Skin ADV
Domenica 23 Aprile 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    




22.04.2017 Vobarno

21.04.2017 Gavardo

22.04.2017 Vestone

21.04.2017 Bione

21.04.2017 Provincia

21.04.2017 Gavardo

22.04.2017 Bagolino

23.04.2017 Mura

21.04.2017 Salò

22.04.2017 Bagolino



19 Aprile 2017, 07.32
Salò Garda Valtenesi
Arte

Latente

di Ilaria Bignotti
"Manifesto per un dadaismo ludico/lirico" è il titolo di una mostra dell'artista gardesano Albano Morandi allestita in questi giorni a Bucarest, fino al 20 maggio. Ce la descrive Ilaria Bignotti

 Albano Morandi. LATENTE
 
Tutta la ricerca di Albano Morandi credo possa essere letta attraverso la condizione, che si traduce in pratica e metodologia creativa, di latenza: le sue opere, che siano un singolo lavoro autonomamente conchiuso, o installazioni ambientali di diverse dimensioni – e invasioni – dello spazio, o cicli di immagini in dialogo a partire da un tema che si moltiplica in “enne” variazioni, sempre scaturiscono da, e conducono a, un processo di apparizione mai risolta, rivelamento mai definitivo, riconoscimento mai dichiarato.

Latente, lo dice la parola stessa, indica un’azione ancora in fieri: il suo padre etimologico, il verbo latino “latere”, suggerisce qualcosa che sta nascosto, ma potrebbe affiorare; che si trova al di sotto, ma in qualche modo emerge; qualcosa che turba, disturba, sovverte pur restando in uno stato di tensione potenziale, di quiete vagamente inquietante.

Ossimoricamente, latente è ciò che appare nascondendosi: potrebbe palesarsi al nostrosguardo, potrebbe restare per sempre confinato in una zona di in-between tra la visione e l’inconscio.

La pratica del surrealismo, come continua sedimentazione, emersione, e provocazione dell’immagine che a diversi livelli suggestiona, ispira, sprona l’occhio-mente del riguardante, gli appartiene e si fonde con quel dadaismo sospeso, mai aggressivo ma fortemente sollecitante, che tutte le sue opere di fatto contengono, dalla loro genesi alla loro composizione e relazione con il pubblico.

Forse per questo motivo l’artista elabora un Manifesto, inteso come testo e progetto espositivo che dichiari con programmatica chiarezza la posizione assunta; e subito ne contraddice gli intenti, definendolo “per un dadaismo ludico lirico" (in Albano Morandi, Manifesto per un dadaismo ludico lirico, La Compagnia della Stampa-Massetti Rodella Editori, 2006).

Osserviamo le opere di Morandi, oggi esposte a Bucarest, nella sede di Victoria Art – Center for Contemporary Cultural Production.

Song for Stella è un’ampia installazione che, a prima vista, coinvolge il riguardante in un godimento estetico: le ritmie cromatiche, i diversi aggettamenti e le emergenze sculturali dei vari elementi compositivi, il gioco tra pieno e vuoto, la tessitura del supporto a colpi di interventi plastici, ci invitano a riflettere sul dialogo latente tra Morandi e Frank Stella, poeta di un’astrazione rigorosa, che Morandi sente però pronta a scivolare “dall’hard al soft edge”, traducendola in una disseminazione di elementi che punteggiano e misurano, a colpi immaginifici, lo spazio.
Altrove, opere di maggiori dimensioni e in sé conchiuse, accolgono stratificazioni di corpi visuali provenienti da altre narrazioni culturali, da tempi diversi, in una possibile ricongiunzione linguistica e sensoriale-emotiva di lacerti trovati, tra le pieghe di una strada, o nell’incontro con amici e maestri, artisti e poeti.

In questa alchemica, osmotica composizione affettiva
sul tavolo anatomico della pittura, Morandi esaspera quel principio di latenza delle immagini – che ancora non vediamo, ma che sono lì, pronte a uscire al nostro sguardo interiore – e dei legami – che ancora non riconosciamo pienamente, ma in qualche modo avvertiamo, come perturbanti presenze sotterranee – che in un’unica, altra parola, potremmo definire affinità visuali, poetiche, empatiche tra gli oggetti trovati dall’occhio prensile dell’artista.

Vicino alle pratiche surrealiste, nel tentativo di dichiarare una rinnovata libertà e liberazione dell’uomo di trovare personali, incalzanti legami inconsci tra i fatti e le cose del mondo, Albano Morandi pratica una flânerie creativa che non si pone né un punto di partenza, né un approdo definitivo.
 
Ilaria Bignotti
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
11/08/2016 10:10:00
Mater Dei, Da Mistero rivelato a maternità come essenza Aspettando l'11^ edizione di Meccaniche della Meraviglia


16/05/2015 19:27:00
Dieci anni di Meccaniche della Meraviglia Questa domenica tre inaugurazioni della mostra itinerante di arte contemporanea curata da Fondazione Leonesio a San Felice del Benaco, Villanuova sul Clisi e Bedizzole

07/09/2012 10:05:00
A Vobarno con Albano Morandi L'artista, che vive e lavora alla Raffa, sarà l'ospite d'onore questa sera in biblioteca a Vobarno. Con lui ci saranno Paolo Bolpagni e Nunzia Vallini.

04/09/2012 12:00:00
L’arte di Albano Morandi Venerdì sera nella biblioteca di Vobarno l'incontro con l'artista gardesano che ha saputo imporsi all'attenzione nazionale ed internazionale attraverso un percorso artistico variegato, intriso di forte personalità.

07/02/2014 07:27:00
Il fascismo latente che è molto più insidioso della democrazia in Italia oggi




Altre da Valtenesi
17/04/2017

Al via la terza Stagione concertistica della Valtenesi

Carminis Cantores, con il patrocinio di quattro Comuni della Valtenesi, propongono quattro appuntamenti musicali in altrettanti posti suggestivi delle colline moreniche


13/04/2017

Utilizzi motoseghe? Formati

Ellegi Service di Roè Volciano organizza un corso di Formazione per l'utilizzo in sicurezza di motoseghe

10/04/2017

Basta con gli abbandoni

«A San Felice non è stata organizzata alcuna azione preventiva per limitare il problema dell'abbandono di rifiuti sul territorio, dopo l'introduzione del sistema porta a porta». Se ne lamenta la minoranza di "Idee in Comune" (2)

10/04/2017

Il coraggio di educare

Li incontro quasi ogni giorno ormai, andando nelle scuole e parlando con loro di Internet, dei social, delle attività che si fanno e dei rischi che si possono correre in rete...

10/04/2017

Tutto pronto per il 730?

Chi ha tempo non aspetti tempo: già dal primo di aprile è aperto al civico 19 di via Calchera, a Villanuova sul Clisi, il Centro CAF dello Studio Integrato Servizi Globali 

09/04/2017

Non è sempre la stessa musica

Vi racconto una bella storia. C’era una volta, e c’è ancora, l’Orchestra sinfonica “Esagramma” di Milano, che da trent’anni gira il mondo portando la sua musica...

08/04/2017

Commemorazione della morte di Gesù

Martedì 11 aprile i Testimoni di Geova della Valsabbia e della Valtenesi ricordano la morte di Gesù

07/04/2017

Abusi, quattro denunciati a Puegnago

Stavano seppellendo abusivamente rifiuti derivanti da una demolizione e neppure quella era autorizzata. In quattro finiscono nei guai  (7)

06/04/2017

I diritti umani

La Fondazione Guido Piccini che ha sede a Terzago di Calvagese, premia le tesi che si occupano di "diritti umani, tra riconoscimento, tutela e violazioni". Mille euro per il vincitore. Il bando

06/04/2017

Vuoi guidare il «muletto»?

Ultimi posti disponibili per partecipare al corso che abilita alla conduzione di carrelli industriali semoventi. Una proposta di Ellegi Service

Eventi

<<Aprile 2017>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia