04 Aprile 2009, 00.00
Agnosine
Mtb Agnosine

Prova di carattere alla 24h di Messina

La lunga ed impegnativa trasferta che ha portato il team valsabbino dell’MTB Agnosine ad attraversare tutto lo stivale italiano sino a sbarcare sull’isola siciliana si conclusa solo al rientro del camper con i bagagli e l’assistenza tecnica.

La lunga ed impegnativa trasferta che ha portato il team valsabbino dell’MTB Agnosine ad attraversare tutto lo stivale italiano sino a sbarcare sull’isola siciliana si è conclusa solo al rientro del camper con i bagagli e l’assistenza tecnica del team.
Alla prima prova della 24H Cup, corsa tra sabato e domenica scorsi a Patti, nella caratteristica località di Porticella, su di un balcone naturale affacciato sul golfo dinanzi le isole Eolie è successo proprio di tutto.
Un tracciato molto nervoso, divertente e selettivo ha messo a dura prova i partecipanti.
Continui colpi di scena e imprevisti hanno caratterizzato la settima edizione della 24 ore più a sud d’Italia che quest’anno veniva proposta con qualche mese di anticipo rispetto le passate edizioni per evitare il periodo più caldo dell’anno.

L’MTB Agnosine ha fatto enormi sforzi per poter essere presente anche qui, dando dimostrazione di essere una solida società, caparbia nel mettere in pratica gli obbiettivi prefissati.
Infatti, dopo aver anticipato la partecipazione con una squadra a quattro componenti, solo negli ultimi giorni è riuscita finalmente a rendere concreta la voglia di presentarsi a Messina con una squadra da otto per poter puntare direttamente alla vittoria.
Ma la ciliegina sulla torta è stata la partecipazione di Mara Ebranati che si è aggregata nelle ultime ore alla spedizione con l’intenzione di partecipare alla gara in solitaria, per difendere quel titolo di ‘Solitaria Femminile’ conquistato duramente nell’edizione 2008 della 24H Cup e tentare di ripetere la bella vittoria ottenuta sempre l’anno scorso proprio qui a Patti.

Il via della gara è stato dato alle ore 11.00 di sabato e un caldo sole accompagnava pedalata dopo pedalata i bikers impegnati sul tracciato, quasi interamente sterrato, che con i suoi 6Km di lunghezza sfiorava i 150 mt di dislivello a giro, snodandosi attraverso le larghe strade che serpeggiavano sulle colline di Porticella ormai in fiore.
Da qui si veniva facilmente distratti dal luccichio delle cristalline acque del Mar Tirreno su cui si specchiava il cielo limpido. Ma da li a poco la gara prende il sopravvento sul paesaggio mozzafiato e sui profumi della terra siciliana.
Dopo il primo giro è il capitano della squadra schierata dall’MTB Agnosine, Francesco Lombardo, a presentarsi per primo sotto lo striscione d’arrivo con pochi secondi di vantaggio per dare il cambio al secondo frazionista.

Una gara che per le prime ore si è giocata sul filo dei secondi ma che dopo circa due ore di continui cambi e giri a ritmo serrato vede la squadra bresciana ad inseguire la prima posizione con circa tre minuti di ritardo. Mattia Zontini, Valerio Tonni, Massimiliano Rassega, Enrico Micheletti, Alessandro Trenti, Francesco Capretti e Nicola Benetelli si alternano al capitano Lombardo mantenendo un ritmo regolare e costante facendo la propria gara in attesa che le ore trascorrano e che alla lunga la fatica livelli i distacchi.
E così, allo scadere della settima ora, l’MTB Agnosine comincia una lenta e significante rimonta sulla squadra che li precede.
Pochi secondi per giro diventano minuti al termine dell’intera tornata e alle ore 20.00 della sera, quando la sera ha ormai oscurato il percorso e la gara si accingeva al giro di boa delle dodici ore, l’MTB Agnosine era nuovamente al comando con 1’ e 06’’.

Ma a questo punto un forte vento di scirocco, che da qualche ora imperversava sulla costa siciliana portando non pochi disagi all’accampamento dei partecipanti, ha costretto l’organizzazione dell’evento a sospendere per questioni di sicurezza la gara.
Decisione condivisa all’unanimità da tutti i partecipanti. Una decisione che a questo punto vedeva avvantaggiare Mara Ebranati che dopo una bella partenza si è vista sfilare dalle avversarie scivolando in quarta posizione con parecchi minuti di ritardo a causa di una non perfetta affinità con il percorso.
Seppure le condizioni fisiche fossero ancora buone le cattive condizioni meteo associate all’impervio tracciato hanno condizionato parecchio la prova dell’atleta portacolori dell’Agnosine che rammaricata meditava già da qualche ora il ritiro.

All’alba del giorno seguente una riunione tecnica dell’organizzazione ha prima verificato la ritrovata praticabilità del percorso ed ha così annunciato la decisione di riprendere la gara a partire dalle ore 8.00 per portare a termine le restanti quattro ore previste dalla manifestazione.
Ma la decisione della ripartenza è stata accompagnata dall’idea di ripartire tenendo buoni solamente i numeri di giri completati azzerando di fatto i distacchi di tempo.
Una decisione, quest’ultima, accettata da tutti ma contestata da molti.
L’azzeramento dei distacchi di tempo poteva portare vantaggi o svantaggi a seconda della posizione congelata dopo le prime nove ore di gara e se per i team a otto o quattro componenti poteva trattarsi di una decina di minuti al massimo, per i solitari che mediamente percorrevano un giro dai 25 ai 30 minuti, non è stata una così lieta notizia.

Da qui l’Agnosine riparte con la consapevolezza che ormai non si tratta più di una 24 ore, o almeno, della 24 ore che si è soliti correre o per la quale ci si era preparati.
Ma le decisioni sono ferme ed insindacabili e così ci si affretta a preparare nuovamente divise e mezzi meccanici dopo aver dormito e riposato tutta la notte.
Mara Ebranati decide di ripartire e, vistasi sfumare l’obbiettivo di un gradino del podio, entra in gara tranquilla e determinata a portare a termine il suo “allenamento” cercando di divertirsi e di godersi fino in fondo questa nuova esperienza.
I ragazzi della squadra a otto cercano di portare a termine le quattro ore rimaste limitando i distacchi dalla squadra che a questo punto li precede e che si trova a dover sfruttare le doti da sprinter dei suoi componenti migliori per poter contrastare una nuova rimonta dell’Agnosine.

Al traguardo gli otto bikers portacolori dell’MTB Agnosine, dentro e al di fuori del misterioso mondo dell’endurance, sono secondi con quattro minuti abbondanti di ritardo dal team che li precede ma conservano comunque un discreto vantaggio sulla giovane e tenace formazione dei padroni di casa della ‘Conad Tyndaris’ che ha combattuto con le gambe e con il cuore per tutta la gara.
Ma a regalare l’ultima emozione di questa insolita gara è proprio la nostra Mara Ebranati che giro dopo giro, una caduta dopo l’altra, si è sempre rialzata e con un ritmo da cross country è riuscita a guadagnare minuti su minuti sino a sfiorare l’aggancio con la terza posizione, conservata d’esperienza, anche grazie l’intervento provvidenziale della fortuna che ci ha messo la mano, dalla veterana delle 24 ore Anna Mei.
Soddisfatta e letteralmente gasata, Mara, mette in archivio un’altra bella prova che l’ha vista confrontarsi prima di tutto contro se stessa uscendo a testa alta dalla crisi del giorno prima e orgogliosa del suo risultato ottenuto con grinta.

“Sono contento e anche un po’ emozionato – sono le parole di Francesco Capretti, alla sua prima gara in una 24 ore con i colori dell’Agnosine – perché oggi più che mai ho avuto la conferma di essere entrato a far parte di un gruppo forte e serio. Una squadra che a differenza di molte altre si contraddistingue per il fatto di partecipare a questo tipo di manifestazioni con atleti tutti tesserati alla stessa società. Cosa non facile, soprattutto se si ha la consapevolezza di partecipare con ambizione di vittoria lottando con altre pretendenti molto competitive e pronte a tutto. Per questo motivo il risultato ottenuto qui in Sicilia ha per noi un grande significato.”

“Alla grande soddisfazione per il risultato ottenuto – racconta il giovane e sorprendente Nicola Benetelli – affianco un po’ di amarezza per la vittoria sfumata solo nelle ultime ore. Ma questo non fa altro che darci nuovi stimoli per i prossimi appuntamenti.”
Alessandro Trenti ha parole di ringraziamento verso gli avversari e verso la sua squadra “Volevo ringraziare a nome di tutta la squadra dell’Agnosine gli amici Luca Mariotti, Alessandro Terenghi, Maurizio Leonesio, Nicola Bazzani, Alessandro Dora, Pierluigi Guatta, Ferotti Paolo e Luca Adipietro che fino all’ultimo giro hanno combattuto con noi per contendersi la vittoria. Ed in fine volevo ringraziare la dirigenza e gli sponsor dell’MTB Agnosine per lo sforzo organizzativo, Cicli Piton per l’assistenza tecnica e meccanica e tutti i miei compagni di squadra, grandi atleti ma prima di tutto grandi persone che onorano sempre il forte spirito di gruppo che ci unisce.”

Comunicato Stampa A.S.D. MTB Agnosine


Aggiungi commento:

Vedi anche
26/09/2008 00:00

Trasferta romana per l'Mtb Agnosine per la 24h Cup Un camper, quattro biker e 594 chilometri di autostrada. Questi sono i primi numeri dell’impegnativa trasferta che i ragazzi dell’Mtb Agnosine affronteranno per partecipare questo week-end alla tappa conclusiva del circuito 24H Cup a Roma.

29/03/2009 00:00

24ore siciliana, Agnosine avanti a tutti Dopo nove ore combattutissime a causa di condizioni meteo proibitive stata sospesa la gara siciliana di Ponticelle. Al momento della sospensione al comando c'era l’MTB Agnosine con un vantaggio di un minuto e 6 secondi sulla Geopietra - Cicli Zaina.

01/06/2014 00:19

Fuori strada con la Passat Ha fatto tutto da solo, uscendo dritto sulla sinistra invece che percorrere la lunga curva che in quel punto della Sp 79, in territorio di Agnosine, gira a destra

24/04/2015 15:49

15ª Agnosine Bike, tanti campioni e le emozioni del vero XC Dai campioni del Titici Factory Team LGL a quelli della Carbonhubo, dal Bi&Esse Carrera al Cicli Olympia Andreis, dallo Scott Racing Team sino ad arrivare alla giovane promessa azzurra Chiara Teocchi della Bianchi i.Dro Drain

09/10/2010 09:20

Agnosine Bike col vento in poppa Con una splendida rimonta il team valsabbino risale sino alla seconda posizione del circuito Master. Man bassa di premi alla D’Annunzio Bike.




Altre da Agnosine
10/06/2021

Pirla: un anno di lavori

C’è chi si chiede, transitando sulla 237 del Caffaro quando diventa tangenziale di Odolo, che cosa sta succedendo alla montagna. Sono i lavori di Terna ed A2A per costruzione di una “sottostazione”

08/06/2021

La risposta del Prefetto

In merito alla richiesta da parte dei sindaci che amministrano il territoio delle "Coste", il tratto di 237 del Caffaro su cui avvengono numerosi incidenti, arriva anche una nota del Prefetto

(5)
08/06/2021

Corse folli sulle Coste

I sindaci di Caino, Agnosine, Odolo e Vallio Terme scrivono al Prefetto per sollecitare più controlli sul passaggio delle moto e uno minaccia di bloccare la strada

(5)
05/06/2021

Vaccinazioni per over 60

Accesso libero senza prenotazione ai Centri vaccinali per questo e il prossimo fine settimana per i residenti nei piccoli comuni: otto quelli valsabbini e sette i gardesani

27/05/2021

Vax Day per gli over 60 ancora da vaccinare

Anche 8 Comuni valsabbini sono inseriti nella lista dei 28 Comuni Bresciani con libero accesso ai Centri vaccinali per gli ultrasessantenni per due fine settimana di giugno

07/05/2021

Tutto da solo, senza patente

E’ arrivato “lungo” in curva ed è andato a sbattere con violenza contro un pilastro in cemento: tanta paura, meno danni fisici che guai

30/04/2021

Tanti auguri Rosalba

Buon compleanno a Rosalba Francinelli, di Agnosine, che proprio oggi, venerdì 30 aprile, compie 64 splendidi anni

21/04/2021

Pronto Emergenza sempre in prima fila

L'associazione Pronto Emergenza "Volontari in Odolo" non si arrende di fronte alle sfide dell'emergenza sanitaria ed è sempre pronta ad offrire i suoi servizi alla comunità.

16/04/2021

Agnosine e i tamponi

L’Amministrazione comunale di Agnosine si ripete: dopo l’esperienza di “tamponamento” per gli over 70, ecco quella per tutti i maggiorenni

12/04/2021

Spiedo e taragna per l'ambulanza

Polisportiva e cacciatori Acl insieme, ad Agnosine, per una giornata di solidarietà. Obiettivo: una nuova ambulanza per Pronto Emergenza

Agnosine, il paese la sua gente

Il Santuario della Madonna di Calchere

14/04/2020

Il nuovo municipio di Agnosine è stato inaugurato nel 2006. Lo stabile, 340 metri quadri di nuovi uffici sistemati assieme ad un vasto complesso abitativo che ospita negozi ed appartamenti

14/04/2020

E’ stata l’azienda che per più di 50 anni, fino alla fine degli anni ’70 del secolo scorso, più di altre ha tracciato la storia italiana del mobile multiuso (2)

14/04/2020

E' la chiesa parrocchiale di Agnosine, tempio dalle antiche origini, già citata in un documento del 1037.
L’edificio attuale risale al 1771


14/04/2020

Col suo campanile domina la valle.
L’attuale costruzione risale al 1674 ed è stata eretta su una struttura precedente