Skin ADV
Giovedì 23 Febbraio 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]



 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE


Primavera in anticipo

Primavera in anticipo

di Samuele Bianchi





22 Febbraio 2017, 18.44
Salò Valsabbia
Storia

Salò chiama Budapest, ricordando il 1956

di red.
Al Fermi di Salò, ha avuto luogo una interessante conferenza che ha ripercorso i tragici eventi della rivoluzione ungherese. Vicissitudini che ebbero grande eco anche in Italia

Appuntamento di quelli da non perdere quello di martedì mattina, 21 febbraio, al Liceo “Enrico Fermi” di Salò: presenti il professor István Puskás, docente di letteratura italiana presso l’Università di Debrecen nonché direttore dell’Accademia ungherese di Roma, e il signor Pino Esposito, già Console d’Italia in Ungheria, il regista Gilberto Martinelli ha presentato il suo ultimo lavoro: “MCMLVI” – ovvero “Millenovecentocinquantasei” –, un film documentario dedicato alle vicende vissute dai profughi della Rivoluzione ungherese di quell’anno cruciale per la storia d’Europa.

«Da italiano – ha dichiarato l’autore – non ho voluto produrre l’ennesimo documentario sulla Rivoluzione ungherese, sulla quale tanto è stato scritto e detto; ho preferito ricostruire lungo il filo della memoria le vicende vissute dalle migliaia di magiari che, per scelta o per necessità, abbandonarono la loro terra dopo i tragici eventi di quel lontano novembre e furono accolti nel nostro Paese, in particolare a Roma, città che ecumenicamente tutti accoglie e che – come recita un nostro proverbio – “non è mai matrigna”».

Ad organizzare l'iniziativa
, fatta propria dai docenti dell’area di Storia e Filosofia, il professor Fabrizio Galvagni, membro del direttivo dell’Ateneo di Salò e socio, tra l’altro, dell’Associazione di amicizia italo-ungherese “Garda-Balaton”, da sempre attento a tutte le iniziative e a tutte le sollecitazioni culturali che arrivano da quella che un tempo era detta “Europa orientale” ed in particolare dall’Ungheria.

Dopo i saluti del Vicepreside professor Marco Basile, in un auditorium gremito da una platea studentesca particolarmente attenta, il regista Gilberto Martinelli ha presentato il suo lavoro: “MCMLVI” è un film documentario che riporta innanzitutto la testimonianza dei tantissimi ungheresi giunti come profughi in Italia, soprattutto a Roma, fuggiti dopo i giorni della rivoluzione, quando i carri armati russi riportarono l’ordine in Ungheria.

La notizia della rivolta del popolo ungherese, la statua di Stalin abbattuta a Budapest, l’aspirazione alla libertà del popolo magiaro, la durissima reazione sovietica, suscitarono vaste reazioni in Italia e nell’intera Europa.
Il dramma di Budapest segnò uno spartiacque indelebile nella coscienza di molti e soprattutto nella storia della sinistra italiana. 

Alla proiezione del film, ha fatto seguito un partecipato dibattito: studenti e insegnanti hanno rivolto le loro domande all’autore e al professor Puskás e hanno condiviso interessanti riflessioni.

Scheda:

Gilberto Martinelli,
romano, classe 1969, diplomato presso l’Istituto di Cinematografia di Stato per la Cinematografia e la Televisione “R.Rossellini” di Roma, una laurea in Ingegneria e una laurea umanistica, ha lavorato con alcuni con i più importanti registi italiani, ottenendo candidature al Nastro d'argento e al David di Donatello.

Attualmente è docente di Tecnica del suono e autore di numerose pubblicazioni in materia.
Particolarmente attento ai rapporti culturali che legano il nostro Paese alla nazione ungherese, ha pubblicato, tra l’altro, “Sandor Marai e Napoli - Il sapore amaro della libertà”, “Nel segno del tricolore” (dedicato alla figura del bresciano Alessandro Monti, comandante della Legione italiana che combatté a fianco degli Ungheresi nel 1849) e “Guido Romanelli missione a Budapest”. 
 
 






 

Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
29/05/2009 00:10:00
Alessandro Monti, chi era costui? Gli studenti della III F del Liceo Fermi di Salò hanno compiuto uno studio dell’eroe bresciano del Risorgimento, che ha avuto legami con l’Ungheria. La ricerca ha dato vita a una pubblicazione.

11/02/2016 17:14:00
Riconoscimento al Liceo Fermi di Salò Nel Giorno del Ricordo il consiglio regionale della Lombardia ha premiato Michele Ferrari, studente del Liceo Fermi di Salò, per un lavoro sulle Foibe e l'esodo giuliano-dalmata-istriano

15/11/2012 09:00:00
Baba Fulgenzio: dalla Tanzania a Salò Da sei anni il Liceo "Enrico Fermi" di Salò vive un'esperienza preziosa e rara: una sorta di "gemellaggio" con il Villaggio della Gioia.

26/02/2008 00:00:00
Quando Salò guardava alle stelle La figura del matematico e astronomo Giovanni Paolo Gallucci, grande scienziato del Cinquecento è stata tratteggiata dal prof. Pierluigi Pizzamiglio,docente presso l’Università Cattolica di Brescia, nel corso di una conferenza al liceo Fermi.

24/03/2010 07:33:00
Sull'onda di Facebook e di Vallesabbianews Leggere leggere leggere. Il piacere della lettura coinvolge anche il liceo Fermi di Salò che ha aderito ad un'iniziativa nata sul popolare social network




Altre da Terza Pagina
21/02/2017

«Il giorno in cui ricevetti la cartolina...»

Angelo Maccarinelli, prevallese, ci racconta alcuni dei suoi ricordi di guerra. Una storia che parla di fortuna e di destino, di coraggio e di determinazione

19/02/2017

...ovvero l'arte dell'includere

Sollecitato dal dottor Monchieri, fra gli organizzatori dell'iniziativa, ecco cosa ha scritto in merito all'iniziativa di Cogess e di Via Glisenti 43 il "nostro" Beppe Biati

19/02/2017

Il cielo in una stanza

“Qual è il libro che ti piace di più? Il libro che porteresti su un’isola deserta?” Il viso dei bambini si accende di una luce improvvisa...

17/02/2017

Trump, oltre il populismo

La seconda serata del ciclo di incontri Fabula Mundi ha offerto una panoramica sull’America di Trump, tra contraddizioni e nuove speranze

15/02/2017

Libere Radio e Tv in Giudicarie, solo ricordi dimenticati?

Mario Antolini Muson, scrittore e storico di Tione, ripercorre la stagione delle prime radio e tv locali ora scomparse di cui si sente la mancanza (1)

15/02/2017

Alberto Andrea Tomasini, re d'Italia

Ecco la storia straordinaria di un livemmese che nel lontano 1912, all'età di 18 anni, emigrò negli Stati Uniti d'America

14/02/2017

Gli extraterrestri

Perché sono venuti qui? Questo sarà un nuovo film sulla saga extraterrestre che animerà nuovamente le nostre esistenze (2)

12/02/2017

Dal sapere all'immagine

La cultura postmoderna è sempre più legata a una concezione “esteriore” e “tecnica” del sapere e dell’apprendimento frutto anche della diffusione di nuove tecnologie. Quali le conseguenze?
(3)

12/02/2017

Perché la condanna di Madoff è dunque «giusta»

Alla dimensione intellettuale astratta la condanna di Madoff è giusta in quanto ogni azione che mette a repentaglio la sopravvivenza sociale minaccia la sopravvivenza privata (9)

12/02/2017

Piccolo grande amore

Cari, bambini, martedì 14 febbraio è San Valentino, la festa degli innamorati. In questo giorno gli innamorati si scambiano regali e messaggi (una volta attraverso le lettere o i bigliettini, adesso su smartphone o tablet, sperando di non sbagliare gli indirizzi…)

Eventi

<<Febbraio 2017>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia