Skin ADV
Giovedì 19 Ottobre 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


In collaborazione con:

 


 

MAGAZINE


LANDSCAPE



10 Ottobre 2017, 09.00
Pertica Alta Valsabbia
Barbaine 1

Giovani e controcorrente, oggi come allora

di val.
Partecipata manifestazione, quella avvenuta a 72 anni dalla Liberazione a Barbaine di Pertica Alta, dove domenica scorsa si sono incontrate più generazioni, per mantener fede agli ideali che mossero la Resistenza
«Un po' ci sentiamo partigiani anche noi sindaci, combattendo ogni giorno per garantire i servizi al territori. Lo facciamo tutti con la convinzione di fare la cosa giusta, nel solco degli ideali di libertà, fratellanza ed uguaglianza, nella pratica quotidiana della democrazia, che tutti noi siamo impegnati a mantenere e a difendere, perchè è una condizione per nulla scontata».

Così Giovanmaria Flocchini nel fare gli onori di casa domenica scorsa davanti ai cippi che a Barbaine di Pertica Alta ricordano i Ribelli per Amore che su queste montagne hanno perso la vita contro l'oppressione fascista.

Una cerimonia particolarmente partecipata, per la quale sono salite alla Chiesetta dei Morti più di cento persone.
Fra gli interventi, prima di quello coi crismi dell’ufficialità pronunciato da Daria Gabusi, che riportiamo integralmente in un altro articolo, particolarmente significative le parole pronunciate da Rosita, studentessa del “Perlasca”, l’Istituto superiore di Valle che non per nulla porta il nome di uno dei ragazzi che combatterono e persero la vita nella conquista della libertà.

Eccole:

Buongiorno a tutti. Sono Rosita e frequento la classe quarta Liceo Scientifico all'istituto Perlasca di Idro.
In qualità di rappresentante della mia scuola ringrazio gli organizzatori per l'invito a questa manifestazione che costituisce per noi studenti un'occasione stimolante ed unica.

Anche io oggi mi sento privilegiata e per questo vorrei regalarvi alcuni miei pensieri, più spontanei possibile, con l'intenzione di onorare chi, durante la lotta al fascismo, ha dato un contributo per ottenere, per sé e per noi, generazioni successive, libertà e giustizia.

Un mio pensiero va a quei partigiani che tutti conosciamo, ma anche a coloro che hanno contribuito con piccoli gesti, ma con un grande coraggio, alla Resistenza: penso ad esempio alle famiglie che, proteggendo un figlio ribelle al totalitarismo, rischiavano di essere sterminate, a quelle persone che soprattutto nei nostri paesi difendevano e nascondevano i partigiani e, più in generale, a tutti coloro che in un'epoca di dittatura, sono riusciti anche solo con una parola, una piccola azione, ad andare contro le idee che erano state inculcate alla maggioranza.

lo credo che uccidere possa sembrare la maniera più sbrigativa per liberarsi dalle ingiustizie, ma un vero rinnovamento della società avviene non colpendo le persone, ma lavorando sul loro modo sbagliato di pensare.
E questo era ciò in cui credevano molti partigiani cattolici, in particolare il maestro elementare Emiliano Rinaldini; la sua figura mi è particolarmente cara fin da quando ero piccola, quando mi fu raccontato l'episodio della sua uccisione.
Ciò contribuì a formare, nella mia mente, una sorta di sua immagine idealizzata, ma ora che conosco meglio la sua storia e il contesto politico in cui Emiliano ha vissuto, la meraviglia e l'ammirazione che provo verso questo ragazzo sono diventate sempre più consapevoli.

Egli è l'esempio dell’animo nobile di colui che va controcorrente sfruttando un coraggio straordinario per un giovane di vent'anni, coraggio che lui trova mediante la fede io Dio e l'esempio di Gesù.
Egli affermava che si può lottare per portare dei cambiamenti solo dopo aver combattuto una guerra interiore nel nostro animo: il primo passo per liberarci dall'ingiustizia è infatti essere in grado, con tutta umiltà, di migliorare noi stessi diventando più consapevoli dei nostri doveri e dei nostri diritti.

Per essere cittadini degni di tal nome, la libertà, il confronto, il rispetto della legge sono valori indispensabili per poter convivere in serenità.
Penso che noi giovani d'oggi, ma in generale tutti quanti, abbiamo molto da imparare dai Ribelli per Amore e il fatto che la nostra scuola sia intitolata ad uno di essi assume per noi studenti e per la Valle stessa un notevole significato.

Come loro, anche noi ragazzi del ventunesimo secolo, dovremmo riuscire ad avere il coraggio di distinguerci, anche nella nostra quotidianità, nel bene e nell'onestà, abbandonando le consuetudini, troppo spesso sbagliate, fatte proprie dai più.
Solo facendo così noi possiamo sentirci veramente veri, veramente vivi e non passivamente trascinati da chi ci sta intorno, senza essere nemmeno più in grado di distinguere il giusto dallo sbagliato.

Loro, gli uomini e le donne che qui oggi celebriamo, ne sono la conferma; essi hanno saputo distinguersi dagli altri, hanno agito secondo coscienza, non hanno temuto di mostrarsi controcorrente e in nome di un'idea meravigliosa, chiamata LIBERTA', non hanno perso né la speranza né la fede.

A costoro va tutta la nostra gratitudine.

Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
09/10/2015 09:00:00
A Barbaine l'omaggio ai «Ribelli per amore» Domenica presso la chiesa di Sant’Andrea di Barbaine di Livemmo, la commemorazione dei caduti della Brigata “Perlasca” nel settantesimo anniversario della Liberazione

15/10/2016 08:05:00
A Barbaine, sotto la pioggia… Puntuale come ogni anno si è svolta, la seconda domenica del mese come da tradizione, la commemorazione dei caduti partigiani della Brigata “Giacomo Perlasca”, a Barbaine di Pertica Alta

16/10/2015 07:47:00
Le donne e i Ribelli per Amore Cittadini, rappresentanti d’arma, sindaci, insegnanti e studenti... Settant’anni dopo, i valori che furono della Resistenza accomunano le appartenenze a Barbaine di Livemmo, amena località della Pertica Alta

20/03/2017 10:05:00
Con la partigiana Elsa A Barbaine di Pertica Alta, impegnati in una "due giorni" di memoria e di riflessione sui valori della Resistenza, gli scout Agesci hanno incontrato la testimonianza autentica di Elsa Pelizzari

13/10/2007 00:00:00
In memoria dei ribelli di Barbaine Torna la memoria a Barbaine. Torna a 62 anni da quando i “ribelli per amore” - uomini, donne, giovani e meno giovani - combattendo valorosamente sulle montagne valsabbine contribuirono alla liberazione dell’Italia dall’esercito nazi-fascista.



Altre da Eco del Perlasca
08/07/2017

I giovani, 150 anni dopo

Nell'ambito delle celebrazioni del 150esimo della battaglia di Monte Suello, il Comitato presieduto da Alfredo Bonomi ha coinvolto e premiato gli studenti del Perlasca

06/06/2017

You can Make the difference

Nella sede vobarnese del Perlasca, Raffmetal ha premiato la realizzazione di uno spot sull'importanza dei riuso delle materie prime, scelto da una giuria di esperti, votato dalla rete

29/05/2017

Dadaisti improvvisati

Dadaisti si diventa... al Perlasca, dove un'esperienza artistica e allo stesso tempo linguistica ha dato origine ad una mostra "dada", che verrà inaugurata sabato 3 giugno

24/05/2017

Gita premio in Cilento

Grazie ad un progetto sul turismo ad "Impatto zero"  che coinvolge la Rocca di Manerba, i ragazzi del Perlasca hanno vinto l'edizione 2017 del concorso nazionale Erica Fraiese

20/05/2017

Capo Classe

Avevo tredici anni quando ho iniziato a lavorare con te, eri uno spirito selvaggio, un cavallo dallo spirito indipendente, Capo-Classe! Un sella italiano di dodici anni, possente, altissimo, con un manto marrone scuro e una criniera nera

18/05/2017

A scuola... di sci

E’ passato un po’ di tempo, ma le sensazioni provate in occasione del corso di sci organizzato dalla professoressa Claudia Fusi sono ancora vive

16/05/2017

Inaugurato il nuovo laboratorio di energia

Grazie al contributo di un’azienda valsabbina il corso Meccanica, Meccatronica ed Energia del Perlasca si arricchisce di nuovi strumenti

11/05/2017

Madiba, la vera storia di Nelson Mandela

Per la serie "Occasioni di cultura" nell'aula magna del Perlasca, questo venerdì sera andrà in scena la storia dell'uomo simbolo della lotta contro l'apartheid. Ingresso gratuito

28/04/2017

Sulle ali della Libertà

In occasione delle celebrazioni del 25 aprile, a Vestone sono intervenuti anche i ragazzi del Perlasca: Marco Sanvitti, che frequenta la Terza Liceo e che fa parte della banda musicale di Vestone, e Silvia Cappa, della quale riportiamo integralmente il discorso

11/04/2017

Una scuola da primo premio

Erano in cinquemila, ma a vincere il concorso sono stati i 16 della Seconda "Amministrazione Finanza e Marketing" del Perlasca, con un "servizio TG" sull'acqua Maniva. VIDEO 

Eventi

<<Ottobre 2017>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia