffuso in molti altri Paesi in via di sviluppo.
Se ai nostri giorni il colera sparge lutti e desolazione nelle realtà dove la scarsa disponibilità d’acqua pulita rappresenta una questione con la quale misurarsi quotidianamente, nel primo Ottocento il terribile morbo imperversava in Italia.
 
Fra il 1836 e il 1837 mise radici in tutti gli stati regionali dell’epoca: una grande paura si diffuse lungo la penisola, dal Piemonte al Lombardo-Veneto, dal Granducato di Toscana allo Stato Pontificio al Regno delle Due Sicilie.
Nel 1836 l’intero Bresciano fu colpito dal colera: il contagio cominciò a diffondersi nel mese di aprile e infierì per sette lunghi mesi, fino all’autunno.
 
La malattia provocò un elevato numero di vittime: stando a dati raccolti da Willelmo Menis, medico provinciale dell’epoca, furono colpiti dal morbo oltre 20mila individui, mentre i decessi sfiorarono le 10mila unità. Se, come evidenziano queste statistiche, il territorio provinciale pagò un ingente tributo, Brescia venne totalmente sconvolta dal colera, tanto da risultare una delle città del Lombardo-Veneto maggiormente falcidiata dall’epidemia, con oltre 1.600 morti.
 
Non vi è dubbio che, in periodi diversi, molto è stato scritto intorno all’epidemia di colera che nel 1836 investì la città di Brescia, tuttavia, occorre osservare che la storiografia locale ha lasciato più in ombra le vicende che interessarono il vasto e articolato territorio provinciale.
Ora Alberto Vaglia, medico specializzato in malattie infettive, figlio del compianto storico e letterato Ugo, colma questa lacuna con una monografia dal titolo: «L’epidemia di colera del 1836 a Bagolino e Ponte Caffaro» (Edizioni del Comune di Bagolino, collana «Zangladello»), soffermandosi sui fatti che videro protagoniste queste realtà della montagna valsabbina.
 
Avvalendosi della preziosa documentazione conservata nel ricco archivio storico della comunità bagolinese, Vaglia focalizza la sua attenzione su questi due borghi valsabbini delineando, oltre allo svolgimento del morbo, l’efficienza della rete di assistenza predisposta dalla municipale bagolinese, pronta ad adottare scrupolose precauzioni allo scopo di arginare il contagio, limitando così il numero delle vittime.
 
Ma non solo: l’autore mette efficacemente in luce edificanti episodi caratterizzati dalla profonda umanità dei protagonisti, come quelli che, ad esempio, videro in prima linea Nicola Buccio, giovane curato della Chiesa di S. Giacomo posta in località Pian d’Oneda.
Il religioso - evidenzia l’autore - si prodigò con grande dedizione e coraggio ad assistere spiritualmente i contagiati.
 
Di più.
Consapevole dell’ estrema povertà dei suoi parrocchiani, don Buccio non esitò ad attingere ai risparmi personali per garantire loro tutto il necessario nel momento dell’emergenza, arrivando persino a sostenere le spese delle esequie dei colerosi.
Inoltre  il giovane religioso si adoperò per convincere le autorità comunali ad avviare la costruzione di un cimitero anche a Ponte Caffaro, per evitare che le vittime del colera fossero trasportate a quello di Bagolino percorrendo, con grave pericolo, la via detta della «Bagozzina».
 
Il volume di Vaglia è completato da un’interessante postfazione di Francesco Castelli, ordinario di Malattie infettive all’Università di Brescia, dedicata al colera oggi, e da una ricca appendice documentaria che propone la trascrizione di oltre cento tra missive e tavole sinottiche dell’Archivio storico del Comune di Bagolino.
 
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
17/12/2010 07:00:00
Il colera a Bagolino e Ponte Caffaro Sarà presentato a Bagolino il volume «L'epidemia di colera del 1836 a Bagolino e Ponte Caffaro», scritto da Alberto Vaglia.

13/06/2018 08:00:00
Il colera a Brescia nel 1836 Sarà presentato questo giovedì sera nella biblioteca civica di Vestone il libro di Alessandro Bertoli e Alberto Vaglia con un carteggio sull'epidemia di colera che nell'Ottocento sconvolse l'intera Europa e anche Brescia


29/10/2015 11:26:00
«Il morbo blu», epidemie di colera sul Garda Nell’ambito degli Itinerari storici gardesani promossi dall’Asar, questo venerdì pomeriggio Giovanni Pelizzari parlerà dell’epidemia di colera che nel 1836 investì il Bresciano

26/10/2018 08:00:00
«L'ombra della meridiana» Il secondo libro di Luigi Benini sarà presentato questo sabato a Ponte Caffaro nell’ambito della rassegna “Gente di Vallesabbia”

11/07/2014 07:13:00
Il vaiolo bagosso, pomeriggio a Vobarno Dedicato a tutti, fuorchè agli ipocondriaci, il pomeriggio di sabato nella sala delle conferenze della biblioteca civica di Vobarno. Per l'occasione, alle 14 e 30, verrà presentato il libro "L'epidemia di vaiolo del 1832 a Bagolino", di Alberto Vaglia




Altre da Anfo
12/12/2018

Avviso pubblico dal Comune di Anfo

Pubblichiamo a norma di legge un avviso pubblico del Comune di Anfo relativo al deposito degli atti relativi ad un'integrazione del Piano di Governo del Territorio

09/12/2018

«Lake Idro», non solo Valsabbia

La sinergia fra Valsabbia e Valle del Chiese sul fronte del turismo sta già dando i suoi frutti con numerose iniziative e aumento delle presenze (5)

06/12/2018

Le magie dell'Immacolata

Il borgo di Anfo sabato pomeriggio si veste a festa per regalare un’immersione nell’atmosfera natalizia con mercatini di Natale e molto altro


18/11/2018

Oasi di Baremone, patrimonio naturale

Serata molto partecipata quella organizzata venerdì sera dal circolo Ekoclub di Valle Sabbia ad Anfo per ammirare foto e filmati della flora e della fauna della montagna di casa

16/11/2018

Record di presenze in Rocca d'Anfo

Primi dati: sempre più "internazionale" la Valle Sabbia: con la Rocca d'Anfo a fare da traino, in aumento e diversificata la presenza di turisti sia stranieri sia italiani
(1)

16/11/2018

Sulle tracce della Brigata Giustizia e Libertà

Questa domenica,18 novembre, l’Associazione Culturale D.O.C. organizza un’escursione lungo i sentieri partigiani della Val Caffaro nel ricordo di uomini e donne della Resistenza 

15/11/2018

L'oasi naturale di Baremone a 360°

Una serata dedicata alla natura e alla sua conservazione quella in programma venerdì sera ad Anfo organizzata dalla sezione valsabbina di Ekoclub International, in collaborazione con comune e biblioteca

14/11/2018

Sui sentieri partigiani

Fra l’Ossario Monte Suello e la Croce delle Pozze, la camminata organizzata per domenica prossima dall’associazione Doc sulle tracce dei partigiani di Giustizia e Libertà

07/11/2018

Un calcio al razzismo

È l'idea di un gruppo di giovani che, dalle Pertiche alla val del Chiese, hanno deciso di trovarsi il secondo e quinto sabato pomeriggio di ogni mese al campetto da calcio di Anfo per una partita di calcio con i ragazzi ospiti della comunità Tre Casali. (4)

02/11/2018

Ancora disagi in Valle Sabbia

In attesa di ripristinare la linea dell'alta tensione a Bagolino, ma non dappertutto, sono in funzione 22 gruppi elettrogeni. E le piante abbattute a migliaia non hanno nessun valore, perchè la luna per il taglio, lunedì scorso, era "cattiva"
(3)



Eventi

<<Dicembre 2018>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia