Skin ADV
Mercoledì 01 Aprile 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    



30.03.2020 Vobarno Garda Valtenesi

30.03.2020 Agnosine

30.03.2020 Valsabbia

31.03.2020 Valsabbia

30.03.2020 Vestone

30.03.2020 Vestone Valsabbia

31.03.2020 Agnosine

31.03.2020 Agnosine Lavenone Valsabbia

31.03.2020 Valsabbia

31.03.2020 Valsabbia Provincia



30 Maggio 2014, 09.47

40° Piazza Loggia

Vangelo e Costituzione

di Marisa Viviani
Anche don Luigi Ciotti, fondatore di Libera, in prima linea nella lotta alla mafia, è intervenuto alla commemorazione dei 40 anni della strage di Piazza della Loggia a Brescia


«Ho due grandi riferimenti nella mia vita, il Vangelo e la Costituzione». Sono le parole che don Luigi Ciotti ha pronunciato il 28 maggio scorso davanti alla folla che lo ascoltava, e alla viva presenza degli otto caduti di Piazza Loggia, ancora senza giustizia dopo 40 anni dalla bomba che li uccise.

 «Alberto, Bartolomeo, Clementina, Euplo, Giulietta, Livia, Luigi, Vittorio – ha infatti detto don Ciotti citando i nomi delle otto vittime della strage – sono qui con noi, e ci hanno lasciato un'eredità importante: la responsabilità». E' intorno a questa parola, responsabilità, che si è sviluppato così il suo discorso. Un discorso intenso e appassionato.

«Ci stanno rubando le parole. Tutti parlano di giustizia, di libertà, ma le parole sono svuotate».
I riferimenti alla realtà sociale e politica italiana non impongono qui esemplificazioni, tante ne abbiamo già ad invadere la nostra vita quotidiana con la loro distruttiva negatività per non esserne consapevoli; don Ciotti di esempi invece ne ha fatti, lui che vive sotto minaccia costante a causa del suo impegno contro l'illegalità, la corruzione, la mafia. Ed è lì, sullo scenario devastato dell'etica pubblica, e privata, che parole come giustizia e libertà, si svuotano di valore e significato in assenza di reale uguaglianza, equità, rispetto, dignità.

«Il 75% dei famigliari delle vittime di mafia non conosce ancora i colpevoli. I nostri morti ci chiedono di restituire senso alle parole. La verità percorre le vie di Brescia, così come in altre città offese; le ferite ancora aperte dei famigliari ricercano la verità e impegnano le coscienze. In questa piazza è stata ferita la Costituzione, dove la parola verità è implicita e lega tutte le altre parole che vi compaiono. Dobbiamo ribellarci all'illegalità, noi siamo qui per loro, i nostri morti, per non delegare lavandoci le mani, indifferenti, ma per assumerci la responsabilità. E' un grido affinché si affermi la giustizia nel nostro Paese, affinché la Costituzione sia concretizzata nei fatti; non si può essere cittadini a intermittenza, non basta commuoversi di fronte alle tragedie, bisogna muoversi. Dobbiamo riconoscere la nostra responsabilità, che non è fatta di silenzi, di omissioni, di reticenze, ma di impegno al servizio degli altri; i nostri morti ci chiedono fatti non parole vuote.
Il cambiamento ha bisogno di ciascuno di noi, non bisogna arrendersi alla fatalità, al cinismo; dobbiamo stimolare chi governa perché abbia più coraggio, il potere deve essere democratico, trasparente, condiviso, troppo a lungo è stato accumulato, usato per interesse personale. La democrazia in questa piazza è stata ferita, ha bisogno della nostra responsabilità. Perciò siate eretici! In greco antico eresia significa scelta; siate coloro che scelgono, che scelgono la responsabilità, la ricerca della verità, la democrazia nell'impegno, l'etica; siate coloro che mettono al centro il noi, troppi io hanno sacrificato il noi, l'etica non è opera di navigatori solitari. Siate eretici, chi è eretico si mette al servizio degli altri. I nostri morti ci chiedono responsabilità: facciamoli vivere».

Ha molto colpito in questo discorso di don Ciotti (qui purtroppo riassunto per sommi capi) la determinazione delle idee, la volontà, l'applicazione dei principi e dei valori tradotta in fatti concreti importanti, non nelle vuote parole di “quelli che si autoassolvono con una partecipazione formale e non fattiva”. Aver fondato l'associazione Libera, in prima linea nella lotta alla mafia, ha scatenato contro don Ciotti la furibonda reazione della criminalità organizzata, ed impressiona vedere un uomo di chiesa scortato da guardie del corpo che lo proteggono da minacce di morte a causa della sua testimonianza del Vangelo espressa come sacerdote e della sua fedeltà alla Costituzione Italiana espressa come cittadino. Ma don Ciotti tira dritto e cita un confratello di fede e di testimonianza evangelica, don Tonino Bello, vescovo, direttore di Pax Christi, che fu attento alle povertà e al disagio sociale: “Non fidatevi dei cristiani che non si sporcano le mani”. Un messaggio che laicamente tradotto per tutti i cittadini significa scegliere la responsabilità.

Nelle foto di Luciano Saia: Il discorso di don Luigi Ciotti  il 28 maggio in Piazza Loggia per il 40° anniversario della strage.

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID45015 - 30/05/2014 18:22:57 (sonia.c) verità è chiamare con il loro nome gli atti di violenza..
quali che siano le forme che assumono. bisogna chiamare l'omicidio con il suo nome;l'omicidio è un omicidio, e le motivazioni politiche o ideologiche,lungi dal cambiarne la natura,vi perdono,piuttosto,esse stesse la loro dignità..Giovanni Paolo ||



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
17/06/2019 09:34:00
Ricordando Vittorio Zambarda, vittima della strage Nato a Portese nel 1914, morì 18 giorni dopo la strage di Piazza Loggia per la gravità delle ferite riportate. Domani, martedì 18 giugno, a Salò la commemorazione 

09/04/2014 08:59:00
Piazza della Loggia quarant'anni dopo Debutta questa sera a Villanuova il nuovo spettacolo del Teatro Gavardo dedicato al 40° anniversario della strage di piazza della Loggia

07/11/2018 10:24:00
«Un lampo di verità» su piazza Loggia Verrà presentato questo venerdì sera – 9 novembre – il volume dedicato alla sentenza sulla strage di piazza della Loggia, emessa più di quarant’anni dopo la tragedia 

26/05/2010 09:00:00
Ricordando Piazza Loggia Nel 36° anniversari della strage di Piazza della Loggia a Brescia, la biblioteca e l’assessorato alla Cultura di Vallio Terme propongono una serata per ricordare con le parole le vittime della bomba.

22/04/2014 12:11:00
Le cartoline della memoria Anche presso la biblioteca comunale di Vallio Terme è possibile aderire all’iniziativa del Percorso della memoria, che intende ricordare tutte le vittime del terrorismo in Italia




Altre da Cronache
31/03/2020

Bortolo Zanaglio, scultore della semplicità

Originario di Presegno, ad Agnosine viveva e tramandava la sua arte ai giovani allievi. Dopo una vita dedicata alla scultura si è spento ieri all’Hospice di Nozza, oggi – martedì – i funerali

30/03/2020

Fuga in moto

Due diciottenni, di San Felice e di Vobarno, sono finiti nei guai a Toscolano Maderno dopo aver tentato la fuga, intercettati dai carabinieri sono stati arrestati... in videoconferenza


30/03/2020

Immigrazione e solidarietà

Si sono autotassati per sostenere AiutiAmoBrescia e l’ospedale di Gavardo. Sono i marocchini di Valle Sabbia e gli islamici del Centro culturale Garda Valsabbia

30/03/2020

Radio portatili per gli anziani

Non mancano gesti di attenzione per gli anziani ospiti delle case di riposo come quello realizzato con generosità dai Carabinieri di Vestone

29/03/2020

Si spostano per un compleanno, denunciati

L’invito a una festa in casa di un amico che festeggiava il proprio compleanno sabato sera a Gavardo è costata una denuncia a sei persone

28/03/2020

Torna l'ora legale

Nella notte tra sabato 28 e domenica 29 in Italia scatta l’ora legale: lancette avanti, dormiremo un’ora in meno ma avremo giornate più lunghe

28/03/2020

Marianna Ligato ci ha lasciati

La redazione di Vallesabbianews e lo staff di Edizioni Valle Sabbia sono vicini al loro direttore Ubaldo Vallini, per il grave lutto che l’ha colpito, la scomparsa della mamma, Marianna Ligato

28/03/2020

Arrivederci Carla

Sarà sepolta questa mattina nel cimitero di Preseglie Carla Ligarotti, alla quale la comunità parrocchiale vuole dedicare un ricordo

28/03/2020

Altri due addii

La comunità di Condino, a causa il coronavirus, piange altri due suoi concittadini, molto conosciuti, uno per la sua attività sportiva giovanile l'altro come sagrestano della parrocchia


27/03/2020

Mascherine per Rsa e case di cura

Un altro carico di mascherine sta raggiungendo le strutture residenziali per anziani e cooperative e case d’accoglienza  per persone fragili della Valle Sabbia grazie all’iniziativa AiutAMObrescia

Eventi

<<Aprile 2020>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia