Skin ADV
Venerdì 23 Febbraio 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    




22.02.2018 Vallio Terme Giudicarie

21.02.2018 Giudicarie

21.02.2018 Idro Vobarno Sabbio Chiese Villanuova s/C Garda

22.02.2018 Valsabbia Muscoline

21.02.2018 Vobarno Valsabbia

21.02.2018 Gavardo

22.02.2018 Gavardo

21.02.2018 Preseglie

21.02.2018 Preseglie

21.02.2018 Gavardo






06 Dicembre 2017, 10.28
Provincia
Acqua pubblica

Un passo avanti verso il referendum

di Redazione
La Commissione di garanzia, che si è riunita in data 1 dicembre, ha dichiarato ammissibile la richiesta di referendum consultivo provinciale presentata dal Comitato Referendario per l’Acqua Pubblica di Brescia

Il Comitato Referendario per l’Acqua Pubblica di Brescia comunica che la commissione di Garanzia composta dal Prof. Troilo, dalla Prof.ssa Apostoli e dal Prof. Raffiotta, a seguito dell’analisi del quesito referendario valutata alla luce dell’attuale normativa europea, statale e regionale, dichiara che il quesito appare dunque univoco, chiaro e articolato in modo da non condizionare l’espressione del voto nel rispetto del regolamento dei Referendum provinciali e pertanto l’elettore potrà rispondere con un unico responso affermativo e negativo.

L’aspetto più rilevante è la valutazione sull’ammissibilità del quesito sotto il profilo del suo oggetto. Secondo la commissione dei 3 saggi il quesito non risulta in contrasto con la vigente normativa provinciale di riferimento e neppure con la vigente normativa europea, statale e regionale. La finalità del quesito, evidenzia la commissione, è quella di affidare la gestione del Servizio Idrico Integrato a una società di capitale integralmente pubblico attraverso il modello dell’In-House, consentito dall’ordinamento vigente come da sentenza del Consiglio di Stato del 18.07.2017, n. 3554, che ha definito tale modello di gestione dei servizi pubblici locali come modello di natura ordinaria e non eccezionale nell’attuale contesto normativo, in particolare con riferimento al servizio idrico integrato.

La Commissione di garanzia si è peraltro espressa all’unanimità sull’ammissibilità del referendum in data 01.12.2017. Il Comitato in tutte le sue componenti ringrazia la commissione per il suo operato e, pur consapevole che il cammino verso il referendum deve ancora superare il voto del Consiglio Provinciale, non può che essere soddisfatto di quanto espresso dalla commissione, soprattutto riguardo la sottolineatura che il modello gestionale IN-House non è un modello eccezionale ma è la norma per quanto riguarda la gestione del SII.

Attendiamo ora l’ultimo passaggio formale per avere la certezza che il referendum potrà svolgersi nella prossima primavera, consci che il lavoro da fare è ancora lungo e disseminato di ostacoli. Il nostro Comitato ha sempre affermato che avrebbe fatto tutto quanto è nelle sue possibilità per evitare di arrivare alla gara, poiché ciò determinerebbe la totale e definitiva privatizzazione del servizio idrico per la provincia di Brescia, la definitiva svendita della più preziosa fra le risorse naturali forniteci, che finirebbe per essere solo oggetto di speculazione privata.

Oggi, grazie anche al supporto delle 55 Amministrazioni comunali che hanno deliberato a favore, è stata scritta una pagina fondamentale di questa storia che confidiamo ci possa portare ad una gestione, formalmente e sostanzialmente pubblica, del servizio idrico integrato a Brescia.
 
Mariano Mazzacani, Responsabile Comitato Referendario Acqua Pubblica 
Francesco Raucci, Responsabile Comitato Acqua Pubblica Brescia 
Marco Apostoli, Consigliere Provinciale Provincia Bene Comune 
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID74338 - 06/12/2017 13:49:37 (Giacomino) Ci sono certi
che se potessero privatizzerebbero anche l'aria.


ID74341 - 06/12/2017 17:24:46 (SCHERPA) sherpa
...alèèèè con i referemum. Ma un'assemblea provinciale dei Sindaci non può giungere ad una decisione senza buttare via tanti soldi per un altro referendum?


ID74343 - 06/12/2017 19:39:15 (Valsabbino)
Quanto contano i 26 milioni di italiani che nel lontano giugno del 2011 votarono “sì” ai due referendum sull’acqua pubblica? Poco o niente... Nel 2011 i cittadini italiani dissero che andava abrogato il decreto Ronchi, che obbligava gli enti locali a mettere a gara anche la distribuzione dell’acqua nelle case, e che andava cancellata la voce della bolletta che garantiva “adeguata remunerazione del capitale investito dai gestori”. Gli italiani dissero in sostanza che quel servizio non andava messo sul mercato, ma gestito dal pubblico senza fini di lucro. FATTA LA LEGGE, TROVATO L'INGANNO : facciamo il tutto a livello Provinciale in barba a tutto e tutti. E IO PAGO!!!


ID74350 - 06/12/2017 23:45:20 (Tc) ...
l'acqua...il petrolio del domani...la guerra di un domani...e qualcuno che l'ha gia' capita,ci vuol mettere su le mani...con buona pace dei referendum...



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
05/01/2018 09:45:00
Il comitato chiede di fissare la consultazione A seguito del pronunciamento della Commissione di garanzia del 1 dicembre, che ha validato l’iniziativa referendaria sulla gestione dell’acqua pubblica, il Comitato promotore sollecita che venga fissata la data del referendum consultivo

01/10/2017 08:51:00
Obiettivo: referendum provinciale «Escludere il profitto dalla gestione dell’acqua» con un referendum provinciale. E’ l’obiettivo per cui si sta muovendo il Comitato Referendario Acqua Pubblica. Con ottime prospettive di poter votare la prossima primavera


28/05/2010 10:00:00
Raccolta firme a gonfie vele A Brescia raggiunte le 13.000 firme raccolte ad un mese dall’inizio della campagna per i referendum sull’acqua pubblica.

31/01/2008 00:00:00
La Regione Lombardia in brutte acque Grande successo per il presidio di martedì davanti alla Regione Lombardia per chiedere l'ammissibilità del Referendum sull'acqua. Presenti ben 70 sindaci, tra questi Prevalle, Nuvolento, Vallio Terme, Bedizzole, Rezzato.

25/06/2010 11:00:00
Il mondo cattolico per l’acqua pubblica Va avanti a pieno ritmo la raccolta firme per i referendum contro la privatizzazione dell’acqua, che vede un convinto sostegno anche del mondo cattolico.



Altre da Provincia
22/02/2018

Miele e propoli, consumi in crescita

Un settore che richiama sempre più giovani e donne quello dell’alpicoltura, con oltre cento imprese anche nel bresciano

21/02/2018

Fonderie bresciane da record

L’indagine congiunturale Assofond a chiusura del 2017 ha analizzato la situazione dei comparti ghisa, non ferrosi e acciaio in termini di produzione e fatturato 

21/02/2018

«Il recupero della fucina del maglio»

Verrà presentato domani, giovedì 22 febbraio, a Brescia il volume «Il recupero della fucina del maglio. Archeologia industriale a Nuvolento» scritto da Gianfranco Cretti, che ha permesso allo storico edificio di rivivere

19/02/2018

Il credito e la cooperazione in Valle Sabbia

Dopo l’Unità, l’Italia dovette adeguarsi ai Paesi occidentali più avanzati nell’industrializzazione, come la Germania, l’Inghilterra, la Francia...


19/02/2018

«Intrigo e amore»

Tre ore di spettacolo col fiato sospeso quello andato in scena al Teatro Sociale di Brescia a cura del Teatro Stabile di Genova 

17/02/2018

La Giornata del Gatto

Anche quest’anno nella giornata di oggi, 17 febbraio, si rende omaggio ai nostri amici felini. Nel pomeriggio, in città, sarà presente un gazebo di ENPA Brescia presso cui sarà possibile informarsi sulle attività dei volontari e sostenerle

16/02/2018

Appuntamenti del weekend

Ecco una selezione di eventi, concerti, spettacoli in cartellone questo fine settimana in Valle Sabbia, sul Garda, a Brescia e provincia

14/02/2018

Il problema del radon

Un gas radioattivo tanto cancerogeno da essere considerato la seconda causa di tumore al polmone dopo il fumo. Vediamo qualche dato sulle situazioni di rischio e le misure preventive nei Comuni bresciani e in particolare in quelli valsabbini

13/02/2018

Buona la prima

Iniziata bene la prima giornata di ritorno del campionato per le giovanissime del Brescia calcio femminile dove milita la vestonese Alessandra Zanaglio (1)

13/02/2018

In galleria arrivano le lampade a led

Attraverso un project financing la Provincia sostituirà le vecchie lampade con oltre 10mila led in tutte le gallerie da lei gestite, comprese quelle valsabbine. Un risparmio importante sia in bolletta che nei costi di manutenzione (7)

Eventi

<<Febbraio 2018>>
LMMGVSD
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia