Skin ADV
Mercoledì 21 Agosto 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    








20.08.2019 Roè Volciano

19.08.2019 Valsabbia

20.08.2019 Storo

19.08.2019 Val del Chiese

19.08.2019 Vobarno

20.08.2019 Lavenone

19.08.2019 Storo

20.08.2019 Mura

20.08.2019 Vestone

20.08.2019 Valtenesi






19 Agosto 2019, 12.00
Valsabbia
L'opinione

Decreto «insicurezza» bis

di Valsabbin* Refrattar*
Proseguire l'analisi di Valsabbin* Refrattar* sulle politiche securitarie approvate dal governo gialloverde dopo la conversione in legge del Decreto Sicurezza bis

Con il presente scritto vogliamo proseguire l'analisi delle politiche securitarie approvate dal governo giallo verde in perfetta continuità con i precedenti governi, analisi trattata in questi quattro articoli pubblicati su questo giornale negli scorsi mesi.

Decreto «insicurezza»

Decreto sicurezza: caccia al povero

Decreto «insicurezza»: la questione migrante

Decreto «insicurezza», pronti via!


Lo scorso 5 agosto il Senato, con votazione compatta della maggioranza (Movimento 5 Stelle e Lega) e voto contrario dell'opposizione, dato più da posizioni politiche che di reale opposizione nel merito, ha approvato il decreto sicurezza bis.

Lo stesso è stato immediatamente firmato dal presidente della Repubblica Mattarella, che, subito dopo averlo firmato ne ha espresso particolari rilievi, chiedendo al parlamento di apportarvi alcune modifiche.

Analisi svolte da enti terzi hanno riscontrato evidenti violazioni della Costituzione e, come se non bastasse, hanno riscontrato violazioni anche di una decina di accordi e trattati internazionali, tra cui la Dichiarazione universale dei diritti umani (1948), la Convenzione europea sui diritti dell'uomo (1950), la Convenzione sullo Statuto dei rifugiati o Convenzione di Ginevra (1951), la Convenzione internazionale sui diritti economici, sociali e culturali (1966), il Patto internazionale sui diritti civili e politici (1966), la Convenzione internazionale sulla ricerca e il salvataggio marittimo (1979), la Convenzione Onu sul diritto del mare (1982), la Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea (2000).

Il contenuto del decreto e le sue criticità erano ben note, la firma del presidente della repubblica poteva e doveva essere evitata, a maggior ragione quando queste politiche vanno a influire sulla vita o sulla morte di uomini e donne. La più alta carica dello stato questa attenzione la doveva avere.

Ma queste forse non sono valutazioni di nostra competenz,a quindi vediamo nel dettaglio cosa è il decreto sicurezza bis.

Il testo è composto da diciotto articoli che vanno a normare le due tematiche a cuore di questo governo, l'emigrazione e la repressione del dissenso nelle sue diverse forme di espressione.

Sul tema immigrazione sono state inasprite le sanzioni per chi offre solidarietà, con pene assolutamente sproporzionate.
E' prevista una sanzione va da 150 mila euro fino a un milione per il comandante della nave "in caso di violazione del divieto di ingresso, transito o sosta in acque territoriali italiane" con l'aggiunta del sequestro della nave.
Non deve essere dimenticato che in gioco ci sia sempre la vita di qualche disperato.

Sono inoltre stati stanziati 500 mila euro per il 2019, un milione di euro per il 2020 e un milione e mezzo per il 2021 per il contrasto al reato di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e per operazioni di polizia sotto copertura.

Ma la cosa forse più vergognosa è che questo decreto abbia dato proprio al ministro dell'Interno (con un piccolissimo conflitto di interessi) il potere di applicazione di queste norme; testualmente, il ministro dell'interno "può limitare o vietare l'ingresso il transito o la sosta di navi nel mare territoriale" per motivi di sicurezza, quando si pensa che sia stato violato il testo unico sull'immigrazione e sia stato compiuto il reato di "favoreggiamento dell'immigrazione clandestina".

I dati dello stesso ministero
, dipartimento di pubblica sicurezza, pubblicati il quattordici agosto certificano che dal primo gennaio siano sbarcate in Italia 4269 persone.

Che questi decreti, queste politiche, siano fatti per puri interessi elettorali è alquanto palese.

Per quanto riguarda la repressione del dissenso sono state praticamente raddoppiate tutte le pene per chi, durante manifestazioni pubbliche, compie atti che potrebbero comportare un pericolo della sicurezza dei partecipanti come il travisamento, l'utilizzo di petardi o fuochi e ed è stata aggravata la posizione per i condannati per devastazione e saccheggio.
Devastazione sono le grandi opere come il tav o il disastro del ponte Morandi, e saccheggio è l'ilva di Taranto o le tangenti legate alle grandi opere.

Il decreto Sicurezza bis ha inoltre introdotto l'obbligo di comunicare all'autorità di pubblica sicurezza entro le ventiquattro ore, le generalità delle persone ospitate negli alberghi o in altre strutture recettive. Un passo avanti verso il grande fratello.

Sul tema repressione vogliamo ricordare che è dai fatti di Genova del 2001, dove lo stato italiano è stato condannato dai tribunali internazionali per tortura per i fatti della scuola Diaz o della caserma di Bolzaneto che si è più volte chiesto, oltre ad un'assunzione di responsabilità, una legge che la rendesse illegale e parallelamente è da molto che si chiede che le forze dell'ordine siano dotate dei numeri identificativi, come tra l'altra accade in quasi tutti i paesi europei.

Ma la risposta è che la sicurezza è un fatto unidirezionale.

Significativa è la storia di Paolo Scaroni che nel 2005 è stato macellato dalle fdo in stazione a Verona dopo la partita Verona Brescia e reso invalido al cento per cento e che, dopo quattordici anni non abbia visto alcuna condanna per i suoi carnefici. A luglio sono stati assolti per insufficienza di prove ed ha avuto un risarcimento di più di un milione di euro.

Lo stato che si assolve e che è pronto a pagare un rimborso, perché la vita delle persone, siano esse migranti, solidali o vittime di soprusi per lo stato è una mera questione economica.

La solidarietà espressa e praticata da chi lotta per un futuro migliore, non può essere monetizzata, troppo alti sono quei sentimenti di libertà e solidarietà, troppa è l'umanità per questa classe politica ben rappresentata da chi, con la bava alla bocca, brama sicurezza trovando sempre nel più povero il nemico da combattere.

Un pensiero per tante e tante riflessioni.

Valsabbin* Refrattar*
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID81673 - 19/08/2019 22:25:59 (Avvocato)
A mali estremi ; estremi rimedi ! Quindi il decreto va bene cosi


ID81674 - 19/08/2019 23:03:22 (axste) axste
la legge prevede che si puo entrare in italia ESCLUSIVAMENTE ATTRAVERSO LE DOGANE E CON DOCUMENTI LEGALI E VALIDI ....altri metodi sono esclusi...e questo e valido anche per i paesi extracomunitari di tutto il mondo.. chi viene in italia si deve sottomettere alle leggi italiane in altro modo non ha diritto di restarci neanche un minuto in piu' il diritto va al profugo reale e non ad un immigrato in cerca di fortuna che non rispetta la prima regola del immigrazione


ID81676 - 20/08/2019 09:02:23 (DiegoA) Va bene
Altro articolo marcatamente sinistroso e va bene. Ci siamo abituati ormai e ce ne facciamo una ragione. Per lei si offre solidarieta per me si trattano vite umane. Ammalati non ammalati, minorenni non minorenni e profughi non profughi (ovvero clandestini). L’importante è essere solidali che riempie bene la bocca. Ma ripeto ormai ci siamo abituati. La domanda che volevo fare riguarda il fatto che non è di vostra competenza l’operato di Mattarella e quindi lasciate stare le valutazioni mentre articoli su articoli in merito al operato del Ministro degli interni. Ecco. Perché?


ID81677 - 20/08/2019 09:10:31 (doc)
L' ho detto e lo ripeto. Il problema lo spopolamento dei nostri paesi non l' immigrazione. Sempre meno, sempre pi insignificanti,sempre pi vecchi.Ma di pura razza ariana!


ID81678 - 20/08/2019 11:15:28 (Venturellimario)
Giusto, quindi riempiamoci di clandestini invece di agevolare le famiglie nostrane a fare figli.Nelle nazioni dove le famiglie vengono aiutate economicamente e con servizi questo problema non c’è , fatti un po’ una domanda sui governi precedenti che anche su questo hanno tolto ( in tutti i sensi, vedi Bibbiano) la possibilità di fare figli


ID81680 - 20/08/2019 13:08:01 (gabrieleamigoni)
Ma sbaglio o avevo letto qualche tempo fa che venivano accettati articoli di qualunque pensiero politico se firmati? A me sembra invece che gli articoli e i commenti vanno bene anche in forma anonima se stanno bene alla direzione, l'importante che siano di sinistra.Attenzione che a forza di virare a sinistra, poi ci si ritrova a destra...


ID81681 - 20/08/2019 13:08:41 (gabrieleamigoni)
ovviamente mi rifiuto di leggere l'articolo


ID81683 - 20/08/2019 14:25:38 (Ila77)
Per fare un decreto del genere non ci vuole nulla, nessuna capacità, ed in un anno e mezzo si è abbaiato solo ai porti chiusi, al fine di far breccia nei cuori dei burini qui sopra. Poi all'orizzonte si è cominciato ad intravedere lo spauracchio dell'aumento dell'IVA, allora via come i conigli, perchè trovare soluzioni a quello è molto più difficile, ci vogliono intelligenza e studio, non basta un selfie in spiaggia. Meglio far fare ad altri, lasciare i buchi e poi dire che i cattivi sono quelli che devono rimediare ai governi ignoranti come fu con Berlusconi.


ID81684 - 20/08/2019 14:31:44 (doc)
Commenti un articolo,caro Gabriele,senza prima averlo letto? Grande! A proposito, visto che da anni partecipi alle dispuste su VSN, dovresti sapere che io , Doc, sono Giuseppe Formenti e di professione faccio il medico. Come tale ti dico che fare o non fare figli dipende ben poco dai sussidi e dagli interventi pubblici che peraltro si riducono sempre più man mano che il governo si sposta a dx, ma dall' edonismo e dall'egoismo imperante. Io ho tre figli e alcuni nipoti, ho fatto quindi la mia parte e tu?


ID81685 - 20/08/2019 14:38:11 (doc)
A Venturelli volevo dire che accostere il Pd ai gravi episodi di Bibbiano è frutto di scarsa conoscenza dei fatti e quindi di "ignoranza" Smettila di nutrirti di notizie fasulle e informati .


ID81686 - 20/08/2019 14:50:34 (ubaldo) Sbagliato gabrieleamigoni
Vallesabbianews sa bene chi c'è dietro al nic valsabbin* refrattar* e questo basta. Invece che ripetersi in modo stucchevole senza aggiungere nulla alla discussione, provi anche lei ad inviarci qualche sua opinione o riflessione, non articoli perché quelli sono altra cosa. Così vedrà meglio come funziona.


ID81687 - 20/08/2019 16:09:02 (Avvocato)
Ci sono persone valide anche con credo politico di sinistra ... Importante non lasciarsi prendere troppo dalle ideoligie


ID81688 - 20/08/2019 16:13:32 (bernardofreddi)
D'accordo che la polizia non deve manganellare senza motivo (tra l'altro verso i fascisti non vedo particolare accanimento: forse sono più furbi degli "antagonisti" che i motivi glieli forniscono regolarmente). Però vorrei sapere da quando in qua travisarsi e compiere atti di devastazione e saccheggio è diventato un diritto civile tutelato dalla Costituzione e da tutte le convenzioni indicate. Ci si può magari "esprimere" in modi che non mettano di mezzo i beni e la incolumità altrui (ah, già: le manifestazioni pacifiche richiedono partecipazioni di massa, non permettono di sopperire al consenso con il casino). Per il resto, comprensibili le preoccupazioni per i clandestini, ma mi sembra che, come spesso accade in certe posizioni estreme, si finisca per non distinguere la repressione politica dalla lotta alla delinquenza (compresa quella degli scafisti, che non sono mossi dalla pietà, come non lo sono i caporali che sfruttano i


ID81689 - 20/08/2019 16:24:19 (Avvocato)
Comunque sarebbe meglio se fosse noto anche ai lerrori l'identità di chi si nasconde dietro la sigla valsabbin refrattar ,magari ci sono ottime persone e sarebbero più attendibili e condivisibili i loro articoli a osservazioni ecc mentre cosi hanno credibilità zero e attirano commenti inutili


ID81690 - 20/08/2019 16:29:31 (Avvocato)
PS ammiro DOCalias dottor Giuseppe formenti anche se non lo conosco


ID81691 - 20/08/2019 18:44:28 (gabrieleamigoni)
Se mai dovessi scrivere un articolo lo invierò ad un testata non faziosa, che è ben altra cosa...


ID81692 - 20/08/2019 18:54:22 (gabrieleamigoni) per doc
Per principio non leggo articoli pseudo politici come questo su questa "testata", quindi non posso aggiungere nessuna riflessione o pensiero in merito all'articolo.


ID81693 - 20/08/2019 19:42:13 (ubaldo) Bene gabrieleamigoni
Visto che lei si sta dimostrando un troll che commenta opinioni che nemmeno legge, per altro denigrando la testa su cui vengono pubblicati, io le tolgo la possibilità di inserire altri commenti. Saluti


ID81695 - 20/08/2019 20:51:27 (robixxx) Curiosita’
Si puo sapere chi sarebbero questi Valsabbin* refrattar* , cos’e’? Un gruppo, un’ associazione? Perché tanto vale scrivere anonimo che firmarsi così..


ID81696 - 20/08/2019 21:04:39 (robixxx) Parere
Ad ogni modo x me il problema sono le ONG. Le abolirei x legge


ID81697 - 20/08/2019 21:49:48 (Denis66)
Mi spiace ma il tanto temuto ma messo all ordine del giorno[aprile] aumento Dell IVA, era stato fatto dall attuale governo, prima delle elezioni Europee,



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
03/03/2019 08:42:00
Decreto «insicurezza», pronti via! Neanche il tempo di terminare le riflessioni sul tema e sono subito arrivati i primi effetti nefasti del decreto n. 113 il cosiddetto "decreto sicurezza" approvato lo scorso 5 ottobre e analizzato in tre articoli su questo giornale

06/02/2019 17:39:00
Decreto «insicurezza»: la questione migrante «Con questo terzo intervento continuiamo l’analisi delle norme contenute nel decreto sicurezza, approvato lo scorso dicembre, soffermandoci su quell’aspetto di “lotta all’immigrazione” in esso contenuto»...

25/01/2019 07:17:00
Decreto «insicurezza» Tre articoli con l’intenzione di smontare pezzo per pezzo «l’alone propagandistico che circonda il “Decreto sicurezza”. Ce li manda il “gruppo di discussione Valsabbin* Refrattar*”. Pubblichiamo il primo

31/01/2019 07:30:00
Decreto sicurezza: caccia al povero Tre articoli con l’intenzione di smontare pezzo per pezzo «l’alone propagandistico che circonda il “Decreto sicurezza”. Ce li manda il “gruppo di discussione Valsabbin* Refrattar*”. Pubblichiamo il secondo

19/04/2017 14:48:00
Il Decreto Minniti è una soluzione? Negli scorsi giorni il Parlamento ha dato il primo via libera al Decreto Minniti sull’immigrazione. Il provvedimento intende rispondere a delle esplicite richieste della Commissione europea di un’azione più efficace sui rimpatri e nella gestione dei richiedenti asilo



Altre da Valsabbia
18/08/2019

Controlli serrati

In due mezze giornate gli agenti della locale della Valle Sabbia, piazzatisi a Vestone, hanno rilevato numerose contravvenzioni

16/08/2019

La Fanfara Alpina Tridentina a Mosca

Ci saranno anche alpini valsabbini e gardesani della “Monte Suello” fra i componenti della Fanfara in partenza per la capitale russa per partecipare al XII Festival internazionale di musica militare «Spasskaya Tower»

16/08/2019

La difesa del lago val bene... una corsa

Si tratta della “Corsa per la vita del lago d’Idro e del suo fiume Chiese”, proposta degli Amici della Terra giunta alla sua terza edizione

16/08/2019

«L'intesa è solo per poter sfruttare la risorsa idrica»

Così il Consigliere provinciale trentino Alex Marini (5Stelle), nel fare il punto ferragostiano sullo sfruttamento idrico del Chiese e del lago d'Idro, per come è visto in sede Pat e al Pirellone
(1)

15/08/2019

«Broken» chiude il tris di Ferragosto

A conclusione della rassegna di eventi promossa in Rocca d’Anfo questo venerdì sera – 16 agosto – la proiezione del film vincitore del FilmFestival del Garda 2019 

14/08/2019

Aspettando Memorie di Terra

Terminati i “Viaggi d’acqua”, la prima parte di Acque e Terre Festival, ecco pronta la seconda parte, che quest’anno andrà in scena dal 30 agosto al 4 ottobre

14/08/2019

Una premessa sbagliata

Perché lo studio di fattibilità per la depurazione delle fognature dei comuni gardesani ha preso in considerazione solo soluzioni fuori dal bacino del Garda? Dubbi sulla sostenibilità economica del progetto (4)

14/08/2019

Ecco il progetto di Acque Bresciane

Dopo pressanti richieste l’Autorità d’Ambito ha reso noto il progetto di depurazione per i reflui dei Comuni gardesani che prevede due depuratori a Gavardo e Montichiari. Il 10 settembre il confronto con i Comuni del Chiese (17)

12/08/2019

120 mila euro per le associazioni del territorio

Aperti fino al 16 settembre i nuovi bandi per il sostegno di investimenti materiali e per il sostegno di progetti in ambito formativo-culturale e sociale

12/08/2019

Vestone-Idro, lavori nella primavera 2020

L’annuncio del consigliere delegato alle infrastrutture della Provincia di Brescia Antonio Bazzani, che nell’ultimo consiglio provinciale ha ripercorso il travagliato iter dell’opera (24)

Eventi

<<Agosto 2019>>
LMMGVSD
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia