Skin ADV
Giovedì 23 Marzo 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


Sale la nebbia

Sale la nebbia

di Michele Panzera



21.03.2017 Bagolino Valsabbia

22.03.2017 Vestone Valsabbia

21.03.2017 Bione Agnosine Odolo Preseglie Valsabbia

22.03.2017 Agnosine

21.03.2017 Bione

23.03.2017 Valsabbia

21.03.2017 Vobarno

22.03.2017 Valsabbia Provincia

21.03.2017 Casto

23.03.2017 Prevalle Valsabbia



19 Marzo 2017, 10.38
Lavenone
Pagine di storia

Di Giuseppe Montesanto mantovano e di ciò ch'egli operò.

di Guido Assoni
“Volgendo lo sguardo a quel seggio sul quale assiduo fra noi sedeva chi non è più, vi sorge il pensiero della grave perdita che fece la nostra Accademia, che fece la classe medica e la città tutta”
 
Trattasi di memorie lette nella seduta del 22/12/1840 dell’Imperial Regia Accademia di scienze, lettere ed arti di Padova da Giovanni Maria Zecchinelli in ricordo dell’amico-collega scomparso un anno prima ed esattamente il 23/12/1839.

Un vero e proprio tributo d’amore e di stima, tra l’altro ricco di documentazione inerente i molteplici incarichi e onorificenze conferite al Dott. Giuseppe Montesanto dopo la laurea di dottore in medicina e filosofia conseguita il 12/05/1800 all’Università di Padova.

Dalla nomina governativa quale membro della Commissione medica composta da diversi docenti dell’I.R. Università incaricata di eseguire i primi pubblici innesti di vaccino nelle province venete all’incarico di catalogazione della biblioteca del conte Gio. Battista Gaburri consistente in ottomila volumi di medicina, storia e arte proveniente da Parigi.

Dalla nomina a medico dell’Ospedale civile e militare, a quella a membro della direzione di polizia medica presso l’Università di Padova.

Da ripetitore della cattedra di clinica medica dell’Università patavina ad assistente e quindi supplente alla medesima cattedra.

E ancora da medico ispettore sanitario dell’Ospedale civile a professore di storia e di letteratura medica a direttore della Congregazione di carità di Padova.

E via discorrendo.

Medico profondamente erudito e di ingegno vivace, non lasciò opere voluminose, ma numerose memorie accademiche e dissertazioni di vario argomento e principalmente di dottrina medica e di medicina pratica, relazioni, riflessioni, rapporti, trattati medici e considerazioni storico-critiche.

Ciò che più mi ha sorpreso in questa dissertazione è il fatto che Giuseppe Montesanto, nato a Mantova il 05 agosto 1779, dopo aver concluso il corso di studi letterali e filosofici al ginnasio della sua città e dopo aver incominciato ad applicarsi a quelli di legge, essendo la fortezza di Mantova minacciata d’assedio dalle armate francesi, “la madre sua fecelo uscire dalla città e lo mandò presso il padre che, per affari, trovavasi nel villaggio di Lavenone in Valsabbia, nella provincia di Brescia”.

La sua gioviale intraprendenza
lo rese piacevole a tutti gli abitanti e, per il fatto di conoscere la lingua tedesca funse, seppur ancor molto giovane, da interprete presso le truppe austriache sbandate o in fuga verso il Tirolo durante la campagna d’Italia di Napoleone.

In Lavenone visse due anni, dal 1796 al 1798, in casa del medico Giacomo Santo Comparoni, titolare della locale condotta medica, il quale gli ispirò amore per la medicina tanto da distoglierlo dal suo primo proponimento.

Il Dott. Comparoni, nato a Vestone nel 1744
, visse da protagonista i capovolgimenti politico-militari del 1797 quale “aggiunto conferente” dello Stato Maggiore degli armati valsabbini mentre il suo parente, notaio Gio. Battista (detto “el sop” per il fatto di essere claudicante) si distinse nella difesa di Vestone con il grado di capitano.

Teniamo sempre presente che la mentalità valligiana era fortemente conservatrice e legata al governo illuminato della Serenissima con la quale aveva intrattenuto ottimi rapporti e grazie alla quale aveva sperimentato nei secoli un vero rinascimento d’arte e cultura.
Nel 1798 l’università di Padova offrì sicuro asilo agli studiosi sotto il dominio austriaco e dunque, Giuseppe Montesanto si recò per la prima volta a Padova dove rimase per tutta la vita.

Essendo suddito della filo-giacobina Repubblica Cisalpina, venne ammesso all’Accademia dal Governo Generale di Venezia.
Intanto il suo mecenate, Giacomo Santo Comparoni, passata la bufera politica, nel 1805 diede alle stampe “La Storia delle Valli Trompia e Sabbia”, opera postuma del padre Gian Pietro, anch’egli medico, aggiungendovi una propria dedicatoria e una prefazione.

Quest’opera, che venne poi ristampata nel 1892 dallo storico Gabriele Rosa
, suscitò aspri commenti e polemiche da parte di religiosi e storici del XX secolo che ne rivendicavano l’attribuzione a Don Giov. Maria Biemmi da Goglione Sopra.
Da un suo manoscritto, il medico Gian Pietro Comparoni, avrebbe attinto a piene mani.

Ritornando infine al Dott. Giovanni Maria Zecchinelli che aveva dedicato al suo defunto amico questa grande attestazione d’amore e di stima, non erano trascorsi tre mesi che pur’egli venne repentinamente a morire il 18/03/1841 passando “dal luogo degli effetti alla ragion delle cause, dalla sede delle fallacie al trono di quella Verità ch’egli (riferito all’amico Montesanto) aveva cotanto adorato”.
 
Guido Assoni
 
Note bibliografiche:
Giovanni Maria Zecchinelli: “Di Giuseppe Montesanto mantovano e di ciò ch’egli operò. Racconto letto nella seduta XXII dicembre MDCCCXI dell’I.R. Accademia di Scienze Lettere ed Arti di Padova”;
Paolo Zannini: “Biografia di Giuseppe Montesanto”;
Giovanni Baronchelli: “La Venezianità di Valle Sabbia e contesti viciniori nei moti insurrezionali antifrancesi del 1797”;
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
28/03/2016 11:10:00
Giuseppe Verginella e Giorgio Robustelli. Una tragica amicizia La storia di un personaggio geniale, audace e dirompente. Triestino d'origine, fece il capopartigiano nel bresciano


23/12/2006 00:00:00
I Ròc, ovvero quelli di casa Agostini Vallio come Lubecca e il Vrenda come il Trave? Forse, ma naturalmente manca il mar Baltico e soprattutto mancano Thomas Mann e quel Nobel per la letteratura che la storia dei Buddenbrook gli fece conquistare nel 1929.

13/03/2016 10:08:00
Il Maggiore Giuseppe Moneta di Vestone Fu comandante del 1° battaglione del 77° Reggimento di fanteria della Divisione “Lupi di Toscana” sul fronte greco-albanese

07/03/2017 07:15:00
Angelo Del Bello – Un processo partigiano Negli ultimi tempi la storiografia ha compiuto alcuni passi in avanti nella ricerca di quel che possiamo ragionevolmente considerare come “vero”

12/01/2014 09:04:00
Il Santuario della Madonna del Visello In un quieto bosco di quella parte della valle nota come la “Conca d’oro”, nel comune di Preseglie, un paese che ha avuto una storia amministrativa, economica ed umana di notevole spessore, sorge il santuario della “Madonna del Visello”.



Altre da Lavenone
15/03/2017

Fra apparizioni e miracoli -2

Al devoto Bonfadino de' Dossi accadde di vedere la Madonna, un giorno del 1522 mentre portava al pascolo le sue bestie in località Visello a Preseglie e pregava per la conversione dei suoi compaesani...

20/02/2017

Simona Frapporti argento mondiale

La pistard valsabbina ha contribuito a conquistare il secondo posto nell’Inseguimento a squadre femminile alla finale della gara di Coppa del Mondo su pista di Cali, in Colombia (2)

19/02/2017

Includere è un'arte

Sedici appuntamenti con 27 artisti, per abbattere tutte le barriere. Un progetto di inclusione "targato" Cogess e "Via Glisenti 43". Si comincia il prossimo mercoledì

19/02/2017

...ovvero l'arte dell'includere

Sollecitato dal dottor Monchieri, fra gli organizzatori dell'iniziativa, ecco cosa ha scritto in merito all'iniziativa di Cogess e di Via Glisenti 43 il "nostro" Beppe Biati

14/02/2017

Gli 86 di Irma

Tanti auguri a Irma Savadori, di Lavenone, che proprio oggi, 14 febbraio, compie 86 anni

12/02/2017

Respinta la sospensiva dell'appalto

La Seconda Sezione del Tar di Brescia ha respinto la richiesta di misura cautelare presentata da Collini Lavori Spa,che sollecitava l’annullamento dell’assegnazione della gara indetta dalla Provincia di Brescia. Il ricorso il prossimo 17 maggio
(12)

07/02/2017

Ribaltamento sulla strada

Nessuna conseguenze per il conducente dell'auto che di prima mattina si è ribaltata mentre scendeva lungo la 237 del Caffaro, in territorio di Lavenone

06/02/2017

Malachia De Cristoforis e gli ospedali da campo nel 1859

“Mentre rispettiamo i trattati non siamo insensibili al grido di dolore che da tante parti d'Italia si leva verso di noi”. Così, il 10 gennaio 1859, Vittorio Emanuele II, monarca del Regno di Sardegna si rivolse al Parlamento piemontese



14/01/2017

Occhio al ghiaccio

Brutta avventura ieri per un quarantenne lumezzanese che è finito fuori strada mentre scendeva lungo la 237 del Caffaro, fra Lavenone e Vestone (1)

11/01/2017

Gasolio nel Chiese

Una macchia oleosa ha galleggiato per un po' sull'acqua del fiume e nell'aria c'era anche l'inconfondibile odore di gasolio. Il soprallogo dei vigili però non ha avuto esito 

Eventi

<<Marzo 2017>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia