Skin ADV
Giovedì 27 Giugno 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


In collaborazione con:

 

MAGAZINE


LANDSCAPE



17 Giugno 2019, 10.31
Idro Vobarno Valsabbia
Eco del Perlasca

Intervista al preside

di red. Eco
Noi della redazione del Perlasca di Idro, visto che quest’anno scolastico è per il professor Antonio Butturini l’ultimo e che fra pochi mesi potrà godersi la meritata pensione, l'abbiamo intervistato

Nel pensare alle domande da porre al preside, visto che sta andando in pensione, ci siamo rivolti soprattiutto alla sua carriera e alla sua esperienza scolastica, a partire dagli inizi.

Cosa è significato per lei essere Preside?
 
Se mi avessero detto che da grande avrei fatto il Preside, mi sarei messo a ridere. Dopo la laurea, iniziai a fare l’insegnante ma dopo alcuni anni mi incaricarono della gestione di una sezione staccata dalla scuola media, prima a Calvagese e poi a Prevalle.

Nel tempo mi avvicinai sempre di più all’incarico di direttore e il mio primo impiego fu a Pontevico; vi rimasi per tre anni e, dopo aver superato il concorso nazionale, divenni preside a tutti gli effetti.
Essere preside significa occuparsi del controllo dell’intera scuola, di questo meccanismo molto complesso.

Per quanti anni ha fatto il Preside?

Per 16 anni. Con molta passione.

Che cosa insegnava prima di diventare preside?

Ho insegnato italiano, storia e geografia per circa 22 o 23 anni.

Rimpiange qualcosa nella sua carriera?


Mi manca molto l’insegnamento. Mi piaceva molto insegnare e credo che un buon insegnante abbia un ruolo nella scuola pari, se non superiore, a quello di un buon preside, perché è lui che contribuisce alla formazione degli studenti. Quindi, in questi anni la cosa che più mi è mancata è stata l’insegnamento.

Pensava che da grande sarebbe diventato preside o voleva fare altro?

Sicuramente, come ogni ragazzo, non pensavo che in futuro sarei potuto diventare preside. 
Ho frequentato il liceo scientifico perché ero interessato molto alle materie come matematica, fisica e scienze però, durante gli anni del liceo, mi sono appassionato alle materie umanistiche, soprattutto alla storia.
Infatti mi sono laureato in questo e ho anche approfondito i miei studi .
Se non avessi fatto l’insegnante probabilmente mi sarei dedicato alla ricerca storica.

Cosa vorrebbe fare dopo?

Sicuramente una cosa che vorrei fare è riprendere a fare ricerca storica, cercare alcuni filoni che ho curato da studente e approfondirli.
Poi mi dedicherò alla mia nipotina e continuerò ad occuparmi del sociale nella politica del mio paese.

Che messaggio vuole lasciare a noi alunni?

Studiate, perché sapere le cose è meglio che ignorarle.
La conoscenza è una grande arma di potere poiché permette di fare scelte, ragionando con la propria testa.
Al giorno d’oggi voi siete fortunati perché vivete in un’ epoca in cui potete raggiungere tutte le informazioni solo con un click, perciò approfittatene.

Qual è stato il ricordo più bello e quale il più brutto di questi suoi anni a scuola ?

Beh, di ricordi belli ce ne sono tanti, bastano il sorriso di un ragazzo o il ringraziamento di un genitore.
Invece i momenti più brutti riguardano quelli in cui si deve decidere se sospendere o bocciare un ragazzo.

Un episodio che l'ha cambiato?

Quando ero al liceo, in seconda, il mio professore di italiano, parlando di Leopardi, sosteneva, contrariamente a quanto si dice sul poeta dandogli del pessimista, che era un grande ottimista perché i versi migliori delle sue poesie erano quelle in cui descriveva la vita del villaggio e del suo paese.

Questo denotava, secondo il mio prof, grande attenzione nei confronti degli uomini e della natura.
Quello che ho imparato è che si può sempre andare contro l’opinione data per scontata, basta pensare con la propria testa e avere gli strumenti per poter contraddire l’idea comune.
Questo probabilmente è il più grande insegnamento che mi è stato dato in tutta la mia vita.

Cosa le mancherà di noi studenti studenti?

Di voi ragazzi mi mancheranno sicuramente i vostri “buongiorno”, la vostra allegria e la vostra gioia di vivere.

Come si è trovato con gli insegnanti?

Con gli insegnanti non sempre il rapporto è stato facile però ho apprezzato la loro disponibilità, l'attenzione per i ragazzi e la passione per il proprio lavoro.

Cosa è stato un successo per lei?

Non lo so… Probabilmente aver visto l'istituto crescere.
Quando sono arrivato gli studenti erano circa 900 tra Idro e Vobarno, ora invece sono 1200. Ciò significa che la scuola ha saputo farsi apprezzare sul territorio e questo è merito sia degli insegnanti sia mio.

Cosa per lei è stata una sconfitta?

Una sconfitta, per me, è quando un ragazzo non conclude il proprio percorso formativo; la dispersione scolastica è alta, ma non dipende solo da me; sono le istituzioni che devono farsene carico.
Per sua natura, la scuola dovrebbe permettere a tutti di concludere il percorso, però non sempre è possibile.

Cosa le mancherà?

Mi mancherete voi, anche quando mi fate arrabbiare.

Ora non ci resta che ringraziarla, non solo per la sua sensibilità, ma anche per il tempo che ci ha dedicato.
Le auguriamo “una buona pensione”, meritata e felice all’insegna della passione per la storia e per la lettura.
Non dimentichi però che adesso è anche nonno e la sua nipotina si aspetterà da lei giocattoli di legno, intagliati amorevolmente da suo nonno.

Grazie ancora da noi tutti.

A cura degli studenti della redazione di Idro.

Invia a un amico Visualizza per la stampa








Vedi anche
22/05/2018 09:28:00
Finalisti nazionali Greta Don, Denise Freddi e Andrea Alberti della V^ Amministrazione Finanza e Marketing del PERLASCA di Idro- Vobarno si sono classificati, con la loro impresa simulata "BURNAVOIDERS", fra le 15 migliori aziende d’Italia nel progetto "Young Business Talents"

22/03/2017 16:08:00
Scuola lavoro in ospedale Si è da poco conclusa una interessante esperienza formativa che ha portatogli studenti delle classi 4° e 5° A, che frequentano il corso di studi sui Servizi Socio Sanitari nella sede di Idro del Perlasca, in Ospedale a Gavardo

13/07/2016 11:11:00
Menu etnico, i più bravi sono al Perlasca Abbiamo già scritto qui della performance dei ragazzi del Perlasca. Oggi vi proponiamo un'intervista coi diretti protagonisti del Concorso Agroalimentare caseario dell'Associazione Industriali Bresciani


13/04/2015 10:02:00
Il mondo è ...piatto Tra i vincitori del Concorso Scuola Expo 2015 promosso dalla Regione Lombardia c’è il Perlasca di Idro/Vobarno.
VIDEO


02/04/2019 07:59:00
NonCascoNellaRete A metà marzo, gli studenti delle classi 3ª dell’istituto Perlasca di Idro e di Vobarno, hanno partecipato al progetto - BullOUT NonCascoNellaRete – con la Polizia Postale



Altre da Eco del Perlasca
07/06/2019

«Giochi senza età», un incontro tra generazioni

Gli studenti dell’indirizzo grafico del “Perlasca” di Vobarno hanno realizzato una brochure e un cortometraggio dedicati agli ospiti della Fondazione Casa di Riposo di Roè Volciano. Un’esperienza significativa per studenti, docenti e anziani 

20/05/2019

Il Perlasca che «spakka». E le donne ringraziano

Quattro studenti rapper sono stati premiati a Brescia al concorso “Io mi fido di Te”, per un testo contro la violenza sulle donne

14/05/2019

L'altalena dei ricordi

La mia nostalgia vagava tra vecchie foto. Ne ritrovai una scattata due anni prima, sembrava passato così tanto tempo, ma quel giorno lo ricordo come se fosse ieri...

13/04/2019

Cattamucì

Vivo in un piccolo paese vicino alle montagne, è il solito posto dove tutti si conoscono e i ragazzi vanno ancora al parchetto a fare casino.. (2)

12/04/2019

Il cuore artificiale, o meccanico

Questa fantastica macchina, nata in Russia 1937 e diventata un punto di riferimento per il trapianto di cuori solo negli anni duemila, permette di sostituire completamente e talvolta permanentemente il cuore umano

03/04/2019

I sapori vincenti della Valle

Intervista a Sara Scalvini, vincitrice di “Cuochi d’Italia” e direttrice del ristorante e trattoria “del Viandante"

02/04/2019

NonCascoNellaRete

A metà marzo, gli studenti delle classi 3ª dell’istituto Perlasca di Idro e di Vobarno, hanno partecipato al progetto - BullOUT NonCascoNellaRete – con la Polizia Postale

17/03/2019

Un tuffo nel passato ricordando Leonardo Da Vinci

A 500 anni dalla morte del genio italiano, anche noi studenti lo ricordiamo

16/03/2019

Mezzogiorno di... peperoncino

Più di 30 in ospedale a causa di un gesto sconsiderato. Il punto di vista degli studenti

07/03/2019

Trismoka challenge, Il talent show dedicato al caffè

Si tratta dell'evento che, ogni anno, celebra l’arte italiana del caffè sul palcoscenico di Golositalia, la fiera del gusto di Montichiari. E c'eravamo anche noi


Eventi

<<Giugno 2019>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia