Skin ADV
Lunedì 20 Agosto 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    




19.08.2018

19.08.2018 Prevalle

19.08.2018 Valtenesi

18.08.2018 Val del Chiese

18.08.2018 Villanuova s/C

19.08.2018 Garda

19.08.2018 Anfo

18.08.2018 Mura Valsabbia

20.08.2018 Valtenesi

20.08.2018 Bione



20 Gennaio 2016, 11.04
Bagolino
A Bagolino

Carnevale, tradizione da tramandare

di Cesare Fumana
Per ridare nuovo slancio alla tradizione dei “Mascär”, a Bagolino scendono in campo l’oratorio, la Pro loco e il comitato Voci del Carnevale con un corso di dialetto bagosso per incentivare soprattutto i più giovani a riscoprire il loro Carnevale, già entrato nel vivo nei giorni di lunedì e giovedì con le esibizioni dei Sonadùr nei locali del paese

A Bagolino il Carnevale è una cosa seria! Non si tratta di una semplice festa in maschera, ma di una così ricca tradizione che è un importante patrimonio culturale dell’intera comunità. Basta sentire un bagosso raccontare del proprio Carnevale per capire quanto amore, quanta passione, quanto orgoglio si prova per questa manifestazione che nel borgo montano valsabbino ha mantenuto quasi intatto una tradizione che affonda le radice nei secoli passati. Non a caso, c’è un detto bagosso che recita: “Le sante feste di Pasqua e Natale, e le santissime di Carnevale”, per dire dell’importanza dell’evento.

Le polemiche seguite ai fatti dello scorso anno, a partire soprattutto dai problemi legati all’abuso di alcool da parte dei tanti giovani e giovanissimi venuti da fuori paese che in quei giorni si trovavano a Bagolino, ha dato vita a alcune iniziative per riscoprire la vera natura del Carnevale secondo la tradizione locale.

Fra queste ce n’è una curiosa che vede uniti l’oratorio, la Pro loco e il comitato Voci del Carnevale per ridare nuovo slancio alla parte più “popolare” del Carnevale di Bagolino: i “Mascär”.

Quando si parla del Carnevale di Bagolino, si pensa subito ai Balarì. Ma questi entrano in scena solo negli ultimi due giorni della festa, il lunedì e il martedì di Carnevale.
Ma il Carnevale di Bagolino comincia subito dopo l’Epifania, con i “Mascär” che entrano in scena nei giorni di lunedì e giovedì. Già adesso, in questi giorni, soprattutto i bambini e i ragazzi, girano per il paese mascherati.

Sempre in questi due giorni della settimana anche il gruppo dei Sonadùr, i suonatori, si ritrovano nei locali del paese per eseguire le musiche del Carnevale. Quest’anno, visto che il Carnevale arriva molto presto, il gruppo si è diviso in due per riuscire ad esibirsi in tutte le osterie del paese, ognuno facendo tappa in due locali per sera.

Come dicevamo, per ridare nuovo slancio alla tradizione dei “Mascär”, l’oratorio, la Pro loco e Voci del Carnevale hanno dato vita a un corso di dialetto bagosso per aspiranti “Mascär”.
Due gli incontri in programma presso l’oratorio: questo giovedì 21 gennaio, alle 16, per i bambini, e martedì 26 alle 20.30 per gli adulti.
Sarà l’occasione per spiegare le battute e gli scherzi di carnevale, per invogliare soprattutto i ragazzi a partecipare alla festa.
Il 4 febbraio, poi, ci sarà una festa di Carnevale in oratorio: “I Mascär de ’nä òltä”, alla riscoperta dei mestieri dei nostri nonni. Verranno premiati i gruppi più caratteristici per originalità, dialettica, irriconoscibilità. Inoltre ogni gruppo dovrà avere un nome tipico, ovviamente tutto in bagosso.

Poi lunedì 8 e martedì 9 febbraio
entreranno in scena anche i Balarì e i Sonadur per la parte più coreografica del Carnevale.

Ma chi sono i  Mascär? Sono la “Veciä” e il “Ceviöl”, la vecchia e il vecchio, che con costumi semplici e maschere grottesche e paurose, parlano in falsetto per non farsi conoscere, procedono con passi strascicati con i loro “sgàlbär” ai piedi, portando attrezzi una volta in uso nella vita quotidiana e nel lavoro; sono uomini e donne che di solito si muovono canzonando le persone che prendono di mira con scherzi e battute. Una figura dispettosa che cerca di farsi accettare bonariamente o di far arrabbiare ma soprattutto cerca il dialogo, stimolando con allusione, riferimento e illazione.

Alle volte può capitare di subire la “palpata”, di cui spesso si parla, che è augurio di fertilità come avveniva tra i commilitoni dell’esercito romano e ci porta quindi all’origine dei Màscär che è legata ai Saturanali, un’antica festa pagana nella quale i Romani rendevano onore a Saturno per favorire i raccolti della stagione estiva in arrivo.

Si possono vedere tutti i lunedì e giovedì dopo l’Epifania, nel ricordo dell’“andare a seste”, dove lo scopo esplicito era il corteggiamento.
Cinquant’anni fa era d’uso che la concimazione dei prati (ottobre-novembre), eseguita interamente a mano, fosse lavoro esclusivamente riservato alle ragazze che, a giornata, prestavano la loro opera portando le ceste con il letame sulla testa, appoggiate sul “Bastarel”. Il lavoro non durava generalmente più di due giorni e la sera del primo giorno, quando le “Laorete” si fermavano a dormire presso i datori di lavoro, i mascher andavano a trovarle.

Le ragazze stesse con canti a rima durante il lavoro richiamavano i corteggiatori, indicando loro dove stavano lavorando: sarebbe stato un affronto se nessuno si presentasse a corteggiarle. Naturalmente in questo clima avevano enorme importanza gli scherzi che a volte si dimostravano pesanti, specialmente se i padroni non accettavano volentieri la visita.
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID63816 - 20/01/2016 22:14:46 (Giacomino) Bravo Cesare
hai descritto bene la storia del carnevale di Bagolino. Ora non resta che viverlo.


ID63861 - 24/01/2016 10:39:52 (ric)
bell articolo.complimenti



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
22/02/2017 09:30:00
Maschèr, balarì e sonadùr Tutto è pronto da tempo per il Carnevale di Bagolino, nel capoluogo e nella frazione di Ponte Caffaro. Una tradizione che affonda le radici.., nel dna dei bagossi

13/02/2018 10:00:00
Il fascino della ritualità Due comunità in festa per il carnevale in questi due giorni a Bagolino e Ponte Caffaro con l’arrivo sulla scena delle eleganti maschere dei Balarì

05/02/2015 08:00:00
Le musiche del rito carnevalesco Sarà presentato questo sabato, 7 febbraio, al borgo di San Giacomo a Ponte Caffaro, un cd documento dedicato ai due suonatori più anziani del Carnevale di Bagolino, Andrea Bordiga e Pietro Fusi

06/02/2013 08:15:00
Mascher e Balarì Considerato manifestazione spontanea, il Carnevale di Bagolino osserva ritmi stabiliti nel corso dei secoli e non "digerisce" rigidi vincoli a programmi prestabiliti

22/01/2018 09:21:00
Dopo Nadal... A Bagolino già impazza il Carnevale, il lunedì e il giovedì, quando per le strade escono i "maschèr" e nelle osterie tornano a vibrare basso, violino e chitarra dei  "sonadur"




Altre da Bagolino
17/08/2018

Pesca grossa per Carlotta

Una trota da record quella pescata da una bimba di 4 anni nelle acque di un torrente in quel di Bagolino

17/08/2018

Eutrofizzazione e meromissi

«Che cosa sta succedendo al lago d’Idro?» il grido d’allarme arriva corredato di fotografie da un “residente estivo” dell’area dei Tre Capitelli, a Idro (3)

16/08/2018

Detenzione ai fini di spaccio

Nei guai un 19 enne di Bagolino, sorpreso a Storo dai carabinieri con l’hashish negli slip (2)

15/08/2018

C'è la fibra ottica, ma telefonare è sempre un problema

A quattro anni dalla posa della fibra ottica, la telefonia nell'alta Valle del Caffaro ancora ripercorre canoni tecnici obsoleti
(2)

15/08/2018

Proposte per tutti a Bagolino

Dai tradizionali mercatini alle escursioni, dalla musica agli intrattenimenti culturali nella ricca proposta per la settimana di Ferragosto nel borgo montana valsabbino

13/08/2018

Le cozze del lago d'Idro

Anche le acque dolci del lago sono un ambiente adatto per la crescita di particolari molluschi, come quello ritrovato sulle rive dell’Eridio a Ponte Caffaro. Lo sapevate? (4)


11/08/2018

Smarriti in Bruffione

Brutta avventura per due turisti stranieri che si erano persi in alta montagna, recuperati dal Soccorso alpino con l’ausilio dell’elicottero per i voli notturni


11/08/2018

La Grande Guerra è ancora tra noi

Nel centenario della fine del primo conflitto mondiale, l’associazione Habitar in sta terra di Bagolino dedica due mostre e una serie di iniziative per ricordare i tragici fatti della guerra

09/08/2018

A caccia di stelle cadenti

Si trasferirà quest’anno alla Piana del Gaver l’appuntamento per la notte di San Lorenzo del 10 agosto organizzato dalla Pro loco di Bagolino



07/08/2018

Morte e rinascita del cigno

È stata inaugurata sabato scorso, 4 agosto, a Bagolino, la Mostra "Morte del Cigno", che vede tre donne esporre le proprie opere
• Photogallery


Eventi

<<Agosto 2018>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia