Skin ADV
Lunedì 20 Novembre 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    




18.11.2017 Gavardo

18.11.2017 Villanuova s/C

19.11.2017 Prevalle

19.11.2017 Villanuova s/C

19.11.2017

20.11.2017 Gavardo

20.11.2017 Vallio Terme

19.11.2017 Idro Garda

20.11.2017 Villanuova s/C Provincia

20.11.2017






08 Novembre 2017, 08.00
Bagolino
Incontri

Biotestamento, apertura all'eutanasia?

di Elisabetta Pelizzari
Si è tenuto lo scorso giovedì presso il teatro dell'oratorio di Bagolino l'incontro, organizzato dalla Fondazione Beata Lucia Versa Dalumi onlus e dalla parrocchia, dedicato al tema: "Fine vita: i dilemmi della bioetica. Dall'accanimento terapeutico all'eutanasia"

Relatore e conduttore della conferenza il neurochirurgo e bioeticista Massimo Gandolfini, il quale ha esposto con discrezione uno scottante argomento d'attualità, quello del cosiddetto testamento biologico. Il testo di legge n. 2801/2017, "Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento", approvato alla Camera e in discussione ora al Senato, sta stimolando nel nostro Paese il dibattito sul fine vita e sta esasperando la separazione tra fronte laico e cattolico.

Lo scorso 7 marzo è, infatti, approdato a Montecitorio il disegno di legge sul testamento biologico, che prevede la possibilità di effettuare una dichiarazione anticipata di trattamento (Dat), documento con il quale una persona, dotata di piena capacità, esprime la sua volontà circa i trattamenti terapeutici ai quali desidererebbe essere sottoposta o meno, nel momento in cui, nel decorso di una malattia o a causa di traumi improvvisi, non fosse più in grado di esprimere il proprio consenso o il proprio dissenso.

Il Biotestamento vorrebbe, quindi, regolamentare e vincolare l'azione del medico nella fase finale della vita di un soggetto, quella di maggiore fragilità, quella che dovrebbe prevedere il massimo dell'attenzione e della cura e non certo l'abbandono terapeutico. Il professor Gandolfini ha affrontato con grande delicatezza le tematiche della "buona morte" e della sofferenza, così come il disegno di legge le propone, precisando che esso introduce, nel nostro ordinamento, il concetto di eutanasia.

Il diritto
ha sempre riconosciuto fino ad oggi l'indisponibilità del senso di vita, il quale non può essere validamente venduto, ceduto e alienato: ciò significa che il bene di vita è inviolabile da parte di terzi (il nostro diritto penale punisce severamente l'omicidio con una pena non inferiore ai 21 anni) e anche da colui che lo detiene (sono riconosciuti come reato anche l'omicidio del consenziente, l'istigazione al suicidio e il suicidio assistito).

Eppure il disegno di legge in esame al Parlamento, ad una lettura più approfondita, è assolutamente noncurante dell'indisponibilità del bene di vita, ma è orientato unicamente a favore della morte: per chiedere di essere curati, infatti, non c'è bisogno di un'esplicita disposizione anticipata.

Quindi, indipendentemente dalle volontà di chi le formula e anche a prescindere da successivi ed eventuali ritiri o modifiche, le Dat, orientate, a seconda dei casi, per il prosieguo delle cure o per la loro sospensione, nel momento stesso in cui vengono espresse esprimono un inquietante messaggio sociale: paura della sofferenza, resa alla malattia o all'età, scarsa fiducia nel prossimo e nella sua capacità di prendersi cura dell'altro, sconfitta.

La legge rompe la relazione medico-paziente e non aggiunge nulla alla legislazione vigente, che regolamenta la medicina palliativa e la terapia del dolore, il consenso informato, il rifiuto dell'accanimento terapeutico e la legittimità della rinuncia, da parte del paziente, ad un trattamento sproporzionato.

Ciò che si rischia di introdurre pesantemente è una forma di eutanasia da abbandono, attraverso la possibilità di sospendere l'alimentazione e l'idratazione, che sono da considerarsi normali mezzi di accudimento e non terapie mediche, solo per il fatto che per essere somministrate abbiano bisogno di una sonda inserita dal personale sanitario.

La proposta di legge in discussione al Senato apre scenari impensati, che Paesi come l'Olanda e il Belgio già rendono visibili. Secondo gli ultimi rapporti pubblicati dal governo olandese nel 2016 sono morte 6091 persone, il 10% in più rispetto al 2015 e negli ultimi 10 anni c'è stata una crescita complessiva di casi di eutanasia del 317%; la maggior parte delle persone ha scelto la "buon morte" a causa di tumori, problemi psichici, vedovanza, alcolismo e fallimenti, ma è impressionante il costante aumento di pazienti con diagnosi di demenza che vengono uccisi, spesso senza il proprio consenso.

Eclatante è stato il caso
in cui una donna, affetta da demenza, è stata drogata e poi uccisa nonostante non avesse chiesto l'iniezione letale. Secondo Alex Shadenberg, un attivista olandese che si batte contro l'estensione dell'eutanasia, si tratta di "un chiaro abuso della legge sul fine vita".

"L'eutanasia è un atto incivile per una società che vuole essere civile e democratica", afferma e conclude Gandolfini e "al medico è richiesto di mirare sempre al bene del paziente, perché ogni malato porta con sé il valore di una vita unica ed irripetibile e soffre una paura che condiziona ogni scelta".


Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID74036 - 09/11/2017 09:03:20 (Dioniso) Il senso della sofferenza
Si è aperto in questi giorni il processo a Cappato per il reato di assistenza al suicidio per la morte del DJ Fabo e questo fatto "di cronaca" mi suscita due riflessioni: il tema drammatico, personale, profondo sul senso e significato della sofferenza dentro la nostra società e la constatazione che, PURTROPPO, anche in questo caso, la Magistratura supplisce/si sostituisce al potere democratico, che dovrebbe dispiegarsi mediante le leggi. E poi, nel fine vita, vedo lo stesso MISTERO racchiuso in ogni nascita, in ogni nuova vita. Abbiamo bisogno di meditare e riflettere, come Gandolfini ci ha aiutato a fare.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
24/10/2017 11:20:00
Dall'accanimento terapeutico all'eutanasia Il tema del fine vita al centro di una serata di riflessione questo giovedì sera con il prof. Gandolfini per iniziativa della Fondazione Beata Lucia Versa Dalumi e della parrocchia di Bagolino

09/06/2017 08:29:00
Fine vita, i dilemmi della bioetica Ha suscitato grande interesse l’intervento di Massimo Gandolfini sul tema del fine vita e dei dilemmi della bioetica, tenutosi lunedì sera al Teatro Parrocchiale Salone Pio XI di Gavardo

04/06/2017 08:00:00
Fine vita, i dilemmi della bioetica Il neurochirurgo Massimo Gandolfini sarà ospite questo lunedì 5 giugno a Gavardo per una serata dedicata ai temi della bioetica, dall’accanimento terapeutico all’eutanasia, al testamento biologico

14/05/2007 00:00:00
Rivoluzione in corsia Si chiama «disegno di legge concernente interventi per la qualità e la sicurezza del Servizio sanitario Nazionale». Ecco le novità più rilevanti della proposta che il ministro Livia Turco presenterà al presidente del Consiglio Romano Prodi.

23/02/2017 16:24:00
La vita e la morte Il tema del fine vita e della zona grigia dove le persone si trovano “prive di morte ed orfane di vita” è stato al centro di un partecipato incontro a Villanuova sul Clisi con ospite Beppino Englaro



Altre da Bagolino
16/11/2017

Nel lunario 2018 le leggende dell'Alta Valle Sabbia

Un anno nuovo "leggendario" all'insegna della tradizione valsabbina nel calendario curato dall’associazione culturale Eridio e Riflessi di Luce. Sabato a Vestone la presentazione

13/11/2017

Appena nati e già sull'onda

Ha debuttato in occasione della Rassegna dei Canti di Osteria di Bagolino il Coro Due Valli, che pesca i suoi componenti fra la Valle Sabbia e la Val Trompia

12/11/2017

I saltablocco

Succede quasi ogni anno, da una parte o dall’altra, prima che arrivi la neve: ignoti dotati di ruspa spostano i new-jersey in cemento che nel periodo invernale chiudono il tratto di provinciale che unisce il Gaver a Crocedomini (4)

10/11/2017

La scommessa

L'idea, ora che è stata finanziata la realizzazione del collettore fra Anfo e Ponte Caffaro, è di farci passare sopra anche la ciclabile. In 15 anni è stata "collettata" tutta la Valle
(4)

09/11/2017

Nuovi fondi per la Protezione civile

I progetti di quattro gruppi di Protezione civile valsabbini hanno ottenuto, attraverso l’apposito bando, dei finanziamenti regionali per l’acquisto di nuovi strumenti di lavoro e per il miglioramento degli interventi

08/11/2017

Un altro tubo per la salute del lago

E' stata finanziata la realizzazione del collettore fra Anfo e Ponte Caffaro. Con quest'ultima tratta, si completa il collettamento dei reflui per il fondovalle e le diramazioni principali, fino a Sabbio Chiese
(2)

07/11/2017

Il IV Novembre, una giornata che cambia identità

Si è tenuta anche quest'anno a Bagolino la "Giornata dell'Unità Nazionale e delle Forze Armate" che si celebra il 4 novembre, organizzata dagli Alpini e dai Fanti dei rispettivi gruppi locali

30/10/2017

Il ricordo del grande incendio

Ottemperando a un voto espresso dalla comunità bagossa dopo il grande incendio del 1779, questa sera si terrà una messa e una commemorazione delle vittime della tragedia che segnò la storia di Bagolino

29/10/2017

Il paesaggio come teatro: è di scena Bagolino

Dalla ricerca condotta da alcuni studenti universitari una nuova luce sotto la quale osservare la città di Bagolino e l'ambiente in cui è inserita


28/10/2017

Vandali al Monte Gelo

La Madonnina di gesso che aveva passato indenne l'inverno e quella in lamiera che l'avrebbe sostituita, sono state distrutte. Un gesto vigliacco ed incivile, difficile da riscontrare a quelle quote
(3)



Eventi

<<Novembre 2017>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia