Skin ADV
Giovedì 21 Marzo 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    








20.03.2019 Villanuova s/C

20.03.2019 Sabbio Chiese

19.03.2019 Vobarno

19.03.2019 Vobarno

19.03.2019 Vestone

21.03.2019 Gavardo

20.03.2019 Storo

19.03.2019 Gavardo

19.03.2019 Preseglie

19.03.2019 Pertica Bassa Casto Pertica Alta






08 Gennaio 2011, 12.00
Bagolino Anfo

Il colera a Bagolino e Ponte Caffaro

di Giancarlo Marchesi
Fra il 1836 e il 1837 il colera causò numerosissime vittime. In un libro di Alberto Vaglia le vicissitudini, tenute finora in ombra, di quel che accadde a Bagolino

 
Il colera, una delle pi√Ļ tenute malattie pandemiche, in questi ultimi mesi sta piegando Haiti e continua a essere un morbo largamente diffuso in molti altri Paesi in via di sviluppo.
Se ai nostri giorni il colera sparge lutti e desolazione nelle realt√† dove la scarsa disponibilit√† d’acqua pulita rappresenta una questione con la quale misurarsi quotidianamente, nel primo Ottocento il terribile morbo imperversava in Italia.
 
Fra il 1836 e il 1837 mise radici in tutti gli stati regionali dell’epoca: una grande paura si diffuse lungo la penisola, dal Piemonte al Lombardo-Veneto, dal Granducato di Toscana allo Stato Pontificio al Regno delle Due Sicilie.
Nel 1836 l’intero Bresciano fu colpito dal colera: il contagio cominci√≤ a diffondersi nel mese di aprile e infier√¨ per sette lunghi mesi, fino all’autunno.
 
La malattia provoc√≤ un elevato numero di vittime: stando a dati raccolti da Willelmo Menis, medico provinciale dell’epoca, furono colpiti dal morbo oltre 20mila individui, mentre i decessi sfiorarono le 10mila unit√†. Se, come evidenziano queste statistiche, il territorio provinciale pag√≤ un ingente tributo, Brescia venne totalmente sconvolta dal colera, tanto da risultare una delle citt√† del Lombardo-Veneto maggiormente falcidiata dall’epidemia, con oltre 1.600 morti.
 
Non vi √® dubbio che, in periodi diversi, molto √® stato scritto intorno all’epidemia di colera che nel 1836 invest√¨ la citt√† di Brescia, tuttavia, occorre osservare che la storiografia locale ha lasciato pi√Ļ in ombra le vicende che interessarono il vasto e articolato territorio provinciale.
Ora Alberto Vaglia, medico specializzato in malattie infettive, figlio del compianto storico e letterato Ugo, colma questa lacuna con una monografia dal titolo: ¬ęL’epidemia di colera del 1836 a Bagolino e Ponte Caffaro¬Ľ (Edizioni del Comune di Bagolino, collana ¬ęZangladello¬Ľ), soffermandosi sui fatti che videro protagoniste queste realt√† della montagna valsabbina.
 
Avvalendosi della preziosa documentazione conservata nel ricco archivio storico della comunit√† bagolinese, Vaglia focalizza la sua attenzione su questi due borghi valsabbini delineando, oltre allo svolgimento del morbo, l’efficienza della rete di assistenza predisposta dalla municipale bagolinese, pronta ad adottare scrupolose precauzioni allo scopo di arginare il contagio, limitando cos√¨ il numero delle vittime.
 
Ma non solo: l’autore mette efficacemente in luce edificanti episodi caratterizzati dalla profonda umanit√† dei protagonisti, come quelli che, ad esempio, videro in prima linea Nicola Buccio, giovane curato della Chiesa di S. Giacomo posta in localit√† Pian d’Oneda.
Il religioso - evidenzia l’autore - si prodig√≤ con grande dedizione e coraggio ad assistere spiritualmente i contagiati.
 
Di pi√Ļ.
Consapevole dell’ estrema povert√† dei suoi parrocchiani, don Buccio non esit√≤ ad attingere ai risparmi personali per garantire loro tutto il necessario nel momento dell’emergenza, arrivando persino a sostenere le spese delle esequie dei colerosi.
Inoltre¬† il giovane religioso si adoper√≤ per convincere le autorit√† comunali ad avviare la costruzione di un cimitero anche a Ponte Caffaro, per evitare che le vittime del colera fossero trasportate a quello di Bagolino percorrendo, con grave pericolo, la via detta della ¬ęBagozzina¬Ľ.
 
Il volume di Vaglia √® completato da un’interessante postfazione di Francesco Castelli, ordinario di Malattie infettive all’Universit√† di Brescia, dedicata al colera oggi, e da una ricca appendice documentaria che propone la trascrizione di oltre cento tra missive e tavole sinottiche dell’Archivio storico del Comune di Bagolino.
 
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
17/12/2010 07:00:00
Il colera a Bagolino e Ponte Caffaro Sar√† presentato a Bagolino il volume ¬ęL'epidemia di colera del 1836 a Bagolino e Ponte Caffaro¬Ľ, scritto da Alberto Vaglia.

13/06/2018 08:00:00
Il colera a Brescia nel 1836 Sarà presentato questo giovedì sera nella biblioteca civica di Vestone il libro di Alessandro Bertoli e Alberto Vaglia con un carteggio sull'epidemia di colera che nell'Ottocento sconvolse l'intera Europa e anche Brescia


29/10/2015 11:26:00
¬ęIl morbo blu¬Ľ, epidemie di colera sul Garda Nell’ambito degli Itinerari storici gardesani promossi dall’Asar, questo venerd√¨ pomeriggio Giovanni Pelizzari parler√† dell’epidemia di colera che nel 1836 invest√¨ il Bresciano

10/01/2019 09:47:00
¬ęStorie da suonatori¬Ľ √ą stato presentato a Bagolino il libro a cura di Daniele Richiedei, che racconta la tradizione musicale del carnevale di Bagolino e Ponte Caffaro¬†

26/10/2018 08:00:00
¬ęL'ombra della meridiana¬Ľ Il secondo libro di Luigi Benini sar√† presentato questo sabato a Ponte Caffaro nell’ambito della rassegna “Gente di Vallesabbia”



Altre da Bagolino
13/03/2019

La CiaspoGaver chiude la stagione invernale

C’√® ancora tempo per iscriversi alla tradizionale ciaspolata notturna in Gaver in programma per questo sabato, 16 marzo. Ritrovo alle ore 15 al Blumon Break, con partenza nel tardo pomeriggio¬†

13/03/2019

Il modello GentleCare per i malati di Alzheimer

Una nuova modalità terapeutica è stata adottata per il nucleo Alzheimer della Fondazione Beata Lucia Versa Dalumi Onlus di Bagolino

08/03/2019

Prove di Carnevale

Sono immagini cariche di poesia quelle scattate da Antenore Taraborelli, gavardese con Bagolino nel cuore, in occasione degli eventi carnevaleschi

08/03/2019

Controlli al carnevale

Nei giorni dei festeggiamenti del Carnevale bagosso e caffarese le forze dell’ordine hanno compiuto dei controlli in particolare per contenere l’esuberanza alcolica

07/03/2019

Uno sguardo al Carnevale di Bagolino

Anche quest’anno √® giunto al termine lo storico carnevale bagosso, che con le sue tradizionali melodie ha raggiunto anche i paesi della Valle¬† (1)

05/03/2019

Giro di vite sullo spaccio

I carabinieri della Compagnia di Sal√≤ hanno intensificato l’azione di controllo sugli spacciatori. Operazioni a Odolo, Sabbio Chiese e Vobarno (15)


05/03/2019

La pioggia non ferma i balarì

Tutti presenti alla messa di primo mattino, i balarì di Bagolino e di Ponte Caffaro hanno danzato fino al pomeriggio e anche per l'esibizione finale con l'Ariosa


04/03/2019

Lo spirito del Carnevale

“Le sante feste di Pasqua e Natale e le Santissime di Carnevale”, recita un noto detto bagolinese. E il grande giorno, il pi√Ļ atteso dell’anno dai bagossi, √® finalmente arrivato

03/03/2019

Sale l'attesa del Carnevale

La tradizione pi√Ļ caratteristica del carnevale in Valle Sabbia √® sicuramente quella di Bagolino e Ponte Caffaro, dove negli ultimi due giorni del periodo carnevalesco entrano in scena i balar√¨

02/03/2019

Successo per gli antichi mestieri in piazza

La manifestazione legata al carnevale di Ponte Caffaro, ha visto giovedì protagonisti i bambini e i ragazzi delle scuole e il coinvolgimento della popolazione. Domenica si replica
• Galleria fotografica


Eventi

<<Marzo 2019>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Ro√® Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Sal√≤
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia