06 Luglio 2020, 11.27
Idro Gavardo Valsabbia
Ambiente

Una federazione per la tutela del Chiese e del lago d'Idro

di Cesare Fumana

Le 17 associazione del “Tavolo delle associazioni che amano il fiume Chiese e il suo lago d’Idro” hanno dato vita a una federazione per meglio incidere sulle questioni ambientali del territorio: priorità il no al maxi depuratore a Gavardo e Montichiari


Da semplice coordinamento fra sodalizi e comitati ambientalisti, a una vera e propria federazione “per avere la veste giuridica che dia la forza di difendere adeguatamente l’intero patrimonio ambientale del bacino”. Per questo nel febbraio scorso, è nata la “Federazione del Tavolo delle associazioni che amano il fiume Chiese e il suo lago d’Idro”. Presidente è Gianluca Bordiga, presidente dell’associazione Amici della Terra Lago d’Idro Valle Sabbia, che ha dato il via al coordinamento.

Attualmente sono 17 le associazioni (*) che ne fanno parte, ma altre sono pronte ad entrarvi, tutte operanti in almeno uno dei 30 Comuni dell’asta fluviale del Chiese, lunga 160 chilometri, che attraversa 2 Regioni e 3 Provincie.

Contratto di fiume
«Abbiamo già iniziato ad impostare – afferma Bordiga – il percorso procedurale per arrivare ad un Contratto di fiume, che ovviamente comprenda il territorio dalla sorgente fino alla sua immissione nell’Oglio».

No ai maxi depuratori
Già nei mesi scorso il Tavolo ha affrontato la gravissima minaccia ambientale del progetto che vorrebbe trasferire nel Chiese la depurazione della sponda bresciana del lago di Garda.

«Nell’autunno e inverno scorso
abbiamo organizzato 9 assemblee pubbliche informative zonali per informare il maggior numero di cittadini sul danno che ne deriverebbe per il fiume Chiese se quel progetto venisse realizzato; quel percorso informativo si è compiuto con la manifestazione del 12 gennaio scorso a Gavardo».

«Oggi, essendo informati anche sulla discussione in corso tra il Ministero e quei Sindaci dei Comuni del Chiese, ci rendiamo conto che è stata completamente ignorata tutta quella parte fluviale a monte del Comune di Gavardo, ovvero gran parte della Valle Sabbia e tutto il Trentino, ben due terzi dell’asta fluviale; quest’ultimo, il Trentino, per giunta è un dominus del bene demaniale. Tutto questo territorio del bacino imbrifero, quello a monte delle aree individuate per trasferirvi la depurazione della sponda bresciana del Garda, non può essere ignorato, come se la sorgente del fiume fosse altrove».

Non solo Gavardo e Montichiari
«Anche la recente riunione del cd. Tavolo Tecnico svoltasi il giorno 1 giugno scorso ha trattato la tematica tenendola circoscritta alle sole aree dei due Comuni di Gavardo e Montichiari; ma è una grave mancanza, che limita enormemente lo sguardo e non considera appieno i rischi di sofferenza ambientale che tale progetto, se venisse realizzato, porterebbe al bacino imbrifero del Chiese; se il progetto venisse realizzato, data l’inadeguatezza del corpo idrico recettore, potrebbero essere richiesti indispensabili rilasci fuori misura dal lago d’Idro e dai bacini di raccolta in Trentino.
È indispensabile che il Ministero si pronunci in merito, ed estenda le valutazioni sui rischi di squilibrio ambientale sull’intera asta fluviale.

Questione sistema irriguo
«È una affermazione destituita di ogni base tecnica seria dire, come qualcuno ha detto in quella riunione del Tavolo Tecnico, che portando nel Chiese lo scarico della depurazione del Garda si rimpingua il fiume stesso, perché il fiume chiese non ha bisogno d’esser rimpinguato, avendo sorgente sul ghiacciaio ha la sua costante portata media che gli dà la vita sull’intero arco temporale dell’anno, ma invece ha bisogno d’esser rispettato, mantenendogli il deflusso ecologico in ogni tratto.

«Oggi è chiaro, anche dalla dichiarazione dell’AIPO, della quale c’è traccia sul verbale pur provvisorio della recente riunione del Tavolo Tecnico, che questo progetto che vorrebbe trasferire una gran parte della depurazione del Garda nel Chiese è stato concepito per mantenere ulteriormente l’attuale sistema irriguo del comparto agricolo della alta e media pianura orientale lombarda, che irriga ancora con l’obsoleto sistema cd. a scorrimento; sistema che necessità di grandissime quantità di acqua dolce, depauperandola, impoverendo i corsi d’acqua naturali e gli specchi d’acqua.

Difesa anche per vie legali
«La nostra Federazione vuole altresì precisare che nella sua azione, per coerenza con i propri principi costitutivi, non muoverà mai attacchi personali, né mai si lascerà coinvolgere in deleterie questioni locali, ma difenderà con ogni forza possibile l’intera asta fluviale ed il suo lago d’Idro, partendo dall’opposizione al progetto di trasferire nel Chiese la depurazione gardesana; e questa difesa, se necessario, la porterà avanti anche muovendo adeguate energiche azioni legali ovunque sia possibile.

Nell’occasione della conferenza stampa è stato anche presentato il logo della federazione, realizzato dal grafico Mario Boer.


(*) Elenco associazioni che hanno datato vita alla Federazione del Tavolo delle associazioni che amano il fiume Chiese e il suo lago d’Idro:
1. Assoc.ne Amici della Terra Lago D’Idro Valle Sabbia;
2. Assoc.ne Cambia Rotta Carpenedolo;
3. Assoc.ne Empatia Blu Remedello;
4. Assoc.ne Klousios Centro Studi e Ricerche Basso Chiese Casalmoro;
5. Assoc.ne Pescatori Alto Chiese;
6. Assoc.ne SOS Terra Montichiari;
7. Assoc.ne Tre Salti nel Bosco Mezzane Calvisano;
8. Assoc.ne Verso il DES Basso Garda;
9. Club Pesca a mosca Brescia;
10. Comitato Cittadini Calcinato;
11. Comitato Magnifica Salò;
12. Comitato Ricreativo Culturale Acquafreddese;
13. Fondazione Zanetto Montichiari;
14. Gruppo Ecologico del Chiese Casalmoro;
15. Legambiente Montichiari;
16. L’Isola Gruppo Volontari per l’Ambiente Remedello;
17. Unione Pescatori Bresciani.



Vedi anche
05/10/2019 07:00:00

Tavolo in assemblea Come annunciato, si terrà lunedì prossimo, 7 ottobre, a Gavardo l’assemblea pubblica convocata dal Tavolo delle Associazioni che amano il fiume Chiese e il suo lago d'Idro con gli occhi puntati sul progetto del maxi depuratore
• Video

05/01/2020 09:00:00

Da Acquanegra a Idro per salvaguardare il fiume Chiese È il cammino che sta affrontando in questi giorni Mirko Savi, che dalla foce del fiume porta il suo messaggio di tutela ambientale attraverso i paesi dell’asta del Chiese

30/09/2019 10:14:00

Presidio a sostegno della mozione Stasera in occasione dell’Assemblea di Valle il “Tavolo delle associazioni che amano il fiume Chiese e il suo lago d’Idro” terrà un presidio per sostenere la mozione contro il progetto del depuratore a Gavardo

06/11/2019 07:00:00

Assemblea per la salvaguardia del fiume Chiese Il Tavolo delle associazioni ambientaliste fa tappa questo giovedì 7 novembre a Sabbio Chiese per un’assemblea pubblica dedicata alle problematiche ambientali e per dire no al progetto del depuratore del Garda a Gavardo e Montichiari

14/03/2019 09:13:00

Associazioni in difesa del fiume Chiese Sabato pomeriggio a Gavardo il “Tavolo delle associazioni che amano il fiume Chiese e il suo lago d'Idro” ha organizzato un’assemblea pubblica sulla salvaguardia del fiume e contro il progetto del maxi depuratore del Garda a Gavardo



Altre da Terzo Settore
03/07/2020

Riapre il Parco delle Fucine

Dopo la chiusura forzata dovuta all’emergenza coronavirus, il parco attrezzato di Casto riapre ai visitatori questo sabato 4 luglio, con alcune limitazioni

26/06/2020

Scuola dell'infanzia San Giorgio di Vobarno: «per una pedagogia della vicinanza»

Anche la scuola materna vobarnese nel periodo di emergenza sanitaria ha adottato la didattica a distanza, cercando di creare una rete con i bambini e le loro famiglie

22/06/2020

Penne nere, «Stima e fiducia dalla gente»

L’assemblea annuale della “Monte Suello” di ieri a Polpenazze era chiamata a valutare le iniziative e il bilancio del 2019, ma si è inserita con forza l’attualità della pandemia

22/06/2020

Un anno sabbatico

È quello che ha chiesto il presidente Poinelli ai gruppi della “Monte Suello”: annullate tutte le manifestazioni del 2020 compresa l’Adunata sezionale a Vestone e Nozza

22/06/2020

Fabio Lozito capogruppo dell'anno

È stato assegnato al capogruppo di Agnosine il premio “Milesi” per il 2019. Premiato anche un alpino di Moniga e il gruppo di Valvestino

18/06/2020

«Monte Suello», assemblea a ranghi ridotti

Per ottemperare alle norme sul distanziamento anche l’assemblea annuale delle Penne nere Valsabbine e Gardesane si terrà domenica presso il centro sportivo di Polpenazze con un numero limitato di delegati

17/06/2020

I primi dieci anni del Circolo Ricreativo Giulìs

In un libro le foto-ricordo delle numerose iniziative del sodalizio di Condino, nato come circolo pensionati ma ora aperto a tutta la comunità

16/06/2020

Al via la Fantasy Skills Week

La proposta dell’estate targata cooperativa Area per ragazzi e ragazze delle scuole medie della Valle Sabbia. Iscrizioni entro domenica 21 giugno

15/06/2020

La Cordata Chiama, il municipio risponde

800 mascherine per anziani e disabili. Sono quelle consegnate dl sindaco Mario Apollonio alla cooperativa la Cordata di Roè Volciano, che ringrazia

14/06/2020

Sulla strada per Arkea

(Dedicato a te, se ti avanzano 20 euro alla fine del mese)
Siamo entrati in aeroporto a Malpensa una sera di inizio dicembre e siamo usciti ad Addis Abeba il giorno dopo, alle prime luci del mattino…