Skin ADV
Lunedì 20 Novembre 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    




18.11.2017 Gavardo

18.11.2017 Villanuova s/C

19.11.2017 Prevalle

19.11.2017 Villanuova s/C

19.11.2017

19.11.2017 Idro Garda

18.11.2017 Villanuova s/C Valsabbia

19.11.2017 Storo

18.11.2017 Giudicarie Storo

19.11.2017 Prevalle






23 Agosto 2017, 15.00
Bagolino
Trail autogestito

Emozioni sull'Alta Via del Caffaro

di Mario Vioni
Il racconto in prima persona di uno dei protagonisti del trail svoltosi lo scorso fine settimana sulle montagne di Bagolino

Un Trail autogestito è un semplice allenamento svolto da un gruppo di partecipanti che si gestiscono in autonomia, oppure talvolta può rappresentare qualcosa in più, un’occasione da cogliere… quella per incorniciare un bel momento “insieme” e vivere la montagna con un impegno di tutto rispetto, ma riempendo il nostro “zaino della memoria” con tanti panorami mozzafiato e momenti trascorsi in comune con “persone di qualità” degne della nostra stima, condividendo fatiche e piaceri, in un bel rituale d’altri tempi?
 
Inizia così, alle ore 8.20 di sabato mattina, con un “Buon Giro!” augurale, la partenza di un contenuto gruppo di appassionati dalla Piazza centrale di Bagolino, lungo il percorso dell’Alta Via del Caffaro, tracciato di circa 80 Km che dalla “capitale del Bagòss” porta sull’Alta Via n. 1 dell’Adamello, al Passo Blumone, a circa 2.630 m, e  scendendo verso il lago della Vacca, ci riporta indietro toccando vari passi, tra cui Crocedomini e Maniva, sino ad arrivare nuovamente in paese a Bagolino, il giorno successivo a quello della partenza.  
 
Poco prima del via è stato rispettato anche l’obbligo di una foto collettiva, che vede noi del Bione Trailers Team (Antonio, Fabrizio, Flaviano, Simonetta, Carla) schierati insieme con alcuni appassionati locali del gruppo podistico della Società Sportiva Bagolino, tra cui Veronica Melzani e i suoi colleghi, desiderosi di contribuire alla miglior riuscita di questo T.A.
 
L’avvio è di quelli giusti, anche se preso “in tranquillità”, e ci porta dai circa 780 m iniziali – in paese - ai 2.150m del Monte Telegrafo.
Nel frattempo si sono formati circa 3 gruppetti che procederanno verso Passo Bruffione e quindi alla Malga omonima, prima di affrontare uno dei punti più impegnativi del percorso, la salita al Monte Boia, che presenta una ascesa ininterrotta tra la roccia, intervallata da passaggi esposti attrezzati col cavo d’acciaio.

Da qui il sentiero prosegue in cresta, scendendo brevemente con molta attenzione sino al Passo Boia, e poi si riprende un passaggio più agevole per giungere al Passo Diciotto (2.567), e intraprendere quindi una discesa  tecnica e impegnativa tra i massi che circoscrivono la valle del Lago Nero (spettacolare panorama!), sino a portarci verso le rovine delle fortificazioni di Passo Serosine.
 
Intravedo Flaviano davanti a me in distanza, che ha affrontato questi passaggi tecnici con un piglio più deciso del mio, e mi ha distanziato velocemente; degli altri sappiamo che il gruppo di testa, con Fabrizio e Piero Bettoni, sono sicuramente molto più avanti di noi, mentre Antonio e il suo gruppetto alle nostre spalle procedono probabilmente con passo più lento, ma costante.
 
Dopo una breve sosta per rifocillarmi e scattare qualche foto, riprendo la discesa tra la nebbia che oramai ci circonda in quota, su un sentiero dapprima ripido e che poi digrada con fare meno impegnativo verso la Piana del Casinello di Blumone.
Il cielo intanto è ormai cupo e inizia a minacciare pioggia; mi volto a guardare se qualcuno scende in lontananza dal Passo, ma non avendo riscontri sicuri proseguo, cercando di mantenere un ritmo accettabile verso il Passo di Blumone (a 2.630 m), sul punto più alto del nostro tracciato.
 
Siamo ormai sull’Alta Via n. 1 dell’Adamello, su un percorso che attraversa una lunga pietraia in quota, con tracciato irregolare, quando il tempo per un rovescio è ormai scaduto, e sono costretto a fermarmi sotto il piccolo riparo di un lastrone che mi offre protezione contro la grandine, che è iniziata incessante dopo pochi preavvisi …
 
Giusto il tempo per sfilarmi lo zaino e indossare una giacca impermeabile che mi ripara dalla forza della tempesta, che “punge”dolorosamente le mani scoperte, e rende estremamente più attento il mio passaggio tra i lastroni…
 
Intanto il cielo si è fatto molto scuro e realizzo velocemente che la durata di questo temporale potrebbero rendermi le cose molto difficili qui in quota, prima di arrivare in sicurezza al Rifugio Tita Secchi, che devo assolutamente raggiungere prima che faccia buio, per evitare maggiori difficoltà, visto che queste condizioni sono ormai fradicio, ed inizio a tremare dal freddo…
 
Ma l’ansia di trovare un riferimento viene per fortuna premiata, e raggiungo una segnaletica che mi dà la distanza dal rifugio, giù al lago della Vacca, e intraprendo così più spedito la discesa tra i massi, con la speranza di finire prima possibile questo tratto che mi sta mettendo un po’ “alla frusta”…
Giungo così finalmente al Tita Secchi, dove trovo Flaviano ad aspettarmi, probabilmente un po’ in pensiero, sapendomi sulla strada per il rifugio in condizioni non ottimali.
 
E così questo provvidenziale “Paradiso”, insieme con la compagnia di Flaviano mi offre l’opportunità di riprendere fiato, asciugare gli indumenti al fuoco di una stufa, mangiare un piatto caldo, e riposare in attesa di vedere se “qualcun altro di noi arriva ancora al Rifugio”, e intanto programmare per il nostro proseguimento.
 
Passa però qualche ora, e realizzato ormai di essere gli ultimi a proseguire, prepariamo lo zaino decidendo con Flaviano (che conosce bene le zone) di evitare alcuni passaggi ancora “a rischio” con questo maltempo, specie di notte, per allungare probabilmente il tracciato verso il Rifugio Bazena, e poi al Crocedomini e quindi al Maniva, ma più sicuri sul nostro proseguimento in direzione di Bagolino, dopo gli eventi appena trascorsi…
 
La notte è decisamente fredda, con un vento incessante che ci impedisce pure un piccolo “pisolino” all’addiaccio, sotto le tettoie dei Rifugi Crocedomini e Maniva.
 
Ma con Bersini ci supportiamo a vicenda e finalmente, al far del mattino, dopo aver tentato per l’ennesima volta di sonnecchiare davanti al Bar del PassoManiva(almeno per un’oretta abbondante prima della ripartenza), si decide che è meglio tornare sul percorso, in attesa del giorno che nasce, esicuramente ci riscalderà dal freddoche è stato nostro compagno tutta la notte.
 
L’ultima parte del nostro T.A disegna un nuovo scenario, fatto di sentieri ombreggiati tra il verde delle Prealpi bresciane, che oramai viviamo come la degna conclusione di un viaggio che ha lasciato qualche segno, non solo trattando di piccoli acciacchi, ma anche di belle emozioni e condivisione … 
 
In queste condizioni ci permettiamo di “interpretare” il percorso, forse non sempre per la via programmata e più breve, passando comunque per il Rifugio Baremone, il ponte di Romanterra e quindi a Bagolino in zona Pineta, accolti dalle incitazioni di Antonio e Carla, con cui più tardi, insieme ad un Piero Bettoni che a 69 anni ha concluso il percorso in sole 16 ore, daremo la giusta conclusione a questa bel weekend, davanti ad un piatto di “pennette al Bagòss” e ad un buon bicchier di vino!
 
Alla vostra salute!
 
Brindiamo alla meravigliosa opportunità di “vivere” emozioni e assaporare il piacere di stare insieme!
 
Un abbraccio.
 
Mario Vioni
 
Bione Trailers Team

In foto i partecipanti al trail e alcuni passaggi del percorso
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID73385 - 24/08/2017 12:24:28 (Bagosso)
Passaparola! Il percorso e' veramente entusiasmante!



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
18/08/2017 20:22:00
Alta Via del Caffaro Trail Prenderà il via questo sabato mattina da Bagolino la manifestazione sportiva che si svilupperà lungo gli 80 km dell’Alta Via del Caffaro

07/09/2016 09:12:00
Alta Via del Caffaro, test di prova È stato un banco di prova sia per i partecipanti sia per gli organizzatori l’edizione zero dell’Alta Via del Caffaro, organizzata dal Gruppo Podistico della Società Sportiva di Bagolino, con una performance eccezionale dello sky-runner bagosso Dino Melzani

04/11/2017 08:00:00
Domenica il Dosso di Cé Trail Con la gara organizzata a Bione dal Bione Trailers Team prende il via la nuova edizione della Winter Trail Uisp Cup

19/05/2017 09:40:00
Bione a tutto trail Un fine settimana dedicato alla corsa in montagna quello organizzato da Bione Trailers Team fra filmati e prove sul campo

23/02/2017 13:55:00
Terza edizione per la Monte Prealba 24h Up&Down La manifestazione sportiva organizzata dal Bione Trailer Team si sviluppa nelle formule 6-12-24 ore, con la novità del 2017 di una non competitiva legata a un evento enogastronomico



Altre da Bagolino
16/11/2017

Nel lunario 2018 le leggende dell'Alta Valle Sabbia

Un anno nuovo "leggendario" all'insegna della tradizione valsabbina nel calendario curato dall’associazione culturale Eridio e Riflessi di Luce. Sabato a Vestone la presentazione

13/11/2017

Appena nati e già sull'onda

Ha debuttato in occasione della Rassegna dei Canti di Osteria di Bagolino il Coro Due Valli, che pesca i suoi componenti fra la Valle Sabbia e la Val Trompia

12/11/2017

I saltablocco

Succede quasi ogni anno, da una parte o dall’altra, prima che arrivi la neve: ignoti dotati di ruspa spostano i new-jersey in cemento che nel periodo invernale chiudono il tratto di provinciale che unisce il Gaver a Crocedomini (4)

10/11/2017

La scommessa

L'idea, ora che è stata finanziata la realizzazione del collettore fra Anfo e Ponte Caffaro, è di farci passare sopra anche la ciclabile. In 15 anni è stata "collettata" tutta la Valle
(4)

09/11/2017

Nuovi fondi per la Protezione civile

I progetti di quattro gruppi di Protezione civile valsabbini hanno ottenuto, attraverso l’apposito bando, dei finanziamenti regionali per l’acquisto di nuovi strumenti di lavoro e per il miglioramento degli interventi

08/11/2017

Un altro tubo per la salute del lago

E' stata finanziata la realizzazione del collettore fra Anfo e Ponte Caffaro. Con quest'ultima tratta, si completa il collettamento dei reflui per il fondovalle e le diramazioni principali, fino a Sabbio Chiese
(2)

08/11/2017

Biotestamento, apertura all'eutanasia?

Si è tenuto lo scorso giovedì presso il teatro dell'oratorio di Bagolino l'incontro, organizzato dalla Fondazione Beata Lucia Versa Dalumi onlus e dalla parrocchia, dedicato al tema: "Fine vita: i dilemmi della bioetica. Dall'accanimento terapeutico all'eutanasia" (1)

07/11/2017

Il IV Novembre, una giornata che cambia identità

Si è tenuta anche quest'anno a Bagolino la "Giornata dell'Unità Nazionale e delle Forze Armate" che si celebra il 4 novembre, organizzata dagli Alpini e dai Fanti dei rispettivi gruppi locali

30/10/2017

Il ricordo del grande incendio

Ottemperando a un voto espresso dalla comunità bagossa dopo il grande incendio del 1779, questa sera si terrà una messa e una commemorazione delle vittime della tragedia che segnò la storia di Bagolino

29/10/2017

Il paesaggio come teatro: è di scena Bagolino

Dalla ricerca condotta da alcuni studenti universitari una nuova luce sotto la quale osservare la città di Bagolino e l'ambiente in cui è inserita




Eventi

<<Novembre 2017>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia